ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 gior

Benvenuti a Küstendorf

È a una dozzina di minuti di auto da Kremna, in Serbia. Io Kusturica in giro non l’ho visto, ma pare che ci viva davvero
Ticino7
2 gior

Cartoline da Barcellona

Arriva un giorno in cui alcune città di mare crescendo se ne allontanano. Come se non ci fosse più.
Ticino7
2 gior

Cesare Veglio, o semplicemente Maestro Cesare

Ha poco più di 30 anni, ha cominciato nel 2012 alle scuole elementari di Acquarossa, poi è stato chiamato a Olivone e ora è tornato al paese d’origine...
Ticino7
2 gior

Moda e inclusività (stiamo lavorando per voi)

Proposte sempre meno discriminanti, senza paletti di taglia, gender, cultura o età. Il mondo del fashion è davvero più fluido e democratico?
Ticino7
2 gior

L’amore ai tempi delle neuroscienze

Molti i progressi in questo ambito, e quanto è stato scoperto è interessante, anche se resta irrisolta la questione principale: cos’è l’amore?
Ticino7
2 gior

Amore amore, amore un Festival

Per introdurre l’edizione odierna, nella quale camminano a braccetto sentimento e neuroscienze, un amoroso aneddoto dagli ‘squallidi’ risvolti
Ticino7
1 sett

Sportivamente parlando

L’avvento dello sport in Ticino, dalle riserve iniziali ai successivi eccessi (risse incluse)
Ticino7
1 sett

Generazione ‘Aftersun’

Presentato lo scorso maggio a Cannes, è diventato un caso. Paul Mescal (Calum nel film) è candidato all’Oscar come Miglior attore protagonista
Ticino7
1 sett

Il poliziotto Mattia

Mattia Da Dalt si occupa di formazione, interna ed esterna al Corpo di Polizia, dalla scuola dell’infanzia fino agli adulti. Anche con l’amico Peo.
Ticino7
1 sett

Ho visto Jerry Seinfeld

Trattato come uno scarto da chi maneggiava palinsesti, dopo di lui nulla è stato più come prima: buio in sala, sul palco di Tucson la leggenda.
Ticino7
1 sett

Gioco, partita, incontro e citazione

Per inaugurare l’edizione n. 4 dedicata allo sport ticinese, parole di tennis (non ticinese)
Newsletter
2 sett

C’era una volta il primo skilift

È quello di Airolo-Lüina, nato nel 1950. C’erano una volta pure gli Ittiti e Hattusa, città sacra. Attualissimi, invece, gli insulti e gli insetti
Ticino7
2 sett

Da più di settant’anni, a Lüina si scia

‘Per i ragazzi la giornaliera costava 3 franchi, 5 per gli adulti. La salita singola, rispettivamente 30 e 50 centesimi’: storia del primo ski-lift
Ticino7
2 sett

Bärbel Koch e i piccoli abitanti del pianeta

Di Besazio, biologa di formazione con una passione per gli insetti nata durante gli studi, dirige la Società entomologica della Svizzera italiana
Ticino7
2 sett

Hattusa, nell’antica terra degli Ittiti

Scoperta in Turchia, fondata dal bellicoso popolo indoeuropeo venuto dal Caucaso, potrebbe esserne stata la città sacra
Ticino7
2 sett

Scrittore sarà lei!

Jane Austen vs Mark Twain, Virginia Woolf vs James Joyce, Truman Capote vs Jack Kerouac: le vie dell’insulto sono infinite
Ticino7
2 sett

Capra! Capra! Capra! Capra!

Mettiamola così: noi che abbiamo visto Vittorio Sgarbi e pensiamo di aver visto tutto, non abbiamo visto niente
Ticino7
3 sett

Mario Venuti, un equilibrista fra l’Etna e il Corcovado

C’è un pezzo della storia del cantautore siciliano dentro ‘Mai come ieri’, album in cui è presente il duetto con la Cantantessa e tanto Brasile
Ticino7
3 sett

Disavventure latine. Messico: diari da Oaxaca

Nella città che canta l’amore tra un quarantenne e una ventenne, io stesso finirò intrappolato in quelle parole
Ticino7
3 sett

Loretta Bubola, la parola è ‘cambiamento’

La sua missione: mettersi al servizio degli altri ma, in primis, togliersi di dosso strati che non la fanno esprimere per quella che è la sua essenza
Ticino7
3 sett

Il peggio non è passato, ma è comunque ‘Un sabato italiano’

Nella ‘Roma felliniana’ del 1983 usciva l’italian standard di Sergio Caputo, il ‘Re delle tronche’. Ne approfittiamo per fare un po’ di musica...
Ticino7
3 sett

Che musica ascoltano i ‘vampiri’?

Era il 1983, l’anno dell’Ep ‘4AD’, sei testimonianze dell’evoluzione dei Bauhaus (e una piccola nota su ‘Bela Lugosi’s Dead’, che piaceva tanto a Bowie)
Ticino7
3 sett

Permette un ballo?

La danza giova a muscoli e articolazioni, stimola la circolazione sanguigna, migliora l’equilibrio, previene la depressione. Lo diceva anche David Bowie
Ticino7
3 sett

Di tutto un pop: Ballando con Bowie (40 anni di ‘Let’s Dance’)

Galeotta fu Montreux, galeotti furono i Queen, Nile Rodgers e quell’album che fece del visionario Bowie una popstar mondiale
Ticino7
4 sett

I figli unici e il peso dello ‘stile genitoriale’

Gli psicologi (e non solo loro) s’interrogano da sempre su questa condizione, che le contingenze hanno reso nuovamente d’attualità
Ticino7
4 sett

Avere è bello ma desiderare è meglio

Siamo noi che governiamo i desideri o sono i desideri che ci manipolano a loro piacimento?
Ticino7
1 mese

Incapace di solitudine (l’altro Gianni Brera)

Il narratore, quello de ‘Il corpo della ragassa’, ‘Naso bugiardo’, ‘Il mio vescovo e le animalesse’ e altre storie non calcistiche
Ticino7
1 mese

Mirko Cotti Piccinelli tra Sashimi e community

Social Media Manager per laRegione, sogna di cambiare il nostro cantone, “che a molti dei miei coetanei e non solo – dice – va sempre più stretto”.
Ticino7
1 mese

E ti amo Rino

Rino Gaetano non compare nella lista dei figli unici che hanno fatto la storia, perché fu il fratello di Giuseppe e Anna. Al suo posto c’è una canzone
Ticino7
1 mese

Giallo con roselline. Un racconto di Giorgio Genetelli

“Maramore non aveva resistito al passo lungo della donna e l’aveva fermata vicino a un bar, le aveva accennato, erano entrati, avevano parlato...”
Ticino7
1 mese

Andreas Gysin e l’arte “cibernetica”

Mentre il nuovo anno è dietro l’angolo, il percorso dell’artista e designer ticinese racconta di un futuro che è già qua (per chi non se n’è accorto)
Ticino7
1 mese

In attesa della Rondine

Vive soprattutto nelle campagne e in Svizzera si stima una popolazione di 100-150mila coppie. Una cifra fortemente diminuita negli ultimi vent’anni
Ticino7
1 mese

Sentitamente ringraziamo. E felice anno nuovo!

“Ciò che ci sta alle spalle e ciò che ci sta di fronte, sono ben poca cosa rispetto a ciò che è dentro di noi” (Ralph W. Emerson, 1803-1882)
Ticino7
1 mese

Buoni propositi per l’anno che verrà?

Come funzionano le abitudini e come poterle cambiare. Evitando di cadere nel tranello delle ‘grandi ed eroiche aspettative’
Ticino7
1 mese

Friedrichstrasse. Sei note berlinesi

“La serenità è ridurre la distanza tra il fuori e il dentro, per esempio tra il fuori e il dentro di noi. La serenità è nel non coprire”
Ticino7
1 mese

Quattro tiri con Remo Semmler (tutti a canestro)

È stato uno dei fondatori del Gruppo Paraplegici Ticino ed è al timone dei cestisti dei Ticino Bulls. Ha la capa tosta e ama le sfide, leggere per credere
Ticino7
1 mese

L’insospettabile Merlo acquaiolo

È possibile vederlo anche in città, purché vi siano fiumi o ruscelli che possano garantirgli un luogo per la nidificazione e puliti per trovare nutrimento
Ticino7
1 mese

Incanto e disincanto: versi (inediti) di Alberto Nessi

“(...) Si accorgerà della mia assenza / questo carpino bianco, senza foglie / nella stagione dell’abbandono?”
Ticino7
1 mese

Dai che passa, l’importante è non mollare

Anche sotto Natale, la società si divide: chi all’eccitazione delle feste non resiste, chi fa buon viso e mangia... e poi quelli che bene bene non stanno
Ticino7
1 mese

Amrita Hospital: perché le cure sono un diritto per tutti

Viaggio alla scoperta di una struttura sanitaria privata dove sostenibilità, tecnologia e spiritualità si intrecciano. Qui i più poveri non pagano
Ticino7
1 mese

Disavventure Latine. Messico: respirare in Città

Con circa 22 milioni di abitanti, è la 12esima metropoli più popolosa del mondo. Forse basterebbe questo per capire cosa stiamo per raccontare...
22.10.2022 - 14:26

Alla ricerca del tempo perduto, previsioni meteo incluse

I ricordi ci portano alle stagioni dell’infanzia. Le letture, spesso, al tempo meteorologico “com’era una volta”: quante speranze abbiamo di ritrovarlo?

di Alba Minadeo
alla-ricerca-del-tempo-perduto-previsioni-meteo-incluse
© Dan Smith
"Pointing Paiting" (C.1960-1980)
+8

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato a laRegione

I nostri ricordi continuano a ritornare alle stagioni dell’infanzia. Le letture ci riportano spesso al tempo meteorologico "com’era una volta". Quante speranze abbiamo di ritrovarlo?

"Il sole, ancora invernale, era venuto a scaldarsi davanti al fuoco che, già acceso tra i due mattoni, avvolgeva tutta la camera in un odore di fuliggine, facendone qualcosa come (…) una di quelle cappe di camino dei castelli sotto le quali ci si augura che fuori rompano gli indugi la pioggia, la neve, magari qualche catastrofe diluviesca per aggiungere al conforto del riparo la poesia della reclusione invernale…"
Marcel Proust, Alla ricerca del tempo perduto. La strada di Swann (1913)

Diluvi e siccità

Un secolo fa, le tempeste erano temute, ma facevano parte della mutevolezza del tempo atmosferico. Quelli che una volta erano fenomeni stagionali, oggi sono eventi imprevedibili e devastanti. Sul pianeta si alternano periodi di siccità e incendi a violente alluvioni. Per fare soltanto alcuni esempi, da più di un anno e mezzo l’alterazione climatica della Niña è stata potenziata dal riscaldamento globale, con il risultato, per esempio, di cancellare la stagione secca (inverno australe, da giugno a settembre) della Nuova Caledonia, a est dell’Australia. Le colline sono insolitamente verdi. Il lago di Yaté ha un livello incredibilmente alto. Piove sulle araucarie endemiche che accolsero James Cook, primo europeo a sbarcare qui nel 1744. Il livello dell’Oceano Pacifico è salito in modo preoccupante a causa di ciò che l’Antropocene sta provocando a livello planetario. Lo stesso fenomeno, che provoca un raffreddamento di parte delle acque superficiali del Pacifico, influenzando il ciclo delle precipitazioni e il clima di alcune regioni del pianeta, è responsabile anche dell’aggravarsi della siccità nel Corno d’Africa. Un prezioso ecosistema tra India e Bangladesh è a rischio. A fine agosto, un terzo del Pakistan era sott’acqua, le piogge eccezionali hanno provocato una catastrofe: trenta milioni di persone sono rimaste senza casa (oltre tre volte gli abitanti della Svizzera), causando anche danni irreparabili all’agricoltura.

"Alberi da frutto e filari di fagioli pieni di baccelli, davanti a stupendi campi lussureggianti di cereali come segale, avena e frumento (…). Una calda, pingue agricoltura, (…) alberi di noci, ciliegi, susini (…). La bella, dolce strada maestra splendeva d’azzurro, di bianco, d’oro"
Robert Walser, La passeggiata (1917)

Agricoltura a rischio in Ticino

La canicola e la mancanza d’acqua hanno messo a dura prova l’agricoltura ticinese, tanto che, per i prossimi anni, si pensa di puntare su un mix ottimale di varietà e specie, come il sorgo, la quinoa e le lenticchie. Un tempo, il clima in Svizzera era caratterizzato da forti oscillazioni naturali, ma i cambiamenti verificatisi dall’industrializzazione in poi possono essere spiegati solamente con l’aumento delle emissioni di gas a effetto serra, checché ne dicano i negazionisti del climate change. Dal 1864, data di inizio delle misurazioni meteorologiche, la temperatura media annuale al 2021 è aumentata di ben 2 °C, circa il doppio rispetto alla temperatura media globale (sono considerati normali giorni estivi quelli con temperatura massima di 25 °C e tropicali quelli che raggiungono i 30 °C e oltre). In seguito a ciò, la vegetazione anticipa molto rispetto a qualche decennio fa. Le rondini arrivano prima. Le precipitazioni medie invernali sono aumentate nella maggior parte delle regioni svizzere (salvo a Sud delle Alpi e in vaste parti dei Grigioni). Ciò nonostante, le precipitazioni intense si stanno lentamente modificando. Dal 1901, sono aumentate sia l’intensità, sia la frequenza delle precipitazioni forti. Soprattutto alle quote più basse, i giorni con nevicate sono molto inferiori rispetto a trenta/quarant’anni fa. Quelli di ghiaccio e di gelo sono diminuiti notevolmente. In futuro, in Svizzera le estati saranno più asciutte, le piogge più forti, avremo più giornate canicolari e inverni poveri di neve.

"‘Questo vento lo conosciamo. Quando arriva si può andare in slitta’. ‘Storie!’, brontolò Hans. ‘Se non erro siamo ai primi di agosto’. Ma Joachim, iniziato com’era, aveva detto il vero. Infatti dopo pochi istanti, fra ripetute folate, si scatenò una violenta nevicata, (…) una tormenta talmente fitta che tutto parve avvolto in un bianco vapore e del villaggio e della valle non si vide quasi più nulla. Nevicò tutto il pomeriggio. Si accesero i caloriferi…"
Thomas Mann, La montagna incantata (1924)

Oscillazioni naturali e anomale

Sono tante le chiese dedicate alla Madonna della Neve, in ricordo della leggendaria nevicata di agosto a Roma nei primi secoli della cristianità. Un miracolo, mentre quella di Davos dell’inizio del secolo scorso, narrata dallo scrittore tedesco, era un evento non così eccezionale ad alta quota. Oggi, la neve è difficile vederla anche nei periodi deputati alle precipitazioni nevose, a meno che non sia artificiale come quella che, per assurdo, spareranno a Milano nelle prossime Olimpiadi del 2026.

"Aprì le finestre per far entrare un po’ d’aria e quando nevicava, il vento soffiava sulla neve e noi due sedevamo aspettando che l’inverno continuasse"
Franco Battiato, ‘Hiver’; da un testo di Fleur Jaeggy tratto da Le statue d’acqua (1980)

Indicatori climatici

Una giornata piovosa e uggiosa cambia l’umore dei "meteoropatici". Un tipico giorno estivo viene piacevolmente percepito sulla pelle ma, da quando fa troppo caldo, molta gente non ama più l’estate. È come se la terra fosse infiammata e così pure il nostro corpo. Chi scende in Italia dalla Svizzera, passata la frontiera, nota un ulteriore cambiamento: apparentemente a Como è molto più afoso e il cielo caliginoso, forse perché l’inquinamento è maggiore...?

"Io resto qui e certo ci resterò. È così dolce restare. Forse che la natura va all’estero? Vanno forse in giro gli alberi per procurarsi da qualche altra parte foglie più verdi?"
Robert Walser

Nord & Sud

Una volta, si attraversavano le Alpi per intraprendere il Grand Tour, come fece Goethe, per incontrare l’arte e la cultura del Sud, ma anche il clima favorevole, come pure Hermann Hesse che si stabilì in Ticino. In futuro, forse ci sarà un movimento contrario: si andrà a Nord per cercare il fresco, anche se, ormai, è caldo anche in Inghilterra.

"Era un po’ questo che Venezia mi aveva regalato, fin da quando, vestito in fretta, raggiungevo gli scalini di marmo che l’acqua di volta in volta ricopre e abbandona"
Marcel Proust, Alla ricerca del tempo perduto. Il tempo ritrovato (1927)

Inondati e sommersi

Secondo una ricerca pubblicata su Nature Communications, entro il 2100 il livello dei mari potrebbe salire di oltre 2 metri a causa dell’aumento della temperatura globale e del conseguente scioglimento dei ghiacci. Decine di città situate sul mare sarebbero in pericolo a causa di inondazioni ed erosioni costiere. Tra queste anche Venezia: i gradini di cui parla Proust potrebbero essere completamente sommersi. Sorte analoga per Miami, New Orleans eccetera.

"Le foreste abbelliscono la terra, insegnano all’uomo a capire il bello e gli ispirano un umore maestoso. Le foreste addolciscono il clima rigido. Nelle contrade in cui il clima è dolce si sciupano meno energie nella lotta con la natura, e perciò l’uomo che vi abita è più dolce e più tenero. Gli uomini di quelle contrade sono belli, flessuosi, facilmente emotivi, il loro linguaggio è squisito, i movimenti graziosi. Tra loro fioriscono le scienze e le arti, la loro filosofia non è lugubre, si comportano verso le donne con elevatezza squisita…"
Anton Čechov, Zio Vanja (1896)

Climi, non solo atmosferici

Un gruppo di ricercatori del Politecnico Federale di Zurigo ha simulato il clima previsto per alcune città paragonandolo a quello attuale di altre. Nel 2050, Città del Vaticano potrebbe avere una temperatura simile a quella di oggi di Adana, nel Sud della Turchia, maggiore di 5,3 °C. Torino e Milano potrebbero avere il clima che ha oggi Dallas, in Texas, con temperature massime d’estate più alte di oltre 7 °C. Sono state prese in esame 520 città nel mondo, in base allo scenario climatico RCP4,5 (Representative Concentration Pathway, traiettoria di concentrazione di gas serra), in cui, ottimisticamente, le politiche ambientali avranno stabilizzato le emissioni di CO2 entro la metà del secolo, con un aumento della temperatura media globale di 1,4 °C. Lo studio, uscito su Plos One, prevede che il 77% delle città registri una variazione delle condizioni climatiche e che il 22% avrà un clima che oggi nessun centro urbano sperimenta. Il cambiamento più evidente si avrà nelle città nordiche, dove il tempo sarà simile a quello attuale di città mille chilometri più a sud: Londra come Barcellona, Stoccolma come Vienna e Madrid come Fez. Per le regioni tropicali si prevedono cambiamenti di temperatura minori, ma le stagioni umide saranno più piovose e quelle secche più aride.

Gesti per il futuro

Cosa può fare il singolo per ritrovare, almeno in parte, il tempo meteo perduto, per sé e le nuove generazioni? Una volta si poteva guidare una Fiat Topolino da Ginevra fino in Afghanistan, come Nicolas Bouvier, senza preoccuparsi di quanto CO2 si produceva. Oggi, oltre a dotarci di un’auto elettrica (anche se pone altri problemi di tipo energetico), dobbiamo rinunciare il più possibile all’auto per i tragitti brevi, camminando, usando i mezzi pubblici o la bicicletta. È consigliabile mettere un maglione in più in casa e (forse diverrà obbligatorio) abbassare di uno o due gradi la temperatura. Progettare i viaggi secondo ritmi più lenti, con mezzi low impact, prediligendo il treno o la nave all’auto e all’aereo, calcolando quanta CO2 si produce e scegliendo il mezzo meno inquinante (sono solo 44 grammi per chilometro le emissioni di anidride carbonica del treno a fronte di 118 dell’auto e 140 dell’aereo). E piantare alberi.

"L’uomo (…) si aggrappa a tutto ciò con cui sia possibile saziare la fame, riscaldarsi, distrugge tutto, senza pensare al domani"
Anton Čechov, Zio Vanja (1896)

Fermarsi (in tempo)

Accelerare il passo verso tecnologie sofisticate non è la soluzione per uscire dalla crisi climatica. I popoli autoctoni, spesso da noi considerati reliquie del passato, sono da sempre proiettati verso il futuro e ci insegnano il valore della conoscenza e del radicamento nel territorio, l’importanza di un’agricoltura od orticoltura capillare a livello familiare, la gestione delle terre in proprietà condivisa, il valore dell’incolto (set-aside) e della biodiversità. La sospensione delle attività umane in parti di terreno è una forma di preservazione delle risorse per il domani.

"Voglio mettere in guardia i bianchi prima che arrivino a strappare dal suolo anche le radici del cielo"
Davi Kopenawa e Bruce Albert, La caduta del cielo. Parole di uno sciamano yanomami (2010)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved