Ambrì
5
Langnau
6
3. tempo
(2-1 : 0-5 : 3-0)
Lakers
6
Zurigo
5
3. tempo
(2-1 : 3-1 : 1-3)
Olten
5
Winterthur
0
fine
(0-0 : 2-0 : 3-0)
La Chaux de Fonds
7
Ticino Rockets
0
3. tempo
(1-0 : 5-0 : 1-0)
Kloten
6
GCK Lions
2
3. tempo
(2-0 : 2-1 : 2-1)
Visp
2
Zugo Academy
4
3. tempo
(1-2 : 1-0 : 0-2)
Turgovia
0
Sierre
3
3. tempo
(0-1 : 0-0 : 0-2)
tra-lui-e-lei-attraversamenti-di-genere-e-di-vestiti
J. Depp nel film “Ed Wood” di Tim Burton.
+2
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
2 gior

Ricorrenze storiche. Era il 25 dicembre...

Secondo la tradizione è il giorno della nascita di Gesù. Una data, però, legata anche ad altri eventi che hanno fatto storia. Scopriamone alcuni
Ticino7
3 gior

Mastro Geppetto e Matteo Oliva

Non è San Giuseppe e nemmeno il personaggio uscito da un classico della letteratura per ragazzi. Ma i segreti del legno, lui, li conosce benone...
Ticino7
3 gior

‘Canto di Natale’. Un racconto di Giorgio Genetelli

‘E mi addormento come in un letargo, Dicembre, alle tue porte, / lungo i tuoi giorni con la mente spargo tristi semi di morte’ (Francesco Guccini)
Ticino7
3 gior

Letterina (sotto l’albero) dal fronte

È partita come ‘influenza’, è diventata un tunnel fonte di scontri e di divisioni. Per fortuna è quasi Natale...
Ticino7
1 sett

Un mistero chiamato Phil Collins

Le ultime immagini che lo ritraggono (anche sul palco) mostrano tutte le difficoltà legate alla sua salute. Eppure rimane un genio del pop/rock mondiale
Ticino7
1 sett

La strategia del ‘revenge dress’ (metti il caso che...)

Giugno 1994: Carlo ammette l’infedeltà nei confronti della moglie Diana. Lei, di tutto punto, tira fuori dall’armadio l’abito della rivincita. Che colpo!
Ticino7
1 sett

Traffico e rumore. Quelli coi tubi in testa

Da Berna presto un giro di vite contro i veicoli rumorosi e gli stili di guida molesti. E in Ticino che si fa per arginare il fenomeno dei “tamarri”?
Ticino7
1 sett

Angélique Beldner: una questione di pelle?

Il percorso, a ritroso ma non solo, di una donna a cui oggi – nel 2021, in Svizzera – non è permesso essere come tante
Ticino7
1 sett

Quando l’emancipazione partì in bicicletta

Solo poco più di un secolo fa andare in bicicletta era considerato uno sport non adatto alle donne. Anzi, pericoloso...
Ticino7
1 sett

‘Gas a martello’ (tanto son tamarro)

Sono spesso giovani e vogliono trasgredire. Ok, ma certe cose oggi è meglio farle in un circuito automobilistico
Ticino7
2 sett

Bindu De Stoppani e le immagini che (s)corrono

Sceneggiatrice, regista e showrunner, cioè chi ‘fa correre’ l’intero processo di produzione di un telefilm. Ma ci sa fare anche con gli “affari di cuore”
Ticino7
2 sett

Ciò che il mondo separa, la poesia unisce

I versi di Francesca Matteoni e la grafica di Luca Mengoni per una raccolta poetica (curata da Fabio Pusterla) che racconta quello che sente il cuore
Ticino7
2 sett

Radersi tra salute e consapevolezza, a ‘Movember’

Avete tempo sino alla fine del mese. Ma le buone cause, si sa, non hanno date e scadenze. Soprattutto quando parliamo di benessere, malattie e prevenzione
Ticino7
2 sett

L’ultima libertà dell’ultima cena

Nel nome del vostro bene e di quello dei vostri ospiti, mettete un bel cartello sulla porta di casa, con scritto: "Qui è vietato parlare di Covid’
Ticino7
3 sett

Dio salvi i punkinari! E le loro chitarre

C’è chi ha scritto che è morto nel 1977, altri pensano sia un modo di vivere e vedere il mondo che tiene ancora botta. Noi preferiamo parlare di musica
Ticino7
3 sett

Gli antivaccinisti al tempo del vaiolo (correva l’anno 1931)

“Il pro e il contro nella scienza sono (...) pesati e sempre soggetti a controllo. I controlli poi sono infiniti in una scienza pratica come la medicina”
Ticino7
3 sett

Disavventure Latine 8. Senza tejo, tornerò

Il caffè in Colombia è pessimo. Attenzione, non il caffè prodotto in Colombia, ma quello che bevono: “Il migliore rende troppo per non venderlo..."
Ticino7
3 sett

Patrizia Varini preferisce il viola

Nella sua esistenza fatta di lavoro, passioni, hobby e viaggi i colori non mancano. Ma ce n’è uno che brilla e vibra sopra tutti gli altri...
Ticino7
3 sett

L’omosessualità di ieri (ma vista oggi)

Vale per tutto, pure con i film: per giudicare quanto siano ‘intelligenti’ andrebbero rivisti. Ma decenni dopo
Ticino7
4 sett

1821-2021: buon compleanno, maestro!

L’11 novembre si celebra il bicentenario della nascita dello scrittore e pensatore russo Fedor Dostoevskij, fra i capisaldi della letteratura mondiale
Ticino7
4 sett

Squid Game e il solito allarmismo di noi vecchi

Il ciclo dei media sulle mode giovanili è sempre lo stesso: non le capiamo, quindi decidiamo che son pericolose e ci mettiamo a sparare titoloni
Ticino7
1 mese

La Ficcanaso e l’eterno ritardo

Essere indietro su tutto, indiscriminatamente, è un’arte. Ma potrebbe anche essere una dote ereditaria
Ticino7
1 mese

‘Mamme in equilibrio’ e figlie ribelli: una testimonianza

La storia di Cecilia e della figlia Abigaille, per imparare che la perfezione non esiste ma non bisogna mai arrendersi
Ticino7
1 mese

La sindrome di Riccioli d’oro e l’esempio dei bimbi

Siamo sempre scontenti perché viviamo in perenne attesa di qualcosa di meglio. Eppure guardando all’infanzia dovremmo capire che spesso esageriamo
Ticino7
1 mese

Elisa Lazzari, la chef vegana di Riva San Vitale

“Spesso si pensa erroneamente che ciò che è vegano sia insapore e che chi abbraccia questa filosofia sia un invasato oppure un modaiolo”
Ticino7
1 mese

Il minimo indispensabile: storie di seni e di reggiseni

‘Forse è ora di fare davvero ognuna come ci pare, decidere se la lingerie è uno dei piaceri della vita o se non ce ne importa niente’
Ticino7
1 mese

Con la penna di Claudia Crivelli Barella

“Ragazze, non scoraggiatevi, non smettete di lottare contro la violenza, contro l’incuria e la pesantezza". Perché il mondo ha bisogno di voi, di noi
Ticino7
20.11.2021 - 12:400
Aggiornamento : 22.11.2021 - 09:38

Tra lui e lei: attraversamenti di genere e di vestiti

Uomini e donne non sono semplicemente “maschili” o “femminili”: sono molto di più. E allora si spiegano i fisici scolpiti, i toraci depilati e molto altro

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione

È complessa la relazione che intratteniamo con gli abiti che indossiamo, anche perché si tratta di un rapporto ‘intimo’, personale. Alcuni preferiscono tagli strutturati, altri modelli più morbidi e sportivi; abbiamo preferenze in termini di colore, forma, qualità tattile, grado di aderenza, stile. Scegliamo l’abbigliamento sulla base di come ci fa sentire, con noi stessi e con gli altri, nei diversi contesti; in questo senso, l’abito è davvero espressione e ‘rivestimento’ del sé. Non ci sorprende dunque la forte connotazione ‘di genere’ che da sempre caratterizza i capi di vestiario.

In una delle scene più indimenticabili di Ed Wood (1994), film che Tim Burton volle affettuosamente tributare all’omonimo regista degli anni Cinquanta, il protagonista (interpretato da Johnny Depp) fa leggere alla fidanzata la sua prima sceneggiatura (Glen or Glenda?) incentrata sulla storia di un uomo che ama travestirsi da donna. Dopo averla letta la ragazza (Sarah Jessica Parker) torna in soggiorno e trova Ed che l’attende con indosso un golfino d’angora, scarpe con i tacchi e una parrucca bionda. La sua reazione non è esattamente costruttiva... Con tono di voce teso e acuto inizia a incalzarlo di domande fino a chiedergli, esasperata: “How can you act so casual when you’re dressed like that?” (“Come puoi apparire così disinvolto conciato a quel modo?”). La candida risposta di Ed è, per certi versi, risolutiva: “It makes me feel comfortable” (“Mi fa sentire a mio agio”).


Lei (di spalle) e lui a sua immagine e somiglianza (da “Ed Wood” di Tum Burton).

Le rivoluzioni culturali che partono dagli armadi

“Tradizionalmente il vestito è sempre stato un simbolo ubiquitario delle differenze sessuali, sottolineando la concezione sociale di mascolinità e femminilità. Indossare abiti dell’altro sesso rappresenta quindi, sul piano simbolico, un’incursione all’interno di un territorio che attraversa la linea di confine fra i generi” (Vern & Bonnie Bullough, Cross Dressing, Sex and Gender, 1993). Forse per questo motivo, vestire abiti codificati come “femminili” , nel caso di un uomo, o “maschili”, nel caso di una donna, è stato spesso considerato – e lo è ancora in alcuni Paesi – un reato perseguibile a norma di legge. A partire da quella che è stata probabilmente la cross-dresser più famosa di tutti i tempi, ovvero Giovanna d’Arco, che in ultima istanza venne condannata non in quanto eretica ma proprio per la sua pervicacia nell’indossare indumenti maschili (Capers, I. B., “Cross dressing and the criminal”, Yale Journal of Law & the Humanities, 2008).
Ora per fortuna i tempi sono cambiati, sia sul piano giuridico che su quello culturale. Il secolo scorso ha segnato la definitiva conquista da parte delle donne, perlomeno nel mondo occidentale, del diritto a indossare i pantaloni, tanto che ora ci pare la cosa più “naturale” del mondo. Il cross-dressing maschile, invece, incontra maggiori resistenze e per ora riesce a “passare” solo in forme spettacolarizzate – si pensi alla crescente popolarità di uno show come quello condotto da RuPaul – mentre nella “vita di tutti i giorni” un uomo che indossa una gonna è ancora visto come qualcosa di “strano”. E sebbene alcune griffe ci stiano provando, a proporre gonne per gli uomini, si tratta di una rivoluzione frenata, probabilmente a causa del suo potenziale sovversivo. “Il cross-dressing gioca con i concetti di maschile e femminile, li destabilizza, portando l’osservatore a chiedersi se siano dati biologici o costrutti culturali. (…) Problematizza l’assunto in base al quale l’identità di genere discende automaticamente dal sesso biologico dell’individuo” (Ibidem).


Fotogramma tratto da “Vestito per uccidere” di Brian De Palma.

L’altro/a che cerchiamo (in noi)

Forse sarebbe più facile partire dal presupposto che abbiamo tutte/i, sebbene in misura variabile, caratteristiche definibili, secondo le convenzioni correnti, come “maschili” e “femminili”, ma questo di certo non ci rende meno “uomini” o “donne”. Al contrario, un uomo che non teme di mostrare un certo tipo di sensibilità risulta di solito particolarmente interessante agli occhi di una donna, così come una donna caratterizzata, per esempio, da determinazione e assertività tende a risultare affascinante allo sguardo di un uomo. Coerentemente, indossare abiti “pensati” per l’altro sesso ha poco a che fare con l’identità sessuale (il “sentirsi” uomo o donna) e ancora meno con l’orientamento (molti cross-dresser sono eterosessuali); ha invece molto a che fare con il desiderio di esprimere liberamente la propria personalità, in tutte le sue sfaccettature, comprese quelle che non rientrano negli stereotipi di genere, i cui crismi sono peraltro estremamente volatili. Fino agli anni Venti del secolo scorso, per esempio, il rosa era considerato un colore “maschile”. E se fino a poco tempo fa gli uomini villosi erano reputati “virili”, come si spiegano tutti questi ragazzi palestrati, con i muscoli scolpiti, sui quali neppure un pelo è rimasto a proiettare la sua timida ombra? Uomini e donne non sono semplicemente “maschili” o “femminili”: sono molto, ma molto di più.


Un classico: l’uomo in reggicalze (da “The Rocky Horror Picture Show”).

CINEMA TRAVESTITO

Le incursioni cinematografiche nell’ambito del cross-dressing sono numerose, a testimonianza dell’interesse che questa ‘condotta’ suscita nel pubblico. Alcuni film ne hanno dato una rappresentazione negativa, proprio perché ciò che è atipico e non conosciuto tende a generare inquietudine. Fra questi, l’archetipico Psycho di Alfred Hitchcock (1960), Vestito per uccidere di Brian De Palma (1980) e Il silenzio degli innocenti (1991). Sul versante femminile, due sono le icone che hanno mostrato al mondo il fascino di una donna con i calzoni: Marlene Dietrich, che in Morocco (1930) compare in frac e cilindro (un inedito assoluto per quei tempi) e Katharine Hepburn. Altri film hanno invece adoperato il cross-dressing in forma di commedia, evidenziando così i pregi degli uomini con una sensibilità “femminile”. Fra questi, A qualcuno piace caldo (1959), Tootsie (1982) e Mrs. Doubtfire (1993). Fra i più spassosi e irriverenti, invece, impossibile non citare i musical The Rocky Horror Picture Show (1975) e Priscilla - La regina del deserto (1994). Quasi dimenticavo Glen or Glenda? (1953) con soggetto (semi-autobiografico), sceneggiatura e regia del mitico Edward D. Wood Jr. passato alla storia come ‘il peggiore regista di tutti i tempi’ ma riscoperto in anni più recenti fino a divenire un autore di culto.


Nei panni della madre: una scena di “Psycho”, naturalmente.

Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved