ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
3 gior

Sportivamente parlando

L’avvento dello sport in Ticino, dalle riserve iniziali ai successivi eccessi (risse incluse)
Ticino7
3 gior

Generazione ‘Aftersun’

Presentato lo scorso maggio a Cannes, è diventato un caso. Paul Mescal (Calum nel film) è candidato all’Oscar come Miglior attore protagonista
Ticino7
4 gior

Il poliziotto Mattia

Mattia Da Dalt si occupa di formazione, interna ed esterna al Corpo di Polizia, dalla scuola dell’infanzia fino agli adulti. Anche con l’amico Peo.
Ticino7
4 gior

Ho visto Jerry Seinfeld

Trattato come uno scarto da chi maneggiava palinsesti, dopo di lui nulla è stato più come prima: buio in sala, sul palco di Tucson la leggenda.
Ticino7
4 gior

Gioco, partita, incontro e citazione

Per inaugurare l’edizione n. 4 dedicata allo sport ticinese, parole di tennis (non ticinese)
Newsletter
1 sett

C’era una volta il primo skilift

È quello di Airolo-Lüina, nato nel 1950. C’erano una volta pure gli Ittiti e Hattusa, città sacra. Attualissimi, invece, gli insulti e gli insetti
Ticino7
1 sett

Da più di settant’anni, a Lüina si scia

‘Per i ragazzi la giornaliera costava 3 franchi, 5 per gli adulti. La salita singola, rispettivamente 30 e 50 centesimi’: storia del primo ski-lift
Ticino7
1 sett

Bärbel Koch e i piccoli abitanti del pianeta

Di Besazio, biologa di formazione con una passione per gli insetti nata durante gli studi, dirige la Società entomologica della Svizzera italiana
Ticino7
1 sett

Hattusa, nell’antica terra degli Ittiti

Scoperta in Turchia, fondata dal bellicoso popolo indoeuropeo venuto dal Caucaso, potrebbe esserne stata la città sacra
Ticino7
1 sett

Scrittore sarà lei!

Jane Austen vs Mark Twain, Virginia Woolf vs James Joyce, Truman Capote vs Jack Kerouac: le vie dell’insulto sono infinite
Ticino7
1 sett

Capra! Capra! Capra! Capra!

Mettiamola così: noi che abbiamo visto Vittorio Sgarbi e pensiamo di aver visto tutto, non abbiamo visto niente
Ticino7
2 sett

Mario Venuti, un equilibrista fra l’Etna e il Corcovado

C’è un pezzo della storia del cantautore siciliano dentro ‘Mai come ieri’, album in cui è presente il duetto con la Cantantessa e tanto Brasile
Ticino7
2 sett

Disavventure latine. Messico: diari da Oaxaca

Nella città che canta l’amore tra un quarantenne e una ventenne, io stesso finirò intrappolato in quelle parole
Ticino7
2 sett

Loretta Bubola, la parola è ‘cambiamento’

La sua missione: mettersi al servizio degli altri ma, in primis, togliersi di dosso strati che non la fanno esprimere per quella che è la sua essenza
Ticino7
2 sett

Il peggio non è passato, ma è comunque ‘Un sabato italiano’

Nella ‘Roma felliniana’ del 1983 usciva l’italian standard di Sergio Caputo, il ‘Re delle tronche’. Ne approfittiamo per fare un po’ di musica...
Ticino7
2 sett

Che musica ascoltano i ‘vampiri’?

Era il 1983, l’anno dell’Ep ‘4AD’, sei testimonianze dell’evoluzione dei Bauhaus (e una piccola nota su ‘Bela Lugosi’s Dead’, che piaceva tanto a Bowie)
Ticino7
2 sett

Permette un ballo?

La danza giova a muscoli e articolazioni, stimola la circolazione sanguigna, migliora l’equilibrio, previene la depressione. Lo diceva anche David Bowie
Ticino7
2 sett

Di tutto un pop: Ballando con Bowie (40 anni di ‘Let’s Dance’)

Galeotta fu Montreux, galeotti furono i Queen, Nile Rodgers e quell’album che fece del visionario Bowie una popstar mondiale
Ticino7
3 sett

I figli unici e il peso dello ‘stile genitoriale’

Gli psicologi (e non solo loro) s’interrogano da sempre su questa condizione, che le contingenze hanno reso nuovamente d’attualità
Ticino7
3 sett

Avere è bello ma desiderare è meglio

Siamo noi che governiamo i desideri o sono i desideri che ci manipolano a loro piacimento?
Ticino7
3 sett

Incapace di solitudine (l’altro Gianni Brera)

Il narratore, quello de ‘Il corpo della ragassa’, ‘Naso bugiardo’, ‘Il mio vescovo e le animalesse’ e altre storie non calcistiche
Ticino7
3 sett

Mirko Cotti Piccinelli tra Sashimi e community

Social Media Manager per laRegione, sogna di cambiare il nostro cantone, “che a molti dei miei coetanei e non solo – dice – va sempre più stretto”.
Ticino7
3 sett

E ti amo Rino

Rino Gaetano non compare nella lista dei figli unici che hanno fatto la storia, perché fu il fratello di Giuseppe e Anna. Al suo posto c’è una canzone
Ticino7
1 mese

Giallo con roselline. Un racconto di Giorgio Genetelli

“Maramore non aveva resistito al passo lungo della donna e l’aveva fermata vicino a un bar, le aveva accennato, erano entrati, avevano parlato...”
Ticino7
1 mese

Andreas Gysin e l’arte “cibernetica”

Mentre il nuovo anno è dietro l’angolo, il percorso dell’artista e designer ticinese racconta di un futuro che è già qua (per chi non se n’è accorto)
Ticino7
1 mese

In attesa della Rondine

Vive soprattutto nelle campagne e in Svizzera si stima una popolazione di 100-150mila coppie. Una cifra fortemente diminuita negli ultimi vent’anni
Ticino7
1 mese

Sentitamente ringraziamo. E felice anno nuovo!

“Ciò che ci sta alle spalle e ciò che ci sta di fronte, sono ben poca cosa rispetto a ciò che è dentro di noi” (Ralph W. Emerson, 1803-1882)
Ticino7
1 mese

Buoni propositi per l’anno che verrà?

Come funzionano le abitudini e come poterle cambiare. Evitando di cadere nel tranello delle ‘grandi ed eroiche aspettative’
Ticino7
1 mese

Friedrichstrasse. Sei note berlinesi

“La serenità è ridurre la distanza tra il fuori e il dentro, per esempio tra il fuori e il dentro di noi. La serenità è nel non coprire”
Ticino7
1 mese

Quattro tiri con Remo Semmler (tutti a canestro)

È stato uno dei fondatori del Gruppo Paraplegici Ticino ed è al timone dei cestisti dei Ticino Bulls. Ha la capa tosta e ama le sfide, leggere per credere
Ticino7
1 mese

L’insospettabile Merlo acquaiolo

È possibile vederlo anche in città, purché vi siano fiumi o ruscelli che possano garantirgli un luogo per la nidificazione e puliti per trovare nutrimento
Ticino7
1 mese

Incanto e disincanto: versi (inediti) di Alberto Nessi

“(...) Si accorgerà della mia assenza / questo carpino bianco, senza foglie / nella stagione dell’abbandono?”
Ticino7
1 mese

Dai che passa, l’importante è non mollare

Anche sotto Natale, la società si divide: chi all’eccitazione delle feste non resiste, chi fa buon viso e mangia... e poi quelli che bene bene non stanno
Ticino7
1 mese

Amrita Hospital: perché le cure sono un diritto per tutti

Viaggio alla scoperta di una struttura sanitaria privata dove sostenibilità, tecnologia e spiritualità si intrecciano. Qui i più poveri non pagano
Ticino7
1 mese

Disavventure Latine. Messico: respirare in Città

Con circa 22 milioni di abitanti, è la 12esima metropoli più popolosa del mondo. Forse basterebbe questo per capire cosa stiamo per raccontare...
Ticino7
1 mese

La Scarabattola: Napoli e l’arte del presepe

Quando l’Italia non si scaldava ancora alle idee progressiste dei geniali fratelli Scuotto, l’estero li riconosceva come artisti liberi e visionari
19.02.2022 - 10:14
Aggiornamento: 20.02.2022 - 19:19

NFT. Se la proprietà diventa digitale

I “Non Fungible Token” – letteralmente “gettoni non fungibili” – sono una sorta di sistema di certificazioni digitali. Roba per specialisti? Anche no

di Federica Cameroni
nft-se-la-proprieta-diventa-digitale
© Shutterstock
+1

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Come si fa a possedere un meme o una gif? Come si può stabilire il valore monetario di un’opera digitale che è facilmente replicabile e indistinguibile dall’originale? Come far valere i diritti d’autore su internet? A provare a risolvere questi problemi è di nuovo la tecnologia blockchain, la stessa alla base delle criptovalute. Lo fa attraverso i Non Fungible Token. Un’invenzione niente male, se non fosse che…

Un bene è non fungibile quando non ha equivalenti con cui poter essere scambiato. Per esempio, un quadro originale di Picasso. Esistono le copie, ma il valore dell’originale è unico. Al contrario una saponetta di una determinata marca in vendita al supermercato è un bene fungibile, siccome non ne esiste un’unica versione al mondo. Un token (gettone) è un insieme di informazioni che caratterizzano un file. In breve, gli NFT sono informazioni la cui unicità viene verificata dalla blockchain, un immenso registro che tiene traccia di tutte le transazioni e assicura che i dati non possano essere falsificati. Possedere un NFT non significa diventare padroni dell’opera, è piuttosto come acquisire un attestato di rarità.
La popolarità degli NFT è esplosa nel 2017, grazie a un gioco chiamato Cryptokitties. Il principio, circa il medesimo del tamagotchi, consiste nell’allevare gattini virtuali. I cripto-gattini sono acquistabili in Ether (criptovaluta che alimenta la blockchain di Ethereum) e hanno un valore diverso a seconda della rarità. Dal 2017 a oggi sono stati creati NFT legati a qualsiasi oggetto digitale. Sono stati venduti tweet, il codice del primo internet (world wide web); pezzetti di video di partite dell’NBA e anche una casa (virtuale) su Marte. Il tutto a prezzi strabilianti. Il 19 febbraio 2021 è stata venduta una celebre gif (Nyan Cat) a 545mila dollari pagati in Ether. La stessa settimana è stata venduta una clip di una schiacciata di LeBron James a 208mila dollari. A marzo 2021 è stata venduta all’asta a quasi 70 milioni di dollari un’opera intitolata The First 5’000 days del graphic designer e artista digitale Beeple. Dolce & Gabbana hanno venduto sottoforma di NFT la loro "Collezione Genesi" (abiti che fisicamente non esistono) per un totale di 1’885’719 Ether (6 milioni di dollari circa). Secondo l’aggregatore di siti di rivendita NFT Crypto.art il mercato della cripto arte ha attualmente raggiunto i 2’307’335’144.90 $ (713’227’929 ETH).


© Shutterstock
Gli NFT vengono utilizzati in diverse applicazioni specifiche che richiedono oggetti digitali unici come cripto arte, oggetti da collezione digitali e giochi online.

Come funzionano

Per creare un NFT la sequenza informatica (composta da numeri 0 e 1) dell’oggetto digitale che si vuole tokenizzare, viene compressa tramite un procedimento detto hashing che risulta non invertibile, cioè non si può ricostruire un documento partendo da un hash. Alcune blockchain prevedono la possibilità di creare un gettone (token) in cui contenere l’hash e a cui è possibile associare un’etichetta temporale. Chi possiede le giuste competenze può codificare il proprio NFT da solo, più generalmente ci si affida a piattaforme che semplificano il processo. Solitamente il gettone viene poi "registrato" su una piattaforma di marketplace che organizza la compravendita (tramite asta o a prezzo unico). Una volta acquistato, l’NFT viene trasferito nel portafoglio virtuale dell’acquirente e la blockchain registra la transazione. Acquistando NFT si acquista un file legato a un oggetto digitale. Non si possiedono i diritti di autore, non si può impedirne la diffusione o deciderne la cancellazione. Ci si può "vantare" di averlo e sperare di riuscire a rivenderlo a una grossa cifra. Per questo vengono spesso paragonati a figurine autografate o a carte collezionabili. Semplificando, tramite procedimenti crittografici è possibile ridurre immagini, video, audio e altro, a codici a cui associare dei gettoni. È possibile poi stipulare contratti associati a questi gettoni, in cui viene, ad esempio, compresa una percentuale su ogni futura vendita di un determinato NFT a favore dell’autore. Vi sono poi piattaforme che permettono di gestirne la compravendita e semplificano la creazione dell’NFT. La blockchain registra la transazione e garantisce che l’opera acquistata sia unica e immutabile.


© Shutterstock
Bored Ape Yacht Club: è il nome del più grande gruppo NFT (quelli che possiedono Paris Hilton e Gwyneth Paltrow). Due dei principali fondatori sono Greg Solano (pseudonimo "Gargamella", uno scrittore ed editore di trentenne), e Wylie Aronow ("Gordon Goner"), originario della Florida.

Critiche

Il problema maggiore degli NFT è il medesimo delle criptovalute. L’enorme impatto energetico derivato dalla loro creazione. Wired riporta che creare un NFT consuma l’energia necessaria ad alimentare un’abitazione europea per un mese e mezzo. Il grande consumo è dato dalla validazione, il sistema per cui i computer in competizione fra loro puntano a risolvere un complicato enigma crittografico (proof of work). La blockchain di Ethereum sta cercando di passare a un sistema meno dispendioso (proof of shake); ma la transizione è ancora lunga.
L’impressione è che quella degli NFT sia una bolla speculativa. Beni digitali destinati a chi vuole investire in criptovalute; il cui valore è legato a dinamiche di marketing più che a criteri di qualità. Secondo ArtThou, piattaforma per il commercio dell’arte contemporanea, "ogni scintillante visione utopica di un ecosistema decentralizzato di creatori e collezionisti è già stata minata" e il mercato degli NFT è controllato da intermediari tecnologici influenti come SuperRare, OpenSea, Nifty Gateway o Rarible. Anche CoinDesk, nella sua newsletter dedicata alle novità sulla blockchain (The Node), afferma che il mercato degli NFT è già centralizzato e dominato da OpenSea. Nemmeno per gli artisti il sistema NFT sembra essere così vantaggioso, dal momento che premia soprattutto i primi arrivati (che godono di maggiore visibilità dato il numero maggiore di feedback da parte degli utenti). Inoltre, diventando imprenditori, il rischio è che gli artisti mettano in secondo piano la qualità per favorire i guadagni; producendo in base a ciò che risulta vendibile. In un’intervista per The Syllabus il musicista e compositore Brian Eno ha affermato: "Gli NFT mi sembrano solo un modo per gli artisti di ottenere una piccola parte dell’azione dal capitalismo globale, la nostra piccola versione carina della finanziarizzazione".
Siccome l’NFT non è un’opera, ma più una specie di certificato di proprietà che la rappresenta, quel che la blockchain garantisce è il possesso, assicurando l’unicità dei dati che una volta validati non possono essere contraffatti (così come le transazioni che restano immutabilmente registrate). Non può analizzare i contenuti o verificarne la genuinità. Una stessa opera potrebbe essere registrata su due piattaforme diverse (non dal medesimo autore); oppure una persona potrebbe fingersi autore di opere non sue e trasformarle in NFT. A marzo 2021 Simon Stålenhag, artista digitale, ha scoperto che le sue opere erano state trasformate in NFT a sua insaputa, denunciando l’accaduto su Twitter. Sulla paternità delle opere sussiste anche un problema più ampio. Come si può, per esempio, stabilire il vero autore di un meme, quando la sua stessa natura prevede che venga manipolato da più persone? Come si fa a decidere quale forma costituisca l’originale, quindi stabilire quella che ha valore?


© Shutterstock
Metaverso: è una sorta di universo parallelo nel quale un individuo si rapporta con gli altri attraverso un proprio avatar.

Il web 3

Gli NFT si inseriscono perfettamente nella retorica che domina i discorsi sul web 3: decentralizzato e basato su blockchain, dove la realtà aumentata avrà grande spazio e i pagamenti nei mondi digitali avverranno in cripto. Secondo gli autori della campagna Keep the web free, say no to Web3 con il web 3 si creerà una società ancora più polarizzata. Si tratta di una realtà che può essere compresa solo da chi possiede le giuste competenze tecnico finanziarie, si creerebbe dunque quella che viene chiamata asimmetria informativa, dove solo una parte della popolazione possiede informazioni corrette o migliori. Inoltre, il mercato dei token seguirebbe, in moltissimi casi, uno schema di Ponzi. L’acquirente, per aumentare i propri guadagni e poter vendere token a prezzi considerevolmente alti deve creare clamore: pubblicizzare il prodotto e reclutare acquirenti, così da aumentare il valore del proprio asset. Infine, secondo gli autori, le cifre sborsate dai grandi investitori (come riporta il New York Times sono stati investiti nel 2021 più di $ 27 miliardi in criptovalute e progetti correlati) dovrebbero far sorgere il sospetto che sia un’idea "guidata da persone che hanno già investito milioni di dollari per assicurarne il successo". Visione che trova concorde Jack Dorsey, il creatore di Twitter che a dicembre 2021 ha twittato più volte esprimendosi sarcasticamente sul web 3.
Stephen Diehl, programmatore e sviluppatore, in un articolo intitolato "Web3 is Bullshit" pubblicato nel suo blog, sostiene che i discorsi sul web 3 non siano altro che un "trucco retorico per creare una falsa dicotomia tra il mondo degli annunci popup e Zuckerberg - che legittimamente fa schifo - e un mondo fantastico costruito su sogni irrealizzabili tecnologicamente incoerenti e falso cripto-populismo". Secondo Diehl non esiste possibilità di decentralizzare il sistema, se il fine resta quello espansionistico: "Gestire un business globale su questa scala richiede una quantità inevitabile di centralizzazione solo per esistere". Il tutto a costi energetici enormi e rendendo sempre più difficile mantenere il controllo su contenuti abusivi. La stessa idea d’imporre una scarsità nel mondo di internet, quando i contenuti sono inesauribili, sarebbe assurda secondo Diehl: "Siamo passati dal mondo dell’abbondanza nel cloud computing, al tentativo di imporre la scarsità artificiale alla risorsa più abbondante che l’umanità abbia mai creato".
Nonostante gli innumerevoli problemi da risolvere derivati dall’internet delle cose e il grande entusiasmo legato al mondo cripto; è difficile immaginare un internet che non sia controllato da pochi. Anche l’idea di disintermediare, smantellando istituzioni radicate che controllano il mercato, mettendo a diretto contatto compratori e venditori, non basta da sola ad assicurare la bontà delle azioni future. D’altra parte, era la stessa cosa che Uber prometteva di fare con il trasporto, Amazon con il commercio, o Airbnb con l’ospitalità.


© Shutterstock
L’NFT va creato. Un’opera, per esempio il ‘Cenacolo’ di Leonardo da Vinci, può diventare NFT, cioè si può digitalizzare e far diventare NFT. Dandole così un certificato di autenticità e originalità. L’NFT non è una delle tante copie di un oggetto, ma è un certificato che quell’opera, unica, ha una versione digitale altrettanto unica. Per creare un NFT è necessario un procedimento tramite blockchain e il costo dipende dalla transazione su Ethereum, ad oggi fra le principali criptovalute dopo i famosissimi Bitcoin.

Leggi anche:

Social e comunicazione. I ‘meme’ e le pillole d’ironia

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved