ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 gior

Le corde (distorte) dei The Heads

Nel ventennale di un disco tutto da riscoprire, ancora oggi il quartetto di Bristol rappresenta un illuminante esempio di neopsichedelia “evoluta”
Ticino7
1 gior

James Taylor che fermò il tempo in ‘Hourglass’

Venticinque anni fa, un american standard prima di ‘American standard’, un libro aperto premiato con due Grammy, uno dei quali al Miglior album pop.
Ticino7
2 gior

Chi li ascolta? I giovani, l’attivismo e certi ‘fastidi’

Per alcuni sono degli ‘sdraiati’ (titolo di un fortunato romanzo di Michela Serra). Per altri delle menti manipolate. Ma loro, i ragazzi, che ne pensano?
Ticino7
2 gior

Fabiano Bevilacqua e le strade dell’arte

"Ne demande pas ton parcour a quelqu’un qui le connaît: tu risquerais de ne pas te perdre" (Nachman di Breslov; 1772-1810)
Ticino7
2 gior

Michael Jackson. ‘Thriller’: 40 anni di un album killer

Impossibile in questo fine 2022 non celebrare l’album più venduto della storia. L’occasione per ricordare come nacque e in quale contesto musicale maturò
Ticino7
2 gior

Extraterrestre portami via (quarant’anni di E.T.)

Dal genio di Spielberg, figlio di separati, e dalle mani di Carlo Rambaldi, fabbricante di mostri. Storia dell’alieno buono amato da tutti (o quasi)
Ticino7
3 gior

Scisma. Rock italiano senza il rimmel (o altri trucchi)

Quanto tempo deve passare per poter emettere un giudizio minimamente obiettivo sulla qualità di un disco? Nel caso di ‘Rosemary Plexiglas’ 25 anni bastano
Ticino7
3 gior

Er Thrilleraro e l’artri ‘Immortacci’

Perché, se non vedete l’ora di rivedere gente famosa di cui (in qualche modo) si sono perse tracce e corpi, dovete solo andare a Roma, eh
Ticino7
1 sett

La pigna: simboli, significati, leggende e atmosfere natalizie

Con un po’ di fantasia e un pizzico di manualità questi elementi vegetali, raccolti per tempo nel sottobosco, possono dare vita a suggestive decorazioni
Ticino7
1 sett

Natale in giallo. E per le feste un bel caso da risolvere...

‘Ero andato a trovare il mio vecchio amico Sherlock Holmes due giorni dopo Natale, con l’intenzione di fargli gli auguri per le festività...’
Ticino7
1 sett

Il Natale visto da Milco Margaroli

"In una Svizzera sempre più secolarizzata" è importante riscoprire le radici cristiane. Che sono alla base di molti momenti di festa nei quali riflettere
Ticino7
1 sett

Quelli mai contenti (nemmeno sotto le feste)

"È Natale da fine ottobre. Le lucette si accendono sempre prima, mentre le persone sono sempre più intermittenti..." (Charles Bukowski, 1920-1994)
Ticino7
2 sett

I “fiati" e i respiri di Giulia Genini

Un amore nato alle Elementari e che deve aver fatto felici i suoi, visto che a casa non faceva che soffiare e soffiare. Poi le cose si sono fatte serie...
Ticino7
2 sett

Pensiero magico. La vita e la potenza dei simboli

"Ci sono buoni motivi per pensare che, nell’evoluzione del pensiero, la religione sia successiva alla magia" (J.G. Frazer)
Ticino7
2 sett

Qatar 2022: due o tre cose sui Mondiali

Nel grande dilemma etico che grava sulla manifestazione sportiva, c’è davvero da sentirsi come il figlio di un dentista dentro un negozio di dolciumi
Ticino7
2 sett

La scaramanzia e altri gesti per sopravvivere (al peggio)

Ha scritto Alejandro Jodorowsky: ‘Essere razionali è bene, ma essere soltanto razionali è una lebbra, una peste, una malattia’. Uomo avvisato...
Ticino7
3 sett

I Modern Lovers nel tunnel del tempo

Un disco apparso nel 1976 ma scritto almeno mezzo secolo fa. Tanto elementare quanto “moderno”, diventato un classico da ascoltare (almeno una volta)
Ticino7
3 sett

L’orto di Gino La Rocca: una metafora sociale

Da oltre 40 anni coltiva un fazzoletto di terra che sovrasta la trincea, all’altezza del ponte tra Lugano e Massagno. Uno vero spazio di ‘resistenza’
Ticino7
3 sett

‘Prima il formicolio alla lingua, poi la bocca resta aperta’

Il racconto di Sheila, Spohie e Nadia, tre donne che la borreliosi l’hanno vissuta (e la vivono) sulla loro pelle
Ticino7
3 sett

Piccole, indesiderate e fastidiose. Ma anche pericolose

Borreliosi ed encefaliti: i pericoli delle morsicature di zecca. Merlani: ‘Ma Ticino (con Ginevra) è il solo cantone a non essere zona endemica’
Ticino7
3 sett

Ecco il Balestruccio (prima che sia troppo tardi)

Nei mesi freddi se ne va al caldo, in quelli più miti nidifica anche nel nostro cantone. Che – pure per questa specie – è diventato un luogo poco ospitale
Ticino7
3 sett

Disavventure Latine. Messico 7: San Luis Potosí

Io a San Luis Potosí non ci volevo proprio andare. Ho provato in tutti i modi a evitarla, aggirarla, superarla senza nemmeno guardarla... Tutto inutile
Ticino7
3 sett

L’uomo parassita in un mondo sempre più caldo

Scriveva Plinio Martini: “Il nostro è un maledetto paese che d’estate ti rompe le giunture e d’inverno ti lascia con le mani in mano". 50 anni fa, però
Ticino7
3 sett

Kunsertu, fra Messina e il Maghreb a ritmo di pop-raï

Dal paginone della musica, sezione ‘Dischi dal retrobottega’, immersioni musicali siciliane no-mainstream
Ticino7
1 mese

Daniela Baiardi, la libertà di creare

Artista, storica dell’arte, studentessa e nuova responsabile della comunicazione per Visarte-Ticino
Ticino7
1 mese

Ballenberg, metti una ‘festa delle feste’ in un museo vivente

Cronaca di una full immersion a 360 gradi nell’essenza stessa della cultura con la bandiera rossocrociata
Ticino7
1 mese

A proposito del Torcicollo...

È un uccello migratore che soggiorna alle nostre latitudini tra aprile e settembre e sverna nelle savane africane
Ticino7
1 mese

Rendiamo grazie alla seminatrice meccanica

Senza Jethro Tull, l’agronomo inglese che la inventò, non ci sarebbe stato il gruppo britannico, che dello stesso s’impiantò il nome
Ticino7
1 mese

‘Di tutto un pop’: Jethro Tull, le visioni del pifferaio magico

Un pubblico fedele al quale, nei decenni, si sono aggiunte seconde e terze generazioni pronte al richiamo dei tour e delle atmosfere sospese nel tempo.
Ticino7
1 mese

Disavventure latine. Messico 6: Real de Catorce

Solo, a bordo di un Willy, una di quelle jeep che sembrano uscite da un cartone animato, verso un quasi-villaggio fantasma in mezzo al deserto
Ticino7
1 mese

A suon di note. Canta: Rossana Taddei

‘Riesco a mantenere un equilibrio interiore e a non sentirmi spaesata’, grazie alla creatività che trasforma ogni suo giorno in qualcosa che ‘le risuona’
Ticino7
1 mese

Le ‘cattive ragazze’ vanno (anche) in bicicletta

Brevi note dal primo Campionato afghano femminile di Aigle, Canton Vaud. Perché le cose più importanti non sono solo le parole della vincitrice
Ticino7
1 mese

Acque sporche. Se l’inquinamento si fa liquido

Laghi, fiumi, riali contaminati. Sotto accusa industrie, aziende, cantieri, agricoltura. E Berna critica le pene troppo blande applicate nei cantoni…
Ticino7
1 mese

Quando ‘l’arte’ della bestemmia la si coltiva sin da piccoli

"(...) imprecare è un piacere per tutti i poveri diavoli - c’è una piccola ebbrezza di potenza" (da ‘Il crepuscolo degli idoli’, F. Nietzsche, 1888)
Ticino7
1 mese

‘Ascolta, l’ho scritta per te!’. ‘No grazie... cantala tu’

La legge del successo dice che a volte basta una canzone a cambiare una carriera, o ad avviarla. Sempre se si è in grado di guardare lontano
Ticino7
1 mese

Alla ricerca del tempo perduto, previsioni meteo incluse

I ricordi ci portano alle stagioni dell’infanzia. Le letture, spesso, al tempo meteorologico “com’era una volta”: quante speranze abbiamo di ritrovarlo?
Ticino7
1 mese

Il giorno (e la notte) della civetta

In questo caso il capolavoro di Leonardo Sciascia e la mafia centrano poco. Ma essendo un animale “crepuscolare” a certi misteri è forse abituata...
Ticino7
1 mese

Barbara Lehnhoff e le visioni sonore

Dall’arte visiva ai suoni indie dei Peter Kernel, da Camilla Sparksss alla sperimentazione. Lei si sente “punk” (dentro), ma pure sul palco non scherza
Ticino7
1 mese

Se i cambiamenti ambientali opprimono e fanno star male

‘È la fine del mondo che conosciamo... (è ora che me ne stia per un po’ da solo...)’. Perché se il mondo cambia, o ti adatti o le cose si fanno dure
19.11.2022 - 13:47
Aggiornamento: 21.11.2022 - 11:12

Il vocabolario di Putin è al passato

Con l’Occidente satanista e la Russia storica si spiega la guerra. Partendo da un saggio di Bengt Jangfeldt, alcune riflessioni sulla tragedia ucraina

di Fabiana Testori
il-vocabolario-di-putin-e-al-passato
Il patriarca ortodosso di Mosca, Kyrill, e Vladimir Putin.

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato a laRegione

C’è stato un tempo. Per esempio l’anno 2003, quando Paul McCartney si esibì per la prima volta in Russia. Durante le prove del concerto, in Piazza Rossa, il giovane presidente Vladimir Putin uscendo dal Cremlino a fine giornata si mischiò alla folla, visibilmente sorpresa nel vederlo in veste di spettatore. Il filmato dell’epoca mostra Putin avvicinare l’indice alla bocca in segno di silenzio dicendo con un sorriso ai propri concittadini, accorsi in massa a vedere l’ex Beatle, di non prestare attenzione alla sua presenza perché "Paul McCartney sta cantando". Era il 2010 invece quando il leader russo, in una sala stracolma di star hollywoodiane, da Sharon Stone a Gérard Depardieu, passando per Kevin Costner, giunte a San Pietroburgo per un evento benefico, intonò lui stesso la popolare canzone R&B ‘Blueberry Hill’ di fronte a un pubblico entusiasta. C’è stato un tempo quindi, che oggi più che mai sembra lontanissimo.

Ve lo ricordate il famoso ‘Discorso di Monaco’ pronunciato da Putin in occasione dell’annuale Munich Security Conference del febbraio 2007? I lavori furono introdotti dalla cancelliera tedesca Angela Merkel alla presenza di diversi ministri degli Esteri e della Difesa, del Segretario Generale della NATO dell’epoca, Jaap de Hoop Scheffer, dell’Alto Rappresentante dell’Unione europea per la Politica Estera e di Sicurezza Comune (PESC), Javier Solana, nonché di autorità governative e parlamentari di molte nazioni. Alla luce dei sanguinosi fatti attuali, retrospettivamente, gli esperti di geopolitica considerano l’intervento a Monaco di Baviera il vero manifesto della politica estera del Cremlino. I toni, benché smussati rispetto a quelli di oggi, riflettono già la filosofia putiniana, sono i primi semi dell’odio verso l’Occidente: l’accusa agli Stati Uniti di imporre i loro standard al resto del mondo, la critica allo spiegamento di un sistema di difesa antimissile in Europa, l’apparizione di basi USA sul suolo di nuovi Paesi NATO, il popolo russo come artefice della caduta del Muro di Berlino (si noti bene), la totale apertura dell’economia russa ai capitali stranieri – ma non il contrario –, le ingiuste lezioni di democrazia alla Federazione da parte di chi non le apprende a sua volta.


Febbraio 2007: un discorso che farà "storia" (e guerre).

Guerre preparatorie, idee e tragedie

È seguita poi la guerra in Georgia (2008), la fine della seconda guerra cecena (2009), il sostegno russo al regime del presidente Bashar al-Assad durante la guerra civile siriana (dal 2015 anche armato), l’invasione-annessione della Crimea (2014) e il conseguente inizio del conflitto regionale in Donbass e il Russiagate (2016). La tensione è continuata a salire, anche se l’incontro fra il presidente russo e quello americano al Parc de la Grange a Ginevra nel giugno 2021 sembrava aver dato qualche segnale di speranza. Infatti, in quell’ultima occasione, nonostante le incomprensioni, Vladimir Putin aveva assicurato di non volere una nuova Guerra fredda. Oggi si sa; era un’altra la guerra che voleva. In vent’anni di governo praticamente ininterrotti, Putin non ha semplicemente consolidato il proprio potere, l’ha personificato, scolpendo e plasmando la sua figura e la sua retorica secondo un piano preciso: "Passare alla storia", così si era espresso nel 2013. Per farlo, un’intera ideologia è stata riesumata, adattata, sistematizzata. Si tratta dell’applicazione in chiave 2.0 della cosiddetta "idea russa", del concetto di "mondo russo", che da secoli, a periodi alterni, ha caratterizzato i rapporti fra la Russia e l’Occidente. Essa rimonta agli slavofili, a Dostoevskij, a Danilevskij, agli eurasisti di stampo più grezzo come gli ormai tristemente celebri Aleksandr Dugin e Vladimir Medinskij, ex ministro della Cultura della Federazione Russa, nominato, fra l’altro, capo della delegazione russa per i negoziati e colloqui con l’Ucraina nella risoluzione del conflitto. La dottrina eurasiatica, in connotazione fanatica, considera la Russia solo e unicamente come impero, il quale incorpora una civiltà diversa e superiore, in netta contrapposizione all’Occidente, definito come corrotto e marcio. La "nuova" cultura patriottica russa si propone come unica alternativa valida al degrado liberista occidentale, difendendo i valori tradizionali di famiglia, patria e ortodossia (per chi fosse interessato ad approfondire il tema, raccomando vivamente il libro del professore svedese Bengt Jangfeldt, L’idea russa, edizioni Neri Pozza, 2022). Vladimir Putin ha ribadito in molte occasioni come la dissoluzione dell’Unione Sovietica sia stata la tragedia più importante della sua vita. A partire da quello smarrimento, da quel boccone amaro mai digerito, il presidente russo ha costruito la sua linea politica, servendola poi alla sua opinione pubblica.

Beata gioventù…

Non riuscendo a offrire ai propri cittadini, dopo anni di privazioni sovietiche, benessere sostanziale, crescita economica concreta e riscatto sul piano internazionale, per mantenerne l’orgoglio e l’attaccamento, il leader russo ha deciso di nutrirli a rancore e nazionalismo. A questo proposito, la retorica utilizzata nei suoi discorsi ne è la rappresentazione più tangibile. Quest’ultima si è evoluta in maniera aggressiva nel corso dei decenni per culminare nella dichiarazione di invasione e di guerra in Ucraina. Il potere, e quello assolutista in particolare, trasforma le persone. Il grigio e insipido ex funzionario del KGB, nella solitudine del suo bunker anti-Covid, ha deciso di interessarsi alla storia, l’ha quindi interpretata a sua convenienza e poi l’ha spiegata al mondo. Grazie alle sue decisioni, giustificate attraverso un linguaggio tipico di un apparatčik sovietico, il presidente russo ha fatto ripiombare il mondo in un clima da Guerra fredda. Alcuni analisti sostengono che ogni sua esternazione pubblica, sia essa contro l’Occidente, l’Ucraina, la NATO o la comunità LGBT, gli consenta di riassaporare un po’ della sua gioventù, in un mondo (l’URSS) che però non esiste più. Ascoltare le sue parole anacronistiche farebbe quasi ridere se a queste non seguissero gli orrori che provengono ogni giorno dall’Ucraina, ma tant’è, Vladimir Putin desidera condividere la sua visione della realtà, anche se essa appartiene a un passato non ben precisato antecedente al 1989.

Lessico bellico

Qui di seguito alcuni esempi emersi dai suoi discorsi prima e dopo il 24 febbraio 2022, che possiamo considerare particolarmente interessanti per interpretarne la visione.

Operazione militare speciale
È così che Vladimir Putin ha annunciato l’invasione e la guerra condotta dalla Russia in Ucraina. Utilizzando l’eufemismo di "operazione militare speciale" ha tentato
di diluire la gravità dei fatti, rendendoli più accettabili per il popolo russo. Oggi, in Russia, si è punibili penalmente se ci si riferisce all’Operazione militare speciale con la parola ‘guerra’.

Denazificazione
La denazificazione (in tedesco, Entnazifizierung) fu un’iniziativa alleata volta a liberare dall’ideologia nazionalsocialista la società, la cultura, la stampa, l’economia, la giustizia e la politica dell’Austria e della Germania dopo la fine del Secondo conflitto mondiale. Putin ha impiegato lo stesso termine per giustificare la guerra in Ucraina: l’obiettivo sarebbe quello di denazificare il popolo ucraino, il quale, a suo dire, sarebbe dominato e soggiogato da un regime nazista. Putin fa uso di una parola che rimanda volontariamente alla Seconda guerra mondiale, sollecitando così l’orgoglio nazionale dei russi che ogni anno, il 9 maggio (Giorno della Vittoria), festeggiano non la fine della guerra, ma il successo riportato dall’Armata rossa nella liberazione dell’Europa dal regime nazista. In Russia non si parla di Seconda guerra mondiale per riferirsi ai fatti, ma di Grande guerra patriottica.

Occidente collettivo
Formula con cui il presidente russo identifica oramai indistintamente i Paesi occidentali. Nella sua logica esiste un solo agglomerato, appunto l’"Occidente collettivo", composto, s’immagina, dall’Europa, gli Stati Uniti, l’Australia, la Nuova Zelanda e probabilmente il Giappone. L’"Occidente collettivo" , nella sua mente, è in diretta opposizione al mondo russo (Russky Mir). Da quando Vladimir Putin ha deciso di impiegare quest’espressione, essa viene adottata da tutti i ministri, funzionari e organi di stampa della Federazione.

Agente straniero
In Russia, l’espressione "agente straniero" si associa allo spionaggio dell’epoca della Guerra fredda. La legge concernente gli agenti stranieri è stata adottata nel 2012 in risposta alle manifestazioni di protesta contro il ritorno di Vladimir Putin alla presidenza e concepita per limitare le ONG indipendenti. Essa esige che chiunque riceva un "sostegno" proveniente dai confini esterni alla Russia o sia sotto "l’influenza" dell’estero debba essere registrato come "agente straniero". La direttiva è stata ampliata negli anni e contempla sia persone fisiche, sia giuridiche, cittadini russi e stranieri, concentrandosi in modo particolare sui media operanti sul territorio della Federazione. Gli "agenti stranieri" sono obbligati a redigere dei rapporti trimestrali con il dettaglio degli attivi e di come siano stati impiegati. Inoltre, per quanto riguarda la stampa, deve essere ben visibile sui canali di diffusione la dicitura "agente straniero".

Paesi nemici
La prima risposta di Mosca alle sanzioni occidentali dopo l’invasione dell’Ucraina è stata quella di redigere la lista dei "Paesi non amici" (nella traduzione letterale dal russo), cioè nemici, ostili. Essa include Stati Uniti, Canada, Stati dell’UE, Regno Unito (tra cui Jersey, Anguilla, Isole Vergini britanniche, Gibilterra), Ucraina, Montenegro, Svizzera, Albania, Andorra, Islanda, Liechtenstein, Monaco, Norvegia, San Marino, Macedonia del Nord, Giappone, Corea del Sud, Australia, Micronesia, Nuova Zelanda, Singapore e Taiwan.

Patriota
Il patriottismo è uno dei fondamenti della concezione politica di Vladimir Putin. Patriota significa persona che ama la patria e mostra amore lottando e combattendo per essa, ma in Russia il termine viene esasperato, per cui il patriota è pronto a legittimare, giustificare e difendere qualsiasi azione del proprio governo. A esso, nella Russia putiniana, si contrappone un unico altro termine, traditore.

La Russia storica o Nuova Russia (Novorossija)
Per legittimare l’invasione dell’Ucraina e l’annessione dei territori occupati di Lugansk, Donetsk, Zaporizhzhia e Kherson (in parte poi persi), il leader russo sempre più spesso rievoca
la "Russia storica" o la "Nuova Russia" – termine amministrativo per il Sud-est dell’Ucraina attuale impiegato al tempo in cui queste terre erano parte della Russia zarista –, spiegando come i confini tracciati fra il Donbass e la Russia siano in realtà artificiali, poiché "persi" , "lasciati" all’Ucraina durante il XX secolo.

Liberalismo
Negli anni Vladimir Putin ha sviluppato delle fisse riguardo al mondo occidentale che sembrano tormentarlo. Una di queste è il pericolo rappresentato dalla società liberale. Già in una celebre intervista concessa al Financial Times nel 2019, il presidente russo aveva definito il liberalismo come obsoleto, cioè definendo antiquata una società che si pone come obiettivo la tutela delle libertà e dei diritti inviolabili dei cittadini, assicurati dalle leggi. A suo dire, il potere sta oramai virando "al populismo nazionale sull’onda del risentimento pubblico per l’immigrazione, il multiculturalismo e i valori secolari a detrimento della religione".

Genitore 1, Genitore 2
Altra inquietudine di Putin sembra essere quella del "gender". Si tratta di un tema ricorrente nella sua retorica ed è interessante osservare che perfino nel discorso alla nazione del 30 settembre scorso, per il riconoscimento dei territori occupati in Ucraina, la questione del gender ha fatto ancora una volta capolino. L’Occidente è stato accusato di essersi appropriato delle risorse dell’URSS per superare la crisi economica degli anni Ottanta e di continuare nella sua volontà di piegare la Russia, senza rispettare la sua autodeterminazione. A questo punto si è rivolto ai propri cittadini chiedendo se volessero anche loro, in Russia, invece di una madre e un padre, un genitore numero 1 e un numero 2.

Epilogo (delirio permettendo)

Le parole del presidente russo, a tratti davvero deliranti, sembrano testimoniare che l’operazione militare speciale in Ucraina abbia dei connotati che vanno ben oltre l’occupazione territoriale. Attraverso la dichiarazione di guerra e poi la mobilitazione parziale, il leader russo sembra farsi crociato di una missione per la restaurazione non solo dell’URSS, ma dell’impero russo al fine di conquistare un posto nel mondo di valenza eccezionale. La Russia come civiltà diversa e superiore, l’unica capace di difendere il passato, i valori tradizionali e di offrire reali prospettive per il futuro. Sono però mesi che il resto del mondo ascoltandolo si domanda preoccupato: la diagnosi sarà quella di follia paranoica?

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved