ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 gior

Le corde (distorte) dei The Heads

Nel ventennale di un disco tutto da riscoprire, ancora oggi il quartetto di Bristol rappresenta un illuminante esempio di neopsichedelia “evoluta”
Ticino7
1 gior

James Taylor che fermò il tempo in ‘Hourglass’

Venticinque anni fa, un american standard prima di ‘American standard’, un libro aperto premiato con due Grammy, uno dei quali al Miglior album pop.
Ticino7
2 gior

Chi li ascolta? I giovani, l’attivismo e certi ‘fastidi’

Per alcuni sono degli ‘sdraiati’ (titolo di un fortunato romanzo di Michela Serra). Per altri delle menti manipolate. Ma loro, i ragazzi, che ne pensano?
Ticino7
2 gior

Fabiano Bevilacqua e le strade dell’arte

"Ne demande pas ton parcour a quelqu’un qui le connaît: tu risquerais de ne pas te perdre" (Nachman di Breslov; 1772-1810)
Ticino7
2 gior

Michael Jackson. ‘Thriller’: 40 anni di un album killer

Impossibile in questo fine 2022 non celebrare l’album più venduto della storia. L’occasione per ricordare come nacque e in quale contesto musicale maturò
Ticino7
2 gior

Extraterrestre portami via (quarant’anni di E.T.)

Dal genio di Spielberg, figlio di separati, e dalle mani di Carlo Rambaldi, fabbricante di mostri. Storia dell’alieno buono amato da tutti (o quasi)
Ticino7
3 gior

Scisma. Rock italiano senza il rimmel (o altri trucchi)

Quanto tempo deve passare per poter emettere un giudizio minimamente obiettivo sulla qualità di un disco? Nel caso di ‘Rosemary Plexiglas’ 25 anni bastano
Ticino7
3 gior

Er Thrilleraro e l’artri ‘Immortacci’

Perché, se non vedete l’ora di rivedere gente famosa di cui (in qualche modo) si sono perse tracce e corpi, dovete solo andare a Roma, eh
Ticino7
1 sett

La pigna: simboli, significati, leggende e atmosfere natalizie

Con un po’ di fantasia e un pizzico di manualità questi elementi vegetali, raccolti per tempo nel sottobosco, possono dare vita a suggestive decorazioni
Ticino7
1 sett

Natale in giallo. E per le feste un bel caso da risolvere...

‘Ero andato a trovare il mio vecchio amico Sherlock Holmes due giorni dopo Natale, con l’intenzione di fargli gli auguri per le festività...’
Ticino7
1 sett

Il Natale visto da Milco Margaroli

"In una Svizzera sempre più secolarizzata" è importante riscoprire le radici cristiane. Che sono alla base di molti momenti di festa nei quali riflettere
Ticino7
1 sett

Quelli mai contenti (nemmeno sotto le feste)

"È Natale da fine ottobre. Le lucette si accendono sempre prima, mentre le persone sono sempre più intermittenti..." (Charles Bukowski, 1920-1994)
Ticino7
2 sett

I “fiati" e i respiri di Giulia Genini

Un amore nato alle Elementari e che deve aver fatto felici i suoi, visto che a casa non faceva che soffiare e soffiare. Poi le cose si sono fatte serie...
Ticino7
2 sett

Pensiero magico. La vita e la potenza dei simboli

"Ci sono buoni motivi per pensare che, nell’evoluzione del pensiero, la religione sia successiva alla magia" (J.G. Frazer)
13.11.2022 - 22:00
Aggiornamento: 14.11.2022 - 10:53

I Modern Lovers nel tunnel del tempo

Un disco apparso nel 1976 ma scritto almeno mezzo secolo fa. Tanto elementare quanto “moderno”, diventato un classico da ascoltare (almeno una volta)

i-modern-lovers-nel-tunnel-del-tempo
+3

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato a laRegione

The Modern Lovers (1976)

L’esperimento è semplice, il risultato immediato. Vi procurate questo disco, ve lo fate prestare oppure lo scaricate dalla rete. In YouTube, per dire, lo trovate bello e che completo (certo, il suono non è quello ottimale, ma fate voi). Trovato il necessario, vi piazzate nella vostra cameretta, belli comodi, con una birretta fresca (se siete maggiorenni). Non vi resta che chiudere la porta e alzare il volume. Dopo quei 9 brani e 35 minuti scarsi (nelle ristampe su cd saliranno a 12 + varie bonus tracks arrivate dal 2003 in avanti) provate a sparare una data a caso: quando mai sarà stato registrato: nel 1979? Nel 1986? Oppure nel 1999, 2007, 2013? O l’altroieri?
La magia di questo lavoro di debutto di quel genio di Jonathan Richman è che pare non avere una data di nascita: talmente perennemente contemporaneo nella sua semplicità e immediatezza. Limpido e cristallino. Apparso nel 1976 (a formazione originale già sciolta), l’assurdo è che la maggior parte del materiale risale almeno al biennio 1972/73, mezzo secolo fa. Una conferma che i Lovers fossero ben oltre il loro tempo e le mode imperanti negli anni 70 (disco, hard rock, glam, prog ecc.); e infatti da questo lavoro ha pescato mezzo mondo (affiliati a punk, post-punk, new wave inglese e college rock in particolare). Notazione: il fatto che la produzione sia stata curata da John Cale – il cervello musicale dei Velvet Underground e artefice del primo album degli Stooges (1969) – chiarisce da quale miniera la gemma provenga. E quali insondabili misteri sonori il disco continui a celare.


The Velvet Underground alla fine della anni Sessanta; John Cale è il primo a sinistra.


Iggy & The Stooges


The Strokes (2002), una della molte (più o meno recenti) realtà musicali che hanno attinto a piene mani al repertorio dei Modern Lovers.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved