ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 gior

La pigna: simboli, significati, leggende e atmosfere natalizie

Con un po’ di fantasia e un pizzico di manualità questi elementi vegetali, raccolti per tempo nel sottobosco, possono dare vita a suggestive decorazioni
Ticino7
1 gior

Natale in giallo. E per le feste un bel caso da risolvere...

‘Ero andato a trovare il mio vecchio amico Sherlock Holmes due giorni dopo Natale, con l’intenzione di fargli gli auguri per le festività...’
Ticino7
2 gior

Il Natale visto da Milco Margaroli

"In una Svizzera sempre più secolarizzata" è importante riscoprire le radici cristiane che sono alla base di momenti di festa e ma anche di riflessione
Ticino7
2 gior

Quelli mai contenti (nemmeno sotto le feste)

"È Natale da fine ottobre. Le lucette si accendono sempre prima, mentre le persone sono sempre più intermittenti..." (Charles Bukowski, 1920-1994)
Ticino7
1 sett

I “fiati" e i respiri di Giulia Genini

Un amore nato alle Elementari e che deve aver fatto felici i suoi, visto che a casa non faceva che soffiare e soffiare. Poi le cose si sono fatte serie...
Ticino7
1 sett

Il vocabolario di Putin è al passato

Con l’Occidente satanista e la Russia storica si spiega la guerra. Partendo da un saggio di Bengt Jangfeldt, alcune riflessioni sulla tragedia ucraina
Ticino7
1 sett

Qatar 2022: due o tre cose sui Mondiali

Nel grande dilemma etico che grava sulla manifestazione sportiva, c’è davvero da sentirsi come il figlio di un dentista dentro un negozio di dolciumi
Ticino7
1 sett

La scaramanzia e altri gesti per sopravvivere (al peggio)

Ha scritto Alejandro Jodorowsky: ‘Essere razionali è bene, ma essere soltanto razionali è una lebbra, una peste, una malattia’. Uomo avvisato...
Ticino7
2 sett

I Modern Lovers nel tunnel del tempo

Un disco apparso nel 1976 ma scritto almeno mezzo secolo fa. Tanto elementare quanto “moderno”, diventato un classico da ascoltare (almeno una volta)
Ticino7
2 sett

L’orto di Gino La Rocca: una metafora sociale

Da oltre 40 anni coltiva un fazzoletto di terra che sovrasta la trincea, all’altezza del ponte tra Lugano e Massagno. Uno vero spazio di ‘resistenza’
Ticino7
2 sett

‘Prima il formicolio alla lingua, poi la bocca resta aperta’

Il racconto di Sheila, Spohie e Nadia, tre donne che la borreliosi l’hanno vissuta (e la vivono) sulla loro pelle
Ticino7
2 sett

Piccole, indesiderate e fastidiose. Ma anche pericolose

Borreliosi ed encefaliti: i pericoli delle morsicature di zecca. Merlani: ‘Ma Ticino (con Ginevra) è il solo cantone a non essere zona endemica’
Ticino7
2 sett

Ecco il Balestruccio (prima che sia troppo tardi)

Nei mesi freddi se ne va al caldo, in quelli più miti nidifica anche nel nostro cantone. Che – pure per questa specie – è diventato un luogo poco ospitale
Ticino7
2 sett

Disavventure Latine. Messico 7: San Luis Potosí

Io a San Luis Potosí non ci volevo proprio andare. Ho provato in tutti i modi a evitarla, aggirarla, superarla senza nemmeno guardarla... Tutto inutile
Ticino7
2 sett

L’uomo parassita in un mondo sempre più caldo

Scriveva Plinio Martini: “Il nostro è un maledetto paese che d’estate ti rompe le giunture e d’inverno ti lascia con le mani in mano". 50 anni fa, però
Ticino7
2 sett

Kunsertu, fra Messina e il Maghreb a ritmo di pop-raï

Dal paginone della musica, sezione ‘Dischi dal retrobottega’, immersioni musicali siciliane no-mainstream
Ticino7
3 sett

Daniela Baiardi, la libertà di creare

Artista, storica dell’arte, studentessa e nuova responsabile della comunicazione per Visarte-Ticino
Ticino7
3 sett

Ballenberg, metti una ‘festa delle feste’ in un museo vivente

Cronaca di una full immersion a 360 gradi nell’essenza stessa della cultura con la bandiera rossocrociata
Ticino7
3 sett

A proposito del Torcicollo...

È un uccello migratore che soggiorna alle nostre latitudini tra aprile e settembre e sverna nelle savane africane
Ticino7
3 sett

Rendiamo grazie alla seminatrice meccanica

Senza Jethro Tull, l’agronomo inglese che la inventò, non ci sarebbe stato il gruppo britannico, che dello stesso s’impiantò il nome
Ticino7
3 sett

‘Di tutto un pop’: Jethro Tull, le visioni del pifferaio magico

Un pubblico fedele al quale, nei decenni, si sono aggiunte seconde e terze generazioni pronte al richiamo dei tour e delle atmosfere sospese nel tempo.
Ticino7
3 sett

Disavventure latine. Messico 6: Real de Catorce

Solo, a bordo di un Willy, una di quelle jeep che sembrano uscite da un cartone animato, verso un quasi-villaggio fantasma in mezzo al deserto
Ticino7
4 sett

A suon di note. Canta: Rossana Taddei

‘Riesco a mantenere un equilibrio interiore e a non sentirmi spaesata’, grazie alla creatività che trasforma ogni suo giorno in qualcosa che ‘le risuona’
Ticino7
4 sett

Le ‘cattive ragazze’ vanno (anche) in bicicletta

Brevi note dal primo Campionato afghano femminile di Aigle, Canton Vaud. Perché le cose più importanti non sono solo le parole della vincitrice
Ticino7
4 sett

Acque sporche. Se l’inquinamento si fa liquido

Laghi, fiumi, riali contaminati. Sotto accusa industrie, aziende, cantieri, agricoltura. E Berna critica le pene troppo blande applicate nei cantoni…
Ticino7
1 mese

Quando ‘l’arte’ della bestemmia la si coltiva sin da piccoli

"(...) imprecare è un piacere per tutti i poveri diavoli - c’è una piccola ebbrezza di potenza" (da ‘Il crepuscolo degli idoli’, F. Nietzsche, 1888)
Ticino7
1 mese

‘Ascolta, l’ho scritta per te!’. ‘No grazie... cantala tu’

La legge del successo dice che a volte basta una canzone a cambiare una carriera, o ad avviarla. Sempre se si è in grado di guardare lontano
Ticino7
1 mese

Alla ricerca del tempo perduto, previsioni meteo incluse

I ricordi ci portano alle stagioni dell’infanzia. Le letture, spesso, al tempo meteorologico “com’era una volta”: quante speranze abbiamo di ritrovarlo?
Ticino7
1 mese

Il giorno (e la notte) della civetta

In questo caso il capolavoro di Leonardo Sciascia e la mafia centrano poco. Ma essendo un animale “crepuscolare” a certi misteri è forse abituata...
Ticino7
1 mese

Barbara Lehnhoff e le visioni sonore

Dall’arte visiva ai suoni indie dei Peter Kernel, da Camilla Sparksss alla sperimentazione. Lei si sente “punk” (dentro), ma pure sul palco non scherza
Ticino7
1 mese

Se i cambiamenti ambientali opprimono e fanno star male

‘È la fine del mondo che conosciamo... (è ora che me ne stia per un po’ da solo...)’. Perché se il mondo cambia, o ti adatti o le cose si fanno dure
Ticino7
1 mese

Rita Laudato e i suoi amici ‘esserini’

"Quando ero piccola, avrò avuto tre anni, non sopportavo di stare rinchiusa in casa e cosa facevo? Scappavo di casa"
Ticino7
1 mese

Naturalmente... vino! La filosofia dietro al ‘bio’

Cresce la nicchia dei vini naturali in Svizzera, ma mai come in Francia e Italia. Tra coltivazione biodinamica e marketing, come stanno le cose?
Ticino7
1 mese

La vita (difficile) del Codirosso comune

Predilige boschi radi di latifoglie, viali ricchi in vecchi alberi, giardini non troppo ordinati e vecchi alberi da frutta. Habitat sempre più rari...
Ticino7
1 mese

Il vino di Luca. Nei filari del ricordo

“Per questo vino l’etichetta c’è già. È un disegno che Luca aveva realizzato dopo aver vendemmiato con la sua classe” (Domenico Chiefari)
Ticino7
1 mese

‘Il coronamento della loro passione e dedizione per la terra’

‘Chi vuole ottenere un’uva che possa in seguito divenire un vino di qualità deve curare la vite in maniera certosina durante tutti i periodi dell’anno’
19.11.2022 - 16:08

Pensiero magico. La vita e la potenza dei simboli

"Ci sono buoni motivi per pensare che, nell’evoluzione del pensiero, la religione sia successiva alla magia" (J.G. Frazer)

di Mariella Dal Farra
pensiero-magico-la-vita-e-la-potenza-dei-simboli
Particolare del “Cristo velato”, Cappella Sansevero, ideata da Raimondo di Sangro (1710-1771).
+4

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato a laRegione

Se c’è un luogo al mondo intriso di magia, o meglio di pensiero magico, quel luogo è la città di Napoli. Qui l’esoterismo forma un sostrato denso e "numinoso" che permea ogni cosa: i gesti e le parole di chi ci vive così come le facciate dei palazzi magnificamente decadenti del quartiere Sanità; la dimensione quasi "teatrale" che vi si respira e le sue opere d’arte. A partire, naturalmente, dalla Cappella Sansevero, ideata dal genio di Raimondo di Sangro (1710-1771) - uno che di esoterismo se ne intendeva - e che appunto ospita al suo interno lo stupefacente Cristo velato: un capolavoro che ancora oggi qualcuno ritiene essere il prodotto di un’opera alchemica, piuttosto che del mirabile talento dello scultore Giuseppe Sanmartino (1753). Dai vertici dell’espressione artistica, il pensiero magico rimbalza in strada per adescare il turista sotto forma di talismano (cornicelli, monacelli, pigne e portafortuna vari), di pratica divinatoria (lettura delle carte, della mano, dei fondi di caffè, dell’olio) o di rito propiziatorio (l’adozione del teschio al cimitero delle Fontanelle) ed è difficile resistere alla sua seduzione. Perché il pensiero magico è prima di tutto un linguaggio simbolico, e c’è una parte della nostra mente, anch’essa organizzata su base simbolica, che quell’idioma lo capisce e lo parla, per quanto razionale, logica e "snob" sia diventata nel frattempo.


Particolare del "Cristo velato", opera ricca di simboli.

Eventi e nessi causali

In ambito psicologico, il "pensiero magico" è definito come la tendenza ad attribuire nessi causali a classi di eventi non relazionati fra loro, quanto meno non secondo quanto attualmente si conosce delle leggi naturali (fisiche, chimiche, economiche, biologiche ecc.). Nel suo trattato seminale sulla magia e la religione – Il ramo d’oro, 1915 – l’antropologo James Frazer distingue due principali categorie di pensiero magico: la regola del "contagio" e quella della "similarità". La prima prevede che alcuni oggetti, gesti e parole possano sortire degli effetti per semplice contiguità (per es. se butto una monetina nella fontana di Trevi dandole le spalle tornerò a Roma); in base alla seconda, entità diverse che si somigliano sul piano formale hanno fra loro rapporti causali (per esempio, poiché la noce ha una forma simile a quella del cervello, mangiare noci aumenta il QI di una persona). Frazer ipotizza che questo peculiare modo d’interpretare la realtà fosse tipico delle civiltà ancestrali, pre-scientifiche, in quanto caratterizzate da una limitata capacità di agire sull’ambiente circostante. Il pensiero magico è precipuo, oltre che delle società antiche, anche del modo in cui i bambini leggono la realtà, forse perché, come si dice spesso, l’ontogenesi sembra ripercorrere la filogenesi. "Il bambino piccolo […] vive il mondo interiore e quello esterno come non sufficientemente distinti e quindi come appartenenti a una sola realtà. Non differenziando Io e mondo esterno, il bambino tende a credere che tra le cose, e tra lui e le cose, sia possibile tutta una serie di relazioni di natura indifferenziata (che dal punto di vista adulto possono essere definite come prelogiche, irrazionali, precausali eccetera) […]; così egli può pensare che alcuni sogni vengono per punire il bambino disobbediente, che l’erba cresce perché altrimenti le mucche morirebbero di fame, che il vento soffia per fare muovere le nuvole eccetera (R. Vianello, Elementi di psicologia generale e dell’età evolutiva, 1989). Fra le determinanti psicologiche del pensiero magico vi sarebbe dunque un’imperfetta comprensione del funzionamento delle leggi naturali e, più in particolare, una percezione non del tutto definita dei confini del proprio sé, che risulta alternativamente troppo pervasivo ("posso agire su persone, oggetti o fenomeni che si trovano al di fuori della mia portata") oppure troppo permeabile ("mi sento agito da persone, oggetti o fenomeni che in realtà non possono esercitare alcun controllo su di me").


Particolare del "Cristo velato".

Mistero e psicologia

Descritto in questi termini, il pensiero magico sembrerebbe unicamente il retaggio di uno stadio di sviluppo (storico o psicologico) ancora primitivo, destinato come tale a evolvere fino a scomparire una volta raggiunta la piena maturità (della società o dell’individuo; vedi J. Piaget, 1929-83). Tuttavia la nozione di progresso lineare non s’attaglia, com’è noto, alle faccende umane, che di preferenza tendono a costituirsi come complesse, multistratificate, intrinsecamente contraddittorie e complicate. Il che, d’altra parte, è ciò che ci rende così maledettamente interessanti. Il pensiero magico permane dunque anche in età adulta, sebbene in misura variabile nei singoli individui e con implicazioni che spaziano dal patologico al "normale". Così, per esempio, in diverse forme di psicosi (uno spettro di disturbi che tende ad alterare la percezione della realtà) le persone attribuiscono (o si attribuiscono) poteri inusuali, che sottendono un pensiero di tipo magico; nel disturbo ossessivo-compulsivo, invece, è la dimensione rituale a divenire rilevante: contare, allineare gli oggetti in maniera simmetrica, compiere azioni in progressione e a rovescio sono coazioni che, sul piano simbolico, hanno come fine il controllo di certi eventi. Ma il pensiero magico può condizionarci anche in modi meno eclatanti, e forse per questo più insidiosi: una persona eccessivamente fatalista, per esempio, così come una superstiziosa, tenderanno senza accorgersene a delegare la buona riuscita di un progetto, professionale o esistenziale, a forze che si situano al di fuori della loro volontà (il destino, il fato, gli dei, la sfortuna ecc.) inficiando almeno in parte l’impegno profuso per conseguirlo.


Mano votiva del III secolo (Valle della Beqaa, Libano)

Manie e scaramanzie

Di conseguenza, è stato teorizzato che questo tipo di pensiero rappresenti una forma di adattamento non del tutto funzionale a quelle situazioni in cui gli individui sentono di non potere esercitare un controllo "sufficiente" su di sé o sull’ambiente, il che darebbe conto della sua maggiore incidenza presso i bambini, le donne, le persone con uno status socio-economico medio-basso e gli individui socialmente svantaggiati. Al contempo, però, altre ricerche evidenziano che una cultura di tipo universitario non esclude affatto il ricorso a spiegazioni di tipo "paranormale" (Lindeman et al. "Core knowledge confusions among university students", Science & Education, 2011), soprattutto laddove tali spiegazioni riguardino questioni personali ed emotivamente coinvolgenti (E. Subbotsky, "The Belief in Magic in the Age of Science", SAGE Open, 2014). A prescindere dal livello di scolarizzazione, anche la persona più razionale fra noi conserva, magari vergognandosene, qualche idiosincrasia: che siano i gatti neri, o quella pietruzza che ci è stata regalata, o quel particolare indumento che preferiamo indossare in occasione di un esame, abbiamo tutti le nostre piccole, inconfessabili "manie". Ma non sarà riduttivo definirle così? "Solo la specie umana […] ha l’abitudine di raccogliere, produrre, ammassare o distruggere (a seconda dei casi) oggetti che hanno un’unica funzione, quella di significare: offerte agli dei o ai morti, suppellettili funerarie sepolte nelle tombe, reliquie, opere d’arte o curiosità naturali conservate in musei e collezioni. A differenza delle cose, questi oggetti portatori di significato […] hanno la prerogativa di mettere in comunicazione il visibile con l’invisibile" (C. Ginzburg, Storia notturna, 2017). Se il creare, connettere e comprendere i simboli è una competenza specificamente umana, non deve sorprendere che a un loro utilizzo "razionale" (per esempio, risolvere un’operazione aritmetica o leggere correttamente i segnali stradali) se ne affianchi uno più istintivo, archetipico e in buona parte inconscio (per esempio, appiccare un falò a Capodanno per "bruciare" l’anno appena trascorso e dare spazio a quello nuovo).

Applicare gli ‘atti magici’

Poiché la parte più antica della nostra mente reagisce agli archetipi e li comprende, può talvolta essere utile adoperare strategicamente questa sua proprietà, mantenendo la consapevolezza che si tratta di meccanismi psicologici del tutto "naturali". È il paradigma della "psicomagia" elaborata da Alejandro Jodorowsky, secondo il quale la realizzazione di quello che egli definisce un "atto effimero", ovvero un gesto simbolico, può determinare in un soggetto un impatto emotivo tale da innescare un processo di cambiamento psicologico. Gli "atti magici" prescritti da Jodorowsky sono invariabilmente belli e artistici ma forse anche noi, nella nostra quotidianità, possiamo "fabbricarcene" alcuni che ci aiutino ad affrontare in maniera più creativa la giornata. Abbiamo una mente simbolica: mettiamola dunque a frutto (notare la metafora ad alto coefficiente allegorico...).
Per chi volesse accostarsi all’eclettico Jodorowsky – regista, scrittore, terapeuta (e molte altre cose) – suggeriremmo d’iniziare con: Psicomagia. Una terapia panica (Feltrinelli, 2013); oppure, a proposito di archetipi:
La via dei tarocchi (Feltrinelli, 2014)

BENEDIZIONI CHE VENGONO DA LONTANO: LE MANI VOTIVE

A proposito del "sostrato magico" di Napoli, è significativo il ritrovamento presso gli scavi di Pompei ed Ercolano di una serie di oggetti misteriosi e affascinanti noti come "mano votiva", o "mano pantea" oppure anche "mano di Sabazio", dal nome del culto cui presumibilmente facevano riferimento. Si tratta di piccoli bronzi di squisita fattura – otto, per la precisione – che raffigurano una mano con pollice, indice e medio alzati, mentre l’anulare e il mignolo sono ripiegati in un gesto che ricorda molto da vicino la mano benedicente della tradizione cristiana (e che quindi sarebbe anteriore a essa). Queste mani votive sono decorate di simboli fra i quali si distinguono (rif. mano pantea di Sabazio rinvenuta a Pompei): un omino con un copricapo frigio, variamente identificato con Hermes-Mercurio oppure con il dio (frigio, appunto) Sabazio; una pigna, simbolo di forza e di rinascita; un uovo, che evoca la fertilità; un serpente, che ha a sua volta a che fare con la rinascita, ma anche con l’eros; una bilancia, che richiama il mito egizio della "pesatura" delle anime; una tartaruga, una rana, un coccodrillo e un ariete, tributo alla Madre Terra; un caduceo, che indica la medicina e la guarigione. Nell’incavo del polso, come protetti in una nicchia, la figurina di una donna che allatta un bambino con un ibis poggiato sull’anca. È quest’ultimo particolare a fare propendere gli storici per l’interpretazione votiva delle mani pantee: "La mortalità durante il parto, sia per la madre che per il nascituro, in epoca romana, raggiungeva percentuali elevatissime. Ogni donna che si avvicinava al momento del parto entrava quasi automaticamente in un periodo di grande trepidazione, in cui la paura occupava il primo posto. Rivolgersi a un dio benevolo e potente poteva essere il medicamento giusto e forse la strategia vincente. Volgere a lui lo sguardo per lenire le ansie dell’attesa era forse l’unica soluzione ragionevole" (Aniello Langella, La mano pantea, 2011 – vesuvioweb.com).

© Regiopress, All rights reserved