Ajoie
3
Lugano
4
2. tempo
(1-2 : 2-2)
Zugo
0
Bienne
0
2. tempo
(0-0 : 0-0)
Ginevra
2
Losanna
2
2. tempo
(2-1 : 0-1)
Friborgo
1
Berna
1
2. tempo
(1-1 : 0-0)
Langnau
1
Lakers
1
2. tempo
(0-0 : 1-1)
Zurigo
3
Davos
0
2. tempo
(3-0 : 0-0)
Langenthal
1
Olten
5
2. tempo
(1-0 : 0-5)
Ticino Rockets
2
GCK Lions
5
2. tempo
(2-2 : 0-3)
Sierre
0
Zugo Academy
0
2. tempo
(0-0 : 0-0)
traffico-e-rumore-quelli-coi-tubi-in-testa
© Shutterstock
+6
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 gior

Braccati e in fuga con Matula (e i Pink Floyd)

Metti una sera davanti alla TV. In onda una vecchia puntata del classico “Ein Fall für Zwei”, ma il bello è quello che si sente in sottofondo...
Ticino7
1 gior

L’arte ‘sociale’ di Manuela Villa-Petraglio

"Vado in studio, resto lì… a respirarne l’aria, tasto l’atmosfera, cerco di estraniarmi dal mondo esterno per entrare in una comunicazione con me stessa”
Ticino7
3 gior

Lassù, tra le cime. La vita dello stambecco alpino

Appartiene al superordine degli ungulati e domina le valli dalle vette dell’arco alpino dove esibisce, con portamento fiero, le sue maestose corna
Ticino7
3 gior

Radio e TV: la staffetta di Carla e Lara

“Scrivi più su di lei, mi raccomando!”. “Ma no, ma no, scrivi più su di lei!”. Vabbè, dai... intanto iniziamo a raccontarvi che c’è di nuovo alla RSI
Ticino7
3 gior

Giornata mondiale della neve. Una scuola coi fiocchi

Il 16 gennaio si celebra la Giornata mondiale della neve. Una ricorrenza istituita nel 2012 per ricordare (anche) la sua importanza per il nostro pianeta
Ticino7
3 gior

Ghiacciaio del Chüeboden. Una storia di piccoli iceberg

In un recente volume, il meteorologo e glaciologo Giovani Kappenberger ripercorre la nascita e la scomparsa di un fenomeno inedito per le nostre regioni
Ticino7
3 gior

Sulle cime e sui pendii occhi aperti. Sempre ;-)

Vivere la montagna significa prima di tutto rispettarla, nel nome della propria sicurezza. E una nuovissima pubblicazione del DT potrà darci una mano
Ticino7
1 sett

Rocco Lombardi: non è (solo) una questione di ritmo...

“La si può suonare anche in assenza di elettricità, quindi non inquina, e non importa se è un po’ scordata, il suono sta nelle mani” (e il talento aiuta)
Ticino7
1 sett

Positiva ma non isolata? ‘Caso conforme’, dice il Cantone

Talora i test PCR possono trovare residui del virus anche nelle persone guarite. Il caso di una donna e i chiarimenti del medico cantonale Giorgio Merlani
Ticino7
1 sett

Una ragazza sola al ristorante (per chi vuole ancora crederci)

“C’erano solo lei e la nebbia che la sospendeva dal mondo, e quanto avrebbe voluto sentire sospesi anche i suoi pensieri”
Ticino7
1 sett

La mente, crocevia di ricordi e di rimpianti

Cʼè chi rivede volti e sentimenti di amori perduti. E chi lo vorrebbe fare, ma un destino beffardo glielo impedisce
Ticino7
2 sett

Un diritto e un rovescio con Susan Bandecchi

Quando le si chiedeva cosa volesse fare da grande, la sua risposta era decisa e di pancia: “La cantante!”. Poi è arrivata la racchetta...
Ticino7
2 sett

Sopra e sotto: la vita ‘misteriosa’ della talpa

Le “mani” sono a forma di badile, robuste, indispensabili per lo scavo. Mentre quelli posteriori hanno “piedi” piccoli. No, non è un alieno, pero...
Ticino7
2 sett

Il Capodanno, la Stube e i balli di gruppo

“Dai fior‘ dai fior′ dai fiordi della Norvegia, è sce′ è sce’ è scesa la vichinga. Cerca’, cerca’, cercava un po′ di sole e invece ha trovato l’amor”
Ticino7
2 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - I Pesci

“Gli ultimi saranno i primi?”. Voi continuate a fare le vittime, siete bravissimi. Poi però non lamentatevi, né con l’Oroscopo e nemmeno con chi vi ama
Ticino7
2 sett

2020, 2021, 2022: ‘Avanti un altro’

Inutile girarci intorno: anche il 2021 non è stato proprio una bellezza. Andrà meglio, abbiate fede. In fondo domani è...
Ticino7
2 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - L’Acquario

Quando le cose vanno male, potrebbero anche andare meglio. Per la serie: “Quando hai toccato il fondo, può succedere che ti tocchi pure scavare”
Ticino7
2 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - Il Capricorno

“L’anno vecchio è finito, ormai / Ma qualcosa ancora qui non va”. Lucio Dalla era del segno dei Pesci, e forse per questo aveva già capito tutto
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - Il Sagittario

Credavate di avere già dato abbastanza. Credavate: ma non avete fatto i conti col resto del mondo e tutti quegli “amici” che tanto vi amavano...
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - Lo Scorpione

Avete un pungiglione, vero. A che vi serve però non si sa. Forse a difendervi dal mondo, perché non avete amici, “ma solo nemici” (cantavano i Litfiba)
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - La Bilancia

Ok, per natura dovreste essere persone con un certo senso della giustizia, dicono... Ma dov’è finita? Vi hanno rubato anche quella? Buon Santo Stefano
Ticino7
3 sett

Sergio Piccaluga e l’eterna fanciullezza dell’artista

"Non osservo i fenomeni per dar conto delle mie emozioni (...). Il vero sforzo è vivere volta per volta attimi di eternità che poi vengono fatti cadere”
Ticino7
3 sett

Parole sull’acqua. Quei sentimenti mai detti

La vera storia di una bottiglia, di un amore, di un lago (quello di Locarno). Perché anche nell’era di TikTok certe cose si posso lasciare solo al destino
Ticino7
3 sett

I videogiochi sono il nuovo ‘oppio del popolo’?

Che passare intere giornate davanti a un video-games non faccia bene è plausibile. Che sia una droga capace di minare uno stato, pure (a quanto pare)
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - La Vergine

Buon Natale! Oggi è un giorno meraviglioso. Per tutti. Cioè, dovrebbe esserlo perché è nato il Salvatore (e se sarete buoni salverà anche voi)
Ticino7
3 sett

Babbo Natale: identikit di un uomo generoso

Ma insomma, chi li porta questi regali: un anziano supereroe vestito di rosso, Santa Claus o un bambinello? Una questione mica di poco conto, eh
Ticino7
3 sett

I bambini, i miti, le bugie e i rituali del Natale

Il manuale del ‘buon genitore’ non esiste, anche se molti lo vorrebbero. Un ruolo spesso messo in discussione da dubbi e domande, pure sotto l’albero
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - Il Leone

"Questo animale è considerato il Re della foresta...." (di solito ai bambini si racconta questo, ma di “regale” ahinoi, nei prossimi mesi ci sarà pochino)
Ticino7
3 sett

Pacchi ludici e consigli per l’uso

Va tutto bene, basta non esagerare. Anche perché lì fuori ci sarebbe un mondo che ha bisogno di noi
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - Il Cancro

Cosa vi aspetta per l’anno nuovo? Non fateci caso, guardate oltre. In fondo dopo il 2022 arriverà il 2023 (e non è detto che sarà peggio del 2021)
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - I Gemelli

E siamo arrivati ai Gemelli. Che qualcosa di giusto nel prossimo anno combineranno... è il resto che andrà così così (che ci volete fare)
Ticino7
4 sett

Disavventure Latine 9. Fuga da Bogotà (parte 2)

Eccoci. Questo è il capolinea. Per davvero. Tutti giù, ma con calma... Anzi, quasi quasi ripartiamo subito. Per dove? Chissà, ma ci rivedremo. Contateci
Ticino7
4 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - Il Toro

Dopo l’Ariete arriva il Toro, si sa. Sarà colpa del solito Covid, ma anche per lui le cose non andranno “benissimo”. Meditate toretti, meditate...
Ticino7
4 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - L’Ariete

Volete sapere come andranno le cose il prossimo anno? Mmh... no, meglio di no. Ma se proprio proprio, iniziamo con gli ‘amici’ dell’Ariete, dai
Ticino7
1 mese

Un giorno nella vita di una ghiandaia

Vivace e rumorosa, tra i rami si muove con grande agilità compiendo brevi voli e anche grandi salti. E grazie alla sua dieta, i faggeti prosperano
Ticino7
1 mese

Giovani e telefonini. Come superare l’eterno conflitto?

Da strumento per comunicare, in pochi anni è diventato il centro di tutto, anche delle nostre vite. Creando non pochi problemi, negli adulti e nei ragazzi
Ticino7
1 mese

Christina Otth: ‘Impara l’arte (del restauro) e applicala!’

"In un negozio una volta comprai del materiale per il cantiere: della sabbia. Mi chiesero se mi serviva per far giocare mio figlio in giardino"
Ticino7
1 mese

Disavventure Latine 9. Fuga da Bogotá (parte 1)

Ok, questo è il capolinea. “Scendere prego”, ma con calma che qui c’è poco da scherzare... Anzi, quasi quasi ripartiamo subito. Per dove? Chissà...
Ticino7
1 mese

Zone temporaneamente ‘autonome’ (ma virtuali)

Oggi sono qui, domani non si sa. Perché sono ragazzi e cercano le novità: il resto è già vecchio
Ticino7
1 mese

Mercedesz Kantor schiaccia forte, fortissimo

Con due genitori cresciuti a pane e sport professionistico, la probabilità che a casa nasca una fuoriclasse è molto alta. E infatti...
Ticino7
1 mese

Per un pugno di piume (d’edredone)

Quanto sareste disposti a spendere per dormire come dei re? Materasso e albergo “10 stelle” a parte, qui parliamo di piumini e cuscini. Ma molto speciali
Ticino7
1 mese

Corpi vergognosi: vestirsi per nascondersi

Da chi fa il bagno coi jeans, a quelli che non fanno la doccia in palestra per paura di mostrarsi. È il ʻbody-shamingʼ e potrebbe riguardare anche voi
Ticino7
1 mese

Mangiare meno, per sentirsi in forma

Digiunare serve per davvero? È vero che “allunga” la vita? Cosa ha scoperto la ricerca medica in questo ambito? E poi, lo possono fare tutti?
Ticino7
1 mese

Questioni di peso, questioni di mente

Quelle legate all’eccesso di zuccheri e grassi sono le malattie di chi sta benone. O male, e cerca aiuto nel piatto
Ticino7
1 mese

Ricorrenze storiche. Era il 25 dicembre...

Secondo la tradizione è il giorno della nascita di Gesù. Una data, però, legata anche ad altri eventi che hanno fatto storia. Scopriamone alcuni
Ticino7
1 mese

Mastro Geppetto e Matteo Oliva

Non è San Giuseppe e nemmeno il personaggio uscito da un classico della letteratura per ragazzi. Ma i segreti del legno, lui, li conosce benone...
Ticino7
1 mese

‘Canto di Natale’. Un racconto di Giorgio Genetelli

‘E mi addormento come in un letargo, Dicembre, alle tue porte, / lungo i tuoi giorni con la mente spargo tristi semi di morte’ (Francesco Guccini)
Ticino7
1 mese

Letterina (sotto l’albero) dal fronte

È partita come ‘influenza’, è diventata un tunnel fonte di scontri e di divisioni. Per fortuna è quasi Natale...
Ticino7
1 mese

Un mistero chiamato Phil Collins

Le ultime immagini che lo ritraggono (anche sul palco) mostrano tutte le difficoltà legate alla sua salute. Eppure rimane un genio del pop/rock mondiale
Ticino7
1 mese

La strategia del ‘revenge dress’ (metti il caso che...)

Giugno 1994: Carlo ammette l’infedeltà nei confronti della moglie Diana. Lei, di tutto punto, tira fuori dall’armadio l’abito della rivincita. Che colpo!
27.11.2021 - 17:520
Aggiornamento : 10.12.2021 - 10:15

Traffico e rumore. Quelli coi tubi in testa

Da Berna presto un giro di vite contro i veicoli rumorosi e gli stili di guida molesti. E in Ticino che si fa per arginare il fenomeno dei “tamarri”?

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione

Avete presente quei veicoli rombanti che vagano di giorno e di notte nei centri urbani facendo (apposta) un gran baccano a forza di accelerazioni e cambi di marcia col ‘botto’? Ce ne siamo accorti soprattutto durante il confinamento del 2020, quando spesso regnava il silenzio ed eravamo tutti più sensibili al rumore (vedi più in basso, ndr). Oltre Gottardo la stampa li definisce “autoposer”, in Ticino “sboroni dell’auto” (alla romagnola, come scriveva tio.ch): noi li chiameremo i tamarri della marmitta, o cafoni, pavoni… vedete voi. Si tratta spesso di 18-25enni adepti della moda del tuning e delle elaborazioni, tendenza importata decenni fa dagli Stati Uniti e dal Giappone, ma anche in Germania non scherzano. Conducenti con veicoli potenti comprati a leasing, a volte modificati con ricambi non omologati e/o iscritti sulla famosa “carta grigia”: silenziatori manomessi, catalizzatori eliminati, pulsanti per aprire le valvole dello scarico eccetera. Ma il loro inutile ‘cazzeggio rumoroso’ – ci passerete l’espressione – ora ha rotto i timpani anche a diversi politici a Berna. A tal punto che il Consiglio federale dovrà decidere nuovi provvedimenti, forse anche repressivi.

Un problema nazionale

Argovia, Ginevra, Vaud, Zurigo, Basilea Città, Berna, e ovviamente anche il Ticino: i tamarri della marmitta sono ormai una piaga nazionale. Solo recentemente la cronaca riferiva di 18 veicoli truccati e sequestrati dalla polizia della città di Zurigo (nau.ch), di un raduno illegale a Dübendorf (tio.ch), di 38 interventi in un solo weekend a Coira (swissinfo.ch), di 577 denunce per modifiche illegali in tutto il 2020 in Svizzera, “alcune decine” solo in Ticino (tio.ch), tra cui i due casi eclatanti comunicati dalla Polizia cantonale: il 22 agosto in centro a Lugano un 25enne “già segnalato da alcuni cittadini” perché provocava “volontariamente rumore”, e il 3 settembre una 21enne nel nucleo di Cadro. Come se non vivessimo già in un territorio acusticamente devastato, i cui costi miliardari per la salute vengono pagati da tutti i contribuenti. È notizia recentissima che Lugano pare sia la seconda città più rumorosa della Svizzera (“un alloggio su cinque è esposto a un rumore di oltre 60 decibel”) e solo Ginevra soffre di un inquinamento acustico maggiore.


© Dipartimento del territorio

Troppo rumore

Secondo l’Ufficio federale dell’ambiente (Ufam) uno svizzero su sette è confrontato con il rumore molesto (1,6 milioni di persone nel 2014). Stando al Catasto ticinese del rumore stradale, pubblicato dall’Ufficio prevenzione rumori del Dipartimento del territorio (Dt), superiamo tranquillamente i limiti di legge (45-70 decibel) sia di giorno sia di notte. Nel 2016 nel Locarnese e nel Bellinzonese circa un quarto della popolazione era “esposta a immissioni superiori ai valori limite” dell’Ordinanza sull’inquinamento fonico (Oif), oltre un terzo nel Luganese e fino al 45% nel Mendrisiotto. E se dal 2000 al 2021 le statistiche nazionali parlano di 38% in più di veicoli immatricolati, significa che oggi la situazione è peggiorata. Le “fonti di rumore più presenti e diffuse”, afferma il Dt, sono le strade comunali più trafficate, guarda caso proprio quelle dove i tamarri della marmitta amano farsi notare maggiormente.


Scarico chiuso, scarico "aperto”...

Due anni di tempo

Ma c’è chi s’è stufato. Dopo le petizioni di cittadini infastiditi nel canton Argovia, le domande nei parlamenti cantonali come a Soletta, ora anche a Berna si scaldano... i motori. Infatti, il Consiglio federale “entro due anni” dovrà trovare “una serie di misure per risolvere i problemi causati da automobili e motociclette troppo rumorose”. Questo il tenore di una recente mozione della Commissione parlamentare dell’ambiente, della pianificazione del territorio e dell’energia (in seguito Commissione), ampiamente approvata da entrambe le Camere. Un importante passo in avanti, perché il primo a sollevare la questione fu il deputato di centro Karl Vogler già nel 2019. Chiedeva al Governo di “ridurre in maniera efficace e definitiva il rumore eccessivo causato dai motori”, si legge nel Bollettino Ufficiale. Invano: il tema fu definito dapprima “controverso”, poi rinviato e infine ritirato. In seguito altri deputati di vari partiti (liberali, verdi e socialisti) tentarono di smuovere le acque, ma senza successo. Finalmente nel 2021 le due Camere hanno accolto la mozione della Commissione, ma non senza le resistenze – oggettivamente incomprensibili – del maggiore partito svizzero, l’Udc, e dei suoi deputati lobbisti.


luzernerzeitung.ch

I lobbisti ci provano

Le strade, i trasporti, i fabbricanti di automobili, i fornitori di carburante eccetera sono ambiti economici importanti. E l’Udc da sempre è contrario alle ingerenze statali nella libertà dei cittadini. Già, ma quale libertà? Quella di cui abusano i maleducati facendo rumore apposta, mentre la maggioranza degli svizzeri lo subisce inerme? Ebbene, l’Udc si oppose compatta – ma invano – alla mozione della Commissione, sostenuta da alcuni deputati pagati dalle lobby. Emblematici i casi dei due commissari Udc solettesi Walter Wobmann e Christian Imark: il primo presidente remunerato della Federazione svizzera dei motociclisti, il secondo della lobby degli autotrasportatori Astag (Soletta). Contrari furono pure i Consiglieri nazionali ticinesi Piero Marchesi e Lorenzo Quadri (Udc/Lega), Fabio Regazzi (Ppd) e Rocco Cattaneo (Plr). Se i primi due presumibilmente seguirono le indicazioni del partito, Fabio Regazzi invece è “rimunerato” da influenti lobby del settore (Touring Club Svizzero, Astag, Auto-Schweiz; si veda il portale parlament.ch, ndr). Rocco Cattaneo – benché ami la mobilità dolce in bicicletta – è direttore generale di un’azienda di trasporti e logistica (la Stisa), oltre che essere legato a un noto gruppo attivo anche nel ramo petrolifero, di cui sino al 2020 è stato amministratore delegato. Purtroppo, il voto al Consiglio degli Stati non è pubblico.

I sussidi fanno gola

I risanamenti fonici stradali sono molto complessi, richiedono ai cantoni e ai comuni lunghe pianificazioni e spese milionarie. Non a caso nel 2015 l’ex ministra dell’ambiente e dei trasporti Doris Leuthard (Ppd) disse stizzita alla camera che i cantoni “sono molto indietro nelle misure di protezione dal rumore”, gli interventi non sono “abbastanza efficaci” e rimandarli non avrebbe garantito ai cittadini una protezione fonica “entro un termine ragionevole”. Perché questa critica? Perché a quel tempo la legge imponeva ai cantoni – forse con eccessivo ottimismo – di intervenire entro il 31 marzo 2018 (art. 17, cpv 4 dell’Oif), ma di fatto la legge era disattesa. E siccome chi rispetta la scadenza riceve i sussidi federali, i politici escogitarono un sotterfugio. Come? Al Consiglio degli Stati spuntò una mozione per modificare la legge e spostare i termini oltre il 2018. Manco a dirlo, l’idea superò senza problemi lo scoglio delle due camere, obbligando il Governo a posticipare gli interventi alla fine del 2022. Ecco perché nel 2019 in Ticino, quando il Parlamento approvò una prima spesa di 50 milioni di franchi, il direttore del Dt Claudio Zali poté affermare che il cantone, si legge a verbale, “non è in ritardo”. Guarda caso chi partorì la mozione a Berna fu l’ex senatore ticinese Filippo Lombardi (Ppd), oggi neomunicipale a Lugano, capo proprio del Dicastero dei lavori urbanistici e stradali. Alla camera Lombardi riconobbe che la proposta nacque da una “raccomandazione” della Conferenza dei direttori cantonali del territorio (“Dtap”), di cui Zali è membro, e dell’Unione delle città svizzere (“Ucs”), di cui oggi Lombardi è delegato.

Verso i radar acustici?

Da un paio di anni si sente sempre più parlare dei cosiddetti “radar acustici”, ma anche qui non è mancato il teatrino di alcuni politici, guarda caso sempre dell’Udc. Wobmann e Imark, i due commissari lobbisti che chiesero di bocciare la mozione della Commissione, non potevano non sapere che questi nuovi radar erano già stati testati nel 2019 proprio nel loro cantone, Soletta, come afferma l’Ufam. E con successo: il radar “misura con precisione il livello sonoro” e soddisfa il “riconoscimento della categoria di veicolo (motocicletta o automobile)”. Un altro commissario Udc al Consiglio degli Stati, l’argoviese Hansjörg Knecht, inventò persino delle bugie. Nel dibattito della Commissione, se da un lato sostenne, a ragione, che per gli interventi mirati di polizia “le basi giuridiche (...) esistono già”, dall’altro affermò che i radar acustici “non esistono ancora” e che la misurazione del rumore “è molto impegnativa”. Opinioni non solo smentite dall’Ufam, ma anche dal fatto che dei test si fecero anche nel suo cantone (Argovia), così come a Ginevra. Lo si legge infatti in un atto parlamentare del governo di Soletta. E se è pur vero che attualmente manca la base legale per usarli a titolo repressivo, Knecht fu smentito anche dalla ministra Simonetta Sommaruga (Ps), per la quale lo sviluppo tecnico “sta procedendo molto rapidamente”. Anche il Blick parla di una start up di Ginevra che sta lavorando a un radar acustico col Politecnico federale di Losanna, mentre su vari siti europei si legge che in Francia e in Olanda dei modelli vengono già usati per multare i motociclisti.

Strategie ticinesi

La scorsa primavera/estate nel Bellinzonese e nel Luganese la campagna del Dt “Spegniamo il rumore” ha visto per la prima volta il “rumorometro”, lo stesso utilizzato a Soletta e in altri cantoni. Scopo, si legge, “rendere consapevoli (…) sugli stili di guida inutilmente rumorosi”. Ora pare verrà installato a titolo preventivo anche a Lugano (tra dicembre e gennaio, ndr), Ronco sopra Ascona, Mendrisio, Tenero-Contra, Bodio, Brissago, Locarno e Muralto, così ci anticipa l’Ufficio della prevenzione dei rumori. La strategia cantonale tuttavia è a più ampio raggio, anche se non risolverà il problema dei tamarri. Oltre ai controlli di polizia, le priorità sono: “pavimentazione fonoassorbente”, “moderazione del traffico” e “limitazioni della velocità” (per esempio le zone a 30 km/h), “protezioni foniche” e persino “l’isolamento acustico sugli edifici” (pareti, finestre), come se le marmitte rumorose fossero colpa degli architetti. Di fatto nessuna di queste misure impedisce ai tamarri di fare baccano, ma intanto il nuovo asfalto imposto da Berna ci costerà un bel po’: oltre ai 23 milioni di franchi già spesi dal 2012 al 2016, si aggiungono ora ben 150 milioni per 420 chilometri di strade cantonali e comunali. Queste misure sono senza dubbio opportune per i timpani dei ticinesi, ma non costerebbe molto meno ingaggiare più spesso la polizia stradale per fermare tali automobilisti?


© Ti-Press

Cosa fa la polizia

Se la Legge federale sulla circolazione stradale (art. 42 e 54) e la sua ordinanza (art. 33) consentono già oggi di fare controlli mirati, di sequestrare i veicoli e di denunciare i conducenti tamarri – così come confermato anche da una sentenza del Tribunale federale –, perché la polizia non agisce più energicamente? Nei dibattiti federali alcuni deputati hanno parlato di un “deficit di esecuzione” da parte delle polizie cantonali. Allo stesso tempo la ministra Sommaruga ha detto che le polizie “vorrebbero un maggiore sostegno nelle attività di esecuzione, sia in termini tecnici che legali”. Un appello politico quello dei tutori dell’ordine? Abbiamo chiesto lumi alla Polizia cantonale ticinese che conferma i controlli: in Ticino nel 2019 su 72 auto modificate solo 6 avevano marmitte truccate, ma sono già 47 nel 2021, ci dice l’aiutante Ivano Borioli del 5° Reparto Gendarmeria stradale. Borioli aggiunge che “i controlli avvengono costantemente durante i regolari servizi di pattuglia”, anche se nel 2020 l’attività “è risultata ridotta”. Almeno due i motivi, spiega Borioli: da un lato la pandemia, cioè meno traffico dovuto al confinamento, dall’altro il progetto pilota ‘Via libera’, ovvero “due pattuglie” sull’autostrada A2 per ridurre i tempi d’intervento in caso d’incidenti, riporta il sito rsi.ch. Se è vero che le pattuglie non possono essere ovunque, Borioli annuncia che “sono previsti in futuro maggiori controlli tecnici mirati e pianificati”. Conferma inoltre che i 30 km/h non impediscono ai tamarri di fare baccano, perché costoro “sono in grado di provocare botti allo scarico (…) anche a velocità ridotta”.

Mancano gli agenti?

Resta un’ultima questione, una misura meno costosa ma molto efficace: il numero di pattuglie sul territorio. Insomma, mancano poliziotti? Stando a uno studio del 2020 della Conferenza dei direttori dei dipartimenti cantonali di polizia, non sembrerebbe. Anzi. In Svizzera dal 2011 al 2018 gli effettivi di agenti (federali, cantonali, comunali) sono aumentati di quasi il 15%. E il Ticino, dopo Basilea-città, Ginevra e Zurigo, è il quarto cantone con la densità più importante di agenti per numero di abitanti (uno ogni 312 abitanti nel 2021); il quinto corpo di polizia più grande. Nel 2012 c’erano 31 aspiranti agenti, nel 2020 erano 50, si legge nel rendiconto governativo. Nel 2017 gli effettivi in tutto il paese erano cresciuti di 205 unità e “oltre la metà dell’incremento va attribuito al Canton Ticino, che può contare su 1’067 posti, contro i 944 dell’anno scorso” (cdt.ch). Ma, appunto, dipende se poi stanno in ufficio o sul territorio. Secondo lo studio, in Svizzera quelli in uniforme sono aumentati solo a livello comunale (+14,2%), mentre per le polizie cantonali l’aumento è dovuto “in maggior parte” agli “impieghi amministrativi”.
È così anche in Ticino? L’Ufficio stampa della Polizia non ci ha fornito dati precisi, ma spiega solo che se da un lato “vi è sempre la necessità del pattugliamento del territorio”, dall’altro c’è anche “un aumento delle attività amministrative”. Ecco perché la Polizia cantonale “sta costantemente investendo su nuovi supporti informatici con l’obiettivo di snellire le procedure e privilegiare la presenza sul terreno”. Perciò, “ritenuto che si opera secondo il principio che chi constata (quindi chi lavora sul terreno) poi redige (cioè si occupa anche degli aspetti amministrativi derivanti dalla constatazione) non si può parlare di aumento di personale amministrativo in questo senso”.

ESIBIZIONISMO, DEBITI E CORTEGGIAMENTO

Secondo lo psicologo del traffico e docente all’Università di Basilea Urs Gerhard, scrive il Blick, i tamarri della marmitta sono di fatto “un fenomeno piuttosto recente” che “è aumentato enormemente solo durante il periodo del Coronavirus”, ha detto l’esperto confermando dunque quanto da noi osservato in Ticino, a Lugano in particolare. Ma cosa c’è dietro a questa moda rumorosa? “Si tratta di farsi notare” ribadiva Gerhard, un mix tra “esibizionismo e corteggiamento”, per cui i giovani tamarri “vogliono attirare l’attenzione su di loro come il gallo con la cresta”. Peccato che questo comportamento “è del tutto inadeguato per la nostra società. Ma un giovane non ci pensa in quel momento”. Lo psicologo conferma anche l’età dei tamarri, tutti tra i 18 e i 25 anni, e aggiunge che “hanno spesso un’istruzione modesta. Non hanno nient’altro da mostrare per il successo, come una laurea: tutto ciò che hanno è la macchina”. Secondo Gerhard i tamarri (e le tamarre) sono “per lo più di umili origini”; sarebbe il caso anche della 21enne fermata a Lugano, di cui la Polizia dava pure il paese di origine, che qui evitiamo di segnalare (anche perché il fenomeno è trasversale, almeno in Ticino). In tutti i casi molti di loro, continuava l’esperto, per soddisfare il loro bisogno di farsi notare, si indebitano: “Vedo giovani con 20 o 30mila franchi di debiti, solo per l’acquisto di un’auto che è completamente al di sopra delle loro possibilità”. Dal punto di vista psicologico, “l’auto è vissuta come un’estensione fisica della persona, come le corna del cervo e la criniera del leone”, spiegava Urs Gerhard, suggerendo che oggi ciò riguarderebbe anche le giovani donne, non solo i maschi.

© Ti-Press
Guarda tutte le 10 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved