Ambrì
5
Langnau
6
fine
(2-1 : 0-5 : 3-0)
Lakers
6
Zurigo
5
fine
(2-1 : 3-1 : 1-3)
La Chaux de Fonds
7
Ticino Rockets
0
fine
(1-0 : 5-0 : 1-0)
Kloten
6
GCK Lions
2
fine
(2-0 : 2-1 : 2-1)
Visp
2
Zugo Academy
4
fine
(1-2 : 1-0 : 0-2)
Turgovia
0
Sierre
3
fine
(0-1 : 0-0 : 0-2)
la-sindrome-di-riccioli-d-oro-e-l-esempio-dei-bimbi
(Pixabay)
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
2 gior

Ricorrenze storiche. Era il 25 dicembre...

Secondo la tradizione è il giorno della nascita di Gesù. Una data, però, legata anche ad altri eventi che hanno fatto storia. Scopriamone alcuni
Ticino7
3 gior

Mastro Geppetto e Matteo Oliva

Non è San Giuseppe e nemmeno il personaggio uscito da un classico della letteratura per ragazzi. Ma i segreti del legno, lui, li conosce benone...
Ticino7
3 gior

‘Canto di Natale’. Un racconto di Giorgio Genetelli

‘E mi addormento come in un letargo, Dicembre, alle tue porte, / lungo i tuoi giorni con la mente spargo tristi semi di morte’ (Francesco Guccini)
Ticino7
3 gior

Letterina (sotto l’albero) dal fronte

È partita come ‘influenza’, è diventata un tunnel fonte di scontri e di divisioni. Per fortuna è quasi Natale...
Ticino7
1 sett

Un mistero chiamato Phil Collins

Le ultime immagini che lo ritraggono (anche sul palco) mostrano tutte le difficoltà legate alla sua salute. Eppure rimane un genio del pop/rock mondiale
Ticino7
1 sett

La strategia del ‘revenge dress’ (metti il caso che...)

Giugno 1994: Carlo ammette l’infedeltà nei confronti della moglie Diana. Lei, di tutto punto, tira fuori dall’armadio l’abito della rivincita. Che colpo!
Ticino7
1 sett

Traffico e rumore. Quelli coi tubi in testa

Da Berna presto un giro di vite contro i veicoli rumorosi e gli stili di guida molesti. E in Ticino che si fa per arginare il fenomeno dei “tamarri”?
Ticino7
1 sett

Angélique Beldner: una questione di pelle?

Il percorso, a ritroso ma non solo, di una donna a cui oggi – nel 2021, in Svizzera – non è permesso essere come tante
Ticino7
1 sett

Quando l’emancipazione partì in bicicletta

Solo poco più di un secolo fa andare in bicicletta era considerato uno sport non adatto alle donne. Anzi, pericoloso...
Ticino7
1 sett

‘Gas a martello’ (tanto son tamarro)

Sono spesso giovani e vogliono trasgredire. Ok, ma certe cose oggi è meglio farle in un circuito automobilistico
Ticino7
2 sett

Bindu De Stoppani e le immagini che (s)corrono

Sceneggiatrice, regista e showrunner, cioè chi ‘fa correre’ l’intero processo di produzione di un telefilm. Ma ci sa fare anche con gli “affari di cuore”
Ticino7
2 sett

Ciò che il mondo separa, la poesia unisce

I versi di Francesca Matteoni e la grafica di Luca Mengoni per una raccolta poetica (curata da Fabio Pusterla) che racconta quello che sente il cuore
Ticino7
06.11.2021 - 12:590
Aggiornamento : 08.11.2021 - 11:53

La sindrome di Riccioli d’oro e l’esempio dei bimbi

Siamo sempre scontenti perché viviamo in perenne attesa di qualcosa di meglio. Eppure guardando all’infanzia dovremmo capire che spesso esageriamo

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione

Prima di partire per una trasferta di lavoro, ho l’abitudine di avvicinarmi a mia figlia di 2 anni e, con stampato un sorriso da tele-imbonitore, le dico: “Amore, lo sai che la settimana prossima papà starà via per qualche giorno e che non ti devi dispiacere e che devi essere brava e che non devi fare arrabbiare la mamma e che... (bla bla bla)?”. Lei, interrompendo malvolentieri l’attività ludica, mi guarda un po’ stupita e risponde: “Sì, ma adesso no. Continuiamo a giocare!”. “Sì, ma adesso no”. In questa frase è racchiuso uno dei segreti fondamentali della vita, perché parafrasando queste quattro semplici parole è come se volesse dirmi: “Papà, ma perché mi parli di cose che devono ancora capitare? Per quale motivo mi dovrei preoccupare adesso di un evento che non si è ancora verificato? Perché devi distrarmi da quello che sto facendo con gioia e farmi pensare a ciò che forse succederà in futuro? Non possiamo solamente limitarci a vivere e goderci questo momento insieme?”. Hai proprio ragione, figlia mia. Hai presente quando quella sera abbiamo letto la favola di Riccioli d’oro? Quella storia in cui c’era quella bambina a cui non andava bene niente e per la quale ogni cosa o era troppo calda o troppo fredda, troppo grande o troppo piccola, troppo dura o troppo morbida?

Alla ricerca del (sempre) meglio

Ecco. Noi adulti siamo un po’ come lei. In particolare poi, tuo padre fa parte di quell’annoiata generazione cresciuta nella continua e disperata ricerca di un’identità (peraltro mai trovata), che trascorre gran parte della vita a fantasticare sulle meraviglie che il futuro presto ci riserverà, abile allo stesso tempo di rimuginare sui fallimenti che il passato ci ha invece già consegnato, ma incapace di concentrare la propria attenzione sull’unica cosa davvero importante, e cioè tutto quello che ci sta riservando adesso il presente. Ogni cosa che ci capita non è mai abbastanza e siamo in perenne attesa di qualcosa di “diverso”: un lavoro migliore, una casa più grande, un divano più comodo, un ristorante più buono, dei colleghi più simpatici, un libro scritto meglio, una serie TV più bella, un articolo meno banale, una palestra più vicina. Tutto quello che abbiamo, che stiamo vivendo o facendo non è mai sufficiente e vaghiamo alla disperata ricerca di “qualcos’altro” perché nella nostra mente sarà certamente quello l’agognato elemento che finalmente darà la svolta alla nostra vita!
Credo sia proprio per questo motivo che consideriamo fiabesche le vite dei personaggi famosi. Le idealizziamo senza viverle. Quando pensiamo a Tom Cruise nella nostra testa appare l’iconografia di un super uomo che guida un caccia F 14, o che corre sui tetti inseguito da duecento nemici, o che da solo salva il mondo da invasioni extraterrestri o, nel peggiore dei casi, lo immaginiamo al vertice di una setta religiosa, ma difficilmente riusciamo a concepirlo nella sua ordinaria quotidianità come ad esempio vestito solo di un pigiamino di flanella blu scuro, mentre si spalma la crema antirughe al collagene intorno agli occhi perché domani ha il primo ciak dell’ennesimo Mission Impossible. Ebbene sì, è dura rendersene conto, ma anche Tom fa la cacca.

Non è ancora tempo

Oggi, piccola mia, non concedendo ancora piena attenzione alla tua mente, riesci a vivere libera e spensierata, ma tra qualche anno quando comincerai a sperimentare i primi sentimenti negativi come tristezza, ansia o dolore, dovrai essere coraggiosa e affrontare le diverse emozioni stando attenta sia a non farti coinvolgere troppo dai discorsi interiori in cui proverà a trascinarti la mente, sia a evitare di eliminare a tutti i costi le sensazioni sgradevoli senza aver cercato prima di comprenderle. Se riuscirai a diventare per te stessa un “allenatore emotivo”, allora sarai in grado di goderti l’infinita bellezza del mondo. Perché, come esclama in una famosa vignetta Charlie Brown, “un giorno ci toccherà morire”. E Snoopy, girandosi verso di lui, replica: “Certo Charlie... ma adesso no!”.

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved