laRegione
Nuovo abbonamento
parole-e-ricette-di-rodolfo-cere
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
6 gior

Mare appestum: in giro a zonzo

Dagli appunti del ‘Covid-19’. Minorca fuori listino e poi dentro; Croazia non ancora, finché sì... Ma cambia senza tregua, altro che quarantena.
Ticino7
6 gior

Un cane o un amico

Che cosa sarà meglio, non si sa: ma nel dubbio cercate qualcuno che sia un fedele confidente... e che abbia anche un quattro zampe all'altezza.
Ticino7
6 gior

Babel 2020 - Brenda Navarro: due voci, molte donne

Potrete ascoltare l'autrice messicana a Bellizona, ospite del Festival di letteratura e traduzione, il prossimo 19 settembre al Teatro Sociale (ore 18.30).
Ticino7
6 gior

Babel 2020 - Un Reverendo e il sacro fuoco della musica

Potrete ascoltare il genio creativo del musicista bernese Beat-Man, ospite di Babel Open Air, il prossimo 18 settembre al Convento di Monte Carasso.
Ticino7
6 gior

L'antica arte di Sarayu Mix

Muay thai, thai boxe, boxe o pugilato thailandese. Chiamatela come volete, ma sappiate che non è una pratica per gente che si mena tanto per fare...
Ticino7
6 gior

Avanti un altro

Fare movimento è importante. Ma se ‘la spinta’ viene dagli altri, gli effetti non sono sempre quelli sperati.
Ticino7
1 sett

Petra Taddei, un'infermiera e il suo mondo

Vive in montagna e va in vacanza in montagna. Cura la gente all’ospedale di Bellinzona. Non è lunatica e dorme abbastanza...
Ticino7
1 sett

Quelle esploratrici coraggiose

A bordo di navigli vichinghi, velieri o navi a vapore, sette donne attraversano gli oceani per scoprire nuove terre, conoscere genti, culture e religioni diverse.
Ticino7
1 sett

Amami come si amano i tovaglioli dell'Ikea

Tornate sempre a casa con una montagna di roba che forse serve-forse non serve proprio? Beh dai, di sicuro ci sarà qualcosa di cui discutere...
Ticino7
1 sett

In bettola. ‘Capo, me ne porti un'altra?’

Passeggiate in montagna, gite al lago, ristoranti stellati. Ci sono mille modi per riscoprire il Ticino, e le bettole sono un buon punto di partenza.
Ticino7
1 sett

Giù le mani dai tavoli

Lo capivi subito che era arrivato, il Mario: era l’unico che non si ricordava mai del gradino all’entrata. E così te lo ritrovavi steso sul bancone.
Ticino7
2 sett

Sam Millar o la minaccia all'Impero

Chi è costui? Il figlio di una famiglia mista di Belfast di fine anni Cinquanta. Che non spiega tutto, ma molto sì. Però non fermatevi alle apparenze...
Ticino7
2 sett

Correre e non mollare mai

La lunga strada per la ricerca della speranza passa da ognuno di noi, soprattutto oggi che lì fuori c'è 'sto maledetto virus.
Ticino7
2 sett

Mi chiamo Camilla, sono una trans

È brasiliana e risiede da molti anni in Ticino. Ha studiato psicologia. È transessuale ed esercita regolarmente il mestiere di prostituta.
Ticino7
2 sett

Uomini, se li conosci non li eviti

Dedicato a chi crede che l'uomo "non deve chiedere mai" (nella speranza che non ne abbiare uno tra le quattro mura di casa).
Ticino7
28.12.2019 - 11:250

Parole e ricette di Rodolfo Cerè

Cucina solo per l’anima, anche quando il pranzo un picnic di un treno in corsa

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, disponibile anche nelle cassette di 20 Minuti per tutto il fine settimana.

Non c’è niente da fare, i veri cuochi li distingui dal pranzo al sacco. Ho conosciuto Rodolfo durante un viaggio in treno. Stavamo andando entrambi a Losanna ad assistere (io) e a partecipare (lui) a una di quelle goliardiche gare di poesie chiamate poetry slam. Insomma, arrivata l’ora di pranzo, ormai rassegnata a sfamarmi con i miei panini spiaccicati, vedo Rodolfo iniziare ad apparecchiare, tirar fuori piatti, forchette e una serie di recipienti contenenti pietanze diverse. E ovviamente le quantità erano pensate per essere condivise. 

I cuochi sono dei burloni

Non ricordo cosa mangiammo, ho solo l’immagine di tanti manicaretti preparati per soddisfare sia l’occhio che il palato. Una sorta di finger food raffinato ed elegante. «Sono solo gli avanzi di un buffet che ho preparato ieri», dice lui. Un po’ come Marilyn che andava a letto con le gocce di Chanel. 
Rodolfo fa questo mestiere da quasi vent’anni, un po’ per caso, un po’ perché la scuola gli stava troppo stretta: «Mi sono buttato su una professione manuale perché avevo bisogno di tramutare le mie energie, di vedere dei risultati pratici nella realtà di tutti i giorni. E la cucina fin da subito mi ha dato quello che cercavo». Da allora, da quella prima volta in un ristorante stellato in Toscana, non ha più smesso di far da mangiare per gli altri, un lavoro ricco di creatività che gli permette di ammazzare la routine quotidiana attraverso la rotazione delle stagioni (e delle ricette) e di stare in mezzo alla gente. «Non mi piacciono le ripetizioni, la scarsa fantasia, la mancanza di passione e, in generale, un certo tipo di standardizzazione che forse favorisce il lavoro ma che appiattisce le persone». 
Di strada ne ha fatta tanta, non solo in senso strettamente professionale ma anche geografico. Nato a Mendrisio da genitori italiani, Rodolfo da qualche anno si è lasciato alle spalle il suo vecchio lavoro in Ticino e vive e lavora a Zurigo, dove ha dovuto adattarsi alle abitudini alimentari di un’altra cultura: «Mi sono trasferito principalmente per amore, ma anche per sfida personale. Sono cambiate molte cose... i ritmi sono diversi, si mangia presto sia a pranzo che a cena. Mentre in Ticino e in Italia mangiare ha quasi una funzione rituale, il cibo qui non è il centro di tutto, è più che altro un accessorio. Certo ho dovuto imparare nuove ricette svizzere o di stampo germanico, ma ho anche dovuto disimpararne alcune... la cucina italiana a volte va adattata alle esigenze degli svizzero-tedeschi». 
Resta sempre un alone di mistero attorno al lavoro di un cuoco proprio perché non ci è dato vedere cosa accade realmente dietro le quinte di un ristorante. Nonostante la TV pulluli di gare culinarie, le porte della cucina rappresentano un confine quasi sacro e invalicabile. «I cuochi in generale sono dei burloni. Cercano sempre di sdrammatizzare la tensione, ognuno a modo suo. Una volta, per esempio, abbiamo sostituito il brodo fatto da un collega con uno fatto di scarti, insaporito da una sua vecchia ciabatta... Vi lascio immaginare faccia e parole dopo il ritrovamento del reperto!».

Il valore del pane

Ma Rodolfo, oltre a essere un cuoco, è anche un poeta e, in fondo, le due cose non sono poi così distanti perché in comune hanno «le mani, la testa il cuore». Entrambe nascono dalla passione e dall’istinto, da una necessità ancestrale di imprimere la propria traccia. E non è un caso che l’ultima raccolta di poesie si intitoli proprio Il giorno del panettiere, un libro che restituisce il ritmo lento di una volta, la quotidianità «di chi lavora e si sporca ancora le mani», di chi inverte il giorno con la notte, di chi, insomma, ancora ha la pazienza di rispettare i tempi di lievitazione del pane. «In questo libro, sicuramente nel titolo, c‘è un rimando alla mia vita, perché amo fare e mangiare il pane, perché considero il farlo una delle cose che mi dà maggiori soddisfazioni. Questo è uno spunto che riporta alle radici e al passato; i miei nonni materni avevano una bottega con panetteria, mentre quelli paterni hanno vissuto vicino a un mulino».
E all’insegna della semplicità termina questa chiacchierata con un artista del pane e della parola. Ma non potevo lasciarlo andare senza chiedergli una ricettina, facile facile, da sfoderare a cena con gli ospiti, lasciati alle spalle cenoni e panettoni. Si tratta di un grande classico, ma mi raccomando: godetevi per favore i tempi di preparazione perché quel che conta spesso è il viaggio, non la destinazione: «Quando arriva la stagione, tostate del buon pane casereccio (meglio se senza sale) e sentite il profumo che emana l’aglio strofinato sulla superficie ancora calda, poi prendete dei bei pomodori tagliateli a cubetti e marinateli con sale, pepe e olio d‘oliva (di quello buono). Lasciateli 15 minuti a riposo, aggiungendovi infine del basilico fresco. Ottimi ingredienti, preparazione elementare e gusto straordinario: tutto quello che cerco in cucina».

IL PERSONAGGIO

Classe 1979, Rodolfo Cerè è uno chef ticinese che vive e lavora a Zurigo. Oltre alla passione per la cucina, però, c’è anche quella per la scrittura che l’ha portato negli anni a pubblicare alcune raccolte fra poesie e aforismi. L’ultima, dal titolo Il giorno del panettiere, è uscita a febbraio 2019 per la casa editrice LietoColle.

Ingrandisci l'immagine
© Regiopress, All rights reserved