© freepik.com
Ticino7
11.01.2020 - 14:400

Il saggio Altan e il Kakebo

Le agende giapponesi per aiutare a risparmiare promettono la serenità. Ma noi siamo gente difficile: ci serve tutto.

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, disponibile anche nelle cassette di 20 Minuti per tutto il fine settimana.

Da un paio di settimane ho tra le mani un’agenda dedicata al risparmio. Non è ancora chiaro se chi me l’ha regalata per Natale fosse mosso da sentimenti solidali, ironici o minacciosi. Ma il Kakebo (questo il nome dell’aggeggio, ovviamente giapponese) non contempla l’insuccesso e assicura di aver già aiutato migliaia di persone ad andare oltre il risparmio: «Una gestione controllata delle spese aiuta a sviluppare la conoscenza di sé, l’autodisciplina e l’autostima. Meno stress, più serenità».

La via per la serenità è lastricata di griglie in cui annotare obiettivi, spese in contanti o carta di credito e valutazioni del lavoro fatto. Il Kakebo è anche generoso di consigli. Come il trucco dei dieci secondi che esorta a riflettere almeno dieci secondi prima di inserire nel carrello del supermercato qualcosa che non era in lista. Per le spese extra non alimentari, invece, l’invito è ad aspettare 30 giorni. Trenta. Anche se la commessa vi dice che è l’ultimo articolo e voi immaginate un’orda di taglie 44 abbondanti fuori dal negozio pronte ad approfittare della vostra ricerca della serenità. Il Kakebo dice che dopo 30 giorni molte voglie passano. 

Dal Productivity Planner al metodo Marie Kondo passando per il Kakebo, queste invenzioni esercitano su alcuni di noi un fascino fortissimo. Innanzitutto, per la spudoratezza sfacciata con cui promettono la felicità. Poi, perché lo fanno associandola a tecniche essenzialmente basate sulla scomposizione dei problemi e degli obiettivi. Esattamente ciò che noi ingordi e spendaccioni siamo cronicamente incapaci di fare. Quando non ce la facciamo (di Marie Kondo ce n’è una e mia sorella, regina del risparmio, trova la serenità con un foglio Excel) pensiamo che siamo incorreggibili e forse anche sbagliati. E allora passiamo a cercare un nuovo metodo per governare noi stessi: proseguire la dieta, riordinare l’armadio, amare con misura, completare quella presentazione inutile per tempo e non la notte prima della consegna.

Oppure possiamo buttare alle ortiche i metodi che non ci corrispondono e contemplare quella meravigliosa vignetta di Altan che dice tutto di noi. Lei, pingue e meravigliosamente annoiata, sta stirando. Lui si avvicina: «Io esco. Ti serve qualcosa?». Lei non si volta, continua a stirare e risponde: «Tutto». La stessa risposta che darebbe dopo dieci secondi o trenta giorni.

© Regiopress, All rights reserved