ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 gior

Le corde (distorte) dei The Heads

Nel ventennale di un disco tutto da riscoprire, ancora oggi il quartetto di Bristol rappresenta un illuminante esempio di neopsichedelia “evoluta”
Ticino7
1 gior

James Taylor che fermò il tempo in ‘Hourglass’

Venticinque anni fa, un american standard prima di ‘American standard’, un libro aperto premiato con due Grammy, uno dei quali al Miglior album pop.
Ticino7
2 gior

Chi li ascolta? I giovani, l’attivismo e certi ‘fastidi’

Per alcuni sono degli ‘sdraiati’ (titolo di un fortunato romanzo di Michela Serra). Per altri delle menti manipolate. Ma loro, i ragazzi, che ne pensano?
Ticino7
2 gior

Fabiano Bevilacqua e le strade dell’arte

"Ne demande pas ton parcour a quelqu’un qui le connaît: tu risquerais de ne pas te perdre" (Nachman di Breslov; 1772-1810)
Ticino7
2 gior

Michael Jackson. ‘Thriller’: 40 anni di un album killer

Impossibile in questo fine 2022 non celebrare l’album più venduto della storia. L’occasione per ricordare come nacque e in quale contesto musicale maturò
Ticino7
2 gior

Extraterrestre portami via (quarant’anni di E.T.)

Dal genio di Spielberg, figlio di separati, e dalle mani di Carlo Rambaldi, fabbricante di mostri. Storia dell’alieno buono amato da tutti (o quasi)
Ticino7
3 gior

Scisma. Rock italiano senza il rimmel (o altri trucchi)

Quanto tempo deve passare per poter emettere un giudizio minimamente obiettivo sulla qualità di un disco? Nel caso di ‘Rosemary Plexiglas’ 25 anni bastano
Ticino7
3 gior

Er Thrilleraro e l’artri ‘Immortacci’

Perché, se non vedete l’ora di rivedere gente famosa di cui (in qualche modo) si sono perse tracce e corpi, dovete solo andare a Roma, eh
12.11.2022 - 07:00
Aggiornamento: 14.11.2022 - 10:36

L’uomo parassita in un mondo sempre più caldo

Scriveva Plinio Martini: “Il nostro è un maledetto paese che d’estate ti rompe le giunture e d’inverno ti lascia con le mani in mano". 50 anni fa, però

a cura di Red.Ticino7
l-uomo-parassita-in-un-mondo-sempre-piu-caldo
© Ti-Press

Pubblichiamo l’editoriale apparso su Ticino7, allegato a laRegione

Per cogliere la complessità e le conseguenze locali di ciò che genericamente viene indicato come ‘il cambiamento climatico’, basta visitare il portale della Confederazione e leggere il contributo Organismi nocivi invasivi e cambiamenti climatici: aumento dell’idoneità climatica e della disponibilità di piante ospiti, elaborato dal National Centre for Climat Services (NCCS). In pratica si spiega, tra le altre cose, come se da una parte l’instaurarsi in Svizzera di climi più caldi permette all’agricoltura la coltivazione di nuove piante, queste presenze vegetali aumentano il rischio dell’arrivo "di nuovi insetti nocivi". Tra i parametri osservati con attenzione (in particolare a medio-lungo termine) vi è la soglia degli ‘zero gradi’ a cui solitamente si scende nei mesi freddi: "(...) Soprattutto nelle regioni più basse come l’Altopiano e il Ticino, le temperature saranno superiori alla soglia degli 0 °C. Ciò significa che in queste regioni potranno insediarsi nuovi insetti nocivi e che ci si deve quindi attendere un rapido aumento della pressione dei parassiti". Se anche voi siete tra coloro che hanno dovuto convivere da fine maggio a novembre inoltrato con zanzare tigre, vespe giganti, moscerini e altri insettini – temibili zecche incluse, ‘bestie’ a cui vi rimandiamo nelle prossime pagine –, mettetevi il cuore in pace: salvo improvvise e improbabili nuove piccole glaciazioni, anche i fondovalle del nostro cantone sono destinati a diventare spiagge mediterranee (le famose ‘Maldive’, si sa, già non ci mancano).
Per ulteriori aggiornamenti, mercoledì 16 novembre a Bienne si terra il 5° Forum annuale NCCS. Speriamo bene.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved