ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
2 gior

Barbara Conrad corre sempre più in alto

Classe 1977, un passo dietro l’altro, un metro di dislivello sopra l’altro, oggi è fra le appassionate di trail e ultra trail più tenaci del Ticino
Ticino7
2 gior

Arnold Rikli, il dottore del Sole

Il pioniere del ‘turismo’ della salute era svizzero. Nell’800 mise a punto un metodo di cura basato su luce, aria e acqua (applicato anche in Ticino)
Ticino7
3 gior

Covid-19. Il valzer delle statistiche

Mentre secondo alcuni dovremo tornare a fare i conti con la pandemia, la questione dei ricoveri e dei decessi ‘con’ o ‘per’ il virus rimane irrisolta
Ticino7
3 gior

Sano sì, ma all’apparenza

A volte è solo una questione genetica. Molto più spesso stare bene dipende (naturalmente) da noi, da ciò che facciamo, mangiamo e respiriamo
Ticino7
4 gior

Roger Federer: la forza delle emozioni

In occasione del recente annuncio del ritiro, pubblichiamo un approfondito contributo dedicato al fenomeno basilese apparso su ‘Ticino7’ nel febbraio 2018
Ticino7
1 sett

Luca Mengoni: l’arte d’indagare la realtà

Afferma di essere un pragmatico, materialista, poco incline all’introspezione. Le sue opere, però, sono evocative, quasi meditative: un bel mistero
Ticino7
1 sett

Lauro Rodoni e quella cassetta misteriosa

La Val Pontirone è casa sua e quassù fa il pastore più o meno da quando ha imparato a camminare.
Ticino7
1 sett

Disavventure Latine. Messico: Palenque e Campeche

Ascoltare e seguire le dritte di chi è del posto, sarebbe sempre buona cosa... soprattutto quando si tratta di muoversi coi mezzi pubblici
03.09.2022 - 07:00

Burattini immortali (o poche nuove idee?)

Le bugie fanno crescere il naso. Per fortuna solo a Pinocchio, altrimenti sai che disastro...

a cura di Redazione/T7
burattini-immortali-o-poche-nuove-idee
Gina, Pinocchio e Nino nello “sceneggiato” per la tv del 1972 di Luigi Comencini.

Pubblichiamo l’editoriale apparso su Ticino7, allegato a laRegione

Nell’aprile del 1972 la Rai mise in onda uno "sceneggiato televisivo" (così si diceva) in cinque puntate dal titolo Le avventure di Pinocchio. Diretto da Luigi Comencini – quello di Pane, amore e fantasia, del traumatico Incompreso o dell’amarissimo Scopone scientifico con Sordi –, il classico di Collodi (datato 1883) per la tv aveva un cast mica da ridere: da Nino Manfredi in Geppetto a Vittorio De Sica (il Giudice), dalla meravigliosa Lollobrigida nei panni della Fatina dai capelli turchini al duo Franchi/Ingrassia (perfetti come il Gatto e la Volpe). Assieme alla prima animazione firmata dalla Disney nel 1940, il film di Comencini ha creato negli adulti di oggi l’immaginario del burattino di legno bugiardo che riesce a farsi bambino, "un bambino vero". Tanto che (e Roberto Benigni ci perdonerà) per molti il povero falegname non potrà che avere, per l’eternità, la faccia buona e tontolona di Manfredi. Alle vicende di Pinocchio dedichiamo la nostra rubrica settimanale "Altri Schermi" curata da Alba Reguzzi Fuog: l’occasione è buona vista l’imminente uscita di una nuova versione Disney firmata da Robert Zemeckis. A quasi 140 anni dalla prima pubblicazione, con ogni probabilità mai Carlo Collodi avrebbe pensato che la sua invenzione potesse ancora catturare gli occhi sgranati di vecchi e bambini.
O forse è solo il cinema che è a corto di nuove idee.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved