mele-dalla-capriasca-un-nettare-rigorosamente-doc
© Shutterstock
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
21 ore

L’arte e l’etica di Lisa Lubrini

Possono il mondo della moda e la sensibilità ambientale dialogare ed essere “produttivi”? Certo, e l’esperienza di questa giovane creativa lo conferma
Ticino7
1 gior

Economia. Dai tulipani al Metaverso (e ritorno)

Fra il 1634 e il 1637 si formò – e rapidamente implose – la prima, catastrofica bolla finanziaria storicamente registrata. Che cosa ci ha insegnato?
Ticino7
1 gior

La storia, i petali e le spine

Parafrasando Marzullo: il denaro aiuta a vivere o si vive per il denaro? La seconda, salvo imprevisti
Ticino7
1 sett

Francesco Aiello. Lo spirito, oltre il corpo

‘Il nostro corpo recepisce le vibrazioni meglio di qualsiasi altra cosa. Siamo degli esseri vibranti e ogni vibrazione ha un influsso sul nostro corpo’
Ticino7
1 sett

Vai col campeggio! (con alcune regole e tanto buon senso)

Dall’invenzione di questa modalità turistica al successo delle strutture ticinesi: cosa c’è dietro al boom della “tenda”?
Ticino7
1 sett

Viaggia che ti passa

Muoversi, anche a zonzo, aiuta ad allargare i propri orizzonti. Ma sempre con coscienza e rispetto
Ticino7
2 sett

Sara Bonora: una donna e molti ruoli

"Quando ho saputo che aspettavamo un bebè (...) ho provato una gioia infinita, anzi, assurda”. Una genitorialità ‘diversa’ la sua, tutta da raccontare
Ticino7
2 sett

Tragedia in 5’000 battute (a vostro uso e consumo)

Come parlano i giornalisti? Con gli stessi stereotipi con cui scrivono, come dimostra l’illuminante dialogo tra due note penne della stampa locale
Ticino7
2 sett

Genitori elicottero. Troppe parole, poche virtù?

“Stai attento! È pericoloso! Non ti sporcare! Ti fai male!”. Mamme e papà troppo protettivi e apprensivi coi figli causerebbero più danni che benefici
Ticino7
2 sett

Essere genitori e i facili maestri

A educare i figli degli altri sono tutti buoni. È coi propri che le cose si complicano (provare per credere)
Ticino7
3 sett

Nei ritmi e nello spirito di Diego Calasso

‘La capoeira è uno sport, una danza, una musica da suonare e cantare. È l’arte di esprimersi in assenza di pensiero’ (che a volte annebbia la mente)
Ticino7
3 sett

Disavventure latine. Messico: tequila & fonduta

Dopo qualche mese di pausa, Roberto si è rimesso in viaggio. Siamo sempre in America Centrale, ma questa volta più a nord di Panama e la Colombia...
Ticino7
3 sett

España 82: l’anno della rivalsa

Viste le ultime vicende, non parlate di Mondiali agli italiani. È solo un vivere di ricordi. E infatti il 13 giugno del 1982 iniziavano quelli di Spagna
Ticino7
4 sett

‘Placherò il mio cuore’. Un racconto di Giorgio Genetelli

“Sono vigliacchi, hanno riempito l’universo di frastuoni ma si sgomentano al ramingo ululato, il mio solo, naturale e condannato verbo”
Ticino7
4 sett

Un risotto ‘milanese’... o forse no

Il classico piatto di riso giallo è un marchio di fabbrica della cucina meneghina e ticinese. Presente nei menù di molti grotti, ma chi l’ha “inventato”?
Ticino7
4 sett

Michela Rodesino e il piacere dell’ospitalità

Metti una sera, spalla a spalla, in compagnia di perfetti sconosciuti a banchettare in cima a un albero. Il telefonino? Meglio lasciarlo a casa...
Ticino7
4 sett

Nero = bruciato (è una questione di salute)

Non vogliamo rovinarvi la festa, ma occhio a non esagerare quando grigliate carni e verdure
21.05.2022 - 20:00

Mele. Dalla Capriasca un nettare rigorosamente ‘doc’

Avete delle piante di mele nel vostro giardino e volete produrre un succo “tutto vostro”? In Ticino si può, seguendo la filosofia della filiera corta

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato a laRegione

Per fare un buon succo, ci vuole una buona mela. Lo sanno bene i responsabili del gruppo di lavoro ProFrutteti, nato nel 2006 all’interno di Capriasca Ambiente. Da una decina di anni, in collaborazione con la fattoria La Fonte di Vaglio – che ha pure messo a disposizione la struttura e gli spazi – si occupano anche della produzione di succo di mele, con i propri frutti o con quelli portati dai privati.

"Già a fine Ottocento a Sala Capriasca funzionava un torchio, dove la gente poteva portare le proprie mele per ricavarne del succo", ricorda Fulvio Gianinazzi, giardiniere arboricoltore, presidente di Capriasca Ambiente e tra i fondatori di ProFrutteti. "Noi abbiamo insomma ripreso e riproposto quanto già i nostri avi facevano ai loro tempi". Inizialmente il gruppo è nato per salvaguardare le antiche varietà di mele presenti sul territorio della Capriasca selezionando quelle ritenute interessanti per poi moltiplicarle in un frutteto ad alto fusto dove i primi alberi vennero piantati attorno al centro balneare di Tesserete per poi proseguire nella località ‘Nava’, dove tuttora sono presenti 150 alberi di melo che rappresentano 75 varietà uniche o rare.
"Da subito ci si è posti la domanda: ma cosa fare poi di tutte le mele in un prossimo futuro? La risposta è venuta a breve, e dopo aver chiesto informazioni su come trasformare le mele in un prodotto finito, si è pensato alla possibilità di installare un torchio per la produzione di succo e un pastorizzatore. La fattoria protetta La Fonte di Vaglio era il luogo ideale per questo progetto, che dava la possibilità di farvi capo tanto ai privati che avevano alberi di mele, quanto a chi, come la scuola media locale, poteva raccoglierle dagli alberi messi a disposizione dai privati. Interessante era anche la collaborazione pratica con parte degli utenti della Fonte con il responsabile dell’intero progetto, un non indifferente valore sociale e ambientale. In pochi anni il quantitativo di mele torchiate è passato da 15 tonnellate alle 30 tonnellate delle annate migliori".

Il succo di una passione

Poter garantire ai privati la certezza di produrre un succo dalle proprie mele è stato uno dei successi di tutto il progetto. Con la consegna di un minimo di 50 di mele, si garantisce la produzione del proprio succo, ciò che non è possibile dai produttori professionali.

Signor Gianinazzi, come risponde la popolazione a questa vostra iniziativa? Ci sono rispondenza e interesse?
"Direi proprio di sì, e non solo in Capriasca. Al torchio della Fonte arriva gente un po’ da tutto il cantone, ciascuno con le sue mele, e riparte con il proprio succo in cartoni, pastorizzato. In una stagione, che generalmente va dall’ultima settimana di agosto alla prima di novembre, le mele lavorate al torchio sono davvero tante, fino a due tonnellate al giorno".

Quali caratteristiche deve avere una mela per poterne ricavare un buon succo? E quanto è la resa?
"Mediamente, per ogni quintale di mele, col nostro torchio la resa è del 60-65%, ma molto dipende logicamente anche dalla varietà. Un anno ci sono state consegnate delle mele provenienti da Brè, dunque da una quota di circa 900 metri, la cui resa è stata addirittura dell’85%. Ovviamente questa varietà locale, di cui non abbiamo trovato altri testimoni, è stata poi moltiplicata e riprodotta, e ora è presente nei frutteti di conservazione di ProFrutteti. Ma questa non è che una delle varietà interessanti e particolarmente indicate per il succo di mele. C’è per esempio la ‘Pom Rossin’, un unicum a livello svizzero, presente praticamente solo in Capriasca: una mela piccolina rossa, dall’evidente colorazione rosata della polpa (da cui il nome), che già in passato veniva impiegata per fare il mosto o la ‘Porgnec’ ottima pure lei, per citarne solo alcune".

E con le classiche ‘Golden’, pure da queste si può ricavare un buon succo?
"La famiglia delle ‘Golden’ – di cui fanno parte le ‘Gala’ e molte altre – sono mele che sono state selezionate negli anni Sessanta e che hanno avuto un successo tale da soppiantare la grande maggioranza di varietà presenti allora. Una mela dalla pezzatura regolare, una maturazione regolare, dolce ma sicuramente non fatta per produrre succo di qualità. Una resa insufficiente soprattutto se molto matura, la cui spremuta produce più schiuma che succo. Oltretutto si tratta di una varietà molto sensibile alle malattie e per la quale gli interventi fitosanitari sono importanti, con un impatto notevolmente negativo sull’ambiente".

Fulvio Gianinazzi ha collaborato e collabora attivamente ai progetti di ProFrutteti, ma la vera esperta che ha dedicato e vi si dedica tuttora con entusiasmo è Muriel Hendrichs che, in seguito a un Master in etnobotanica, nel 2007 è entrata a far parte del gruppo e oggi è considerata una "pomologa" di tutto rispetto non solo nel nostro Paese ma anche all’estero.


Arrivano le mele!


La preparazione delle mele tritate prima della torchiatura. Negli anni migliori a Vaglio passano sino a 30 tonnellate di mele.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
capriasca fulvio gianinazzi mele muriel hendrichs profrutteti torchio
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved