ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
4 gior

Sportivamente parlando

L’avvento dello sport in Ticino, dalle riserve iniziali ai successivi eccessi (risse incluse)
Ticino7
4 gior

Generazione ‘Aftersun’

Presentato lo scorso maggio a Cannes, è diventato un caso. Paul Mescal (Calum nel film) è candidato all’Oscar come Miglior attore protagonista
Ticino7
5 gior

Il poliziotto Mattia

Mattia Da Dalt si occupa di formazione, interna ed esterna al Corpo di Polizia, dalla scuola dell’infanzia fino agli adulti. Anche con l’amico Peo.
Ticino7
5 gior

Ho visto Jerry Seinfeld

Trattato come uno scarto da chi maneggiava palinsesti, dopo di lui nulla è stato più come prima: buio in sala, sul palco di Tucson la leggenda.
Ticino7
5 gior

Gioco, partita, incontro e citazione

Per inaugurare l’edizione n. 4 dedicata allo sport ticinese, parole di tennis (non ticinese)
Newsletter
1 sett

C’era una volta il primo skilift

È quello di Airolo-Lüina, nato nel 1950. C’erano una volta pure gli Ittiti e Hattusa, città sacra. Attualissimi, invece, gli insulti e gli insetti
Ticino7
1 sett

Da più di settant’anni, a Lüina si scia

‘Per i ragazzi la giornaliera costava 3 franchi, 5 per gli adulti. La salita singola, rispettivamente 30 e 50 centesimi’: storia del primo ski-lift
Ticino7
1 sett

Bärbel Koch e i piccoli abitanti del pianeta

Di Besazio, biologa di formazione con una passione per gli insetti nata durante gli studi, dirige la Società entomologica della Svizzera italiana
Ticino7
1 sett

Hattusa, nell’antica terra degli Ittiti

Scoperta in Turchia, fondata dal bellicoso popolo indoeuropeo venuto dal Caucaso, potrebbe esserne stata la città sacra
Ticino7
1 sett

Scrittore sarà lei!

Jane Austen vs Mark Twain, Virginia Woolf vs James Joyce, Truman Capote vs Jack Kerouac: le vie dell’insulto sono infinite
Ticino7
1 sett

Capra! Capra! Capra! Capra!

Mettiamola così: noi che abbiamo visto Vittorio Sgarbi e pensiamo di aver visto tutto, non abbiamo visto niente
Ticino7
2 sett

Mario Venuti, un equilibrista fra l’Etna e il Corcovado

C’è un pezzo della storia del cantautore siciliano dentro ‘Mai come ieri’, album in cui è presente il duetto con la Cantantessa e tanto Brasile
Ticino7
2 sett

Disavventure latine. Messico: diari da Oaxaca

Nella città che canta l’amore tra un quarantenne e una ventenne, io stesso finirò intrappolato in quelle parole
Ticino7
2 sett

Loretta Bubola, la parola è ‘cambiamento’

La sua missione: mettersi al servizio degli altri ma, in primis, togliersi di dosso strati che non la fanno esprimere per quella che è la sua essenza
Ticino7
2 sett

Il peggio non è passato, ma è comunque ‘Un sabato italiano’

Nella ‘Roma felliniana’ del 1983 usciva l’italian standard di Sergio Caputo, il ‘Re delle tronche’. Ne approfittiamo per fare un po’ di musica...
Ticino7
2 sett

Che musica ascoltano i ‘vampiri’?

Era il 1983, l’anno dell’Ep ‘4AD’, sei testimonianze dell’evoluzione dei Bauhaus (e una piccola nota su ‘Bela Lugosi’s Dead’, che piaceva tanto a Bowie)
Ticino7
2 sett

Permette un ballo?

La danza giova a muscoli e articolazioni, stimola la circolazione sanguigna, migliora l’equilibrio, previene la depressione. Lo diceva anche David Bowie
Ticino7
2 sett

Di tutto un pop: Ballando con Bowie (40 anni di ‘Let’s Dance’)

Galeotta fu Montreux, galeotti furono i Queen, Nile Rodgers e quell’album che fece del visionario Bowie una popstar mondiale
Ticino7
3 sett

I figli unici e il peso dello ‘stile genitoriale’

Gli psicologi (e non solo loro) s’interrogano da sempre su questa condizione, che le contingenze hanno reso nuovamente d’attualità
Ticino7
3 sett

Avere è bello ma desiderare è meglio

Siamo noi che governiamo i desideri o sono i desideri che ci manipolano a loro piacimento?
Ticino7
3 sett

Incapace di solitudine (l’altro Gianni Brera)

Il narratore, quello de ‘Il corpo della ragassa’, ‘Naso bugiardo’, ‘Il mio vescovo e le animalesse’ e altre storie non calcistiche
07.10.2022 - 18:00

Senti chi fischia! È la marmotta

È il più grande roditore della zona alpina. Predilige valli e pascoli con detriti di rocce. E non vede l’ora di andare in letargo, clima permettendo...

di Chiara Piccaluga
senti-chi-fischia-e-la-marmotta
© Ti-Press
+2

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato a laRegione

Vive in una tana con diverse stanze collegate da numerose gallerie sotterranee; le tane estive sono poco profonde e con molte uscite, quelle invernali sono invece costruite più scrupolosamente: hanno una galleria d’accesso che può essere lunga anche diversi metri e conduce a una grande camera che viene imbottita di erba secca, dove la marmotta vivrà nel periodo del letargo. Le tane sono situate in luoghi asciutti, nel terreno solido, su collinette, pendii erbosi, sotto macigni e nelle praterie. Vivono in famiglie e occupano territori ben definiti che possono avere un’estensione anche di 2-3 ettari. La coppia di genitori resta unita per diversi anni
e divide la tana con i piccoli appena nati e i giovani di 2 o 3 anni che, una volta raggiunta la maturità sessuale, abbandoneranno la famiglia.


© Ti-Press

Pugni, guardia e fuggi-fuggi

Successivamente al risveglio dal letargo, che avviene all’incirca ad aprile, inizia il periodo degli amori. Dopo un periodo di gestazione di 33-34 giorni (che avviene ogni 2 anni), verso la metà di maggio la femmina partorisce da 2 a 7 piccoli che pesano circa 30 grammi l’uno e sono nudi e ciechi. Crescono però molto velocemente e a luglio escono già dalla tana e cominciano a nutrirsi di piante decuplicando il loro peso in poco tempo. Tra le abitudini della marmotta è facile osservare la pratica del "pugilato": tra loro si azzuffano con accanimento e mostrano i denti, anche se poi tutto si conclude con squillanti fischi d’allegria e capriole al sole. C’è un’altra peculiarità importante per le marmotte: mentre alcune giocano, le sentinelle stanno all’erta per prevenire gli attacchi dei predatori. Il turno di guardia è obbligatorio ed è il solo dovere imposto dal loro sistema sociale. Durante il periodo del letargo, la cui durata può variare a dipendenza della rigidità del clima, la marmotta deve modificare alcune sue funzioni: innanzitutto
c’è un rallentamento della respirazione (3-4 respiri al minuto) e dei battiti cardiaci, nonché una diminuzione della temperatura corporea (10-11°C). In autunno la marmotta accumula una notevole quantità di grasso che consumerà a partire da ottobre quando cadrà in un sonno profondo e apparirà notevolmente dimagrita all’inizio della primavera poiché avrà perso circa il 40-50% del suo peso.


© Ti-Press

Ottimi scavatori

La marmotta è vegetariana, ama in modo particolare le erbe aromatiche e si nutre inoltre di graminacee, germogli, radici, fiori, frutta e bulbi. Può capitare che occasionalmente si cibi anche di insetti, vermi e altri piccoli animali. Non beve perché il suo fabbisogno d’acqua viene soddisfatto dai succhi delle piante e dalla rugiada. Morfologicamente le marmotte hanno un corpo compatto con testa larga, zampe corte e forti per sostenere un peso che raggiunge i 6 kg prima del letargo. Le zampe sono particolarmente sviluppate e presentano 4 dita quelle anteriori e 5 dita quelle posteriori, inoltre sono dotate di lunghe e forti unghie atte allo scavo. La coda è corta e termina con un ciuffo nero che rende ben visibili i loro movimenti quando sono agitate a causa di un pericolo o all’incontro di un consimile. La pelliccia è folta e ruvida di color grigio-bruno.


© Ti-Press

Fischi e riproduzione

Nell’ottica della difesa nella marmotta sono ben sviluppati i sensi e le strategie di comunicazione. Presenta soprattutto un ottimo udito ma anche una buona vista e un buon olfatto, ma la sua caratteristica più marcata è il suo linguaggio fatto di fischi. In realtà è errato parlare di fischi perché è un suono che emette con la gola e non con le labbra, sarebbe più corretto quindi parlare di "grida della marmotta". Il tasso di riproduzione delle marmotte è assai debole anche se per fortuna viene compensato da una lunghezza della vita media molto alta (anche 18 anni). Tuttavia per evitare di scendere al di sotto della soglia minima di esemplari, in Ticino si sono fatti censimenti regolari a patire dal 1988, mentre i dati sulla consistenza effettiva e i conteggi delle marmotte sul resto dell’arco alpino sono molto rari. In base ai dati relativi ai censimenti si decide la durata del periodo di caccia; per esempio per quest’anno non vige il divieto assoluto ma la caccia è stata aperta durante tre giorni (uno in più dell’anno scorso) nella prima settimana di settembre, con due capi per cacciatore.


© Ti-Press

A sud delle Alpi

In Ticino la marmotta vive soprattutto tra i 1’500 e i 2’500 m s.l.m; il limite sud della sua presenza si situa lungo la catena del Gazzirola - Monte Bar - Caval Drossa fino al Monte Bigorio. Più a est il limite di distribuzione segue i versanti meridionali della Cima dell’Uomo del Madone e del Pilone. La mortalità dipende da molti fattori: le condizioni meteorologiche, le condizioni di svernamento nelle tane eccetera, nonché dai suoi predatori. Oltre all’uomo la marmotta ha due nemici principali: l’aquila reale e la volpe. L’aquila caccia all’aspetto o rasentando in volo i fianchi delle montagne, la volpe caccia anche lei all’aspetto o avvicinandosi alla presa strisciando. Spesso si sopravvaluta l’effetto di questi predatori, entrambi hanno uno spettro alimentare molto ampio e perciò il loro prelievo di marmotte non risulta troppo incisivo o determinante per un possibile rischio di estinzione. Inoltre bisogna dire che la marmotta ha anche sviluppato parecchi meccanismi di difesa come per esempio le tane ben nascoste con numerosi cunicoli di fuga, il colore mimetico della pelliccia, i sensi ben sviluppati, la vita di gruppo e la particolare strategia di comunicazione per mezzo dei "fischi". Questo curioso e attento roditore è quindi in grado di cavarsela con le proprie risorse anche se un aiuto da parte dell’uomo è sicuramente importante soprattutto mantenendo un atteggiamento rispettoso del suo habitat.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved