parole-sull-acqua-quei-sentimenti-mai-detti
© M. Invernizzi
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 gior

Live in Ticino. Voci da ‘strani’ concerti del secolo scorso

Una musica ‘fatta apposta per causare la sovreccitazione di cervelli ancora in formazione (...) meno resistenti a vibrazioni ritmate’? Ok, è solo r’n’roll
Ticino7
2 gior

Musica per adulti. Genitore avvisato, ragazzi salvati?

Sesso, droghe, alcool, occultismo, morte, violenze. Il mondo delle arti ne è pieno, e la musica pop e rock li cavalca da sempre. Poi 37 anni fa...
Ticino7
2 gior

Spartiti proibiti (alcuni sì, altri meno)

Sono peggio le droghe visionarie dei Greatful Dead o la sessualità cantata da Jane Birkin?
Ticino7
1 sett

Francesca Cavallo. Essere forti abbastanza

Imprenditrice, scrittrice, attivista, vive a Roma con Dopamina, una gatta. Ha appena pubblicato “Ho un fuoco nel cassetto”, un libro (anche) sulla libertà
Ticino7
1 sett

Locarno souvenir (cartoline dal Festival)

“Quando vai a cena con il diavolo, portati un cucchiaio molto lungo…”. Dal Presidentissimo a Ken Loach, ricordi e aneddoti da Piazza Grande (e dintorni)
Ticino7
1 sett

Bella sì, ma non vuota dentro

“La pelle è lo specchio della tua anima”, mi dicevano. Per questo mi sono rivolta a chi se ne intende (in attesa di fare poi due conti, anche economici)
Ticino7
1 sett

Come trovare una ‘gallina dalle uova d’oro’

Le storie migliori sono quelle di tutti i giorni. E il cinema lo sa bene
Ticino7
2 sett

Pallone e ‘coming out’. L’esempio di Jake Daniels

Certe cose sono dure a morire. Prendete il mondo del calcio professionistico e l’omosessualità, un binomio che a moltissimi fa storcere parecchio il naso
Ticino7
2 sett

Turismo alpino e sicurezza. Ma una volta eravamo ‘più bravi’?

E così, oggi, le montagne sarebbero frequentate da gente sprovveduta e incurante del pericolo... Ma il problema forse è un altro
Ticino7
2 sett

Disavventure Latine. Messico: Francesca fugge dalla muerte

Continua il viaggio e non mancano le sorprese. Come in quel bar dove, già pronto a rinfrescarmi con una birretta, mi dicono che “No, oggi non si beve”...
Ticino7
2 sett

Bambini di genere

A lui piaceva il calcio, ma ai compagni non andava giù che a scuola preferisse giocare con le bimbe. Un bel problema...
Ticino7
3 sett

Nomadismo digitale. L’ultima frontiera della società liquida

Per tutti sono giovani professionisti senza fissa dimora che viaggiano per il mondo continuando a lavorare grazie alla connessione internet. Tutto qui?
Ticino7
3 sett

Il talento, la rete e le speranze di Fabiana Mottis

La pallavolo è uno sport “di famiglia” a casa sua. Ma per raggiungere certi livelli sono la costanza, l’impegno e la dedizione a fare la differenza
Ticino7
3 sett

X, Y, Z, @, # (e tutto quello che sarà)

Sì, è vero: le cose non stanno andando proprio benissimo. Ma non scoraggiamoci, dai...
Ticino7
4 sett

1962-2022: Sympathy for the Rolling Stones

Il 12 luglio del 1962 Mick Jagger e soci salgono su un palco londinese. Icone del rock mondiale, ne ricordiamo gli esordi e i primi – immortali – lavori
Ticino7
1 mese

La vita ‘segreta’ di Tidy Minghetti

Milano, Boston e ancora Milano, posto dal quale poi girare il mondo come ‘voce ufficiale’ di Versace. Almeno fino al 15 luglio 1997, poi...
Ticino7
1 mese

C’è Satisfaction anche dietro le quinte

“Le nozze di Jagger furono la festa più squallida nella storia del rock e in quella del matrimonio”
Ticino7
1 mese

L’arte e l’etica di Lisa Lubrini

Possono il mondo della moda e la sensibilità ambientale dialogare ed essere “produttivi”? Certo, e l’esperienza di questa giovane creativa lo conferma
Ticino7
1 mese

Economia. Dai tulipani al Metaverso (e ritorno)

Fra il 1634 e il 1637 si formò – e rapidamente implose – la prima, catastrofica bolla finanziaria storicamente registrata. Che cosa ci ha insegnato?
25.12.2021 - 10:00
Aggiornamento: 27.12.2021 - 07:46

Parole sull’acqua. Quei sentimenti mai detti

La vera storia di una bottiglia, di un amore, di un lago (quello di Locarno). Perché anche nell’era di TikTok certe cose si posso lasciare solo al destino

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato settimanale de laRegione

Che ne è stato di Cyrano de Bergerac, di Rodolfo Valentino e tutti gli altri? Il romanticismo, quello fatto di parole e gesti affettuosi, di amore, tanto amore e una vena poetica non è morto. Nemmeno di questi tempi, in cui la quotidianità è scandita dal ritmo frenetico che hanno preso le nostre vite. Oggi siamo sempre più intenti a inseguire qualcosa, a portare avanti qualcosa, a cercare di portarlo a termine entro una scadenza prestabilita e che troppo spesso siamo noi a imporci. Perché? Altrettanto spesso la risposta non la sappiamo dare nemmeno noi, perché una volta completata una cosa, ci rituffiamo a capofitto in un altro progetto. In un ciclo perpetuo di cui non si vede la fine. E nel tempo libero Più che anelare al nostro shakespeariano Romeo o alla nostra Giulietta, per chi ancora non l’ha trovato o trovata, ci limitiamo a ‘sopravvivere’ occupando il tempo morto tra un’ambizione (materiale) e l’altra. Magari seduti sul divano scanalando con il telecomando.


© M. Invernizzi

Roba da film

In un marasma di trasmissioni e film, praticamente a tutti sarà allora capitato di imbattersi, almeno casualmente – anche se gli ‘aficionados’ sono parecchi, anche nel nostro piccolo Ticino –, in Maria De Filippi versione Cupido a presentare C’è posta per te. Con tanto di scenografie strappalacrime e quattro impavidi postini, al secolo Gianfranco Apicerni, Andrea Offredi, Marcello Mordino e Chiara Carcano, pronti a girare in bici tutt’Italia (o, almeno questo è quanto viene lasciato intendere ai telespettatori) per recapitare una missiva, d’amore, a una persona cara di cui si sono perse le tracce o con cui da tempo si sono chiusi i ponti, mentre il mittente se ne sta lì in studio in attesa di capire se quel messaggio avrà un seguito oppure no. Chi non si è sentito partecipe di questa trasmissione, calandosi almeno per qualche minuto nei panni di uno degli ospiti di Maria-Cupido? Oppure ha fatto il ‘tifo’ per far riscoccare una scintilla ormai spenta? D’accordo, sono storie che succedono altrove, in Italia, tanto vicina ma per certi versi anche tanto lontana, ma chi l’ha mai detto che qualcosa di simile non possa accadere anche da noi? Chissà, forse, se anche da noi ci fosse stata una trasmissione simile, magari con una Clarissa Tami in veste di Cupido-De Filippi, e un Luis Landrini oppure ancora un Fabrizio Casati versione Eddy Merckx pronto a pedalare su e giù per le strade della Svizzera con un messaggio d’amore da consegnare, la vicenda di cui andiamo a raccontarvi sarebbe approdata sugli schermi della nostra televisione, tenendoci un po’ tutti col fiato sospeso. A ben guardare, il nostro racconto somiglia più alla storia narrata da Nicholas Sparks in Le parole che non ti ho detto (Message in a Bottle, 1998), dove il Romeo in questione è Garrett Blake, oppure ancora il film Letters to Juliet di Gary Winick, con una giornalista che si imbatte in vecchie lettere d’amore e cerca di ricostruirne il mosaico.


© M. Invernizzi

Parole dal Verbano

Il nostrano Romeo, che così chiameremo per evidenti motivi, sceglie infatti di fare qualcosa di simile ai personaggi narrati da Sparks e Winick. Con non meno romanticismo (anzi!), di quelli che nella Penisola vanno appunto a bussare alla porta di Maria De Filippi. L’ambientazione è quella del Locarnese, ai tempi del coronavirus, in pieno lockdown. Dove tutto si ferma, e riaffiorano i pensieri, anche quelli a cui si era cercato di sfuggire. Così capita anche a lui, al nostro Romeo. Che in un remoto paesino del Locarnese si rigira nel letto pensando alla sua amata, colei che avrebbe voluto diventasse sua moglie (“Peccato che non si può tornare indietro a quel giorno e aver parlato di più, magari proprio qui (…), mentre passeggiando mano nella mano ti avrei chiesto di sposarmi”), ma che per ragioni a noi sconosciute l’ha respinto. Cosa sia successo nei dettagli Romeo non lo dice.
O meglio, non lo dice nella lettera a cui ha affidato le sue pene d’amore. Qualcosa però lo racconta a proposito della sua Giulietta. Si sa che lei è l’unica figlia femmina di una famiglia di un’altra etnia e che fuma, oltre a rivelarne la professione. Romeo racconta della sua amata (al passato e al presente), del suo amore ormai non più corrisposto (“hai portato nella mia vita tutto il tuo amore e così ho fatto anch’io”), di quella vita che sarebbe potuta essere assieme e della sua pena nel dimenticarla (“questo lockdown mi ha fatto riflettere e fermare un attimo, ma poi quando entro nel letto ti penso e inizio a piangere”). Ne nasce appunto una lettera, quattro pagine manoscritte su altrettanti fogli arancioni. Che poi infila in una bottiglia e affida all’acqua. Che, scorrendo, porta le sue pene d’amore fino al Lago Maggiore, dove viene rinvenuta, ben conservata, da un gruppo di giovani sportivi. Chissà cosa ha fatto sì che le strade di Romeo e Giulietta si separassero, e chissà se il disperato appello del primo, affidato all’acqua, arriverà mai alle orecchie e al cuore della sua amata. Le domande che riaffiorano assieme alla bottiglia dalle acque locarnesi sono tante, e nessuno, se non i diretti interessati, conoscerà mai la risposta. Ma in fondo è giusto anche così, che sul romanticismo e l’amore di ogni coppia cali un velo di privacy, sperando che il buon Cupido faccia il suo lavoro.


© M. Invernizzi

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
amore bottiglia giulietta lago verbano romeo social
© Regiopress, All rights reserved