laRegione
Nuovo abbonamento
giochi-dell-altro-mondo
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
22 ore
Tutta un'altra carne
La vecchia bistecca affronta la concorrenza di sostituti vegetali sempre migliori. Ma nel dibattito pubblico prevale il battibecco.
INCONTRI
2 gior
Céline: 21 anni e il sogno di pilotare elicotteri
La storia di una ragazza che vuole librarsi in volo. Dopo l'esperienza come assistente di volo, ora sta svolgendo la formazione pratica.
L'approfondimento
2 gior
Quelle quasi-bistecche di carne vegetale
È arrivata anche in Svizzera. Un prodotto con tanti pregi e alcuni difetti
SOCIETÀ
3 gior
Boogaloo, i suprematisti bianchi dal nome afroamericano
Viaggio dietro le quinte del fenomeno emerso durante le proteste contro le misure anti pandemia negli Stati Uniti.
Ticino7
1 sett
Amarcord Italia ’90
Più che di un Mondiale da dimenticare per molti tifosi, quello andato in scena tra giugno e luglio di trent’anni fa è stato il ritratto di un paese con ancora molte idee, nonostante i soliti immancabili difetti.
Ticino7
1 sett
Minimal Minüs: la pandemia vista da Piazza Grande
A grande richiesta, nuovi appunti dal Covid-19. Questa volta è un fuori porta tutto locarnese, tra rive più ampie, gatti smarriti e salatissimi grotti (ahi ahi…)
Ticino7
1 sett
Il lungo cammino di Lokman Kadak
Nei luoghi in cui il vento della storia soffia ostile, le esistenze si consumano più velocemente. “Ho 42 anni, ma sono diventato come un anziano” racconta, riferendosi a tutte le avversità affrontate nella sua vita.
Ticino7
1 sett
Videoconferenze. L’ospite inatteso
Tra gli effetti collaterali interessanti della pandemia vi è la smaterializzazione dell’incontro con l’altro. Una tendenza peraltro già in atto da tempo, ma in questo frangente...
Ticino7
1 sett
Indovina chi c’è nel video?
Le videoconferenze non sono più materia per le solite grandi aziende. Ma una volta connessi, non pensate solo alla vostra immagine sullo schermo: anche i contenuti hanno una discreta rilevanza...
Ticino7
2 sett
Elogio della gratitudine
Desiderate iniziare con il piede giusto questo nuovo decennio ed essere felici? Provate con grandi dosi di gratitudine: costo zero e risultati scientificamente provati.
Ticino7
2 sett
Emanuele Santoro: finché c'è vita, c'è teatro
Attore, regista, direttore artistico del teatro "il Cortile" a Lugano, oggi definitivamente chiuso causa di un nuovo progetto edilizio. Ma lui, quel bisogno di mettersi in gioco ce l'ha proprio dentro.
Ticino7
2 sett
Evviva l'impunità di gregge
L’emergenza coronavirus ha confermato quanto oggi (ahinoi) dibattiti e confronti, pacati e costruttivi, siano la vera vittima delle nostre società. E così alla fine chi grida forte e vuole avere sempre ragione non sbaglia mai.
Ticino7
2 sett
All'outlet dell'intimo
Metti un giorno che, tanto per provare l'emozione che fa, entrate in uno di quegli spazi di vendita dove tutto costa meno...
Ticino7
02.05.2020 - 19:000

Giochi dell'altro mondo

Posate macchiate, pentole bruciate, moquette rovinate, intossicazioni e ustioni da acido. Vogliamo parlare dei kit come il ‘Piccolo chimico’ e di altri indimenticabili capolavori?

Pubblichiamo un contributo apparso in Ticino7, allegato del sabato nelle pagine de laRegione.

A metà del Novecento si giocava a bollire composti chimici con matracci e provette, maneggiando zinco, sodio e acido tartarico come fossero pepe e prezzemolo. Per non parlare della sua declinazione al nucleare, da “piccolo chimico” a “piccolo scienziato atomico”: ecco l’Atomic Energy Lab, kit lanciato sul mercato dalla Gilbert Company che conteneva, tra varie sostanze nocive, anche polonio e uranio radioattivi. Inizialmente ai giovani sperimentatori fu lasciata piena libertà, poi per fortuna ci si accorse che non era una buona idea.

Ritornare sugli alberi

Eppure oggi, in era digitale, quella materialità manca. Magari non proprio quella ecco, ma comunque qualcosa che non fosse da guardare su un display e da azionare con un dito. Il video ha sgominato il moto. Maestre raccontano che i bimbi non sanno correre e non sanno arrampicarsi sugli alberi. Indubbiamente è venuta meno la fisicità. Biglie, trottola, boomerang, salti con la corda, ombre cinesi, pallonate sulla strada, erano giochi formativi, non preordinati ma di addestramento del corpo. Giochi che spesso si facevano in natura.
A fronte dell’immediatezza e della rapidità dei “frutti” del web, i processi della natura e i frutti della terra sono lenti; ebbene, osservare questa lentezza è altamente educativo. Non per dire che la tecnologia sia un male, anzi, è giusto che i bambini imparino a usarla, a patto che per loro non sia l’unico gioco fattibile. E a patto che il gioco non serva a distrarre, ma a coinvolgere in una relazione. 

Poche cose, molte idee

L’attività ludica è fondamentale per l’espressione della personalità. Il gioco aiuta a rapportarsi a sé stessi, agli altri e all’ambiente. Con il gioco si sviluppano la creatività e l’arte, giocare è un’attività essenziale per la salute psichica dei bambini, e per quella degli adulti. Il più grande studioso e filosofo del gioco, Johan Huizinga, autore di Homo ludens (prima edizione in tedesco nel 1939), osservava: “Sono sempre più saldamente convinto che la civiltà umana sorge e si sviluppa nel gioco, come gioco”. 
I bambini che trasformano un pezzo di legno o uno scatolone in un’automobilina o una casetta per le bambole sono più liberi e fantasiosi di quelli costretti a seguire regole che non lasciano nulla all’immaginazione e all’improvvisazione. Nei giochi di gruppo, poi, il bambino impara a gestire la propria competitività, impara a vincere, ma anche a perdere. Perché un fallimento vissuto nella dimensione ludica aiuta a crescere e ad accettare le inevitabili sconfitte della vita. 

In tutta sicurezza. O quasi…

Quando si parla di giochi, di solito si distinguono i giochi da tavolo da quelli motori. Tra i primi, per esempio, si ricorderà il Monopoli, sul quale si sono formate generazioni di piccoli bancari e imprenditori, affascinati dalle mazzette di simil-denaro. Più nozionistico ma divertentissimo lo Scarabeo, una variante italiana dell’americano Scrabble: si gioca su caselle con otto lettere a testa, le nuove parole devono avere almeno una lettera in comune. E poi il Gioco dell'Oca, con i dadi, la Dama, il Non ti arrabbiare, le Pulci, il primo Lego e il Sapientino. Le asticciole dello Shanghai da sfilare con mano ferma, e i castelli di carte, sempre a rischio di metafora (e di crollo). 
Con i giochi motori, soprattutto una volta, ci si sbizzarriva a piacimento: Nascondino, Mosca cieca, I quattro cantoni, Palla avvelenata. E poi, si direbbe oggi, i giochi “di genere” ossia quelli più praticati dai maschi, non necessariamente più “fisici” di quelli invece considerati da femmine. Scelti spontaneamente? Imposti come condizionamento culturale? Ciascuno la pensi come vuole. La fionda, il salto della cavallina e il gioco del fazzoletto, roba da maschi. Prediletti dalle ragazzine, invece, il salto della corda, la Campana (detta anche Settimana) tracciata in terra con il gesso. E per finire l’Elastico, un gioco di destrezza per il quale erano necessari metri di elastici bianchi, cosiddetti “delle mutande”, che si vendevano in merceria. Altro che Playstation, verrebbe da dire...

Guarda le 3 immagini
© Regiopress, All rights reserved