un-giorno-nella-vita-di-una-ghiandaia
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
2 ore

Brillante come un ramarro

Verde, azzurro, giallo sono solo alcune delle cromie di quest’agile rettile, dall’indole timida e che può essere considerato il re dei sauri europei
Ticino7
6 ore

Karin Motta non abbocca, anzi...

“La caccia e la pesca (...) mi avvicinano alla natura, perché si ha l’opportunità di conoscerla da vicino". E se non conosci, come puoi giudicare?
Ticino7
17 ore

Mele. Dalla Capriasca un nettare rigorosamente ‘doc’

Avete delle piante di mele nel vostro giardino e volete produrre un succo “tutto vostro”? In Ticino si può, seguendo la filosofia della filiera corta
Ticino7
1 gior

Ambiente & azione

Oltre alla ‘Giornata della buona azione’, questo fine settimana in Svizzera si celebrano anche la natura e gli ecosistemi
Ticino7
6 gior

Salvare una vita è sempre una buona idea

Nelle acque del Mediterraneo continuano a morire esseri umani, leggi e diritti. Spesso nel silenzio. Ne abbiamo parlato con Cecilia Strada della ONG ResQ
Ticino7
1 sett

L’occhio sociale di Alessandro Ligato

‘L’arte mi ha insegnato ad avere un pensiero divergente che non si ferma mai all’apparenza ma che tenta, piuttosto, di scoprire cosa c’è sotto il tavolo’
Ticino7
1 sett

Se volevo essere un riempimento di vuoti nascevo stucco

Perché è così difficile per le persone percepire la differenza tra essere disponibili ed essere a disposizione?
Ticino7
1 sett

Dimmi come ti chiamano (e ti dirò chi sei)

Ti si attacca addosso in un attimo e ti accompagna per tutta la vita, spesso finendo per diventare anche un nome di famiglia alternativo: è il soprannome
Ticino7
1 sett

Quello sei tu, davvero

Hai voglia a costruirti un profilo pubblico rispettabile, se poi quelli che ti conoscono veramente...
Ticino7
2 sett

Gabriel Stöckli e l’età dell’incertezza

La durezza e la semplicità delle forme coinvolte nelle sue creazioni sono anche la metafora della precarietà della sua generazione
Ticino7
2 sett

Storie e curiosità col ‘ghiro d’Italia’ (ma senza sudare)

Anche se non siete amanti della bici, qui potrete trovare pane per i vostri denti. Perché in su e in giù seguendo la Maglia Rosa non si pedala e basta...
Ticino7
2 sett

Il castoro cerca casa, uomo permettendo

Cacciato, estinto e reintrodotto. Anche quella di questo ingegnoso roditore è la storia di una convivenza fragile e complessa con l’homo sapiens
Ticino7
2 sett

Essere ‘Supergiovani’ dentro

“Nel boschetto della mia fantasia c’è un fottio di animaletti un po’ matti inventati da me, che mi fanno ridere quando sono triste”
Ticino7
3 sett

La scelta ‘silenziosa’ di Claudio Zanini

Guida un’auto elettrica e con 120mila chilometri alle spalle l’esperienza è molto positiva. A parte quei costi legati alla ricarica ‘da migliorare’...
Ticino7
3 sett

Guidare elettrico: lo stile fa la differenza

Come si guida un veicolo con motore elettrico, con un occhio ad autonomia e resa, e rientrare nei margini di percorrenza promessi dai costruttori?
Ticino7
3 sett

Elettrificazione. Ok, la parola è giusta

Piccola guida per capirci qualcosa in un universo fatto di sigle, corrente, cavi, potenza, batterie, prese e molto inglese
18.12.2021 - 19:51

Un giorno nella vita di una ghiandaia

Vivace e rumorosa, tra i rami si muove con grande agilità compiendo brevi voli e anche grandi salti. E grazie alla sua dieta, i faggeti prosperano

di Chiara Piccaluga

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione

Della famiglia dei Corvidi, specie Garrulus glandarius, questo uccello molto diffuso nei nostri boschi è riconoscibile grazie alla macchia bianca-azzurra presente sulle ali nere. La particolare predilezione per le ghiande, da cui deriva il nome, e l’abitudine a sotterrarle come scorta per l’inverno, rendono questo volatile un ottimo agente per la diffusione delle querce.

La ghiandaia nidifica in tutta Europa dal 65° parallelo nord al Mediterraneo, ed è diffusa anche nell’Africa nord-occidentale, nell’Asia Minore, in Palestina, a Oriente attraverso la Siberia fino al Giappone, Cina e Indocina. Trascorre le giornate nei boschi, in particolare tra querceti, castagneti, pinete; predilige zone in prossimità di corsi d’acqua coperte da fitta vegetazione, margini di campi e frutteti vicini ad aree boschive.
È un uccello lungo circa 34 centimetri con un piumaggio bruno-rosato con coda nera, ali nere con una macchia bianca e una azzurra, e lunghe piume erettili striate di bianco e di nero sul capo. Sia il maschio che la femmina possono raggiungere un peso massimo di 200 grammi. È dotata di un becco più corto della testa, piuttosto grosso, dai margini taglientissimi e leggermente uncinato all’apice. Ha una notevole capacità imitativa e spesso, oltre al suo normale grido che è un acuto e poco gradevole “ree ree”, è capace di imitare con prontezza non solo il canto di altri uccelli ma anche i rumori più vari. Diventa silenziosa durante il periodo della riproduzione.

Una certa personalità…

Vivace e rumorosa, tra i rami si muove con grande agilità compiendo brevi voli e anche grandi salti. Sul terreno saltella, ma in modo impacciato, come pure impacciato è il volo nelle zone aperte, a lenti battiti d’ala che diventano talvolta precipitosi in un procedere molto irregolare. La ghiandaia è di indole sospettosa, ha un comportamento piuttosto prudente e non ama apparire allo scoperto. Ha un’eccezionale memoria visiva in quanto riesce a scovare le ghiande nascoste a distanza di tempo, anche quando al di sopra c’è una coltre di neve di 40 cm. Infatti in primavera nasconde scorte di cibo sottoterra così da poter ritrovarle quando il cibo scarseggia. Questa specie riveste quindi nella selvicoltura una straordinaria importanza, purtroppo non ancora apprezzata come meriterebbe: la sua abitudine di portare via le ghiande delle querce (nel gozzo ne introduce anche nove) e di piantarle nel terreno ha infatti contribuito in maniera determinante alla propagazione di questi alberi. Inoltre, le ghiandaie sono considerate uccelli sentinella del bosco, sempre pronte a mettere in allarme, con il loro vociare, tutti gli abitanti della foresta, all’approssimarsi di qualsiasi intruso.

Amica delle formiche

La ghiandaia si nutre principalmente di sostanze vegetali quali ghiande, frutti del faggio, castagne, nocciole, noci, bacche, semi, granaglie e frutti selvatici o coltivati come mele e fichi. La sua dieta comprende anche animali quali insetti di grossa taglia e loro larve, lumache, ragni, uova e nidiacei di uccelli, piccoli mammiferi e rettili. In inverno raccoglie ghiande, noci e castagne che ha nascosto nel suolo del sottobosco o nella corteccia e nei ceppi degli alberi.
Nel mese di gennaio iniziano le riunioni cerimoniali; in gruppi si riuniscono su uno stesso albero e si formano le coppie. All’inizio di aprile entrambi gli individui collaborano alla costruzione del nido su grandi alberi, in genere tra i 2 e i 5 metri di altezza, ma anche più in alto. Viene preparato con sterpi, rami e fili di fieno intrecciati, e l’interno è tappezzato con radici sottili, muschio e fili d’erba.
La femmina depone 5-7 uova grigiastre, dalle macchie marroni, il periodo di cova va dalla fine di aprile a giugno e dura 16-17 giorni. Con la deposizione del primo uovo entrambi i genitori si dedicano alla cova. I piccoli nascono dopo sedici giorni e ne occorrono altri venti perché abbandonino il nido. Le ghiandaie sono monogame, vale a dire che quando la coppia si forma, resta insieme per tutta la vita e covano solo una volta all’anno.
La ghiandaia raccoglie e depone le formiche a contatto della pelle e tra le penne. Per fare questo l’uccello si avvicina al formicaio, abbassando il corpo e sbattendo le ali contro la superficie del formicaio, porta le formiche a contatto con il corpo. Questo comportamento, detto anting, è stato spiegato attraverso diverse ipotesi. Forse il volatile vuole approfittare di una sostanza particolare, l’acido formico, prodotta dall’apparato addominale delle formiche, che potrebbe avere un’azione disinfestante rispetto ad alcuni parassiti presenti sul suo corpo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
faggi formiche garrulus glandarius ghiandaia
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved