flavio-sala-vita-video-e-miracoli
© Ti-Press
+4
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
20 ore

L’arte e l’etica di Lisa Lubrini

Possono il mondo della moda e la sensibilità ambientale dialogare ed essere “produttivi”? Certo, e l’esperienza di questa giovane creativa lo conferma
Ticino7
1 gior

Economia. Dai tulipani al Metaverso (e ritorno)

Fra il 1634 e il 1637 si formò – e rapidamente implose – la prima, catastrofica bolla finanziaria storicamente registrata. Che cosa ci ha insegnato?
Ticino7
1 gior

La storia, i petali e le spine

Parafrasando Marzullo: il denaro aiuta a vivere o si vive per il denaro? La seconda, salvo imprevisti
Ticino7
1 sett

Francesco Aiello. Lo spirito, oltre il corpo

‘Il nostro corpo recepisce le vibrazioni meglio di qualsiasi altra cosa. Siamo degli esseri vibranti e ogni vibrazione ha un influsso sul nostro corpo’
Ticino7
1 sett

Vai col campeggio! (con alcune regole e tanto buon senso)

Dall’invenzione di questa modalità turistica al successo delle strutture ticinesi: cosa c’è dietro al boom della “tenda”?
Ticino7
1 sett

Viaggia che ti passa

Muoversi, anche a zonzo, aiuta ad allargare i propri orizzonti. Ma sempre con coscienza e rispetto
Ticino7
2 sett

Sara Bonora: una donna e molti ruoli

"Quando ho saputo che aspettavamo un bebè (...) ho provato una gioia infinita, anzi, assurda”. Una genitorialità ‘diversa’ la sua, tutta da raccontare
Ticino7
2 sett

Tragedia in 5’000 battute (a vostro uso e consumo)

Come parlano i giornalisti? Con gli stessi stereotipi con cui scrivono, come dimostra l’illuminante dialogo tra due note penne della stampa locale
Ticino7
2 sett

Genitori elicottero. Troppe parole, poche virtù?

“Stai attento! È pericoloso! Non ti sporcare! Ti fai male!”. Mamme e papà troppo protettivi e apprensivi coi figli causerebbero più danni che benefici
Ticino7
2 sett

Essere genitori e i facili maestri

A educare i figli degli altri sono tutti buoni. È coi propri che le cose si complicano (provare per credere)
Ticino7
3 sett

Nei ritmi e nello spirito di Diego Calasso

‘La capoeira è uno sport, una danza, una musica da suonare e cantare. È l’arte di esprimersi in assenza di pensiero’ (che a volte annebbia la mente)
Ticino7
3 sett

Disavventure latine. Messico: tequila & fonduta

Dopo qualche mese di pausa, Roberto si è rimesso in viaggio. Siamo sempre in America Centrale, ma questa volta più a nord di Panama e la Colombia...
Ticino7
3 sett

España 82: l’anno della rivalsa

Viste le ultime vicende, non parlate di Mondiali agli italiani. È solo un vivere di ricordi. E infatti il 13 giugno del 1982 iniziavano quelli di Spagna
Ticino7
4 sett

‘Placherò il mio cuore’. Un racconto di Giorgio Genetelli

“Sono vigliacchi, hanno riempito l’universo di frastuoni ma si sgomentano al ramingo ululato, il mio solo, naturale e condannato verbo”
Ticino7
4 sett

Un risotto ‘milanese’... o forse no

Il classico piatto di riso giallo è un marchio di fabbrica della cucina meneghina e ticinese. Presente nei menù di molti grotti, ma chi l’ha “inventato”?
Ticino7
4 sett

Michela Rodesino e il piacere dell’ospitalità

Metti una sera, spalla a spalla, in compagnia di perfetti sconosciuti a banchettare in cima a un albero. Il telefonino? Meglio lasciarlo a casa...
Ticino7
4 sett

Nero = bruciato (è una questione di salute)

Non vogliamo rovinarvi la festa, ma occhio a non esagerare quando grigliate carni e verdure
Ticino7
1 mese

Gli spiritelli di Igor Mamlenkov

“Come barista guadagnavo moltissimo, ma dalla vita volevo qualcosa di più e non erano soldi”. Quello che ha fatto prima e farà dopo è tutto da leggere...
Ticino7
1 mese

Il mondo (segreto) dei segnatori

Parole magiche, gesti tramandati oralmente, in famiglia, durante la notte di Natale, pratiche antiche di guarigione. Un fenomeno ancora presente in Ticino
Ticino7
1 mese

Problemi/soluzioni (elogio dell’altro sguardo)

Il punto di vista è fondamentale. E con occhi diversi anche il buio potrebbe apparire meno cupo
Ticino7
1 mese

Dalla biopolitica alla psicopolitica. La filosofia ci salverà?

‘Nel cuore della relazione di potere, e a provocarla costantemente, c’è la resistenza della volontà e l’intransigenza della libertà’ (Michel Foucault)
Ticino7
1 mese

Brillante come un ramarro

Verde, azzurro, giallo sono solo alcune delle cromie di quest’agile rettile, dall’indole timida e che può essere considerato il re dei sauri europei
Ticino7
1 mese

Karin Motta non abbocca, anzi...

“La caccia e la pesca (...) mi avvicinano alla natura, perché si ha l’opportunità di conoscerla da vicino". E se non conosci, come puoi giudicare?
28.05.2022 - 09:44

Flavio Sala: vita, video e miracoli

Giù dal palcoscenico, per molti anni ha inseguito una passione e un sogno, divenuto oggi una professione aggiuntiva: ridare vita ai ricordi (di tutti)

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato a laRegione

Questa è la storia del salvataggio di un patrimonio visivo in via d’estinzione al quale è venuto in soccorso un restauratore senza pennelli, innamorato dei cartoon e del vintage.

All’entrata del suo studio, accanto alla sua casa di Agarone, spicca come una colonna dorica un’affascinante pila di ‘pizze’, così vengono chiamate nel mondo del cinema le metalliche scatole discoidali che contengono la pellicola di un film, di un documentario, di una trasmissione. Oppure di un cartone animato, come in questo caso, il 12esimo episodio di Star Blazers, anime giapponese trasmesso per la prima volta in italiano nel novembre del 1980 dall’allora Tsi, che ne fece curare l’edizione italiana alla Sincrovox. Cartone esteso più tardi all’Italia. Star Blazers è tra le serie più amate da Flavio Sala, anche se purtroppo, ci fa notare, in questo caso la pellicola è molto deteriorata. Al netto dell’entusiasmo, a lui si deve il lavoro di restauro degli originali di parecchie serie su commissione della Rsi. Perché smessi i panni del Bussenghi e di altre più o meno comiche identità, lasciate solo periodicamente le redini dell’omonima compagnia teatrale, con la Agr videostudio (agrvideostudio.com) Sala si è occupato del restauro e della digitalizzazione di una parte consistente dell’archivio televisivo della Rsi, oltre che della preservazione di preziosi ricordi di celluloide di altre istituzioni e privati cittadini, in un lavoro che da passione è diventato mestiere negli ultimi anni.


© Ti-Press

Autodidatta

"Ho sempre avuto la passione del montaggio video", ci racconta nel suo studio-laboratorio tra apparecchi capaci di leggere tutta la nostra storia di uomini pre-digitali. "Come praticamente tutto ciò di cui mi sono occupato finora, ho iniziato anche qui come autodidatta. Ero videoamatore come il mio amico Alberto Meroni. Con un gruppo di amici realizzavo film amatoriali; l’ultimo, una parodia di Dracula, è stata la mia tesi di laurea all’Accademia di Brera. Avrei voluto occuparmi solo della recitazione, perché quello era il mio interesse principale, ma nessuno sapeva affrontare la parte tecnica e, volente o nolente, mi sono dovuto occupare del montaggio e della sonorizzazione". Esperienza tornatagli utile quando, anni dopo, si è trattato di realizzare i Frontaliers. Prima di arrivare all’imponente archivio Rsi, quindi, è dall’amatoriale che si deve partire: "Diverse ditte avevano cominciato a digitalizzare i filmini Super 8, li mettevano su videocassetta prima e su dvd dopo, ma la qualità era spesso parecchio scadente. Negli ultimi anni è però arrivato il Cinescan, un apparecchio capace di digitalizzare fotogramma per fotogramma la pellicola scansionandola direttamente dal supporto originale in alta definizione, per poi restaurarla con l’ausilio di software dedicati, una volta importata nel computer. È l’apparecchio in mio possesso più costoso, ma non è l’unico: da anni colleziono apparecchiature in grado di digitalizzare i vecchi formati analogici pensando che un giorno ne avrei potuto farne un mestiere". Fatto.


© Ti-Press

Il ‘bestione’

Tra tutta la pesantissima tecnologia vintage da cui si è piacevolmente accerchiati – il Bvh della Sony che legge il nastro magnetico da un pollice, uno dei vari formati broadcast per la trasmissione tv, e poi Betacam, Svhs, Vhs, DvCam, MiniDV, U-matic (i feticisti sono accontentati) –, nello studio salta all’occhio un bestione da (a occhio) qualche centinaio di chili. È il lettore per il cosiddetto ‘separato magnetico 16mm’. "Quando da piccoli vedevamo i telefilm in televisione, così come alcuni documentari, per i servizi in esterno, oltre ovviamente ai film veri e propri, l’immagine proveniva da una pellicola solitamente 16 mm e l’audio da un nastro magnetico anch’esso di 16 mm, mandati in onda in sincrono". L’apparecchio che permette la lettura del nastro magnetico 16 mm, che contiene informazioni di altissima qualità visto lo spessore, nel caso di Sala arriva dalla fu Polivideo. Con esso, tutte le sofisticate apparecchiature in dotazione all’Agr videostudio hanno permesso di recuperare parecchio materiale televisivo a rischio deterioramento.


"Star Blazers"

‘Star Blazers’, naturalmente

Il restauro di tutti i filmati di famiglia della Fondazione Braglia, tra i primi lavori di Sala, sono arrivati alle orecchie della Rsi che tramite la fondazione che sta digitalizzando gli archivi, in pieno lockdown, gli ha affidato ore e ore di digitalizzazione da completarsi in 18 mesi, lavoro che volge ormai al termine: "È stato digitalizzato di tutto: documentari, vecchi servizi del Regionale, trasmissioni di ogni genere e tanto materiale culturale. Ma mi sono occupato anche di diverse serie d’acquisto. La Rsi fece doppiare in italiano tantissime serie tv mai trasmesse nella Penisola, che rischiavano di andare perse per sempre". Qualche tesoro? "Alcune serie credo siano ormai dimenticate, ma i fan pagherebbero per vedere i Tripodi, che abbiamo trasmesso in italiano soltanto noi". C’è Star Blazers, naturalmente: "Fu fatto doppiare in lingua italiana dalla Rsi, che ne aveva acquisito i diritti per prima. Lo stesso vale per la prima telenovela importata dal Brasile, La schiava Isaura". Le nonne ricorderanno. "E poi La pietra bianca, una miniserie televisiva svedese, l’edizione francese de Il Conte di Montecristo o il Michele Strogoff", dallo struggente tema di Vladimir Cosma. "In genere, il Cinescan permette di ottenere i lavori migliori, perché la qualità della pellicola resta impareggiabile: contiene molte più informazioni rispetto al digitale e soprattutto al nastro magnetico, perché non è una sintesi ma un’emulsione organica. Ha una sorta di ‘vita propria’ ".


"Jeeg Robot"

... e poi ‘Jeeg Robot’

Per finire: il reperto più prezioso? "Mi arriverà. È stata trovata una pellicola 16 mm del 1930, pare si tratti di un lavoro realizzato dai cineamatori in occasione di uno dei loro primi raduni. Dal punto di vista emozionale, però, per me niente vale la prima puntata di Jeeg Robot, l’uomo d’acciaio vista da piccolo. Mi rendo conto che qui parla l’eterno bambino che è in me, ma pensare di avere tra le mani la pellicola della puntata vista la prima volta da piccolo non ha pari…". Sala schiaccia il tasto play e ne esce – tirato a lucido – un limpidissimo "Corri ragazzo laggiù / vola tra lampi di blu": restituito dal monitor ai suoi sgargianti colori, il difensore dell’umanità, quarant’anni dopo, fa ancora la sua sporca figura.


I "Tripodi".


© Ti-Press

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
flavio sala jeeg robot nastro magnetico star blazers tripodi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved