ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 gior

Le corde (distorte) dei The Heads

Nel ventennale di un disco tutto da riscoprire, ancora oggi il quartetto di Bristol rappresenta un illuminante esempio di neopsichedelia “evoluta”
Ticino7
1 gior

James Taylor che fermò il tempo in ‘Hourglass’

Venticinque anni fa, un american standard prima di ‘American standard’, un libro aperto premiato con due Grammy, uno dei quali al Miglior album pop.
Ticino7
2 gior

Chi li ascolta? I giovani, l’attivismo e certi ‘fastidi’

Per alcuni sono degli ‘sdraiati’ (titolo di un fortunato romanzo di Michela Serra). Per altri delle menti manipolate. Ma loro, i ragazzi, che ne pensano?
Ticino7
2 gior

Fabiano Bevilacqua e le strade dell’arte

"Ne demande pas ton parcour a quelqu’un qui le connaît: tu risquerais de ne pas te perdre" (Nachman di Breslov; 1772-1810)
Ticino7
2 gior

Michael Jackson. ‘Thriller’: 40 anni di un album killer

Impossibile in questo fine 2022 non celebrare l’album più venduto della storia. L’occasione per ricordare come nacque e in quale contesto musicale maturò
Ticino7
2 gior

Extraterrestre portami via (quarant’anni di E.T.)

Dal genio di Spielberg, figlio di separati, e dalle mani di Carlo Rambaldi, fabbricante di mostri. Storia dell’alieno buono amato da tutti (o quasi)
Ticino7
3 gior

Scisma. Rock italiano senza il rimmel (o altri trucchi)

Quanto tempo deve passare per poter emettere un giudizio minimamente obiettivo sulla qualità di un disco? Nel caso di ‘Rosemary Plexiglas’ 25 anni bastano
11.11.2022 - 09:04
Aggiornamento: 15:16

Kunsertu, fra Messina e il Maghreb a ritmo di pop-raï

Dal paginone della musica, sezione ‘Dischi dal retrobottega’, immersioni musicali siciliane no-mainstream

di Marco Narzisi
kunsertu-fra-messina-e-il-maghreb-a-ritmo-di-pop-rai
Foto: Spotify

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato a laRegione

Prima che infilare non meglio specificate "sonorità mediterranee" in brani cantati in dialetto diventasse alquanto mainstream da Napoli in giù, c’era chi sulle rive dello Stretto di Messina produceva già i primi esperimenti di quello che, cedendo alla smania da etichettatura, potremmo definire etno-pop. In una città con una scena musicale non esattamente florida, soprattutto in confronto alla vicina Catania, alla fine degli anni 70 i Kunsertu sperimentavano il ritorno alle radici tracciando una tela sonora che unisce Sicilia e Nord Africa sostenuta da una solida cornice pop farcita di batteria elettronica e synth arabeggianti, accompagnata dal doppio cantato in dialetto siciliano e arabo.

A sintetizzare il meglio della produzione degli anni 80 e 90 prima dello scioglimento nel 1994 e del successivo ritorno nel 2019 è la raccolta "1984-2016". In essa trovano posto, spesso rivisitati, i brani migliori dei tre album "Kunsertu", "Shams" e "Fannan". Ma, ed è questa una delle poche pecche della raccolta, se la title-track di quest’ultimo rimane intonsa, conservando le sue sonorità pop-raï originali, altri, come "Track-as" e "Dumà" subiscono una revisione che le spoglia di buona parte del fascino "mediterraneo" delle versioni originali dissolte in un pop decisamente più banale. Un processo che invece rivitalizza due altri brani di punta di "Fannan": l’evocativa ballad "Ghandura" dall’atmosfera sospesa al profumo di zagara, e la più elettronica "Ialla", che riprende vita e potenza. E su tutto, "Mokarta", la canzone simbolo della band, che mette in musica un testo di origine popolare: quella che sembra una serenata, ma che è in realtà l’ultimo saluto, prima di essere portato in carcere, di un uomo sotto la finestra dell’amata: un brano popolarissimo in Sicilia, qui in una versione unplugged finalmente, in questo caso, liberata dall’arrangiamento pesantemente anni 80 originale e restituita alla purezza con cui la suona chiunque abbia una chitarra in ogni falò su una spiaggia siciliana.

Una gran bella raccolta, in conclusione, fondamentale per approcciarsi a un gruppo a torto ancora sottovalutato.

© Regiopress, All rights reserved