ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 gior

Le corde (distorte) dei The Heads

Nel ventennale di un disco tutto da riscoprire, ancora oggi il quartetto di Bristol rappresenta un illuminante esempio di neopsichedelia “evoluta”
Ticino7
1 gior

James Taylor che fermò il tempo in ‘Hourglass’

Venticinque anni fa, un american standard prima di ‘American standard’, un libro aperto premiato con due Grammy, uno dei quali al Miglior album pop.
Ticino7
2 gior

Chi li ascolta? I giovani, l’attivismo e certi ‘fastidi’

Per alcuni sono degli ‘sdraiati’ (titolo di un fortunato romanzo di Michela Serra). Per altri delle menti manipolate. Ma loro, i ragazzi, che ne pensano?
Ticino7
2 gior

Fabiano Bevilacqua e le strade dell’arte

"Ne demande pas ton parcour a quelqu’un qui le connaît: tu risquerais de ne pas te perdre" (Nachman di Breslov; 1772-1810)
Ticino7
2 gior

Michael Jackson. ‘Thriller’: 40 anni di un album killer

Impossibile in questo fine 2022 non celebrare l’album più venduto della storia. L’occasione per ricordare come nacque e in quale contesto musicale maturò
Ticino7
2 gior

Extraterrestre portami via (quarant’anni di E.T.)

Dal genio di Spielberg, figlio di separati, e dalle mani di Carlo Rambaldi, fabbricante di mostri. Storia dell’alieno buono amato da tutti (o quasi)
Ticino7
3 gior

Scisma. Rock italiano senza il rimmel (o altri trucchi)

Quanto tempo deve passare per poter emettere un giudizio minimamente obiettivo sulla qualità di un disco? Nel caso di ‘Rosemary Plexiglas’ 25 anni bastano
Ticino7
3 gior

Er Thrilleraro e l’artri ‘Immortacci’

Perché, se non vedete l’ora di rivedere gente famosa di cui (in qualche modo) si sono perse tracce e corpi, dovete solo andare a Roma, eh
Ticino7
1 sett

La pigna: simboli, significati, leggende e atmosfere natalizie

Con un po’ di fantasia e un pizzico di manualità questi elementi vegetali, raccolti per tempo nel sottobosco, possono dare vita a suggestive decorazioni
Ticino7
1 sett

Natale in giallo. E per le feste un bel caso da risolvere...

‘Ero andato a trovare il mio vecchio amico Sherlock Holmes due giorni dopo Natale, con l’intenzione di fargli gli auguri per le festività...’
Ticino7
1 sett

Il Natale visto da Milco Margaroli

"In una Svizzera sempre più secolarizzata" è importante riscoprire le radici cristiane. Che sono alla base di molti momenti di festa nei quali riflettere
Ticino7
1 sett

Quelli mai contenti (nemmeno sotto le feste)

"È Natale da fine ottobre. Le lucette si accendono sempre prima, mentre le persone sono sempre più intermittenti..." (Charles Bukowski, 1920-1994)
Ticino7
2 sett

I “fiati" e i respiri di Giulia Genini

Un amore nato alle Elementari e che deve aver fatto felici i suoi, visto che a casa non faceva che soffiare e soffiare. Poi le cose si sono fatte serie...
Ticino7
2 sett

Pensiero magico. La vita e la potenza dei simboli

"Ci sono buoni motivi per pensare che, nell’evoluzione del pensiero, la religione sia successiva alla magia" (J.G. Frazer)
Ticino7
2 sett

Il vocabolario di Putin è al passato

Con l’Occidente satanista e la Russia storica si spiega la guerra. Partendo da un saggio di Bengt Jangfeldt, alcune riflessioni sulla tragedia ucraina
Ticino7
2 sett

Qatar 2022: due o tre cose sui Mondiali

Nel grande dilemma etico che grava sulla manifestazione sportiva, c’è davvero da sentirsi come il figlio di un dentista dentro un negozio di dolciumi
Ticino7
2 sett

La scaramanzia e altri gesti per sopravvivere (al peggio)

Ha scritto Alejandro Jodorowsky: ‘Essere razionali è bene, ma essere soltanto razionali è una lebbra, una peste, una malattia’. Uomo avvisato...
Ticino7
3 sett

I Modern Lovers nel tunnel del tempo

Un disco apparso nel 1976 ma scritto almeno mezzo secolo fa. Tanto elementare quanto “moderno”, diventato un classico da ascoltare (almeno una volta)
Ticino7
3 sett

L’orto di Gino La Rocca: una metafora sociale

Da oltre 40 anni coltiva un fazzoletto di terra che sovrasta la trincea, all’altezza del ponte tra Lugano e Massagno. Uno vero spazio di ‘resistenza’
Ticino7
3 sett

‘Prima il formicolio alla lingua, poi la bocca resta aperta’

Il racconto di Sheila, Spohie e Nadia, tre donne che la borreliosi l’hanno vissuta (e la vivono) sulla loro pelle
Ticino7
3 sett

Piccole, indesiderate e fastidiose. Ma anche pericolose

Borreliosi ed encefaliti: i pericoli delle morsicature di zecca. Merlani: ‘Ma Ticino (con Ginevra) è il solo cantone a non essere zona endemica’
Ticino7
3 sett

Ecco il Balestruccio (prima che sia troppo tardi)

Nei mesi freddi se ne va al caldo, in quelli più miti nidifica anche nel nostro cantone. Che – pure per questa specie – è diventato un luogo poco ospitale
Ticino7
3 sett

Disavventure Latine. Messico 7: San Luis Potosí

Io a San Luis Potosí non ci volevo proprio andare. Ho provato in tutti i modi a evitarla, aggirarla, superarla senza nemmeno guardarla... Tutto inutile
Ticino7
3 sett

L’uomo parassita in un mondo sempre più caldo

Scriveva Plinio Martini: “Il nostro è un maledetto paese che d’estate ti rompe le giunture e d’inverno ti lascia con le mani in mano". 50 anni fa, però
Ticino7
3 sett

Kunsertu, fra Messina e il Maghreb a ritmo di pop-raï

Dal paginone della musica, sezione ‘Dischi dal retrobottega’, immersioni musicali siciliane no-mainstream
Ticino7
1 mese

Daniela Baiardi, la libertà di creare

Artista, storica dell’arte, studentessa e nuova responsabile della comunicazione per Visarte-Ticino
Ticino7
1 mese

Ballenberg, metti una ‘festa delle feste’ in un museo vivente

Cronaca di una full immersion a 360 gradi nell’essenza stessa della cultura con la bandiera rossocrociata
Ticino7
1 mese

A proposito del Torcicollo...

È un uccello migratore che soggiorna alle nostre latitudini tra aprile e settembre e sverna nelle savane africane
Ticino7
1 mese

Rendiamo grazie alla seminatrice meccanica

Senza Jethro Tull, l’agronomo inglese che la inventò, non ci sarebbe stato il gruppo britannico, che dello stesso s’impiantò il nome
Ticino7
1 mese

‘Di tutto un pop’: Jethro Tull, le visioni del pifferaio magico

Un pubblico fedele al quale, nei decenni, si sono aggiunte seconde e terze generazioni pronte al richiamo dei tour e delle atmosfere sospese nel tempo.
Ticino7
1 mese

Disavventure latine. Messico 6: Real de Catorce

Solo, a bordo di un Willy, una di quelle jeep che sembrano uscite da un cartone animato, verso un quasi-villaggio fantasma in mezzo al deserto
30.10.2022 - 07:50
Aggiornamento: 15:14

Le ‘cattive ragazze’ vanno (anche) in bicicletta

Brevi note dal primo Campionato afghano femminile di Aigle, Canton Vaud. Perché le cose più importanti non sono solo le parole della vincitrice

di Roberto Antonini
le-cattive-ragazze-vanno-anche-in-bicicletta
© R. Antonini
+2

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato a laRegione

In questa occasione la celebre frase attribuita a Pierre de Coubertin, fondatore dei Giochi olimpici moderni, assume tutto il suo profondo significato. Se la cronaca sportiva segnala il nome della vincitrice (Fariba Hashimi), la Storia ricorderà soprattutto la partecipazione di 49 rifugiate al primo Campionato afghano di ciclismo femminile.

Dall’Hindu Kush alle Alpi

Una dozzina di cicliste ben preparate e allenate, ma anche diverse inesperte e alle prime armi che inforcano una bici da corsa da poco tempo, hanno percorso lo scorso 23 ottobre per due volte un circuito di 28,5 chilometri, sfiorando le rive del Lemano dalla cittadina sede dell’Unione Ciclistica Internazionale (UCI) attraverso Yvorne, Rennaz, Vouvry. David Lappartient, il presidente dell’Uci a cui va buona parte del merito di questa iniziativa non esita a riconoscere che "il livello non è da olimpiade" ma che il significato dell’evento è tutt’altro, "la bicicletta è uno strumento di emancipazione per le donne, già prima della caduta di Kabul il ciclismo femminile in Afghanistan era mal visto, ora con i talebani è stato semplicemente messo al bando".


© R. Antonini

Operazione salvataggio ad alto rischio

Wahida, Sahar, Zahra, Fariba e tante altre, unite nella passione per il ciclismo e pure nella nostalgia per i loro cari lasciati nel loro Paese governato dai talebani da poco più di un anno. Certo, sono cresciute in un mondo in costante guerra latente, ma hanno comunque beneficiato del ventennio "occidentale" in cui le donne hanno conosciuto, soprattutto nelle zone urbane, una progressiva emancipazione. Colpisce la loro determinazione, la loro consapevolezza delle ingiustizie profonde nelle quali è stata ingabbiata la loro condizione di donna. Un paio ancora non osano togliersi definitivamente il velo, le altre raccolgono i capelli sotto il casco prima di esibire con malcelata fierezza e affabile vanità, non appena se lo tolgono, le loro fluenti chiome. Le tute sportive aderenti non sembrano più porre alcun problema, il burqa è già un lontano ricordo, c’è chi verifica il proprio look in uno specchio appoggiato alla ringhiera del velodromo d’allenamento, chi si pettina a lungo pubblicamente di fronte a compagne, allenatori, giornalisti. Quasi tutte esfiltrate dal loro paese nell’estate dello scorso anno quando il fiume rovinoso degli eventi aveva travolto l’Afghanistan creando un’ondata di panico, con la calca, gli attentati e i tanti morti all’aeroporto di Kabul immortalati dalle telecamere. A organizzare la fuga, rocambolesca quanto insidiosa, delle cicliste e di diversi familiari - in tutto 124 persone - il presidente dell’Uci e l’allora Consigliere di Stato vodese Philippe Leuba che ancora oggi, quando ci racconta di quei momenti, ha la voce rotta dall’emozione. "David Lappartient mi ha chiamato quando Kabul stava cadendo. Mi ha chiesto il sostegno del Canton Vaud. Non ho esitato. Siamo sede di 60 federazioni sportive. Non potevamo lasciar cadere quelle ragazze". La vivida memoria per quegli eventi è imbottita di commozione, di colpi di scena, di speranze e disillusioni, di momenti tragici "come quando abbiamo organizzato un volo, senza controllori aerei, senza assicurazione, senza personale di terra, dall’aeroporto di Mazar-i-Sharif nel nord dell’Afghanistan fino alla capitale del Tagikistan Dushanbe. Il rischio era enorme. In un attimo abbiamo deciso di correrlo". Leuba non si risparmia nessun dettaglio, le telefonate ai consiglieri federali Cassis, Parmelin e Keller-Sutter, i problemi alle frontiere per far transitare persone senza passaporto, gli ostacoli enormi riscontrati a Tirana che lo hanno indotto a recarsi di persona in Albania per ottenere, in mancanza di visti, almeno un lasciapassare. Infine l’arrivo all’aeroporto di Ginevra, l’abbraccio collettivo ammantato di "un’emozione mai vista". Per non separare le ragazze, la Confederazione aveva derogato alla regola che vuole una distribuzione equa dei rifugiati nei diversi cantoni: tutte le cicliste giunte in Svizzera risiedono nel canton Vaud. Al contingente elvetico (24) bisogna aggiungere quello francese, statunitense e soprattutto canadese (60 tra cicliste e qualche familiare).


© R. Antonini

49 storie, tutte diverse, tutte simili

Una manciata delle 49 atlete che hanno gareggiato a Aigle è stata accolta in Italia e subito integrata in una forte squadra ciclistica. Fuggite dapprima in Pakistan e arrivate in Italia via Kuwait, le sorelle Fariba e Yulduz Hashimi indossano con un certo orgoglio la maglietta della Valcar, team che conta diverse professioniste. Il fisico asciutto e slanciato, le due di etnia uzbeka figurano certamente tra le più allenate e determinate. Non a caso hanno tagliato il traguardo prima e seconda. Entrambe possono contare sul sostegno dell’ex campionessa mondiale Alessandra Cappellotto, nei confronti della quale nutrono una stima smisurata. Giovani donne fortunate, se pensiamo a quelle rimaste in condizioni di semi schiavitù nel loro paese. Eppure, parlando con loro, in sottotraccia emerge sempre una profonda tristezza. "Mi mancano tutti i miei famigliari e amici di Fariab (città settentrionale, ndr) , di mio padre non sappiamo più nulla da tempo, è stato sequestrato e scomparso nel nulla", ci confida Fariba. Come altre non ha perso tempo, il suo italiano le consente già di comunicare a un buon livello. Fra poco comincerà a lavorare come apprendista in un bar a Schio, nei pressi di Vicenza, "anche se molti musulmani considerano che sia contro l’Islam". Sveglie, assetate di sapere, impazienti di vivere una vita piena, con un paese e una storia che le hanno proiettate da piccole nel mondo disincantato e rude degli adulti, hanno voglia di riscatto. Wahida, 22anni, è una delle 14 atlete della "squadra svizzera". I suoi tratti somatici velatamente mongoli ci fanno capire subito che è di etnia hazara, quella di confessione sciita presa di mira con particolare crudeltà e costanza dai talebani e dall’Isis. Vive a Villeneuve, non lontano da Aigle. Impressi tra i tanti ricordi, i tre giorni di angoscia, superando i diversi posti di blocco, per giungere via terra a Mazar-i-Sharif e salire poi a bordo del volo della libertà. Le lacrime le solcano il volto quando le chiediamo della famiglia. Due interminabili minuti di silenzio, prima di riprendere fiato e coraggio per raccontarci che è stata sua madre a convincerla a partire da Ghazni, la sua città "perché qui in Afghanistan non c’è più speranza per le donne". "Nel 2016 ho potuto comperare una bici, una scelta difficile, mi facevo insultare in strada. Ma mio fratello e mio padre mi hanno sostenuta. Ho partecipato a qualche corsa, non eravamo più di dodici cicliste". L’accoglienza in Svizzera è stata ottima sottolinea con gratitudine. Nel suo futuro immediato intravede studi di informatica "non appena migliorerà la conoscenza del francese", lingua che peraltro già le permette di rispondere senza esitazioni e con chiarezza alle nostre domande.


© R. Antonini

Donne, molto coraggiose, in bicicletta

Wahida, contrariamente alle altre cicliste con cui abbiamo parlato, non sente più nessuno dei suoi famigliari da mesi. Nella città di Ghazny non c’è rete, "impossibile chiamarci via Whatsapp". Hazara, lo è pure Fereshta Mehraeen. Fisico esile, fragile, la figura diafana, improbabile per una ciclista che mira a un gradino del podio. Non farà certamente di questo sport la sua professione, il suo sogno - visibilmente realizzabile stando all’impressione che ci lascia - è quello di studiare medicina. Non è ancora ventenne, parla un inglese impeccabile "imparato unicamente su YouTube". Ha trascorso oltre sette mesi in un campo profughi degli Emirati Arabi Uniti, da tre mesi vive in Canada. Tutto bello a Calgary, ma anche lei si commuove parlando della famiglia. Il suo viaggio della speranza è stato tra i più angosciosi. Il volo della libertà ha potuto prenderlo solo da Dushanbe. Fino a lì, con 17 ragazze in fuga, è giunta via terra, in un’interminabile odissea da Kabul via Kunduz, nel nord, coperta da un burqa e con falsa identità. "In Afghanistan avevo una bici molto rudimentale, una di quelle con parafanghi e manubrio da passeggio. Me l’aveva comperata mio zio a Bamiyan, una città nelle montagne, che assomigliano un po’ a queste qui in Svizzera, dove vive una forte comunità hazara". In un paese dove le donne stavano solo iniziando a emanciparsi, le ragazze in bicicletta (a Bamiyan 25 in tutto) erano considerate ‘bad girls’. "Ci facevamo regolarmente schernire e ingiuriare in strada", poi comunque sono arrivati i talebani e lo sport declinato al femminile è stato semplicemente vietato. "Ero terrorizzata, ma a volte non mi sento sicura neanche qui, non so cosa possa succedermi, i talebani hanno preso di mira le donne e la mia etnia, non so fino a dove potranno arrivare".


© R. Antonini

Evento storico (e bellissimo)

Alexandra Greenfield, campionessa di ciclismo, è la direttrice del coaching al Centre Mondial du Cyclisme (CMC di Aigle, il palazzetto dello sport nel cui velodromo hanno potuto allenarsi e sfrecciare per giorni le atlete afghane. "È stato un vero e proprio challenge" , racconta con soddisfazione la professionista britannica. Da marzo ha potuto lavorare con una parte delle 49 concorrenti (alcune atlete sono potute arrivare solo all’ultimo momento). L’aspetto più singolare che evidenzia Greenfield è l’adesione delle afghane alle diverse culture di accoglienza: "Quelle arrivate in Italia si comportano già un po’ come fossero italiane, più allegre e disinvolte, le ‘svizzere’ sono più discrete e serie, le canadesi sembrano essere nate lì a Calgary". "Far svolgere qui il campionato afgano femminile è stata un’esperienza irripetibile, emozionante". Un piccolo grande evento "storico e… bellissimo".


© R. Antonini

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved