il-minimo-indispensabile-storie-di-seni-e-di-reggiseni
Shutterstocck
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
2 ore

Karin Motta non abbocca, anzi...

“La caccia e la pesca (...) mi avvicinano alla natura, perché si ha l’opportunità di conoscerla da vicino". E se non conosci, come puoi giudicare?
Ticino7
13 ore

Mele. Dalla Capriasca un nettare rigorosamente ‘doc’

Avete delle piante di mele nel vostro giardino e volete produrre un succo “tutto vostro”? In Ticino si può, seguendo la filosofia della filiera corta
Ticino7
1 gior

Ambiente & azione

Oltre alla ‘Giornata della buona azione’, questo fine settimana in Svizzera si celebrano anche la natura e gli ecosistemi
Ticino7
5 gior

Salvare una vita è sempre una buona idea

Nelle acque del Mediterraneo continuano a morire esseri umani, leggi e diritti. Spesso nel silenzio. Ne abbiamo parlato con Cecilia Strada della ONG ResQ
Ticino7
1 sett

L’occhio sociale di Alessandro Ligato

‘L’arte mi ha insegnato ad avere un pensiero divergente che non si ferma mai all’apparenza ma che tenta, piuttosto, di scoprire cosa c’è sotto il tavolo’
Ticino7
1 sett

Se volevo essere un riempimento di vuoti nascevo stucco

Perché è così difficile per le persone percepire la differenza tra essere disponibili ed essere a disposizione?
Ticino7
1 sett

Dimmi come ti chiamano (e ti dirò chi sei)

Ti si attacca addosso in un attimo e ti accompagna per tutta la vita, spesso finendo per diventare anche un nome di famiglia alternativo: è il soprannome
Ticino7
1 sett

Quello sei tu, davvero

Hai voglia a costruirti un profilo pubblico rispettabile, se poi quelli che ti conoscono veramente...
Ticino7
2 sett

Gabriel Stöckli e l’età dell’incertezza

La durezza e la semplicità delle forme coinvolte nelle sue creazioni sono anche la metafora della precarietà della sua generazione
Ticino7
2 sett

Storie e curiosità col ‘ghiro d’Italia’ (ma senza sudare)

Anche se non siete amanti della bici, qui potrete trovare pane per i vostri denti. Perché in su e in giù seguendo la Maglia Rosa non si pedala e basta...
Ticino7
2 sett

Il castoro cerca casa, uomo permettendo

Cacciato, estinto e reintrodotto. Anche quella di questo ingegnoso roditore è la storia di una convivenza fragile e complessa con l’homo sapiens
Ticino7
2 sett

Essere ‘Supergiovani’ dentro

“Nel boschetto della mia fantasia c’è un fottio di animaletti un po’ matti inventati da me, che mi fanno ridere quando sono triste”
Ticino7
3 sett

La scelta ‘silenziosa’ di Claudio Zanini

Guida un’auto elettrica e con 120mila chilometri alle spalle l’esperienza è molto positiva. A parte quei costi legati alla ricarica ‘da migliorare’...
Ticino7
3 sett

Guidare elettrico: lo stile fa la differenza

Come si guida un veicolo con motore elettrico, con un occhio ad autonomia e resa, e rientrare nei margini di percorrenza promessi dai costruttori?
Ticino7
3 sett

Elettrificazione. Ok, la parola è giusta

Piccola guida per capirci qualcosa in un universo fatto di sigle, corrente, cavi, potenza, batterie, prese e molto inglese
Ticino7
3 sett

Mobilità e sostenibilità: le buone intenzioni

Serve a poco utilizzare veicoli (sulla carta) poco inquinanti, se poi si guidano così così
Ticino7
3 sett

‘Egolandia’ o le cinquanta sfumature di Narciso

Volete evitare di cadere vittima del narcisista manipolatore? Ecco il contributo giusto per voi...
Ticino7
4 sett

La narrazione emotiva di Luca Chieregato

Recente autore di un coinvolgente volume, l’attore e cantastorie ci ricorda l’importanza della tradizione orale. Perché raccontare è anche raccontarsi
31.10.2021 - 10:43

Il minimo indispensabile: storie di seni e di reggiseni

‘Forse è ora di fare davvero ognuna come ci pare, decidere se la lingerie è uno dei piaceri della vita o se non ce ne importa niente’

di Sara Rossi Guidicelli

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione

La scorsa estate si è fatto un gran parlare di reggiseni. Come ogni moda, la discussione è nata a Parigi. Sembra che durante il lockdown le francesi si siano accorte che è bellissimo stare a casa senza reggiseno e quindi si è acceso il dibattito al grido di “Busto libero!”.

Il reggiseno è una questione di comodità o di politica? Chi pensa che ognuno si veste un po’ come vuole, sappia che per certi l’apparenza è piena di messaggi: lascio il pelo perché voglio le pari opportunità; mostro i capezzoli perché sono libera; non metto in mostra le forme perché non voglio compiacere i maschi patriarcali... e se invece mi depilo, uso il push-up e sbandiero il décolleté sto riproponendo la solita immagine della donna-oggetto.
Naturalmente però si può omettere il reggiseno e restare seducenti nel vecchio senso della parola: basta rinunciare a spalline e laccetto sulla schiena, e indossare un reggiseno autocollante (due coppette autoreggenti) o applicare un piccolo adesivo, per esempio a forma di fiore, sui capezzoli. Togliere il reggiseno non è quindi per forza segno di emancipazione né di seno libero.

Un po’ di storia

Il reggiseno è nato come rivendicazione di libertà. Busto libero! Il corsetto ci toglie il fiato, non riusciamo a correre, non vogliamo più essere donne svenevoli! E così a fine Ottocento (in Francia, bien sûr) è nato il reggipetto, quell’aggeggio che usa il principio dello zaino: se le spalle mi aiutano a portare un peso, questo pesa meno. Durante la Prima guerra mondiale il governo americano ha poi chiesto all’industria dei corsetti di risparmiare metallo perché serviva di più all’industria bellica. Bene, allora togliamo le stecche e lasciamo le coppe: nasce il reggiseno e si risparmiano nei soli Stati Uniti 20mila tonnellate di metallo, quanto basta cioè per costruire due corazzate.
Negli anni il reggiseno ha seguito le tendenze estetiche che chissà chi inventava: il seno piatto è androgino quindi intrigante (anni Venti), a punta come un siluro dà allegria e grazia (anni Cinquanta), push-up è barocco, sensuale, fa l’occhiolino al porno e rimanda gradevolmente alle birrerie tedesche (anni Ottanta). Intravedere il seno è bello, è volgare, infantile, provocante. Tra decenza, erotismo, moda e liberazione, si intreccia e fluttua nei decenni l’evoluzione della nostra biancheria intima.


Shutterstocck

Questioni di salute

Qualche anno fa la ricerca di un medico (francese) aveva dato speranza alle donne che si sentono costrette dal reggiseno: “L’impatto del reggiseno è nocivo”, sosteneva il dottor Jean-Denis Rouillon, che nel frattempo è stato smentito. “Non solo non abbellisce, ma inoltre non permette ai tessuti cutanei di irrigarsi a dovere e non lascia lavorare le fibre. Toglietelo e il vostro seno ricomincerà a puntare verso l’alto in modo naturale”. Le ultime ricerche mediche sono più caute: va benissimo metterlo o non metterlo. Meglio però non più di otto ore al giorno ed è importante sceglierlo della giusta taglia: la respirazione non deve in nessun modo essere ostacolata. Il reggiseno è fortemente consigliato negli ultimi mesi della gravidanza, durante l’allattamento e mentre si praticano sport come la corsa, dove i colpi ripetuti possono provocare mal di schiena, cattiva postura, dolori al collo e alle spalle.


Shutterstocck
Istruzioni per l’uso: la banda che corre dietro la schiena deve essere orizzontale e non salire verso l’alto. Se ciò accade il reggiseno probabilmente non è della misura corretta.

Per chi non si ricorda

“Dipende molto anche dall’età”, mi racconta una femminista che oggi ha 70 anni. “Quando vedo per strada le ragazzine con la maglietta attillata e i pantaloncini corti mi paiono provocanti e anche un po’ scandalose. L’altro giorno però ho tirato fuori un album di fotografie e mi sono vista io a quell’età. Erano gli anni Sessanta o Settanta, non mettevo mai il reggiseno e andavo in giro praticamente in mutande e canottiera... Me lo ricordo benissimo perché lo facevo: non era per attirare sguardi o desideri, men che meno per provocare: mi sentivo bene, ero giovane e libera e quindi indossavo il minimo indispensabile. Credo che quando giudichiamo gli altri (i più giovani, gli stranieri, i diversi da noi in generale) pensiamo a noi stessi adesso: se io facessi così adesso sarebbe brutto. E invece dobbiamo pensare a loro in questo momento, che si sentono in un modo che appartiene a loro e a questo momento, e che noi non sappiamo niente delle loro intenzioni le quali forse sono tutte diverse da ciò che ci immaginiamo”.

E dunque?

Quindi forse è ora di fare davvero ognuna come ci pare. Di decidere se la lingerie è uno dei piaceri della vita o se non ce ne importa niente. Chi spesso è in ritardo e corre per prendere il bus, probabilmente troverà comodo non avere qualcosa che ti ballonzola dolorosamente davanti; chi ha un’idea di comodità legata al minimalismo e sta bene così, darà il benvenuto al movimento No Bra. E probabilmente la maggior parte sceglierà di metterlo quando e come ne ha voglia senza farne una questione di principio. Come diceva Germaine Greer nel 1970 nel suo libro L’eunuco femmina: “I reggiseni sono un’invenzione assurda, ma se poni come regola il fatto di stare senza reggiseno, ti stai sottomettendo a un’altra repressione ancora”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
libertà individuale lingerie no bra reggiseno sara rossi guidicelli seno
Shutterstocck
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved