Ambrì
5
Langnau
6
fine
(2-1 : 0-5 : 3-0)
Lakers
6
Zurigo
5
fine
(2-1 : 3-1 : 1-3)
La Chaux de Fonds
7
Ticino Rockets
0
fine
(1-0 : 5-0 : 1-0)
Kloten
6
GCK Lions
2
fine
(2-0 : 2-1 : 2-1)
Visp
2
Zugo Academy
4
fine
(1-2 : 1-0 : 0-2)
Turgovia
0
Sierre
3
fine
(0-1 : 0-0 : 0-2)
dio-salvi-i-punkinari-e-le-loro-chitarre
+8
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
2 gior

Ricorrenze storiche. Era il 25 dicembre...

Secondo la tradizione è il giorno della nascita di Gesù. Una data, però, legata anche ad altri eventi che hanno fatto storia. Scopriamone alcuni
Ticino7
3 gior

Mastro Geppetto e Matteo Oliva

Non è San Giuseppe e nemmeno il personaggio uscito da un classico della letteratura per ragazzi. Ma i segreti del legno, lui, li conosce benone...
Ticino7
3 gior

‘Canto di Natale’. Un racconto di Giorgio Genetelli

‘E mi addormento come in un letargo, Dicembre, alle tue porte, / lungo i tuoi giorni con la mente spargo tristi semi di morte’ (Francesco Guccini)
Ticino7
3 gior

Letterina (sotto l’albero) dal fronte

È partita come ‘influenza’, è diventata un tunnel fonte di scontri e di divisioni. Per fortuna è quasi Natale...
Ticino7
1 sett

Un mistero chiamato Phil Collins

Le ultime immagini che lo ritraggono (anche sul palco) mostrano tutte le difficoltà legate alla sua salute. Eppure rimane un genio del pop/rock mondiale
Ticino7
1 sett

La strategia del ‘revenge dress’ (metti il caso che...)

Giugno 1994: Carlo ammette l’infedeltà nei confronti della moglie Diana. Lei, di tutto punto, tira fuori dall’armadio l’abito della rivincita. Che colpo!
Ticino7
1 sett

Traffico e rumore. Quelli coi tubi in testa

Da Berna presto un giro di vite contro i veicoli rumorosi e gli stili di guida molesti. E in Ticino che si fa per arginare il fenomeno dei “tamarri”?
Ticino7
1 sett

Angélique Beldner: una questione di pelle?

Il percorso, a ritroso ma non solo, di una donna a cui oggi – nel 2021, in Svizzera – non è permesso essere come tante
Ticino7
1 sett

Quando l’emancipazione partì in bicicletta

Solo poco più di un secolo fa andare in bicicletta era considerato uno sport non adatto alle donne. Anzi, pericoloso...
Ticino7
1 sett

‘Gas a martello’ (tanto son tamarro)

Sono spesso giovani e vogliono trasgredire. Ok, ma certe cose oggi è meglio farle in un circuito automobilistico
Ticino7
2 sett

Bindu De Stoppani e le immagini che (s)corrono

Sceneggiatrice, regista e showrunner, cioè chi ‘fa correre’ l’intero processo di produzione di un telefilm. Ma ci sa fare anche con gli “affari di cuore”
Ticino7
2 sett

Ciò che il mondo separa, la poesia unisce

I versi di Francesca Matteoni e la grafica di Luca Mengoni per una raccolta poetica (curata da Fabio Pusterla) che racconta quello che sente il cuore
Ticino7
2 sett

Tra lui e lei: attraversamenti di genere e di vestiti

Uomini e donne non sono semplicemente “maschili” o “femminili”: sono molto di più. E allora si spiegano i fisici scolpiti, i toraci depilati e molto altro
Ticino7
2 sett

Radersi tra salute e consapevolezza, a ‘Movember’

Avete tempo sino alla fine del mese. Ma le buone cause, si sa, non hanno date e scadenze. Soprattutto quando parliamo di benessere, malattie e prevenzione
Ticino7
2 sett

L’ultima libertà dell’ultima cena

Nel nome del vostro bene e di quello dei vostri ospiti, mettete un bel cartello sulla porta di casa, con scritto: "Qui è vietato parlare di Covid’
Ticino7
3 sett

Gli antivaccinisti al tempo del vaiolo (correva l’anno 1931)

“Il pro e il contro nella scienza sono (...) pesati e sempre soggetti a controllo. I controlli poi sono infiniti in una scienza pratica come la medicina”
Ticino7
3 sett

Disavventure Latine 8. Senza tejo, tornerò

Il caffè in Colombia è pessimo. Attenzione, non il caffè prodotto in Colombia, ma quello che bevono: “Il migliore rende troppo per non venderlo..."
Ticino7
3 sett

Patrizia Varini preferisce il viola

Nella sua esistenza fatta di lavoro, passioni, hobby e viaggi i colori non mancano. Ma ce n’è uno che brilla e vibra sopra tutti gli altri...
Ticino7
3 sett

L’omosessualità di ieri (ma vista oggi)

Vale per tutto, pure con i film: per giudicare quanto siano ‘intelligenti’ andrebbero rivisti. Ma decenni dopo
Ticino7
4 sett

1821-2021: buon compleanno, maestro!

L’11 novembre si celebra il bicentenario della nascita dello scrittore e pensatore russo Fedor Dostoevskij, fra i capisaldi della letteratura mondiale
Ticino7
4 sett

Squid Game e il solito allarmismo di noi vecchi

Il ciclo dei media sulle mode giovanili è sempre lo stesso: non le capiamo, quindi decidiamo che son pericolose e ci mettiamo a sparare titoloni
Ticino7
1 mese

La Ficcanaso e l’eterno ritardo

Essere indietro su tutto, indiscriminatamente, è un’arte. Ma potrebbe anche essere una dote ereditaria
Ticino7
1 mese

‘Mamme in equilibrio’ e figlie ribelli: una testimonianza

La storia di Cecilia e della figlia Abigaille, per imparare che la perfezione non esiste ma non bisogna mai arrendersi
Ticino7
1 mese

La sindrome di Riccioli d’oro e l’esempio dei bimbi

Siamo sempre scontenti perché viviamo in perenne attesa di qualcosa di meglio. Eppure guardando all’infanzia dovremmo capire che spesso esageriamo
Ticino7
1 mese

Elisa Lazzari, la chef vegana di Riva San Vitale

“Spesso si pensa erroneamente che ciò che è vegano sia insapore e che chi abbraccia questa filosofia sia un invasato oppure un modaiolo”
Ticino7
1 mese

Il minimo indispensabile: storie di seni e di reggiseni

‘Forse è ora di fare davvero ognuna come ci pare, decidere se la lingerie è uno dei piaceri della vita o se non ce ne importa niente’
Ticino7
1 mese

Con la penna di Claudia Crivelli Barella

“Ragazze, non scoraggiatevi, non smettete di lottare contro la violenza, contro l’incuria e la pesantezza". Perché il mondo ha bisogno di voi, di noi
Ticino7
1 mese

Io (sto) con me stesso. La rivincita degli introversi

E voi, vi sentite più rivolti verso chi circonda oppure preferite guardare al vostro mondo interiore, e tenervi ciò che fate e pensate?
Ticino7
1 mese

Il miglior amico dell’uomo (e delle donne)

Va bene i social e i siti d’incontro, ma anche una passeggiata col cane (giusto) può fare miracoli
Ticino7
1 mese

Se la vipera aspis la conosci è meglio

Lenta nei movimenti, la vipera è un rettile velenoso da molti temuto. In realtà morde solo se molestata e calpestata, perché fugge al minimo rumore
Ticino7
1 mese

Paradisi riservati cercansi. Quando i soldi vanno in vacanza

Il business delle società offshore è vivo e vegeto in tutto il mondo, anche a Lugano come dimostrano le ultime inchieste. Una storia che parte da lontano
Ticino7
1 mese

Hans Kammermann e la poetica cromatica

‘L’obiettivo del mio dipingere è di entrare negli aspetti più reconditi delle cose, delle situazioni che vive l’uomo e dei sentimenti che lo attraversano’
Ticino7
1 mese

Lo scricciolo, un piccolo simpatico curiosetto

Gli piace dimorare tra i cespugli e muoversi sul terreno ispezionando tutto ciò che lo incuriosisce. Una palla di piume che rallegra il bosco
Ticino7
1 mese

La ‘paragonite’: perché quello che abbiamo non ci basta mai?

‘Chi non è soddisfatto di ciò che ha, non sarebbe soddisfatto neppure se avesse ciò che desidera’ (Socrate)
Ticino7
1 mese

A lezione dai deboli (osservare per stare al mondo)

Sopravvivere ai prepotenti è un’arte che si apprende dagli errori, soprattutto quelli degli altri
Ticino7
1 mese

Swiss Riot Girls: il coraggio e le idee fanno la differenza

Un podcast della RSI ricorda 7 donne fuori dagli schemi, controcorrente, che hanno lasciato il segno. Alcune sono svizzere, altre da noi ci hanno vissuto
Ticino7
1 mese

Ti-Press: quando lo scatto è al centro della notizia

Che cosa significa catturare per immagini l’essenza e i cambiamenti della nostra società? Francesca, Davide e il loro team lo fanno da oltre 20 anni...
Ticino7
1 mese

Vent’anni di ‘Tenenbaum’ (un film da rivedere)

“La gente non approva, ma oggi giorno che cosa approva la gente?” (Gene Hackman). Per tutto il resto cercatevelo e godetevelo, me vale la pena
Ticino7
1 mese

La Sindrome dell’Impostore. Se pensiamo di non sapere

‘Il problema (...) è che gli sciocchi e i fanatici sono estremamente sicuri di loro stessi, mentre le persone più sagge sono piene di dubbi’ (B. Russell)
Ticino7
1 mese

Svastiche al sole (ma forse è solo noia)

Ogni tanto compaiono, poi qualcuno le cancella e tutto passa. Altre volte restano lì, a futura memoria, chissà...
Ticino7
13.11.2021 - 19:180
Aggiornamento : 15.11.2021 - 16:37

Dio salvi i punkinari! E le loro chitarre

C’è chi ha scritto che è morto nel 1977, altri pensano sia un modo di vivere e vedere il mondo che tiene ancora botta. Noi preferiamo parlare di musica

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione

È fermentato lentamente, uscendo pian piano dai pub e dai bar nei quali era relegato. Costola del garage rock, all’inizio il punk era soprattutto una ribellione contro quel che il rock stesso stava diventando: una cosa industrializzata, serializzata, gonfia di manager e agenti, in cui agli artisti si chiedono ogni anno un nuovo album, un live e magari pure un ‘best of’. Un affare coi produttori come alchimisti, con le loro formule magiche fatte di look ‘giusti’, vestiti ‘giusti’, permanenti ‘giuste’: tutto giusto, anche la sfumatura di colore del burrocacao. Poi arrivarono la disco, lo shock petrolifero, le proteste. E i giovani si stufarono.
All’inizio cercai di ignorare il punk, che in un novembre fatale mi sorprese sulla Slater Hill della Purdue University. C’era la ‘Battaglia delle Band’, una notte tipica da campus americano, un’occasione per tirare su una propria cover band o alla peggio millantare un po’ di intellettualismo musicale, tutto pur di andare a letto con qualcuno di figo. La serata procedeva lungo i soliti binari finché a farla deragliare non arrivarono i Dead Bambis, nome che invocava il feroce decesso del celebre cerbiattino Disney (come se non bastasse quanto capitato alla madre). Non ricordo nulla dei successivi quindici minuti di musica e violenza. Tutto quel che so è che da quel giorno – da quando i Dead Bambis bagnarono di sangue il palco di Slater Hill – i Dead Kennedys, i Bad Brains, i Black Flag e i Sex Pistols (ovvio) conquistarono il cuore della mia collezione di dischi, fino ad allora riservata al rock e al jazz.
Ma non erano cambiati solo i dischi sullo scaffale della mia stanza. Ero cambiato io. A 18 anni avevo in un certo senso perso la mia ‘purezza’, erano affiorate tutte le esperienze che avevo vissuto nell’Italia degli anni di piombo, come se finalmente riuscissi a liberare una rabbia che si era accumulata in me e che fino ad allora i Baglioni, i Battiato, i Battisti erano riusciti a tenere buona. Appena una settimana dopo, reagendo a un mio intervento piuttosto brusco durante la sua lezione di Microeconomia, il professor Bowl mi disse “Mister Bassanini, non faccia il punk”. Sì, ero cambiato.


Il disco: l’inizio e la fine di tutto, ma il punk è stato anche molto altro...

LA CLASSIFICA
Ancora una volta, lo scopo di questa rubrica non è quello di consigliare i dieci album più noti e celebrati del genere, ma quelli che li seguono a ruota: sicché me ne starò lontano dai Ramones, dai Clash e da tutte le band che hanno fatto del punk un genere musicale compiuto e a sé stante. Ecco insomma i dieci panchinari del punk. Se non vi piacciono, girate pagina e levatevi dalle scatole.

10. The Ruts - ‘The Crack’ (1979)
Ogni volta che lo metto su in negozio, lo vendo. Non c’è rabbia, ma il punk non era solo rabbia: era anche riff di chitarra, batteria spedita, voci e parole sparate in faccia. Volete provare? Abbassate la puntina su ‘Criminal Mind’, un minuto e 34 secondi che vi faranno capire cosa significa punk. Amaro.

9. Fugazi - ‘Fugazi’ (1988)
La prossima volta che vi troverete in una qualsiasi sala d’attesa – dal dentista, dal dottore, al Pronto soccorso, prima di un interrogatorio di polizia o di un colloquio col vostro avvocato per il divorzio – tirate fuori il Walkman, metteteci dentro la cassetta dei Fugazi e premete ‘play’ sulla prima traccia, ‘Waiting Room’. Le vostre preoccupazioni si dissolveranno. Indignato.

8. The Undertones ‘The Undertones’ (1979)
Punkinari di Belfast, si guadagnarono un po’ di celebrità aprendo i concerti dei Clash durante il loro tour americano. Se c’è un batterista più ‘serrato’ di Billy Doherty, beh, io non lo conosco. A differenza dei loro concittadini Stiff Little Fingers, gli Undertones ignoravano i temi politici e si concentravano su cose più importanti per un adolescente, come avere il coraggio per farsi avanti con qualcuno e andarci a letto. Attaccano ‘Teenage Kicks’ chiedendosi se “i sogni da adolescenti son così difficili da sconfiggere” e sì, quello è Feargal Sharkey con la sua voce a tremolo che vi sta arrivando addosso, da bravo punk. Perfido.

7. Crass - ‘Penis Envy’ (1981)
Punk inglesi e anarchici veri, i Crass sono nati in seno alla comunità anarchica dell’Essex. Non so se posso discutere apertamente Penis Envy, vista la lunga storia di censure che colpirono l’album, incluso il bando da parte delle grandi catene commerciali inglesi e un sequestro effettuato dalla polizia di Manchester, con tanto di negoziante accusato di “esibire articoli volgari a scopo commerciale”. Ciò detto, ‘Invidia del pene’ resta un classico del genere. Scurrile.

6. Circle Jerks - ‘Group Sex’ (1980)
Fondati a Los Angeles dall’ex cantante e leader dei Black Flag Keith Morris, i Circle Jerks hanno spianato col loro schiacciasassi la religione, la politica, la società. E ovviamente il sesso. Nulla per loro era sacro o tabù. Quando vi trovate in ufficio e siete lì lì per rispondere a quell’e-mail – sì, proprio quella, sapete quale intendo –, fermatevi un attimo e ascoltate la traccia 6, ‘Wasted’. 39 secondi dopo sarete in grado di riscrivere più serenamente la vostra risposta. Infuriato.

5. Minor Threat - ‘Minor Threat EP’ (1983)
Punk di Washington D.C., tra i fondatori del movimento ‘straight edge’ votato a una vita senza alcol, droghe e sesso occasionale. Se volete sapere come ci si sente a vivere così mettete su la terza traccia, ‘Seeing Red’. Cinque minuti dopo sarete di fronte all’Irish Pub di Sorengo, tequila in una mano e canna nell’altra, a correr dietro al meglio che la Franklin ha da offrire. Peccaminoso.

4. Discharge - ‘Hear Nothing See Nothing’ (1982)
Mentre il punk cominciava a declinare e a lasciar spazio a quarant’anni di monnezza elettropop synth reggaeton trash boy band pseudo hip hop, ecco arrivare i Discharge con questa lattina di punk al gusto calcio-nei-coglioni. Volete assaggiarla? Cominciate con la traccia numero 3, ‘The Final Blood Bath’. Ma prima magari avvertite i vicini. Primitivo.

3. Siouxsie & The Banshees - ‘The Scream’ (1978)
Questo entra in lista per tutta una serie di ragioni, ma soprattutto perché sono stati i primi a spaventarmi davvero. Prendete per esempio ‘Helter Skelter’, un pezzo inquietante in cui ci vogliono quaranta secondi prima che la chitarra entri a gelarvi il sangue, e altri undici per Susan Ballion – aka Siouxsie Sioux – per mandarvi in testacoda. Punk secondo me, dark wave secondo altri, lo metto qui perché l’età del punk non ci sarebbe stata senza il suo contrappeso di riff lenti e cupi. Apocalittico.

2. Wire - ‘Pink Flag’ (1977)
La mia scelta per il numero 1 è un’altra, ma questa rimane di fatto a pari merito. Oltre a essere uno degli album più emblematici di sempre, contiene la migliore accoppiata di canzoni mai concepita. Sul lato 1, traccia 2 troverete ‘Field Day For The Sundays’: 29 secondi di punk seguiti da ‘Three Girl Rumba’. Suonatele una dopo l’altra ed ecco l’estasi punk. Immaginifico.

1. X - ‘Los Angeles’ (1980)
In questa lista ho messo il ‘best of the rest’, ma questo album andrebbe bene anche per un ‘best of the best’, e in ogni caso si tratta di un album imprescindibile in qualsiasi collezione di dischi. Mi ci sono voluti trent’anni per trovarne una copia originale americana ‘near mint’, ovvero come nuova: di solito chi ce l’ha l’ascolta fino a scartavetrarla. Gli X trascinano alla sbarra la società californiana e soprattutto Los Angeles, la scuoiano con le loro liriche. E mentre i dischi successivi non sono altrettanto intensi, questo è imperdibile. Punk Nirvana (nel senso di “beatitudine finale”, nulla a che fare con Kurt Cobain, eh).

Post scriptum: chi come me è cresciuto nell’età del punk, sa che prima o poi doveva succedere, che la rabbia e la frustrazione degli anni Settanta stavano esondando e la musica doveva per forza avere un ruolo nel farle venir fuori. Quel che mi chiedo è perché sotto quell’acquazzone d’escrementi che è oggi la vita – tra Covid-19, Isis, guerre, una crisi economica eterna e così via – non germogli una nuova incarnazione del punk o del grunge a riprendersi la scena. Dov’è la rabbia? Dov’è l’indignazione? Dov’è il punk?

Nota della Redazione: ‘Ticino7’ declina qualsivoglia responsabilità in caso di danni all’udito, collari borchiati, creste colorate, lanci di molotov e sedizioni violente cagionati dall’ascolto dei brani consigliati. La colpa, come sempre, è tutta dell’autore, che casomai vi aspetta a Maroggia. Però fate attenzione.

Guarda tutte le 12 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved