laRegione
Nuovo abbonamento
lugano-marittima-tutti-a-mollo
© Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
2 gior
Tutta un'altra carne
La vecchia bistecca affronta la concorrenza di sostituti vegetali sempre migliori. Ma nel dibattito pubblico prevale il battibecco.
INCONTRI
4 gior
Céline: 21 anni e il sogno di pilotare elicotteri
La storia di una ragazza che vuole librarsi in volo. Dopo l'esperienza come assistente di volo, ora sta svolgendo la formazione pratica.
L'approfondimento
4 gior
Quelle quasi-bistecche di carne vegetale
È arrivata anche in Svizzera. Un prodotto con tanti pregi e alcuni difetti
SOCIETÀ
4 gior
Boogaloo, i suprematisti bianchi dal nome afroamericano
Viaggio dietro le quinte del fenomeno emerso durante le proteste contro le misure anti pandemia negli Stati Uniti.
Ticino7
1 sett
Amarcord Italia ’90
Più che di un Mondiale da dimenticare per molti tifosi, quello andato in scena tra giugno e luglio di trent’anni fa è stato il ritratto di un paese con ancora molte idee, nonostante i soliti immancabili difetti.
Ticino7
1 sett
Minimal Minüs: la pandemia vista da Piazza Grande
A grande richiesta, nuovi appunti dal Covid-19. Questa volta è un fuori porta tutto locarnese, tra rive più ampie, gatti smarriti e salatissimi grotti (ahi ahi…)
Ticino7
1 sett
Il lungo cammino di Lokman Kadak
Nei luoghi in cui il vento della storia soffia ostile, le esistenze si consumano più velocemente. “Ho 42 anni, ma sono diventato come un anziano” racconta, riferendosi a tutte le avversità affrontate nella sua vita.
Ticino7
1 sett
Videoconferenze. L’ospite inatteso
Tra gli effetti collaterali interessanti della pandemia vi è la smaterializzazione dell’incontro con l’altro. Una tendenza peraltro già in atto da tempo, ma in questo frangente...
Ticino7
1 sett
Indovina chi c’è nel video?
Le videoconferenze non sono più materia per le solite grandi aziende. Ma una volta connessi, non pensate solo alla vostra immagine sullo schermo: anche i contenuti hanno una discreta rilevanza...
Ticino7
2 sett
Elogio della gratitudine
Desiderate iniziare con il piede giusto questo nuovo decennio ed essere felici? Provate con grandi dosi di gratitudine: costo zero e risultati scientificamente provati.
Ticino7
2 sett
Emanuele Santoro: finché c'è vita, c'è teatro
Attore, regista, direttore artistico del teatro "il Cortile" a Lugano, oggi definitivamente chiuso causa di un nuovo progetto edilizio. Ma lui, quel bisogno di mettersi in gioco ce l'ha proprio dentro.
Ticino7
2 sett
Evviva l'impunità di gregge
L’emergenza coronavirus ha confermato quanto oggi (ahinoi) dibattiti e confronti, pacati e costruttivi, siano la vera vittima delle nostre società. E così alla fine chi grida forte e vuole avere sempre ragione non sbaglia mai.
Ticino7
2 sett
All'outlet dell'intimo
Metti un giorno che, tanto per provare l'emozione che fa, entrate in uno di quegli spazi di vendita dove tutto costa meno...
Ticino7
2 sett
Turismo che va, turismo che resta
In inverno, a contarle una per una, non arrivi a quaranta anime. Ma da giugno a ottobre le cose cambiano (non in meglio).
Ticino7
21.09.2019 - 17:350

Lugano Marittima. Tutti a mollo!

La "luma" è stata un successo, inatteso e spiazzante per molti. Appunti e provocazioni da chi l’ha frequentata (pure troppo)

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, disponibile anche nelle cassette di 20 Minuti per tutto il fine settimana.

Con Lugano Marittima, «luma» in gergo, per tre mesi la Foce del Cassarate non è più stata la stessa (si veda Ticino7 n. 30/2017). Al tipo «cavedano» e «ghiozzo» si sono aggiunti bancari, avvocati, signore borghesi, commesse. Gente mai vista prima tutta assieme: ecco il bello di «luma». Il nome scherzoso rispetto alla nota località balneare romagnola potrebbe indicare una povertà di idee, giacché non c’era niente di nuovo a «luma» (vedi più sotto). Ora manca solo «Lugano Mare» e «Lugano Terme». 
Se fossimo meno provinciali ammetteremmo l’enorme potenziale sottosviluppato. La movida c’era, ma «luma» non voleva essere una discoteca all’aperto – ben tre mesi di sottofondo musicale! –, solo un ritrovo tra amici e sconosciuti, ha detto il responsabile degli eventi Claudio Chiapparino. Manco fossimo all’oratorio. Si voleva evitare un solo tipo di pubblico, forse certi giovinastri, ma l’ingenuo stupore del comune sottolinea la scarsa intuizione dei gusti del pubblico contemporaneo. Nessuno ballava, sia mai, solo l’ultima sera con la stessa «dj marathon» del lido comunale della settimana prima. Qualche bravo dj ci sarebbe stato eccome ogni tanto, non ci vive nessuno lì e il ballo è più sano e gratuito dell’alcol. Contava invece bere: cinque, sette, nove franchi a bicchiere più due di deposito, e mai uno stuzzichino offerto. Socialità? Mah! Affluivano coppiette, gruppetti di amici, colleghi di lavoro, solite cricche. Quanto avete cuccato? Parlato con stranieri e turisti? A «luma» non ci andavi da solo, perché da solo rimanevi: così è Lugano. 

Folclore fuori città
S’è detto duemila persone al giorno, “luma” vittima del suo successo: oibò! Di certo il parcheggio del Conza non ha mai incassato così tanto in estate, amanti come siamo dell’auto. Ma la stima dell’affluenza ci pare (forse) esagerata: siamo pur sempre quattro gatti: chi scrive stimerebbe al massimo un centinaio di passaggi (di giorno), mai oltre il migliaio (la sera). Ovvie le code ai baretti però... cercasi reattività. Ad alcuni stranieri residenti bisognava spiegare ogni volta a cosa servisse il deposito. C’era da ridere coi «lumanesi» al tramonto durante la canicola: simil crisi epilettiche per l’invasione di moscerini & affini. Le borghesucce terrorizzate dai cagnolini, tacchi a spillo incastrati nel legno, stizza snob per un po’ di terra sulle scarpe nuove, sbröja alla marinara. Il grande «surf» cromato del Xhixha? Ombra per bagnanti, richiedenti l’asilo e scacchisti pensionati. Bravi tutti, i giovani spazzini: ogni mattina «luma» era pulita. Maleducati i mocciosi seminatori di tappi di birra, vetri, mozziconi e musicacce loro. Così «luma» è stata un abbozzo dell’ovvio. 
PS: Anche il Letten a Zurigo è stato riqualificato, tutto fila liscio, senza costosi bagnini e agenti di sicurezza. Questo si chiama educazione, coraggio, responsabilità. 

SETTE VOCI DAL LAGO
Idee
Dopo anni di asfittico Mojito, sull’asfalto, tra lo smog di auto e barche, c’è chi aveva già pensato a un beach bar alla Foce, riporta il cdt.ch. Dicastero eventi all’ascolto. 

Indecisioni
Nel 2018 il sindaco Borradori era per il no: calma, tranquillità, natura. Era «troppo presto» pure per il capodicastero Badaracco. Qualcuno ci spieghi perché soltanto ora. 

Filosofia
Non ci viene in mente un altro Comune che, tramite un’associazione, finanzia spazi, concerti ed eventi impiegando come baristi dei giovani disoccupati. C’è da imparare.

Ovvietà
È stato un successo molto prevedibile (mancavano novità), scontato (conformismo luganese), ripetitivo (ambiente sempre uguale), tranquillo (siamo freddini). 

Ingordigia
L’anno prossimo il doppio di baretti e un palco per musica e dj? Sembrerebbe. Siete pronti a sborsare di più per bere le stesse cose? 

Scelte 
Col clima che abbiamo, non sarebbe male aprire già in primavera sino a fine settembre? Servirebbe la licenza di costruzione. Be’, fatela, così sarebbe chiaro a tutti.

Coraggio
Prudenza eccessiva: il mix «bagni italiani» e «Biergarten» tedeschi vicino alla natura piace a tutti, ovunque, da un bel po’. Lugano ci arriva nel 2019: meglio tardi che mai.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved