ULTIME NOTIZIE Ticino7
Newsletter
5 gior

C’era una volta il primo skilift

È quello di Airolo-Lüina, nato nel 1950. C’erano una volta pure gli Ittiti e Hattusa, città sacra. Attualissimi, invece, gli insulti e gli insetti
Ticino7
5 gior

Da più di settant’anni, a Lüina si scia

‘Per i ragazzi la giornaliera costava 3 franchi, 5 per gli adulti. La salita singola, rispettivamente 30 e 50 centesimi’: storia del primo ski-lift
Ticino7
5 gior

Bärbel Koch e i piccoli abitanti del pianeta

Di Besazio, biologa di formazione con una passione per gli insetti nata durante gli studi, dirige la Società entomologica della Svizzera italiana
Ticino7
6 gior

Hattusa, nell’antica terra degli Ittiti

Scoperta in Turchia, fondata dal bellicoso popolo indoeuropeo venuto dal Caucaso, potrebbe esserne stata la città sacra
Ticino7
6 gior

Scrittore sarà lei!

Jane Austen vs Mark Twain, Virginia Woolf vs James Joyce, Truman Capote vs Jack Kerouac: le vie dell’insulto sono infinite
Ticino7
6 gior

Capra! Capra! Capra! Capra!

Mettiamola così: noi che abbiamo visto Vittorio Sgarbi e pensiamo di aver visto tutto, non abbiamo visto niente
Ticino7
1 sett

Mario Venuti, un equilibrista fra l’Etna e il Corcovado

C’è un pezzo della storia del cantautore siciliano dentro ‘Mai come ieri’, album in cui è presente il duetto con la Cantantessa e tanto Brasile
Ticino7
1 sett

Disavventure latine. Messico: diari da Oaxaca

Nella città che canta l’amore tra un quarantenne e una ventenne, io stesso finirò intrappolato in quelle parole
Ticino7
1 sett

Loretta Bubola, la parola è ‘cambiamento’

La sua missione: mettersi al servizio degli altri ma, in primis, togliersi di dosso strati che non la fanno esprimere per quella che è la sua essenza
Ticino7
1 sett

Il peggio non è passato, ma è comunque ‘Un sabato italiano’

Nella ‘Roma felliniana’ del 1983 usciva l’italian standard di Sergio Caputo, il ‘Re delle tronche’. Ne approfittiamo per fare un po’ di musica...
Ticino7
1 sett

Che musica ascoltano i ‘vampiri’?

Era il 1983, l’anno dell’Ep ‘4AD’, sei testimonianze dell’evoluzione dei Bauhaus (e una piccola nota su ‘Bela Lugosi’s Dead’, che piaceva tanto a Bowie)
Ticino7
1 sett

Permette un ballo?

La danza giova a muscoli e articolazioni, stimola la circolazione sanguigna, migliora l’equilibrio, previene la depressione. Lo diceva anche David Bowie
Ticino7
1 sett

Di tutto un pop: Ballando con Bowie (40 anni di ‘Let’s Dance’)

Galeotta fu Montreux, galeotti furono i Queen, Nile Rodgers e quell’album che fece del visionario Bowie una popstar mondiale
Ticino7
2 sett

I figli unici e il peso dello ‘stile genitoriale’

Gli psicologi (e non solo loro) s’interrogano da sempre su questa condizione, che le contingenze hanno reso nuovamente d’attualità
Ticino7
2 sett

Avere è bello ma desiderare è meglio

Siamo noi che governiamo i desideri o sono i desideri che ci manipolano a loro piacimento?
Ticino7
2 sett

Incapace di solitudine (l’altro Gianni Brera)

Il narratore, quello de ‘Il corpo della ragassa’, ‘Naso bugiardo’, ‘Il mio vescovo e le animalesse’ e altre storie non calcistiche
Ticino7
2 sett

Mirko Cotti Piccinelli tra Sashimi e community

Social Media Manager per laRegione, sogna di cambiare il nostro cantone, “che a molti dei miei coetanei e non solo – dice – va sempre più stretto”.
Ticino7
2 sett

E ti amo Rino

Rino Gaetano non compare nella lista dei figli unici che hanno fatto la storia, perché fu il fratello di Giuseppe e Anna. Al suo posto c’è una canzone
20.11.2021 - 09:40

Radersi tra salute e consapevolezza, a ‘Movember’

Avete tempo sino alla fine del mese. Ma le buone cause, si sa, non hanno date e scadenze. Soprattutto quando parliamo di benessere, malattie e prevenzione

di Daniele Polli
radersi-tra-salute-e-consapevolezza-a-movember
© Shutterstock

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione

Ora che non dobbiamo più mettere le mascherine in tutti i modi, tutti i luoghi e tutti i laghi (cit. Scanu), timidi timidi fanno capolino barba e baffi sui visi di molti uomini (e qualche donna). Vi sarà capitato di notare, ultimamente, più baffi rispetto al solito. Ma questa volta il Covid-19 non c’entra nulla e neppure il vaccino: si tratta di Movember. Un evento che da 19 anni viene riproposto proprio in questo mese con lo scopo di ‘cambiare la faccia della salute degli uomini’.

Movember è un evento annuale su scala mondiale organizzato dall’omonima Ong. Ha lo scopo di raccogliere fondi e diffondere consapevolezza sulla salute maschile, con particolare attenzione verso il cancro della prostata, il cancro ai testicoli e i problemi di salute mentale come la depressione e il suicidio. I sostenitori sono chiamati Mo Bros (se uomini) e Mo Sistas (se donne) ed entrambi possono contribuire all’evento tramite l’organizzazione di incontri, la partecipazione a sfide, l’effettuazione di donazioni e la raccolta fondi. Tuttavia, il metodo più caratterizzante per partecipare all’evento consiste nel radersi completamente il viso il primo giorno di novembre (tutto tutto come quello di un bambino) e nel corso del mese farsi crescere unicamente i baffi. Ed ecco così spiegato il nome attribuito all’evento che consiste nell’unione del termine moustache (baffo) e November (come il mese): Movember.

Come e dove nasce l’idea?

Come tante belle idee, quella di Movember nasce davanti a una birra. Differentemente da tante belle idee che nascono davanti a una birra, quella avuta da Travis Garone e Luke Slattery (nell’immagine qui sopra, ndr) si è realmente concretizzata. La cosa è nata in un bar a Melbourne nel lontano 2003 ed è verosimilmente andata così (conversazione liberamente ispirata da fatti realmente accaduti):
Travis: “Hey mate! Perché non riportiamo di moda il baffo? Non lo usa più nessuno ma trovo che sia cool!”.
Luke: “Travis c’hai ragione! Potremmo ispirarci alla raccolta fondi che sta facendo l’amica di tua mamma per il tumore al seno, ma noi la faremo per il cancro della prostata e quello ai testicoli. Poi, anziché usare un nastro rosa come simbolo di questa campagna di sensibilizzazione, noi utilizzeremo i nostri baffi”.
Travis: “Ci sta mate! Idea ganza!”.
Fu così (più o meno) che nel 2003 nacque il primo Movember che ha coinvolto Luke, Travis e 28 dei loro amici. L’anno successivo l’iniziativa viene ripetuta, questa volta abbinandovi una raccolta fondi per la lotta al tumore della prostata. Vengono coinvolti 480 Mo Bros e raccolti 30mila dollari che permettono di finanziare sei progetti per la salute dell’uomo. Da quel momento in poi è un continuo crescendo. Oggi Movember è un’organizzazione non governativa affermata che dall’anno della sua fondazione è stata capace di coinvolgere 6’538’699 Mo Bros e Mo Sisters in 21 Paesi del mondo (in Svizzera è presente dal 2012) finanziando oltre 1’250 progetti per la salute maschile.

LE SFIDE DELLA FONDAZIONE

Movember affronta la salute maschile su scala mondiale focalizzandosi su tre malattie. Iniziò nel 2003 concentrandosi sul carcinoma prostatico, ma oggi si occupa anche di tumore del testicolo, di salute mentale e di suicidio.

- Il carcinoma prostatico è il tumore più frequente e il secondo più mortale tra gli uomini (dopo quello al polmone). Si pensi che ogni anno in Svizzera vengono diagnosticati circa 6’400 nuovi casi – 27‚5% di tutte le diagnosi tumorali su individui di sesso maschile – e che più di 1’300 persone perdono la vita (14‚3% dei decessi maschili causati dal cancro). Non è facile avere una diagnosi precoce per questo tipo di tumore poiché asintomatico fino alla sua fase più acuta. Però è noto che il principale fattore di rischio è dato dall’età: infatti, è molto più frequente tra gli over 50. Tuttavia, benché meno consueto tra i giovani uomini, è proprio in queste fasce d’età che il tumore è più aggressivo.

- Il tumore del testicolo costituisce il 2% di tutti i tumori maschili (circa 470 individui colpiti annualmente) e si stima che ogni anno in Svizzera dieci persone muoiano a causa di questa malattia. Differentemente dal carcinoma prostatico, il tumore del testicolo è più frequente negli individui giovani. Anche in questo caso non è facile avere una diagnosi precoce, tuttavia la maggior parte degli uomini colpiti scopre da sé i sintomi legati al tumore. Risulta dunque importante effettuare periodicamente l’autopalpazione e conoscere il proprio corpo.

- Una cattiva salute mentale può portare a gravi conseguenze quali ansia, depressione o addirittura alla morte. Troppo spesso gli uomini provano imbarazzo nel parlare di tristezza o nell’affrontare temi quali la solitudine. C’è una forma di mascolinità stereotipata che fa sì che essi non siano inclini a esporre i loro problemi legati alla salute mentale e ciò può avere delle gravi ripercussioni. Mondialmente ogni minuto muore un uomo per suicidio, e il numero di individui di sesso maschile che decide di porre fine alla propria vita è sproporzionatamente maggiore rispetto a quello femminile.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved