ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 gior

Le corde (distorte) dei The Heads

Nel ventennale di un disco tutto da riscoprire, ancora oggi il quartetto di Bristol rappresenta un illuminante esempio di neopsichedelia “evoluta”
Ticino7
1 gior

James Taylor che fermò il tempo in ‘Hourglass’

Venticinque anni fa, un american standard prima di ‘American standard’, un libro aperto premiato con due Grammy, uno dei quali al Miglior album pop.
Ticino7
2 gior

Chi li ascolta? I giovani, l’attivismo e certi ‘fastidi’

Per alcuni sono degli ‘sdraiati’ (titolo di un fortunato romanzo di Michela Serra). Per altri delle menti manipolate. Ma loro, i ragazzi, che ne pensano?
Ticino7
2 gior

Fabiano Bevilacqua e le strade dell’arte

"Ne demande pas ton parcour a quelqu’un qui le connaît: tu risquerais de ne pas te perdre" (Nachman di Breslov; 1772-1810)
Ticino7
2 gior

Michael Jackson. ‘Thriller’: 40 anni di un album killer

Impossibile in questo fine 2022 non celebrare l’album più venduto della storia. L’occasione per ricordare come nacque e in quale contesto musicale maturò
Ticino7
2 gior

Extraterrestre portami via (quarant’anni di E.T.)

Dal genio di Spielberg, figlio di separati, e dalle mani di Carlo Rambaldi, fabbricante di mostri. Storia dell’alieno buono amato da tutti (o quasi)
Ticino7
3 gior

Scisma. Rock italiano senza il rimmel (o altri trucchi)

Quanto tempo deve passare per poter emettere un giudizio minimamente obiettivo sulla qualità di un disco? Nel caso di ‘Rosemary Plexiglas’ 25 anni bastano
Ticino7
3 gior

Er Thrilleraro e l’artri ‘Immortacci’

Perché, se non vedete l’ora di rivedere gente famosa di cui (in qualche modo) si sono perse tracce e corpi, dovete solo andare a Roma, eh
Ticino7
1 sett

La pigna: simboli, significati, leggende e atmosfere natalizie

Con un po’ di fantasia e un pizzico di manualità questi elementi vegetali, raccolti per tempo nel sottobosco, possono dare vita a suggestive decorazioni
Ticino7
1 sett

Natale in giallo. E per le feste un bel caso da risolvere...

‘Ero andato a trovare il mio vecchio amico Sherlock Holmes due giorni dopo Natale, con l’intenzione di fargli gli auguri per le festività...’
Ticino7
1 sett

Il Natale visto da Milco Margaroli

"In una Svizzera sempre più secolarizzata" è importante riscoprire le radici cristiane. Che sono alla base di molti momenti di festa nei quali riflettere
Ticino7
1 sett

Quelli mai contenti (nemmeno sotto le feste)

"È Natale da fine ottobre. Le lucette si accendono sempre prima, mentre le persone sono sempre più intermittenti..." (Charles Bukowski, 1920-1994)
Ticino7
2 sett

I “fiati" e i respiri di Giulia Genini

Un amore nato alle Elementari e che deve aver fatto felici i suoi, visto che a casa non faceva che soffiare e soffiare. Poi le cose si sono fatte serie...
Ticino7
2 sett

Pensiero magico. La vita e la potenza dei simboli

"Ci sono buoni motivi per pensare che, nell’evoluzione del pensiero, la religione sia successiva alla magia" (J.G. Frazer)
Ticino7
2 sett

Il vocabolario di Putin è al passato

Con l’Occidente satanista e la Russia storica si spiega la guerra. Partendo da un saggio di Bengt Jangfeldt, alcune riflessioni sulla tragedia ucraina
Ticino7
2 sett

Qatar 2022: due o tre cose sui Mondiali

Nel grande dilemma etico che grava sulla manifestazione sportiva, c’è davvero da sentirsi come il figlio di un dentista dentro un negozio di dolciumi
Ticino7
2 sett

La scaramanzia e altri gesti per sopravvivere (al peggio)

Ha scritto Alejandro Jodorowsky: ‘Essere razionali è bene, ma essere soltanto razionali è una lebbra, una peste, una malattia’. Uomo avvisato...
Ticino7
3 sett

I Modern Lovers nel tunnel del tempo

Un disco apparso nel 1976 ma scritto almeno mezzo secolo fa. Tanto elementare quanto “moderno”, diventato un classico da ascoltare (almeno una volta)
Ticino7
3 sett

L’orto di Gino La Rocca: una metafora sociale

Da oltre 40 anni coltiva un fazzoletto di terra che sovrasta la trincea, all’altezza del ponte tra Lugano e Massagno. Uno vero spazio di ‘resistenza’
Ticino7
3 sett

‘Prima il formicolio alla lingua, poi la bocca resta aperta’

Il racconto di Sheila, Spohie e Nadia, tre donne che la borreliosi l’hanno vissuta (e la vivono) sulla loro pelle
Ticino7
3 sett

Piccole, indesiderate e fastidiose. Ma anche pericolose

Borreliosi ed encefaliti: i pericoli delle morsicature di zecca. Merlani: ‘Ma Ticino (con Ginevra) è il solo cantone a non essere zona endemica’
Ticino7
3 sett

Ecco il Balestruccio (prima che sia troppo tardi)

Nei mesi freddi se ne va al caldo, in quelli più miti nidifica anche nel nostro cantone. Che – pure per questa specie – è diventato un luogo poco ospitale
Ticino7
3 sett

Disavventure Latine. Messico 7: San Luis Potosí

Io a San Luis Potosí non ci volevo proprio andare. Ho provato in tutti i modi a evitarla, aggirarla, superarla senza nemmeno guardarla... Tutto inutile
Ticino7
3 sett

L’uomo parassita in un mondo sempre più caldo

Scriveva Plinio Martini: “Il nostro è un maledetto paese che d’estate ti rompe le giunture e d’inverno ti lascia con le mani in mano". 50 anni fa, però
Ticino7
3 sett

Kunsertu, fra Messina e il Maghreb a ritmo di pop-raï

Dal paginone della musica, sezione ‘Dischi dal retrobottega’, immersioni musicali siciliane no-mainstream
Ticino7
1 mese

Daniela Baiardi, la libertà di creare

Artista, storica dell’arte, studentessa e nuova responsabile della comunicazione per Visarte-Ticino
Ticino7
1 mese

Ballenberg, metti una ‘festa delle feste’ in un museo vivente

Cronaca di una full immersion a 360 gradi nell’essenza stessa della cultura con la bandiera rossocrociata
Ticino7
1 mese

A proposito del Torcicollo...

È un uccello migratore che soggiorna alle nostre latitudini tra aprile e settembre e sverna nelle savane africane
Ticino7
1 mese

Rendiamo grazie alla seminatrice meccanica

Senza Jethro Tull, l’agronomo inglese che la inventò, non ci sarebbe stato il gruppo britannico, che dello stesso s’impiantò il nome
Ticino7
1 mese

‘Di tutto un pop’: Jethro Tull, le visioni del pifferaio magico

Un pubblico fedele al quale, nei decenni, si sono aggiunte seconde e terze generazioni pronte al richiamo dei tour e delle atmosfere sospese nel tempo.
Ticino7
1 mese

Disavventure latine. Messico 6: Real de Catorce

Solo, a bordo di un Willy, una di quelle jeep che sembrano uscite da un cartone animato, verso un quasi-villaggio fantasma in mezzo al deserto
Ticino7
1 mese

A suon di note. Canta: Rossana Taddei

‘Riesco a mantenere un equilibrio interiore e a non sentirmi spaesata’, grazie alla creatività che trasforma ogni suo giorno in qualcosa che ‘le risuona’
Ticino7
1 mese

Le ‘cattive ragazze’ vanno (anche) in bicicletta

Brevi note dal primo Campionato afghano femminile di Aigle, Canton Vaud. Perché le cose più importanti non sono solo le parole della vincitrice
Ticino7
1 mese

Quando ‘l’arte’ della bestemmia la si coltiva sin da piccoli

"(...) imprecare è un piacere per tutti i poveri diavoli - c’è una piccola ebbrezza di potenza" (da ‘Il crepuscolo degli idoli’, F. Nietzsche, 1888)
Ticino7
1 mese

‘Ascolta, l’ho scritta per te!’. ‘No grazie... cantala tu’

La legge del successo dice che a volte basta una canzone a cambiare una carriera, o ad avviarla. Sempre se si è in grado di guardare lontano
Ticino7
1 mese

Alla ricerca del tempo perduto, previsioni meteo incluse

I ricordi ci portano alle stagioni dell’infanzia. Le letture, spesso, al tempo meteorologico “com’era una volta”: quante speranze abbiamo di ritrovarlo?
Ticino7
1 mese

Il giorno (e la notte) della civetta

In questo caso il capolavoro di Leonardo Sciascia e la mafia centrano poco. Ma essendo un animale “crepuscolare” a certi misteri è forse abituata...
Ticino7
1 mese

Barbara Lehnhoff e le visioni sonore

Dall’arte visiva ai suoni indie dei Peter Kernel, da Camilla Sparksss alla sperimentazione. Lei si sente “punk” (dentro), ma pure sul palco non scherza
Ticino7
1 mese

Se i cambiamenti ambientali opprimono e fanno star male

‘È la fine del mondo che conosciamo... (è ora che me ne stia per un po’ da solo...)’. Perché se il mondo cambia, o ti adatti o le cose si fanno dure
Ticino7
1 mese

Rita Laudato e i suoi amici ‘esserini’

"Quando ero piccola, avrò avuto tre anni, non sopportavo di stare rinchiusa in casa e cosa facevo? Scappavo di casa"
Ticino7
1 mese

Naturalmente... vino! La filosofia dietro al ‘bio’

Cresce la nicchia dei vini naturali in Svizzera, ma mai come in Francia e Italia. Tra coltivazione biodinamica e marketing, come stanno le cose?
Ticino7
1 mese

La vita (difficile) del Codirosso comune

Predilige boschi radi di latifoglie, viali ricchi in vecchi alberi, giardini non troppo ordinati e vecchi alberi da frutta. Habitat sempre più rari...
Ticino7
1 mese

Il vino di Luca. Nei filari del ricordo

“Per questo vino l’etichetta c’è già. È un disegno che Luca aveva realizzato dopo aver vendemmiato con la sua classe” (Domenico Chiefari)
Ticino7
1 mese

‘Il coronamento della loro passione e dedizione per la terra’

‘Chi vuole ottenere un’uva che possa in seguito divenire un vino di qualità deve curare la vite in maniera certosina durante tutti i periodi dell’anno’
Ticino7
1 mese

In volo con Roberto Lardelli (e Ficedula)

Il binocolo del nonno lo ha accompagnato per le sue osservazioni nei boschi già dalle scuole elementari. Una passione per gli uccelli che non si spegne
Ticino7
1 mese

Joe Jackson: New York di giorno e di notte

Note sparse su un cantautore che ha fatto e ha visto mezza storia del pop. Uno “strambo”, musicalmente eccentrico, stilisticamente originalissimo...
Ticino7
1 mese

La rivincita della geopolitica

Con l’invasione dell’Ucraina ha assunto un ruolo centrale nella narrazione del conflitto. Ma cosʼè e quando nasce questa disciplina sulla bocca di tutti?
Ticino7
1 mese

Quel legame tra uso dei social, personalità e depressione

Non sono il male del mondo e sono a volte utilissime, ma non vi è dubbio che le piattaforme di socializzazione mostrino troppo sovente aspetti inquietanti
Ticino7
1 mese

Senti chi fischia! È la marmotta

È il più grande roditore della zona alpina. Predilige valli e pascoli con detriti di rocce. E non vede l’ora di andare in letargo, clima permettendo...
29.10.2022 - 20:10

Acque sporche. Se l’inquinamento si fa liquido

Laghi, fiumi, riali contaminati. Sotto accusa industrie, aziende, cantieri, agricoltura. E Berna critica le pene troppo blande applicate nei cantoni…

di Marco Jeitziner
acque-sporche-se-l-inquinamento-si-fa-liquido
© Ti-Press
+3

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato a laRegione

L’ammoniaca, prodotta anche dagli animali di fattoria, può provocare ulcere e persino la morte; l’ipoclorito di sodio è un biocida corrosivo; gli additivi dei residui cementizi uccidono i pesci; senza parlare dei molti pesticidi che, a ripetute piccole dosi, possono causare tumori, diabete e patologie respiratorie... Sono solo alcuni degli inquinanti che finiscono nei laghi, fiumi e corsi d’acqua ticinesi. Così l’ultimo rapporto dell’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM, 2022), dell’Associazione svizzera dei professionisti della protezione delle acque (VSA) e, in Ticino, i dati del "Nucleo Operativo Incidenti" (NOI) del Dipartimento del territorio (DT). La Svizzera incontaminata è di fatto un miraggio. Ecco perché.


© Ti-Press

"Qualità insufficiente"

Le acque ticinesi continuano a venire inquinate (vedi dati) nonostante leggi e ordinanze, processi e condanne, circolari, prevenzione e sensibilizzazione verso aziende, cantieri, industrie, agricoltori. Il risultato è che in Svizzera, scrive l’UFAM, la qualità delle acque è "insufficiente" e "non risponde in molti luoghi" alle norme legali. Nei piccoli corsi d’acqua una ventina di microinquinanti "superano il loro valore limite eco-tossicologico" (pesticidi soprattutto di origine agricola). Nei laghi va un po’ meglio, ma abbondano "edulcoranti artificiali, agenti anticorrosivi e prodotti chimici industriali". Non poteva mancare il metabolita del famigerato fungicida Chlorothalonil, tossico per i pesci e potenzialmente rischioso per gli umani. Le acque sotterranee sono da parte loro "ampiamente" inquinate da altri metaboliti, tra cui l’erbicida Chloridazone (proibito dal 2020), pericoloso per l’acqua potabile. Queste sostanze, dice l’UFAM, purtroppo danneggeranno la qualità delle acque "per molti anni a venire".


© Ti-Press

Ticino: 90 casi l’anno

Tutto questo succede malgrado i "grandi investimenti nel settore dell’igiene urbana e del trattamento delle acque reflue", scrive l’UFAM. Però poi dipende dai Cantoni (a loro applicare le leggi federali) e dai Comuni (loro il compito di sorvegliare il territorio). Il Ticino, come vedremo, non è certo il più ligio di tutti, senza parlare dei Comuni. Solo a Lugano, in caso di forti piogge, le acque di fogna continuano a finire direttamente a lago, riportava laRegione ancora un paio d’anni fa. Nel 2021 il Municipio ha candidamente ammesso che "si deve prevedere ancora per lungo tempo lo smaltimento a lago di acque inquinate". Oibò! Uno dei motivi è che le canalizzazioni sono spesso vecchie. Non a caso il Consorzio luganese dei depuratori delle acque (CDALED) ha da poco chiesto al Consiglio consortile di spendere ben 75 milioni di franchi a causa della "notevole vetustà degli impianti". I rapporti del NOI, un servizio di picchetto che curiosamente esiste solo dal 2015, enumerano in media 90 "eventi" all’anno, con un grande dispiegamento di forze tra pompieri, polizia, tecnici eccetera. Chi paga? Il contribuente, oltre alla natura. A meno che lo Stato, in veste di accusatore privato, riesca in un secondo tempo a rifarsi sui responsabili. Sempre che vengano scovati e sempre che le sanzioni servano da deterrente.

Fiumi di idrocarburi

Facendo due calcoli, la media in Ticino è dunque di 7 "eventi" al mese, ossia due alla settimana. Non è poco. Sempre in media, ci sono 2-3 morie di pesci all’anno e funesto fu soprattutto il 2017 con ben 7 stragi (vedi tabelle). "Principalmente si tratta di idrocarburi alifatici e la casistica più rilevante è legata a diesel, olio combustibile e oli lubrificanti spesso esausti", spiega Nicola Solcà, capo dell’Ufficio della gestione dei rischi ambientali e del suolo al DT. Più problematici sono gli idrocarburi aromatici (BTEX o IPA) perché molto mobili, solubili e volatili nell’acqua, casi "molto rari" per fortuna. A stare peggio sono i fiumi e i corsi d’acqua, perché costantemente contengono "quasi esclusivamente" dei "prodotti chimici" (ossia schiuma, vernice, olio non tossici) e, appunto, "idrocarburi", dicono i rapporti del NOI. Non mancano i casi gravi: 4 solo nel 2021 dovuti a "ammoniaca, ipoclorito di sodio, sostanze tossiche e particolarmente pericolose per l’ambiente". La causa, commenta Mauro Veronesi, capo dell’Ufficio della protezione delle acque e dell’approvvigionamento idrico al DT, sarebbe molto spesso la negligenza di lavoratori e operatori. Insomma, errori umani. Ma, avvisa, "non sempre è sinonimo di ignoranza" perché, malgrado "una buona sensibilizzazione", capita che "l’operatore si distragga e non si accorga per esempio della tracimazione di un liquido nocivo da un serbatoio pieno".


© Ti-Press

Solo distrazione?

Poiché sono decenni che si fa prevenzione, è difficile credere solo alla distrazione, infatti c’è chi inquina apposta (smaltire a norma di legge costa caro) o chi non ha le competenze (manca formazione). Le sentenze dei tribunali lo dimostrano. Le condanne però non sembrano fermare questo malcostume. Il Ministero Pubblico (MP) ticinese ci conferma che nessuno è mai andato in prigione per questi reati, nemmeno per quelli più gravi. Anche se la Legge federale sulla protezione delle acque (LPAC) prevede "una pena detentiva fino a 3 anni" nei casi intenzionali. Come mai? Nel 2008 in Val Lavizzara un idraulico in pensione rovesciò "intenzionalmente" molta ammoniaca nel fiume Maggia, si legge nella sentenza, causando la moria di ben 3-4mila pesci lungo 2,8 chilometri di fiume. Risultato: la proposta fu una pena pecuniaria (sospesa) di 1’200 franchi e una multa di appena 700 franchi (sic!). Spiccioli, insomma. Ma quando c’è una strage di pesci il Cantone diventa accusatore privato e la fattura è molto più salata. Il DT, ci dice Veronesi, emette delle multe amministrative tenendo conto della "fatalità", della "formazione" del colpevole, della "recidiva" e ovviamente dell’impatto ambientale. L’idraulico fu infatti condannato non solo a risarcire i costi d’intervento (12’800 franchi), ma anche i danni ittici (oltre 60mila franchi). In altri casi c’è l’incompetenza. Nel 2020 in un cantiere a Solduno ci fu un "notevole" inquinamento "accidentale" di nafta che rischiò di toccare l’acqua di falda. Il Municipio di Locarno disse che l’operaio nascose l’accaduto per "quasi un mese", aggravando il danno. Infine dal decreto d’accusa dell’MP verrà fuori che era "sprovvisto di qualsivoglia formazione in materia" e non sorvegliò i lavori.

"Reati banalizzati"

"In Ticino il seguito sistematico ai casi acuti porta mediamente a identificare l’origine degli inquinamenti nel 60-70% dei casi, permettendo così di attribuire delle eventuali responsabilità", ci dice Solcà. Quindi un altro 40-30% resta impunito: non ci sono segnalazioni, l’origine dell’inquinamento è ignota o, più semplicemente, i Comuni, cui compete la cosiddetta ‘polizia delle acque’, non controllano regolarmente il territorio. Non è una nostra supposizione. A Lugano, dopo un ennesimo inquinamento del fiume Cassarate, nel 2016 il Municipio disse che i tecnici comunali controllano "costantemente" il territorio. L’anno dopo, interrogato sui controlli, dirà invece che "non sono pianificati controlli regolari", bensì "una tantum". A rispondere era sempre lo stesso sindaco, il compianto Marco Borradori (Lega). Ma se comprensibilmente i tecnici comunali non possono essere ovunque, il problema è che le sanzioni penali sono irrisorie. A dirlo è l’UFAM. Nel 2018 in Svizzera ci sono state "un migliaio di infrazioni l’anno", ma "la maggior parte" erano "multe d’importo inferiore ai mille franchi".
Nel periodo 2008-2018 "la multa più elevata è stata di 5’000 franchi", contro una media "attorno ai 500 franchi". Sono spiccioli per un’azienda. Persino i giuristi dell’UFAM sono amareggiati, a cominciare da Barbara Nägeli, la quale ammette che "il più delle volte i reati ambientali sono puniti in modo lieve", inoltre, rincarava sul Tagblatt, sono "spesso banalizzati". Qualcuno se n’è accorto anche in Ticino. Nel 2013 dei granconsiglieri fecero notare al Governo che le pene sono "molto ridotte, talvolta simboliche, e non hanno alcun effetto deterrente", perciò chiesero d’inasprirle. Risultato: la Commissione della legislazione affossò l’idea, non solo perché il diritto è federale, ma perché a suo dire "puniscono adeguatamente i trasgressori". Nel 2021 altri deputati tornarono alla carica. Risultato: "l’effetto dissuasivo" delle sanzioni "è sufficiente", rispose il Governo.


© Ti-Press

Legge poco sfruttata?

Magari sono i giuristi dell’UFAM che si sbagliano, ma secondo la vicedirettrice dell’UFAM Christine Hofmann "i ministeri pubblici e i tribunali sfruttano raramente questo vasto arsenale (legislativo, ndr) nelle loro denunce e decisioni penali", affermava alla rivista L’ambiente (UFAM, 1/2018). E ancora: le autorità "raramente" conoscono bene il settore, perché "i procuratori sono specialisti in diritto penale", mentre i dipartimenti dell’ambiente in "diritto amministrativo", e questa è "una vera sfida nella pratica", aggiungeva. Un’inchiesta del Tagblatt dimostra che ci sono di fatto grandi differenze tra i cantoni: non tutti gli MP perseguono subito e allo stesso modo i reati ambientali. Significa che le autorità giudiziarie e amministrative cantonali potrebbero fare di più, ma nei fatti fanno quello che possono (o vogliono). In Ticino per i reati ambientali "minori", ci dice Veronesi, la Divisione dell’ambiente emette delle "contravvenzioni pecuniarie". In media si conta una "decina di decreti di accusa" all’anno, quando le prove sono sufficienti e ben documentate. Insomma, quasi un reato al mese: non è poco. Le morie di pesci, aggiunge, sono "oggetto di denuncia penale" all’MP. Quest’ultimo ci dice che ci sono "mediamente tra i 10 e i 15 incarti aperti ogni anno" e "129 decreti d’accusa" nel periodo 2012-2022, in pratica una media di una dozzina all’anno, uno al mese, di cui 6 ancora pendenti. Si tratta di fatto di "verifiche complesse dal profilo tecnico e giuridico", ci dice l’MP, con procedimenti che possono durare "da alcuni mesi fino a un paio di anni".

Mancano specialisti?

Secondo il capogiurista dell’UFAM Florian Wild, per migliorare le cose servono "volontà" (politica) e "competenze" tecnico-giuridiche (polizia, magistratura). Ma questo dipende ovviamente dai singoli Governi cantonali, cioè dalla politica. Per esempio, in un grande cantone come Zurigo, dichiarava nel 2018 all’UFAM il Procuratore Pubblico (PP) Guy Krayenbühl, "tutti" i corpi di polizia contano degli "specialisti" con cui i PP "cooperano strettamente", inoltre nell’MP zurighese c’è "un bacino di competenze" a disposizione dei collaboratori. In Ticino, su 22 PP, di cui 12 nella sezione "che si occupa di reati di polizia", ci dice l’MP, ce n’è "uno di riferimento" per i reati ambientali (la PP Petra Canonica Alexakis), affiancato da un numero imprecisato di "giuristi" che "puntualmente" si occupa di questi casi. Se necessario ci si avvale di "periti giudiziari", reputati "esperti del settore".
L’ufficio stampa della Polizia cantonale ci dice solo che collabora con il NOI e che ci sono dei "corsi di formazione appositi". Ma un solo PP per 10-15 incarti aperti ogni anno è sufficiente? E la polizia non è un po’ in ritardo visto che il corso sui reati ambientali esiste solo dallo scorso aprile? Per giunta l’MP ticinese è da anni sottodotato: "Siamo costretti a effettuare delle scelte di priorità su quali crimini indagare", dichiarò addirittura nel 2017 l’ex Procuratore Generale John Noseda. Nel 2021 ci sono migliaia d’incarti arretrati "a causa di insufficienti risorse" e la situazione è "preoccupante", si legge nel Rapporto delle autorità giudiziarie sull’MP. Di fatto prioritari sono i reati più frequenti, quelli contro il patrimonio e le persone, non certo quelli ambientali che manco sono citati nella statistica di polizia. E ci fermiamo qui.


© Ti-Press

Industrie, cantieri, agricoltura: le reazioni delle lobby

A fronte di una giustizia nei cantoni che persino l’UFAM reputa troppo clemente, è piuttosto chiaro chi sta sul banco degli accusati: aziende, industrie, cantieri e talvolta persino l’agricoltura. Nel 2021 i dati cantonali dicono che nel 29% dei casi l’origine era imputabile al settore "azienda/industria", di cui 5 eventi su 26 erano "incidenti rilevanti", cioè con potenziali gravi danni alla popolazione e all’ambiente. Il 16% nel settore "cantiere (edilizia)", l’1% "agricoltura" (6% privati e trasporto su strada, 8% canalizzazioni, e ben il 27% di origine ignota).
Anche il Ministero Pubblico ticinese ci conferma che "all’origine di episodi con sospetto inquinamento figurano spesso aziende, industrie e cantieri". Che dicono le associazioni di categoria? Cosa fanno per ridurre questi reati? "Una cosa sono le aziende", premette subito il direttore dell’Associazione industrie ticinesi (AITI) Stefano Modenini, "un’altra cosa sono le industrie o imprese manifatturiere". AITI, precisa, "rappresenta imprese industriali e non artigianali", e il suo ruolo è di "informare" l’industria "sulla legislazione esistente e sugli aggiornamenti della stessa", anche con dei "momenti informativi" e degli "eventi" a cui partecipano "specialisti dei diversi settori". Infine, conclude Modenini, poiché AITI sostiene "la sostenibilità e l’economia circolare (...) le aziende hanno tutto l’interesse a essere sostenibili", perciò "il discorso sull’inquinamento da parte nostra è quindi più globale che settoriale. Deve riguardare tutti gli ambiti, non solo l’acqua, l’aria o altro".
Nicola Bagnovini, della Società svizzera impresari costruttori (SSIC) sezione Ticino, risponde che la collaborazione col DT "è stata potenziata negli ultimi anni" e che si cerca di sensibilizzare "regolarmente le imprese e gli operatori", ma i casi (16% del totale) sono "contenuti" rispetto "alle migliaia di cantieri aperti annualmente in Ticino". Aggiunge che l’evoluzione tecnica "ha aiutato a ridurre negli anni questo genere di incidenti".
Per l’Unione contadini ticinesi, afferma il segretario agricolo cantonale nonché deputato Sem Genini (Lega), gli agricoltori "sono coscienti che la loro attività (…) può arrecare danno" ma "sono
formati a un uso competente e consapevole dei prodotti potenzialmente pericolosi per l’ambiente"; inoltre i controlli sono "regolari" e "molto severi", così come "gli aggiornamenti formativi".
Aggiunge che gli ultimi eventi importanti in Ticino "non sono dovuti al settore agricolo".


© Ti-Press

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved