locarno-souvenir-cartoline-dal-festival
© Ti-Press
+8
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
4 gior

Tutto quello che avreste voluto sapere sulla mucca

Il primo addomesticamento risale al 6000 a.C. A livello mondiale, la popolazione è stimata a 1,4 miliardi di capi circa. Quanto al nome...
Ticino7
4 gior

Ciao noia sociale (lascia che ti offra da bere)

Impegniamoci a trasformare la noia in curiosità, perché la curiosità arricchisce, ci spinge a cercare nuovi impulsi, a domandare, a scoprire, a inventare.
Ticino7
5 gior

Danzando con Camilla Stanga

Classe 1996, una passione diventata mestiere. Il suo posto è il palco, ma anche il dietro le quinte del Festival di Narrazione di Arzo
Ticino7
5 gior

Tutto il resto è noia (ma un po’ ce la cerchiamo)

L’assenza di stimoli interessanti nelle nostre vite dipende anche dal nostro scarso impegno a trovarne
Ticino7
1 sett

Live in Ticino. Voci da ‘strani’ concerti del secolo scorso

Una musica ‘fatta apposta per causare la sovreccitazione di cervelli ancora in formazione (...) meno resistenti a vibrazioni ritmate’? Ok, è solo r’n’roll
Ticino7
1 sett

Musica per adulti. Genitore avvisato, ragazzi salvati?

Sesso, droghe, alcool, occultismo, morte, violenze. Il mondo delle arti ne è pieno, e la musica pop e rock li cavalca da sempre. Poi 37 anni fa...
Ticino7
1 sett

Spartiti proibiti (alcuni sì, altri meno)

Sono peggio le droghe visionarie dei Greatful Dead o la sessualità cantata da Jane Birkin?
Ticino7
2 sett

Francesca Cavallo. Essere forti abbastanza

Imprenditrice, scrittrice, attivista, vive a Roma con Dopamina, una gatta. Ha appena pubblicato “Ho un fuoco nel cassetto”, un libro (anche) sulla libertà
Ticino7
2 sett

Bella sì, ma non vuota dentro

“La pelle è lo specchio della tua anima”, mi dicevano. Per questo mi sono rivolta a chi se ne intende (in attesa di fare poi due conti, anche economici)
Ticino7
2 sett

Come trovare una ‘gallina dalle uova d’oro’

Le storie migliori sono quelle di tutti i giorni. E il cinema lo sa bene
Ticino7
3 sett

Pallone e ‘coming out’. L’esempio di Jake Daniels

Certe cose sono dure a morire. Prendete il mondo del calcio professionistico e l’omosessualità, un binomio che a moltissimi fa storcere parecchio il naso
Ticino7
3 sett

Turismo alpino e sicurezza. Ma una volta eravamo ‘più bravi’?

E così, oggi, le montagne sarebbero frequentate da gente sprovveduta e incurante del pericolo... Ma il problema forse è un altro
Ticino7
3 sett

Disavventure Latine. Messico: Francesca fugge dalla muerte

Continua il viaggio e non mancano le sorprese. Come in quel bar dove, già pronto a rinfrescarmi con una birretta, mi dicono che “No, oggi non si beve”...
Ticino7
3 sett

Bambini di genere

A lui piaceva il calcio, ma ai compagni non andava giù che a scuola preferisse giocare con le bimbe. Un bel problema...
Ticino7
1 mese

Nomadismo digitale. L’ultima frontiera della società liquida

Per tutti sono giovani professionisti senza fissa dimora che viaggiano per il mondo continuando a lavorare grazie alla connessione internet. Tutto qui?
Ticino7
1 mese

Il talento, la rete e le speranze di Fabiana Mottis

La pallavolo è uno sport “di famiglia” a casa sua. Ma per raggiungere certi livelli sono la costanza, l’impegno e la dedizione a fare la differenza
Ticino7
1 mese

X, Y, Z, @, # (e tutto quello che sarà)

Sì, è vero: le cose non stanno andando proprio benissimo. Ma non scoraggiamoci, dai...
Ticino7
1 mese

1962-2022: Sympathy for the Rolling Stones

Il 12 luglio del 1962 Mick Jagger e soci salgono su un palco londinese. Icone del rock mondiale, ne ricordiamo gli esordi e i primi – immortali – lavori
Ticino7
1 mese

La vita ‘segreta’ di Tidy Minghetti

Milano, Boston e ancora Milano, posto dal quale poi girare il mondo come ‘voce ufficiale’ di Versace. Almeno fino al 15 luglio 1997, poi...
Ticino7
1 mese

C’è Satisfaction anche dietro le quinte

“Le nozze di Jagger furono la festa più squallida nella storia del rock e in quella del matrimonio”
Ticino7
1 mese

L’arte e l’etica di Lisa Lubrini

Possono il mondo della moda e la sensibilità ambientale dialogare ed essere “produttivi”? Certo, e l’esperienza di questa giovane creativa lo conferma
Ticino7
1 mese

Economia. Dai tulipani al Metaverso (e ritorno)

Fra il 1634 e il 1637 si formò – e rapidamente implose – la prima, catastrofica bolla finanziaria storicamente registrata. Che cosa ci ha insegnato?
Ticino7
1 mese

La storia, i petali e le spine

Parafrasando Marzullo: il denaro aiuta a vivere o si vive per il denaro? La seconda, salvo imprevisti
Ticino7
1 mese

Francesco Aiello. Lo spirito, oltre il corpo

‘Il nostro corpo recepisce le vibrazioni meglio di qualsiasi altra cosa. Siamo degli esseri vibranti e ogni vibrazione ha un influsso sul nostro corpo’
Ticino7
1 mese

Vai col campeggio! (con alcune regole e tanto buon senso)

Dall’invenzione di questa modalità turistica al successo delle strutture ticinesi: cosa c’è dietro al boom della “tenda”?
Ticino7
1 mese

Viaggia che ti passa

Muoversi, anche a zonzo, aiuta ad allargare i propri orizzonti. Ma sempre con coscienza e rispetto
Ticino7
2 mesi

Sara Bonora: una donna e molti ruoli

"Quando ho saputo che aspettavamo un bebè (...) ho provato una gioia infinita, anzi, assurda”. Una genitorialità ‘diversa’ la sua, tutta da raccontare
Ticino7
2 mesi

Tragedia in 5’000 battute (a vostro uso e consumo)

Come parlano i giornalisti? Con gli stessi stereotipi con cui scrivono, come dimostra l’illuminante dialogo tra due note penne della stampa locale
Ticino7
2 mesi

Genitori elicottero. Troppe parole, poche virtù?

“Stai attento! È pericoloso! Non ti sporcare! Ti fai male!”. Mamme e papà troppo protettivi e apprensivi coi figli causerebbero più danni che benefici
Ticino7
2 mesi

Essere genitori e i facili maestri

A educare i figli degli altri sono tutti buoni. È coi propri che le cose si complicano (provare per credere)
Ticino7
2 mesi

Nei ritmi e nello spirito di Diego Calasso

‘La capoeira è uno sport, una danza, una musica da suonare e cantare. È l’arte di esprimersi in assenza di pensiero’ (che a volte annebbia la mente)
Ticino7
2 mesi

Disavventure latine. Messico: tequila & fonduta

Dopo qualche mese di pausa, Roberto si è rimesso in viaggio. Siamo sempre in America Centrale, ma questa volta più a nord di Panama e la Colombia...
Ticino7
2 mesi

España 82: l’anno della rivalsa

Viste le ultime vicende, non parlate di Mondiali agli italiani. È solo un vivere di ricordi. E infatti il 13 giugno del 1982 iniziavano quelli di Spagna
Ticino7
2 mesi

‘Placherò il mio cuore’. Un racconto di Giorgio Genetelli

“Sono vigliacchi, hanno riempito l’universo di frastuoni ma si sgomentano al ramingo ululato, il mio solo, naturale e condannato verbo”
Ticino7
2 mesi

Un risotto ‘milanese’... o forse no

Il classico piatto di riso giallo è un marchio di fabbrica della cucina meneghina e ticinese. Presente nei menù di molti grotti, ma chi l’ha “inventato”?
Ticino7
2 mesi

Michela Rodesino e il piacere dell’ospitalità

Metti una sera, spalla a spalla, in compagnia di perfetti sconosciuti a banchettare in cima a un albero. Il telefonino? Meglio lasciarlo a casa...
Ticino7
2 mesi

Nero = bruciato (è una questione di salute)

Non vogliamo rovinarvi la festa, ma occhio a non esagerare quando grigliate carni e verdure
Ticino7
2 mesi

Gli spiritelli di Igor Mamlenkov

“Come barista guadagnavo moltissimo, ma dalla vita volevo qualcosa di più e non erano soldi”. Quello che ha fatto prima e farà dopo è tutto da leggere...
Ticino7
2 mesi

Il mondo (segreto) dei segnatori

Parole magiche, gesti tramandati oralmente, in famiglia, durante la notte di Natale, pratiche antiche di guarigione. Un fenomeno ancora presente in Ticino
Ticino7
2 mesi

Flavio Sala: vita, video e miracoli

Giù dal palcoscenico, per molti anni ha inseguito una passione e un sogno, divenuto oggi una professione aggiuntiva: ridare vita ai ricordi (di tutti)
Ticino7
2 mesi

Problemi/soluzioni (elogio dell’altro sguardo)

Il punto di vista è fondamentale. E con occhi diversi anche il buio potrebbe apparire meno cupo
Ticino7
2 mesi

Dalla biopolitica alla psicopolitica. La filosofia ci salverà?

‘Nel cuore della relazione di potere, e a provocarla costantemente, c’è la resistenza della volontà e l’intransigenza della libertà’ (Michel Foucault)
Ticino7
2 mesi

Brillante come un ramarro

Verde, azzurro, giallo sono solo alcune delle cromie di quest’agile rettile, dall’indole timida e che può essere considerato il re dei sauri europei
Ticino7
2 mesi

Karin Motta non abbocca, anzi...

“La caccia e la pesca (...) mi avvicinano alla natura, perché si ha l’opportunità di conoscerla da vicino". E se non conosci, come puoi giudicare?
Ticino7
2 mesi

Mele. Dalla Capriasca un nettare rigorosamente ‘doc’

Avete delle piante di mele nel vostro giardino e volete produrre un succo “tutto vostro”? In Ticino si può, seguendo la filosofia della filiera corta
Ticino7
2 mesi

Ambiente & azione

Oltre alla ‘Giornata della buona azione’, questo fine settimana in Svizzera si celebrano anche la natura e gli ecosistemi
Ticino7
3 mesi

Salvare una vita è sempre una buona idea

Nelle acque del Mediterraneo continuano a morire esseri umani, leggi e diritti. Spesso nel silenzio. Ne abbiamo parlato con Cecilia Strada della ONG ResQ
Ticino7
3 mesi

L’occhio sociale di Alessandro Ligato

‘L’arte mi ha insegnato ad avere un pensiero divergente che non si ferma mai all’apparenza ma che tenta, piuttosto, di scoprire cosa c’è sotto il tavolo’
31.07.2022 - 08:00
di Giovanni Medolago

Locarno souvenir (cartoline dal Festival)

“Quando vai a cena con il diavolo, portati un cucchiaio molto lungo…”. Dal Presidentissimo a Ken Loach, ricordi e aneddoti da Piazza Grande (e dintorni)

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato a laRegione

Ormai da qualche anno non lo frequento più, ma perlomeno sino all’agosto prossimo potrò dire di averne seguito la metà delle sue edizioni: 37 su 74. Volevo rendere un omaggio al Festival di Locarno, la "più importante manifestazione culturale della Svizzera", senza la quale - molto probabilmente - non sarei diventato un critico cinematografico. Ho allora pensato a una serie di souvenir riguardanti almeno una parte di ciò che ho vissuto nelle sale locarnesi e in Piazza Grande. Quella "magnifica piazza lombarda" (Raimondo Rezzonico dixit) dove registi affermati e navigati come Wim Wenders, Jean-Luc Godard o Samuel Fuller non poterono nascondere la loro emozione di fronte ai 6, 7, 8mila spettatori. Un pubblico che, viceversa, solo la giovanissima Isabelle Huppert affrontò a muso duro quando, ritirando il premio andato a Les indiens sont encore loin, commentò i fischi piovuti sul palco sentenziando decisa: "Quelli che fischiano non hanno capito un accidente del film". Indimenticabile! Altre performance memorabili, su quel palco, le offrirono un visibilmente già alticcio Aki Kaurismäki ("Sono contento che siate tutti qui, così posso tornare a bere in santa pace"); Ken Loach che, scoperta una banca quale sponsor principale del Festival, estrasse un mestolo ricordando un proverbio inglese: "Quando vai a cena con il diavolo, portati un cucchiaio molto lungo…". E il gigantesco Djibril Diop Mambéty che - presentando Hyènes, versione senegalese de La visita della vecchia signora - spalancò le ali per abbracciare idealmente "mon ami Friedrich Dürrenmatt". Ho tralasciato pure gli incontri con tante star: da Lea Massari all’hitchcockiana Tippi Hedren a Susan Sarandon passando per Jeanne Moreau; da Alberto Sordi a Nanni Moretti, passando da Michel Piccoli. Una cosa mi preme però sottolineare: pur con la Piazza sempre strapiena – nel 1991 fu introdotto un numero chiuso per limitare il debordante afflusso –, nessun incidente si è mai verificato a Locarno. Segno evidente della maturità di un pubblico che, passandosi il testimone di generazione in generazione, merita altre 75 edizioni di un Festival rimasto sempre in splendida forma, nonostante le mille tempeste che ha dovuto attraversare.

1974: Livio Vacchini

È l’anno del mio esordio da semplice spettatore al Festival, che da qualche anno - grazie a una geniale intuizione dell’arch. Livio Vacchini - si è dotato di quello che sarebbe diventato il Salotto della kermesse locarnese. Quella Piazza Grande dove suscitava ancora curiosità la cabina di proiezione, ricavata dal telaio di due piscine in poliestere, sistemate una sopra all’altra. Frequentavo la Scuola reclute a Svitto, e francamente avrei voluto passare altrimenti la serata di quel sabato! La mia morosa l’ebbe tuttavia vinta, portandomi a vedere Daisy Miller, film di Peter Bogdanovich tratto dall’omonimo romanzo di Henry James. Una "cuteléta" incredibile, per la quale dovetti altresì scucire 15 franchetti, cifra assurda per uno che doveva accontentarsi del "soldo da soldato" (2,35 al dì). Ma si sa: gli inizi poco promettenti si rivelano poi i migliori. E Bogdanovich ebbe infatti modo di riscattarsi, offrendoci film cult come Saint Jack (con un formidabile Ben Gazzara) e l’irresistibile Rumori fuori scena.


© Ti-Press

1976: "Fare" gli svizzeri

Per la prima volta si superano le 2’000 presenze in Piazza Grande. Il record se lo aggiudica un regista romando, Alain Tanner con il suo delizioso Jonas che avrà vent’anni nel 2000. È forse l’ultimo acuto della cinematografia elvetica, che ha vissuto negli anni appena trascorsi una significativa rinascita internazionale, soprattutto grazie alla "Scuola ginevrina" dove a Tanner fanno compagnia Claude Goretta, Michel Soutter, Jean-Louis Roy e Jean-Jacques Lagrange. Sulle rive del Verbano approdano anche due giovani cineasti svizzero-tedeschi destinati a un brillante futuro: Markus Imhoof (due candidature all’Oscar, purtroppo poi sfumato) presenta Fluchtgefahr; mentre Rolf Lyssy ci offre Konfrontation. Lyssy tornerà due anni dopo a Locarno con Die Schweizermacher, film che è stato per vent’anni quello più visto in Svizzera (un milione di biglietti staccati, quando la Confederazione contava 6 milioni di abitanti!), superato solo dal kolossal Titanic.

1977: Villi Hermann

È l’unica volta che un Pardo (sia pur "solo" d’Argento) resta in Ticino. Il merito va al regista, sceneggiatore (con la moglie Eve Martin) e produttore (con il Filmkollektiv Zürich) Villi Hermann. Con San Gottardo - film a metà tra documentario, ricostruzione storica e fiction - ripercorre criticamente i processi economici e sociali che resero possibile una delle opere più straordinarie dell’Ottocento, e certo non solo per il nostro Paese, tracciando altresì un parallelo con i lavori del tunnel autostradale, che sarebbe stato inaugurato nel 1980. Folta e qualificatissima la presenza ticinese nel cast artistico e tecnico: lo scrittore Giovanni Orelli, il filosofo e prof. universitario Giairo Daghini, il direttore della fotografia Renato Berta (grande carriera in Francia, culminata col César) e tra gli attori Dimitri e Cito Steiger, il quale intona alcuni brani popolari accompagnato dal "suo" Teatro Panzini Zirkus di Lugano. Al film andarono poi molti altri importanti riconoscimenti internazionali.


© Ti-Press

1978: Sandro Bianconi

Esco dal Cinema Rex dopo aver assistito a I pigri della valle fertile, del greco Nikos Panayotopoulos. È tratto dal romanzo omonimo di Albert Cossery (scrittore egiziano trapiantato in Francia, dove fu amico di Boris Vian e Raymond Quenau, e fu soprannominato il Voltaire del Nilo), pubblicato giusto 30 anni prima. Sono strabiliato, ma il mio prof alle Magistrali, Sandro Bianconi (già Direttore del Festival nei tempi difficili attorno al fatidico 1968), frena il mio entusiasmo col suo tipico intercalare: "No, no… niente: queste cose le ha già fatte Luis Buñuel trent’anni or sono!". Qualche volta anche i mèntori prendono una cantonata: il film ellenico si aggiudicò infatti il Pardo d’Oro e fu acclamato dal pubblico nella "proiezione premio" in chiusura del Festival in Piazza Grande. Forse Buñuel se la rise sotto i baffi, di certo a me restò impressa la definizione del regista ellenico sui film che si vedevano a Locarno: "Niente chewing gum per gli occhi!".


© Ti-Press

1978 bis: (Troppa) pioggia

È l’anno della grande alluvione che sconvolse il Ticino e soprattutto proprio il Locarnese. Il Festival non è ancora "esploso" in quanto a presenze e si può tranquillamente trovare posteggio a due passi da Piazza Grande. È quello che faccio una mezz’oretta prima della proiezione serale per un buon caffè. Non riesco a gustarmelo perché si scatena il finimondo! Forse stenterete a crederlo, ma in pochi minuti l’acqua esce dal Verbano e irrompe in zona Piazza travolgendo i tavolini di tutti i bar. Sono al riparo sotto i portici, però devo affrontare l’uragano quando l’acqua minaccia la mia R4: meglio andarsene prima che l’auto finisca nel lago… Il giorno dopo il Ticino si sveglia contando i morti e lamentando danni biblici. Sarà proprio il Festival a dare immediato inizio alla rinascita del cantone: due sere dopo (il tempo strettamente necessario per rimuovere macerie e legname) si torna in Piazza. Per una volta, l’abusato e talvolta ipocrita "The show must go on" è pienamente giustificato.

1979: Delicato erotismo

È l’anno del primo scandalo che ricordo al Festival. In Concorso c’è Immacolata e Concetta, dramma del napoletano Salvatore Piscitelli che descrive l’amore tra due donne; due emarginate che si sono conosciute e innamorate in carcere. Immacolata è una splendida e bravissima Ida De Benedetto, la quale lavorò poi anche sui set di Werner Schröter, Mario Monicelli, Nanni Loy e tra gli altri Carlo Lizzani. Lo scandalo "doveva" nascere da una cruda scena di sesso lesbico, ma fu spento subito con una memorabile lezione impartita dal prof. Angelo Gregorio alla conferenza stampa al Grand Hotel che seguì la proiezione. Insegnante al Liceo di Lugano e sceneggiatore per Villi Hermann e Heinz Bütler, Gregorio - campano doc - spiegò la differenza che nel cinema corre tra erotismo e pornografia. La sua arringa difensiva pro Piscitelli portò quest’ultimo alla conquista del Pardo d’Argento! Quello d’Oro andò a Sürü (Il gregge), scritto in carcere dal martire curdo Yilmaz Güney e diretto dal suo amico Zeki Ökten.

1982: Raimondo Rezzonico

Raffinato regista dalla filmografia ridotta perché approntava un set solo quando aveva qualche cosa di veramente importante da comunicare, Fabio Carpi presenta Quartetto Basileus, accompagnato da un cast d’attori da leccarsi le orecchie: Omero Antonutti, François Simon, Alain Cuny e Michel Vitold. Tutti li vedono già in groppa al Pardo, ma la Giuria decreta che "nessun film è stato riconosciuto degno del maggior riconoscimento". Fu quella l’unica occasione in cui il Presidentissimo Raimondo Rezzonico - persona solare dall’eterno sorriso e l’entusiasmo contagioso - si mostrò davvero incavolato. E ne aveva ben donde: un premio nemmeno assegnato voleva dire che a Locarno s’erano viste solo pellicole di livello mediocre. Una volta superata l’arrabbiatura, Rezzonico proclamò: "Da domattina mi metterò al lavoro e nel Regolamento del Festival ci sarà un nuovo articolo: la Giuria


© Ti-Press

1988: Capolavori ritrovati

Approda in Piazza un dei capolavori più vividi e intensi visti al Festival dal vostro cronista, La commissaria. Tratto da un racconto di Vassilij Grossman e realizzato nel 1967, fu immediatamente censurato e il suo autore, Aleksandr Askol’dov, fu spedito in provincia a fare il portiere d’albergo. Narra la leggenda che, vent’anni dopo, Askol’dov si presentò a Sergio Leone e Robert De Niro, giurati al Festival di Mosca, e umilmente propose loro di dare un’occhiata al suo primo e unico film. Per nostra fortuna le due star accettarono e fu il trionfo, con due Orsi berlinesi andati immediatamente a quest’opera in b&n caratterizzata da riprese con la cinepresa in spalla, "accensioni metaforiche, scarti tra realismo e impennate surrealistiche, gusto dell’invenzione figurativa al limite del virtuosismo, ricorso al montaggio parallelo per esprimere ricordi, sogni e incubi. Rolan Bykov, nei panni dell’artigiano ebreo Efim, è un mimo eccezionale che rende con efficacia un’allegria da naufrago" (M. Morandini).

1989: Politica e bisognini

Gli incontri (con registi, attori, produttori, tecnici) che seguono le proiezioni, a Locarno - a differenza degli altri Festival - sono aperti a tutti e non solo ai cosiddetti addetti ai lavori. A distanza di pochi giorni, il Festival ci offrì l’occasione per farci due risate. La prima piuttosto amara: il cineasta cinese Dai Sijie ha appena presentato il suo lavoro, ambientato in una casa di rieducazione dove finirono migliaia di "nemici del popolo" durante la Rivoluzione culturale maoista. Uno spettatore gli chiede quali siano le sue aspettative circa il futuro della Cina (si era a pochi mesi dalla strage di Tienanmen). Lui risponde con serafica naïveté: "È una domanda che va rivolta a politologi e sociologi: io, come avete visto dal mio film, non mi occupo di politica". La seconda, certo più spassosa: un malizioso interlocutore, cui evidentemente non era piaciuto il film Tennesse Nights, chiede al protagonista Julian Sands: "È così corrucciato perché qualche fischio ha accompagnato la proiezione?". L’attore britannico, che tiene il suo pargoletto sulle ginocchia, ribatte: "Niente affatto. È solo che questo bambino ha appena fatto pipì sui miei pantaloni!".

1990: Retrospettive vincenti

La Retrospettiva è da sempre considerata uno dei fiori all’occhiello della kermesse locarnese. Affidata a critici e storici del cinema di altissimo livello internazionale, questa particolare Sezione del Festival ha permesso a molti aficionados di ri/scoprire autori caduti nell’oblio per svariati motivi: le mode che cambiano, l’industria del cinema che dimentica volentieri i maestri per rincorrere incassi sempre più rilevanti al botteghino e anche le censure ideologiche. Alla faccia di chi starnazza(va) che "il cinema vive a Locarno solo dieci giorni", la Retrospettiva verbanese veniva poi regolarmente richiesta dalle maggiori capitali europee (Londra, Berlino, Parigi). In quell’anno, protagonista di una clamorosa riscoperta fu Lev Kuleshov. Giovani cinefili così come incalliti critici di mezzo mondo furono ben felici di godersi l’umorismo di Le straordinarie avventure di Mr. West nel paese dei bolscevichi – 1924; commedia satirica con un meccanismo comico costruito a suon di gag, smorfie, capriole e strizzate d’occhio in camera look, in pieno stile Mack Sennett, l’indiscusso re della slapstick comedy hollywoodiana – così come i severi moniti di Dura lex, sed lex (1926), tratto da un racconto di Jack London. Un altro grande del cinema sovietico come Vsevolod Pudovkin sentenziò: "Noi facciamo film, Kuleshov ha fatto il cinema".

1999: Sempre a Sinistra

È l’ultima volta che il Presidentissimo Raimondo Rezzonico si rivolge alla Madonna del Sasso "affinché convinca Giove Pluvio a mandarcela buona!". Lascerà il compito a Giuseppe Buffi, il quale – purtroppo - non avrà modo di svolgerlo, stroncato da un infarto pochi giorni prima di Locarno 2000. Un’edizione che si ricorda soprattutto per lo sguardo rivolto all’Oriente: quello Estremo, col Pardo d’Oro a Perché Bodhi Dharma è partito per l’Oriente?, il Medio (Pardo d’Argento a La nascita dell’indiano Shaji Karun) e quello più vicino a noi: l’iraniano Abbas Kiarostami (ennesima grande scoperta locarnese) premiato col Bronzo per Dov’è la casa del mio amico?. Protagonisti di un simpatico siparietto sul palco della Piazza, il Pardo d’Onore Daniel Schmid e Luigi Faloppa, da anni voce ufficiale della rassegna che per una volta può annunciare live: "Al 52esimo Festival internazionale del Film di Locarno (pausa studiata, ndr), il regista Daniel Schmid, Svizzera, presenta Beresina. Film (altra pausa) fuori Concorso". Nel film ha solo una particina, ma è visibilmente commosso quando il Salotto del Festival gli riserva una delle più calorose ovazioni mai sentite a Locarno. Tra il pubblico anche Ruth Dreyfuss, che Schmid saluta così: "Sono molto orgoglioso di avere una Presidentessa donna, ebrea e di sinistra: penso sia un caso unico al mondo!".


© Ti-Press

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved