ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 gior

Benvenuti a Küstendorf

È a una dozzina di minuti di auto da Kremna, in Serbia. Io Kusturica in giro non l’ho visto, ma pare che ci viva davvero
Ticino7
1 gior

Cartoline da Barcellona

Arriva un giorno in cui alcune città di mare crescendo se ne allontanano. Come se non ci fosse più.
Ticino7
2 gior

Cesare Veglio, o semplicemente Maestro Cesare

Ha poco più di 30 anni, ha cominciato nel 2012 alle scuole elementari di Acquarossa, poi è stato chiamato a Olivone e ora è tornato al paese d’origine...
Ticino7
2 gior

Moda e inclusività (stiamo lavorando per voi)

Proposte sempre meno discriminanti, senza paletti di taglia, gender, cultura o età. Il mondo del fashion è davvero più fluido e democratico?
Ticino7
2 gior

L’amore ai tempi delle neuroscienze

Molti i progressi in questo ambito, e quanto è stato scoperto è interessante, anche se resta irrisolta la questione principale: cos’è l’amore?
Ticino7
2 gior

Amore amore, amore un Festival

Per introdurre l’edizione odierna, nella quale camminano a braccetto sentimento e neuroscienze, un amoroso aneddoto dagli ‘squallidi’ risvolti
Ticino7
1 sett

Sportivamente parlando

L’avvento dello sport in Ticino, dalle riserve iniziali ai successivi eccessi (risse incluse)
Ticino7
1 sett

Generazione ‘Aftersun’

Presentato lo scorso maggio a Cannes, è diventato un caso. Paul Mescal (Calum nel film) è candidato all’Oscar come Miglior attore protagonista
Ticino7
1 sett

Il poliziotto Mattia

Mattia Da Dalt si occupa di formazione, interna ed esterna al Corpo di Polizia, dalla scuola dell’infanzia fino agli adulti. Anche con l’amico Peo.
Ticino7
1 sett

Ho visto Jerry Seinfeld

Trattato come uno scarto da chi maneggiava palinsesti, dopo di lui nulla è stato più come prima: buio in sala, sul palco di Tucson la leggenda.
Ticino7
1 sett

Gioco, partita, incontro e citazione

Per inaugurare l’edizione n. 4 dedicata allo sport ticinese, parole di tennis (non ticinese)
Newsletter
2 sett

C’era una volta il primo skilift

È quello di Airolo-Lüina, nato nel 1950. C’erano una volta pure gli Ittiti e Hattusa, città sacra. Attualissimi, invece, gli insulti e gli insetti
Ticino7
2 sett

Da più di settant’anni, a Lüina si scia

‘Per i ragazzi la giornaliera costava 3 franchi, 5 per gli adulti. La salita singola, rispettivamente 30 e 50 centesimi’: storia del primo ski-lift
Ticino7
2 sett

Bärbel Koch e i piccoli abitanti del pianeta

Di Besazio, biologa di formazione con una passione per gli insetti nata durante gli studi, dirige la Società entomologica della Svizzera italiana
Ticino7
2 sett

Hattusa, nell’antica terra degli Ittiti

Scoperta in Turchia, fondata dal bellicoso popolo indoeuropeo venuto dal Caucaso, potrebbe esserne stata la città sacra
Ticino7
2 sett

Scrittore sarà lei!

Jane Austen vs Mark Twain, Virginia Woolf vs James Joyce, Truman Capote vs Jack Kerouac: le vie dell’insulto sono infinite
Ticino7
2 sett

Capra! Capra! Capra! Capra!

Mettiamola così: noi che abbiamo visto Vittorio Sgarbi e pensiamo di aver visto tutto, non abbiamo visto niente
Ticino7
3 sett

Mario Venuti, un equilibrista fra l’Etna e il Corcovado

C’è un pezzo della storia del cantautore siciliano dentro ‘Mai come ieri’, album in cui è presente il duetto con la Cantantessa e tanto Brasile
15.10.2022 - 19:00

Rita Laudato e i suoi amici ‘esserini’

"Quando ero piccola, avrò avuto tre anni, non sopportavo di stare rinchiusa in casa e cosa facevo? Scappavo di casa"

di Natascia Bandecchi
rita-laudato-e-i-suoi-amici-esserini
© Ti-Press / Elia Bianchi
+2

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato a laRegione

È nata il 24 settembre 1967 e vive a Chiasso. Mamma di Paride e Raffaello e – non si direbbe a guardarla – è pure nonna. Nonostante dorma poche ore per notte e lavori 7 giorni su 7, sprigiona vitalità da tutti i pori. Adora la natura, passeggiare e il vento che, come lei, necessita di muoversi liberamente in ogni dove. Non amando la routine che, a dirla tutta, le fa pure un po’ paura, ha fatto vari mestieri: pittrice edile, ha studiato gemmologia e oreficeria creando opere d’arte da indossare e, dulcis in fundo, si è diploma in tecnologa del latte. Che c’entra il formaggio col buon vino? Beh, ma allora volete provocare...

Le mie papille gustative hanno conosciuto, prima di Rita, le sue creazioni casearie in cui esplodono sapori che vanno a braccetto con muffe di vario tipo. Di Rita invece mi hanno colpita la sua spontaneità, la sua energia scoppiettante e sapere che, a 45 anni, si sia messa in discussione, mollando la zona comfort per fare il classico salto nel buio. Si, perché fare l’apprendista "da grandi" e avere come compagni di classe degli adolescenti non è mica roba da tutti. Ci vuole un certo senso di libertà interiore, libertà di essere e di non essere. "Quando ero piccola, avrò avuto tre anni, non sopportavo di stare rinchiusa in casa e cosa facevo? Scappavo di casa. Vivevo nel centro di Morbio. Erano i primi anni Settanta e non c’era l’urbanizzazione di oggi: era tutto più bucolico e c’era abbondanza di distese verdi. Riuscivo a correre fino alle scuole, passando dal cimitero, arrivando fino al campo di calcio. La gente del posto ormai mi conosceva e quando mi incontrava mi riportava a casa da mia mamma che era afflitta dalla disperazione". Per Rita già da piccola la ricerca della libertà era una missione di vita.


© Ti-Press / Elia Bianchi

Costruire

Rita ha svolto molti mestieri ma tra tutti non ne ha mai voluto scegliere uno. "Sono lavori che la vita mi ha portato, li ho amati tutti perché ho voluto approfondirli. Senza approfondimento per me non c’è interesse e di riflesso conoscenza e crescita". Una volta si sarebbe chiamata casara o lattaia, piano piano il settore si è evoluto, oggi non bastano più una caldaia, una pentola e qualche fuscella, bisogna maneggiare tecnica. "Ho scelto questo mestiere perché la vita, ogni tanto, ti presenta delle svolte forzate. Nel mio intimo sento che queste svolte ti portano comunque dove dovresti essere. È come se l’esistenza ti dicesse: l’hai capita oppure no, che è quella la tua direzione?". A Rita è capitata una rapina nella gioielleria dove lavorava a Chiasso e un paio di pallottole di striscio, per darle la spinta: direzione "nuova vita".


© Ti-Press / Elia Bianchi

Affidarsi

Antonio Lubrano – giornalista d’inchiesta italiano - soleva dire: "La domanda nasce spontanea". Che il segreto nella vita sia non opporsi agli avvenimenti che accadono e imparare a fluire in ciò che ci bussa alla porta? "Penso sia importante prendere gli eventi che ci capitano come se fossero degli insegnamenti. Non è detto siano castighi. Personalmente ho sempre cercato di trasformare in opportunità quello che incontrava la mia traiettoria". Rita aggiunge che, grazie a questa attitudine, ha scoperto angoli segreti di sé che non sapeva nemmeno esistessero. "È stato rivelatorio e sorprendente. Ho compreso che l’accettazione non significa chinare il capo e subire, bensì è un atteggiamento che accresce la propria forza interiore. Senza questa nuova consapevolezza non sarei arrivata dove sono ora".


© Ti-Press / Elia Bianchi

Anticonformista? Anche no

La sua incontenibile creatività viene incanalata nel suo caseificio ai piedi della collinetta del Penz. Rita è vegetariana: mangiare carne per lei è un tradimento al regno animale e nonostante ciò il suo caseificio è un’officina creativa in cui le materie prime si incontrano e nascono creazioni saporose dove l’olfatto non può rimanere indifferente: "Non mi sento anticonformista perché ho scelto un mestiere apparentemente fuori dalle reti mainstream. Gli ingredienti li devo sentire, toccare, in una parola sola: percepire. Quando entro nel mio laboratorio saluto gli ‘esserini’ – i batteri - che lavorano per me. I formaggi cui do vita raccontano la storia della mia terra, dei sapori, gli odori, i ricordi che fanno parte di me. Se dovessi industrializzarmi come farei a mantenere questo contatto profondo con questa energia?".


© Ti-Press / Elia Bianchi

Amore & latte

Rita oggi è tecnologa del latte per amore. No, non si tratta di un bellimbusto che vive in campagna, ma dell’animale che per lei simboleggia l’essere matriarcale più amorevole che ci sia: la mucca. "La mucca ci dona la sua vita, il suo latte e non da ultimo, rinuncia al suo piccolino. È un essere vivente che rispetto e ringrazio giorno dopo giorno".


© Ti-Press / Elia Bianchi

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved