hans-kammermann-e-la-poetica-cromatica
© Gregorio Esposito
+1
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
4 gior

Salvare una vita è sempre una buona idea

Nelle acque del Mediterraneo continuano a morire esseri umani, leggi e diritti. Spesso nel silenzio. Ne abbiamo parlato con Cecilia Strada della ONG ResQ
Ticino7
5 gior

L’occhio sociale di Alessandro Ligato

‘L’arte mi ha insegnato ad avere un pensiero divergente che non si ferma mai all’apparenza ma che tenta, piuttosto, di scoprire cosa c’è sotto il tavolo’
Ticino7
5 gior

Se volevo essere un riempimento di vuoti nascevo stucco

Perché è così difficile per le persone percepire la differenza tra essere disponibili ed essere a disposizione?
Ticino7
6 gior

Dimmi come ti chiamano (e ti dirò chi sei)

Ti si attacca addosso in un attimo e ti accompagna per tutta la vita, spesso finendo per diventare anche un nome di famiglia alternativo: è il soprannome
Ticino7
6 gior

Quello sei tu, davvero

Hai voglia a costruirti un profilo pubblico rispettabile, se poi quelli che ti conoscono veramente...
Ticino7
1 sett

Gabriel Stöckli e l’età dell’incertezza

La durezza e la semplicità delle forme coinvolte nelle sue creazioni sono anche la metafora della precarietà della sua generazione
Ticino7
1 sett

Storie e curiosità col ‘ghiro d’Italia’ (ma senza sudare)

Anche se non siete amanti della bici, qui potrete trovare pane per i vostri denti. Perché in su e in giù seguendo la Maglia Rosa non si pedala e basta...
Ticino7
1 sett

Il castoro cerca casa, uomo permettendo

Cacciato, estinto e reintrodotto. Anche quella di questo ingegnoso roditore è la storia di una convivenza fragile e complessa con l’homo sapiens
Ticino7
1 sett

Essere ‘Supergiovani’ dentro

“Nel boschetto della mia fantasia c’è un fottio di animaletti un po’ matti inventati da me, che mi fanno ridere quando sono triste”
Ticino7
2 sett

La scelta ‘silenziosa’ di Claudio Zanini

Guida un’auto elettrica e con 120mila chilometri alle spalle l’esperienza è molto positiva. A parte quei costi legati alla ricarica ‘da migliorare’...
Ticino7
2 sett

Guidare elettrico: lo stile fa la differenza

Come si guida un veicolo con motore elettrico, con un occhio ad autonomia e resa, e rientrare nei margini di percorrenza promessi dai costruttori?
Ticino7
2 sett

Elettrificazione. Ok, la parola è giusta

Piccola guida per capirci qualcosa in un universo fatto di sigle, corrente, cavi, potenza, batterie, prese e molto inglese
Ticino7
2 sett

Mobilità e sostenibilità: le buone intenzioni

Serve a poco utilizzare veicoli (sulla carta) poco inquinanti, se poi si guidano così così
Ticino7
3 sett

‘Egolandia’ o le cinquanta sfumature di Narciso

Volete evitare di cadere vittima del narcisista manipolatore? Ecco il contributo giusto per voi...
Ticino7
3 sett

La narrazione emotiva di Luca Chieregato

Recente autore di un coinvolgente volume, l’attore e cantastorie ci ricorda l’importanza della tradizione orale. Perché raccontare è anche raccontarsi
Ticino7
3 sett

Sandra Zanchi, un volto del popolo

Attrice dialettale, scrittrice, regista e autrice di brani musicali, a inizio aprile è diventata centenaria. Ma l’affetto del pubblico ancora la sorprende
Ticino7
3 sett

Chiedilo alla pipì (e vedrai che sorprese...)

Sei giovane o vecchio dentro, schifiltoso o aperto come una rosa di maggio? Lei è in grado di dirci molte cose su noi stessi e sulla nostra specie
Ticino7
3 sett

Non è solo una ‘stupida felicità’

‘Questa è la ballata dell’uomo felice, felice di nome, di fatto, si può dire di mestiere, uno che la felicità l’ha imparata a dovere...’
Ticino7
1 mese

Chiara Zocchetti e l’iconografia della decadenza

Oltre al lavoro legato alla cronaca, si dedica a progetti personali come reportage e la fotografia d’architettura. E poi ci sono i luoghi abbandonati...
Ticino7
1 mese

Paolo Tognina, tra fede e nuove sfide

Pastore e giornalista, volto noto della RSI, dal primo luglio si occuperà tempo pieno della comunità riformata di Poschiavo. Conosciamolo meglio
Ticino7
1 mese

Metti una sera al ‘caffè dei gatti’...

Creati alla fine degli anni Novanta, i neko café oggi sono diffusi in tutto il mondo. Nati per trovare casa ai gatti, sono anche un luogo di ‘cat-therapy’
Ticino7
1 mese

L’invasione russa. Storie e fragilità

La violenza si alimenta di un passato mai elaborato. Ne è convinta la scrittrice Serena Vitale, che sul grande gigante russo ha scritto pagine importanti
Ticino7
1 mese

Il tempo (è) perduto

Per sapere chi siamo è bene capire cosa siamo stati (anche perché del futuro pare ci sia poco da fidarsi)
24.10.2021 - 16:00

Hans Kammermann e la poetica cromatica

‘L’obiettivo del mio dipingere è di entrare negli aspetti più reconditi delle cose, delle situazioni che vive l’uomo e dei sentimenti che lo attraversano’

di Keri Gonzato

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione

Nato a Lucerna nel 1948, da giovane scopre di avere tre sogni: pittura, poesia, fotografia. Nel ’68 inizia il periodo del viaggio che lo porta in Africa e poi in Grecia e lungo il Mediterraneo. Per due anni si immerge nell’arte e nei monumenti di altre culture, incontra molte persone e amplia la sua conoscenza del mondo. Nel 1975 torna in Svizzera e si trasferisce con la moglie in Ticino, trovando qui un compromesso culturale tra Nord e Sud. Entrambi iniziano un periodo in cui si dedicano alla pittura, dialogando con la natura e coi paesaggi interiori della mente. Tutt’oggi Hans e Anna condividono vita e lavoro nel loro atelier di Sessa.

Aprendo il catalogo con le ultime opere pittoriche di Hans Kammermann ritrovo l’emozione di Emily Dickinson. La poetessa statunitense - affascinata dai segreti di natura, amore e morte - è la sua autrice preferita. I versi sono seguiti dai colori dell’artista che scorrono come un fiume. Il suo linguaggio pittorico fa pensare alla tecnica narrativa del flusso di coscienza che consiste nella libera rappresentazione dei pensieri di una persona così come compaiono nella mente, tramite un monologo interiore ricco di emozioni e sentimenti, passioni e sensazioni, prima di essere riorganizzati logicamente in frasi. Kammermann esperisce il proprio monologo interiore attraverso pennelli e colori. La figura, in una continuità organica, emerge dalla natura che per l’artista è sempre il principio di tutto. A volte si staglia più nitida, altre volte sparisce in un tutto multiforme. Il suo desiderio di entrare nel profondo delle cose lo porta dapprima a indagare il mondo naturale. Poi, nel corso del tempo, il suo interesse si dirige verso la forma umana, i paesaggi del subconscio e la cromatica dell’essere. “Capita spesso che io rivisiti più e più volte la medesima tela, anche a distanza di mesi, a manifestare l’evoluzione del mio processo interiore con nuove tracce”. Ne risulta una morbidezza cromatica che calma a cui si unisce una profondità senza fine che conturba: “La creazione di un’opera d’arte è un processo aperto, un continuo trasformare in cui bisogna lasciare andare la forma precedente per accogliere il mistero del nuovo” riflette, “forse il punto di arrivo di questa trasformazione è quando il quadro viene acquistato, ma in fondo anche lì continua a evolvere attraverso gli occhi di chi lo guarda”.


© Gregorio Esposito

Rincorrendo la natura

Sensibile, gentile, aperto all’altro, Kammermann incontra la realtà con la curiosità di chi ama conoscere cosa si cela sotto alla superficie. “La scelta di vivere in modo semplice, vicino alla natura e ai suoi ritmi, ha accompagnato la mia vita”, dice il ricercatore dell’essenza. La semplicità gli permette di sentire, vedere, ascoltare meglio. “L’obiettivo del mio dipingere è di entrare negli aspetti più reconditi delle cose, delle situazioni che vive l’uomo e dei sentimenti che lo attraversano”. La natura è una presenza costante sin dai primi anni. Cresce ad Emmenbrücke, vicino a Lucerna, dove passa la fanciullezza tra boschi e prati. D’estate, con il padre, fugge dalle case sussidiate dove vive la famiglia per raggiungere le montagne. “Un amore, quello per le camminate in montagna, che continua a vivere in me portandomi in giro per i sentieri malcantonesi”, racconta il pittore che 50 anni fa ha scelto il Ticino come casa.
“I miei vent’anni sono stati nomadi, liberi, spinto dallo spirito degli anni Sessanta, ho passato lunghi mesi in Africa, in India per poi approdare sulle coste del Mediterraneo, dove mi sono innamorato della Grecia. Lì la civiltà pare essersi fermata su ritmi arcaici: immersione nella natura, incontri coinvolgenti, grandi discussioni, un sentimento di pace mentre iniziavo a lavorare con l’arte”. Lavora come contabile in Sudafrica, poi risale da Città del Capo verso Durban, Port Elizabeth, l’allora Rodesia, Zambia, Tanzania, un’ascensione sul Kilimangiaro, Uganda, Ruanda, Burundi, poi da Mombasa si imbarca per l’India, catturato da monumenti, arte, cultura. “Mi interessava il versante naturale della vita, quello che noi stavamo perdendo: le vecchie culture, le radici della civiltà, il rapporto con la natura. Sono rimasto affascinato dalla loro vita naturale e abbondante, per colori, emozioni, tradizioni, sentimenti. Non avrei più voluto tornare”.
Ma prima o poi il richiamo di casa si fa sempre sentire… Torna a Zurigo, insegna per qualche tempo in una scuola privata poi riparte, quasi fugge verso l’Africa dell’Ovest, il Sahara, verso altre esperienze indimenticabili. Durante un viaggio a Firenze, entrando per la prima volta nell’atelier di un artista, sente la chiamata definitiva alla pittura… “In quel momento ho realizzato che fare arte è immergersi nel lavoro della ricerca, che dall’idea porta all’opera, sporcandosi le mani: pennelli, spatole, tele, pigmenti, pensieri ed emozioni. Quella folgorante visita mi ha aperto la strada, lì ho iniziato a dipingere con continuità”.


“Sogno e ricordi - In the Flow”

Una continua scoperta

L’anima vagabonda trova un approdo nell’amore per la giovane artista Anna, che conosce a Zurigo a 26 anni, con cui avrà 3 figli. “Lei stava completando gli studi artistici, mentre io dipingevo da autodidatta. Avevamo bisogno di un luogo dove vivere e creare liberamente e abbiamo scelto il Ticino per il suo calore, l’accoglienza e la minor rigidità”. Inizialmente vivono a Magliaso, in una casa antica vicino al fiume. “Un luogo grezzo, perfetto per impostare una vita semplice, con le prime luci del giorno mi alzavo occupandomi degli animali e dell’orto, poi andavo a Lugano dove avevo un impiego come commercialista e la sera cercavo di ritagliarmi un momento per l’arte” ricorda, “qualche anno dopo, quando ci siamo spostati in Malcantone, ho tagliato le distrazioni, realizzando che l’arte richiedeva la mia totale attenzione affinché potessi sviluppare appieno le mie capacità espressive”. Da allora condivide con la moglie l’Atelier-Galleria Santa Maria di Sessa, una casa antica con un giardino fiorito. Qui sono accadute molte cose. Oltre all’evoluzione artistica personale dei due, queste mura hanno visto passare molti amici, creativi e intellettuali, come la compagnia teatrale Mummenschanz, per delle residenze creative. “Fin dagli anni Sessanta il Malcantone attira liberi pensatori e anime creative e noi, in modo naturale, abbiamo semplicemente continuato questa tradizione. A un certo punto eravamo prossimi dal fare il passo di ufficializzare l’Atelier come progetto per residenze artistiche, ma poi, per una serie di motivi, il salto istituzionale non è avvenuto, cosa che ci ha permesso di continuare sulla strada della semplicità”. Una vita semplice che, attraverso l’indagine pittorica e filosofica, penetra la complessità della vita. Un viaggio di scoperta - nell’estasi da indovinare - che non finisce mai.


© Gregorio Esposito


‘Quartetto giocoso’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
arte artista hans kammermann keri gonzato mummenschanz natura sessa visarte-ticino
© Gregorio Esposito
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved