clock-dva-incubi-passati-e-presenti
+11
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 gior

Swiss Riot Girls: il coraggio e le idee fanno la differenza

Un podcast della RSI ricorda 7 donne fuori dagli schemi, controcorrente, che hanno lasciato il segno. Alcune sono svizzere, altre da noi ci hanno vissuto
Ticino7
2 gior

Ti-Press: quando lo scatto è al centro della notizia

Che cosa significa catturare per immagini l’essenza e i cambiamenti della nostra società? Francesca, Davide e il loro team lo fanno da oltre 20 anni...
Ticino7
3 gior

Vent’anni di ‘Tenenbaum’ (un film da rivedere)

“La gente non approva, ma oggi giorno che cosa approva la gente?” (Gene Hackman). Per tutto il resto cercatevelo e godetevelo, me vale la pena
Ticino7
3 gior

La Sindrome dell’Impostore. Se pensiamo di non sapere

‘Il problema (...) è che gli sciocchi e i fanatici sono estremamente sicuri di loro stessi, mentre le persone più sagge sono piene di dubbi’ (B. Russell)
Ticino7
3 gior

Svastiche al sole (ma forse è solo noia)

Ogni tanto compaiono, poi qualcuno le cancella e tutto passa. Altre volte restano lì, a futura memoria, chissà...
Ticino7
1 sett

E se fosse sbagliato, quello che pensi?

Sono circa 70mila i pensieri che attraversano la nostra mente ogni giorno: e quasi sempre diamo retta a quel flusso di idee, senza nemmeno riflettere
Ticino7
1 sett

Gabrielli, fuori! Storia una mente creativa

Antonella ride, piange, fuma e beve mentre la intervisto. Ha preparato un picnic, nel caso in cui ci venga fame: prosecco, insalata di riso, salametto...
Ticino7
1 sett

Buongiorno, sono il signor tasso

Animale di indole solitaria, prudente e sospettoso, cerca cibo solo al calar del sole. Riconoscerlo e facile: seguite le sue strisce nere sul musetto...
Ticino7
1 sett

I mondi perduti di Enzo Pelli (e quelli ritrovati)

“Ogni epoca distrugge in un certo senso quella precedente – non necessariamente con guerre –, quella attuale ha distrutto un modo di vita contadino".
Ticino7
1 sett

Social e comunicazione. I ‘meme’ e le pillole d’ironia

Si presenta come una vignetta ironica, ma si è rivelato uno strumento capace di attirare l’attenzione e di creare un’identità unitaria fra chi lo utilizza. Ecco la loro forza
Ticino7
1 sett

Quando un ‘meme’ fa miracoli

Spesso politicamente poco corretti, intelligenti e acuti al punto giusto. Sempre che siate sul pezzo e in grado di incassare anche i colpi più bassi
Ticino7
2 sett

New Order. ‘Movement’ compie 40 anni (e scusate se è poco)

Siamo nel 1981. Nell’arco di poche settimane la Factory Records pubblicherà due album: l’ultimo (postumo) dei Joy Division e il primo del gruppo che nascerà sulle sue ceneri
Ticino7
2 sett

Teotihuacan, sulla Piramide del Sole

1521-2021: 500 anni fa un pugno di spagnoli capeggiati da Hernán Cortés conquistava uno degli imperi più grandi e potenti della Mesoamerica. Nel sangue, naturalmente
Ticino7
2 sett

Lo scoiattolo è tra noi

Occhi lucenti e neri, testolina rotonda, pelo bruno-rossiccio e una lunga coda sono le sue caratteristiche. È il parente indigeno più prossimo alla marmotta, l’avreste mai detto...
Ticino7
2 sett

‘... e alla batteria, Sheldon Suter’

Figlio d‘arte, quando era ragazzo si “vergognava” di ascoltare e suonare ’il jazz’. Allora punta sulla chitarra... ma bacchette, cassa e rullante non si sono dimenticati di lui
Ticino7
2 sett

Sessualità maschile. Sapete cos‘è il Punto P?

Un viaggio nell’universo del piacere. Spostando l’attenzione dal ‘solito’ organo fallico ai miti che lo circondano, all’uomo e alla sua complessità
Ticino7
2 sett

La nota stonata (i lati nascosti dell’amore)

Perché non sempre i soli sentimenti – puliti, sani e romantici – permettono di cementare una relazione sentimentale
Ticino7
3 sett

Scusate, ma sono un cinghiale...

Scavatore per passione, può esserci amico o acerrimo nemico. È l’unico animale selvatico sul nostro territorio appartenente alla famiglia dei suidi, quella dei ben più amati maiali
Ticino7
3 sett

Sì, anche i cani sognano

I nostri amici a quattro zampe sono in grado di guidarci alla scoperta del mondo. Parola di Michele Serra, che ne ha fatto un libro tutto da leggere e da guardare
Ticino7
3 sett

Quei ‘tagli’ precisi di Claudio Cavargna

Classe 1974, in mezzo alla carne e ai prodotti di macelleria ci è cresciuto, maturando il desiderio di portare avanti il lavoro di suo padre. Con successo
Ticino7
3 sett

Vasco Gamboni. Memorie di un cacciatore

Insegnamento e arte venatoria. Una doppia passione che si tramanda di generazione in generazione nella sua famiglia. Perché la caccia è anche amore e difesa del territorio
Ticino7
3 sett

Nuove correnti. Noi, il futuro e le auto elettriche

Politica e pianeta lo chiedono. Ma speriamo di arrivarci preparati e con le batterie ben cariche alla grande rivoluzione della mobilità
Ticino7
3 sett

2011: dieci anni da ‘El Camino’ dei The Black Keys

Sono solo in due, e con un’intelligenza musicale sopra la norma. La dimostrazione che gli americani il rock non solo lo hanno inventato, ma lo sanno pure suonare
Ticino7
3 sett

2001: vent’anni da ‘Origin of Symmetry’ dei Muse

Eclettico, estroverso, originale. Meno radiofonico di quello che seguì, è un album fondamentale per capire la musica del gruppo e rileggere i vagiti musicali del nuovo millennio
Ticino7
3 sett

1991: trent’anni da ‘Achtung Baby’ degli U2

Forse il capolavoro della band irlandese (al pari di “The Joshua Tree”). L’elettronica entra pesantemente nel suono del gruppo e il tour che seguirà sarà memorabile
Ticino7
4 sett

1981: quarant’anni da ‘The Garden’ di John Foxx

Un disco dove convivono elettronica e romanticismo, tecnologie moderne e misticismo antico, in un geniale incontro fra spiritualità e tradizione. Se non è arte questa...
Ticino7
4 sett

1971: cinquant’anni da ‘Tago Mago’ dei Can

Senza di loro molta della musica – non solo del circuito indipendente – oggi non esisterebbe. O certo sarebbe molto diversa. Un gruppo seminale per un album epocale
Ticino7
1 mese

Il fantacalcio, i gonfiabili degli adulti

Se non ne fai parte non puoi capire che cosa si prova a smazzare giocatori e a costruire squadre immaginarie. Ma potresti rimanerne affascinata, chissà...
Ticino7
1 mese

Che meraviglia il gufo reale

Vola di notte silenzioso. È un uccello maestoso, quando è giorno non sta sveglio, per lui il buio è molto meglio. Della notte è il re! Il suo nome sai qual è?
Ticino7
1 mese

Dentro i cassetti di Georgina Bernardi

Ci sono esistenze che, come alcuni oggetti, vanno di casa in casa attraversando il mondo e portandosi appresso i segni di esperienze variegate
Ticino7
1 mese

Metti un giorno con Martino Rossi

“Non è vero, come molti sostengono, che Robin Hood ‘ruba ai ricchi per dare ai poveri’. È vero invece che ’riprende ai ricchi ciò che essi hanno rubato ai poveri’”
Ticino7
1 mese

Diritti allo stomaco (nel nome del vax)

Nella guerra al Covid sono ammessi anche i ‘colpi bassi’. Da consumarsi davanti a un bel piatto caldo, però
Ticino7
1 mese

Sorelle di sogni. C’era una volta (e anche oggi)

L’ultimo romanzo breve di Daniele Dell’Agnola è un confronto generazionale, attraverso i ricordi, gli incontri ma anche le rinunce di due donne della Bregaglia
Ticino7
1 mese

La vocazione di Sandro Bonetti

Cosa vuoi fare da grande? ‘Il medico, come il mio papà’. Figlio di un gastroenterologo, sin da ragazzo Sandro non aveva molti dubbi su cosa fare nella vita
Ticino7
1 mese

Cosa diresti al te stesso di dieci anni fa?

Lo dico subito, a scanso di equivoci: io mi sarei detta di stare più tranquilla ed essere positiva. Ma anche di criticare meno e crederci di più. E voi?
Ticino7
1 mese

Bellessere. Volersi bene senza età

Non esistono limiti anagrafici per aver cura del proprio aspetto. Iniziando da una buona dose di sorrisi, voglia di vivere e ottimismo.
Ticino7
1 mese

Lì dove costano meno: la via del turismo farmaceutico

Poiché le medicine in Svizzera costano molto di più, anche i ticinesi fanno shopping oltre confine. Ma cosa nasconde questo importante fenomeno?
Ticino7
1 mese

Sono strani tempi, come sempre

Se devi guardare da qualche parte, meglio farlo ‘in avanti’. Dal passato arrivano (spesso) solo fantasmi
Ticino7
1 mese

Alla scoperta del pettirosso

Il suo arrivo già da metà settembre è annunciato dallo sfrecciare di una macchia rossa tra i cespugli e dal tipico ‘tic tic’ che ne contraddistingue il verso
Ticino7
1 mese

Donazione d’organi: parliamone

Mesi di attesa in cui il ritmo della quotidianità è scandito da costanti visite mediche. Poi finalmente la tanto attesa chiamata. È il futuro che chiama
Ticino7
1 mese

Media e qualità. AAA pagine culturali cercansi

Hanno destato non poche perplessità i risultati emersi da un recente studio sulla qualità del giornalismo culturale commissionato da ‘ch-intercultur’. Perché?
Ticino7
1 mese

Piotr Nikiforoff, dalla Russia con talento

Da Mosca a Vernate: questa la sorprendente traiettoria dell'affermato violinista dell’Orchestra della Svizzera italiana. Un amore per la musica nato anche grazie alla tv
Ticino7
07.10.2021 - 11:380
Aggiornamento : 08.10.2021 - 11:04

Clock DVA: incubi passati e presenti

Nel 1981 usciva ‘Thirst’, l’album che li fece conoscere. Più tardi col singolo ‘The Hacker’ crearono la colonna sonora di un mondo che aveva abbracciato il sogno della grande rete

Oggi Sheffield è una cittadina del South Yorkshire che conta oltre mezzo milione di abitanti. Nota in epoche di industrializzazione come la patria del crogiolo e dell’acciaio inossidabile, lo scrittore George Orwell era convinto che potesse «giustamente ambire al titolo di città più brutta del Vecchio Mondo». Nel corso della Seconda guerra mondiale qui si costruivano armi e munizioni come fossero caramelle, il che non le portò fortuna, diventando tra le mete preferite dei bombardamenti aerei tedeschi. Da allora demolizioni e tentativi di ricostruzione non mancarono: il risultato furono enormi periferie con casermoni e un nucleo abitato da fantasmi.
Gli anni Ottanta in Inghilterra faranno rima con «declino»: economico, di idee, di politiche sociali e le vecchie città industriali furono le vittime predilette. È a cavallo tra i Settanta e gli Ottanta che in questa città con un piede nel baratro e l’altro nel carbone, il polistrumentista e creativo Adi Newton muove i primi passi: contamina il rock con sovrapposizioni di free-jazz, psichedelia, rumorismo e letteratura, da J.G. Ballard ad Anthony Burgess. Nascono i Clock DVA, nome ispirato proprio dal romanzo A Clockwork Orange di Burgess (1962).


Adi Newton

Battiti da società future

A Sheffield altre formazioni si stavano muovendo in acque piuttosto malsane (su tutti i Cabaret Voltaire e In The Nursery), coincidenza non casuale e che negli anni a seguire porterà alla nascita di una vera «scena» in città, inevitabilmente legata all’elettronica. Fondatore anche del progetto The Anti Group – col quale negli anni a seguire approfondirà in musica temi come l’interazione tra corpo e onde sonore –, Adi Newton e compagni miscelano i Pink Floyd alla dodecafonia e all’atonalismo, e spolverano il tutto con l’avanguardia «industrial» dei Throbbing Gristle. Nel 1980 pubblicano White Souls In Black Suits, un acquerello dadaista a tinte foschissime di improvvisazioni rock acide e dilatate, con ritmiche e tessiture quasi anarchiche. L’anno seguente arriverà Thirst, lavoro più organizzato, personale e ricco di spunti: come testimonia il brano «4 Hours», che già annuncia un profondo interesse verso il mondo dell’uomo-macchina.
Dopo il parigino Advantage (1983; lavoro più canonico e infarcito di new wave) Adi Newton si trasferisce in Olanda. Non a caso: la scena elettronica nei Paesi Bassi stava fornendo impulsi molto stimolanti (Front 242 e Klinik, per esempio) e i Clock DVA/The Anti Group iniziano a sperimentare.

Nel 1988 e con una certa sorpresa Newton pubblica con l’etichetta berlinese Interfish il singolo «The Hacker». «Within the language of machines, a digital murder, a mathematical terrorist, an algebra of evil...» recitano le note di copertina: benvenuti nel mondo di internet e del potere informatico. Nel lato B il brano «The Connection Machine», dedicato all’intelligenza artificiale, alle banche dati illegali e alle tecnologie applicate alla sorveglianza: temi familiari, che dite? Il suono è ipnotico e potente, freddo ma struggente, colmo di intrecci ritmici e percussioni orchestrali. I testi sono infarciti di letteratura e classicità, arte e profezie. Seguirà il singolo «The Act» (dedicato alla violenza sessuale e alle perversioni), altra significativa anticipazione dell’album-capolavoro Buried Dreams (1989), la perfetta colonna sonora per la lettura di classici moderni della fantascienza cyber di allora: da Johnny Mnemonic e Neuromante di William Gibson (1977-1984) all’immortale Cacciatore di androidi di P. K. Dick (1968). I Clock DVA approfondiranno il concetto anche nei seguenti Man-Amplified (1991) e Sign (1993), con fortune alterne: la civiltà e le tecnologie, infatti, guardavano già verso nuovi orizzonti.

IL SUONO NUOVO - I THROBBING GRISTLE
Tralasciando i primi pionieri, compositori e sperimentatori pronti a sondare le nuove frontiere del suono elettrico a cavallo tra gli anni Cinquanta e Sessanta (da Berio a Cage a Stockhausen), se la musica elettronica è diventata anche «pop» il merito va indubbiamente a un quartetto di Düsseldorf, i Kraftwerk. Dalla solida formazione musicale e attivi già dal 1970, aprirono una vera autostrada di idee utilizzando tastiere, campionatori e batterie elettoniche. Sonorità che nella decadente Inghilterra del 1975, non ancora sconvolta dal garage-punk americano e tramortita dai lustrini del glam rock, trovò terreno fertile nelle menti più visionarie e nichiliste. Al di là dei lavori di Ron Geesin (Electrosound 1 & 2, 1972-’75) e i primi dischi del solito Brian Eno, furono gli inglesi Throbbing Gristle a rileggere in chiave metropolitana il protofuturismo dei Kraftwerk.
Dal linguaggio complesso che abbinava elettronica, rumorismo e arti visive, i Gristle rappresentavano un mondo alienante e «disumanizzato», aggettivo spesso associato alle loro performance. Creatore dell’etichetta discografica Industrial Records, fu il fondatore del gruppo Genesis P-Orridge – nel 1969 già attivo con spettacoli erotico-iconoclasti e in seguito fondatore dei controversi Psychic TV – a creare dal nulla la sottocultura industrial, etichetta in seguito saccheggiata dai cultori della musica per «sballi da pastiglia» nei raduni techno e rave, fenomeni nati nei primi anni Ottanta negli Stati Uniti. Il primo lavoro dei Throbbing è del 1977 (The Second Annual Report), a cui seguiranno D.o.A: The Third and Final Report (1978) e 20 Jazz Funk Greats (1979). Album complessi e certamente da ascoltare a mente aperta e «preparata», ma che mostrano una visionarietà fuori dal comune e pari solo alle ricerche urbane che i Cabaret Voltaire stavano portando avanti in una Sheffield sull’orlo dell’Inferno. L’alienazione post-industriale aveva finalmente un’identità sonora «pop» e a buon mercato.


Throbbing Gristle

SETTE GRUPPI PER CAPIRE (E RISCOPRIRE)

1. Neu!
All’incrocio tra progressive, art rock e proto-punk, il duo formato da ex membri dei Kraftwerk è tra i padri del rinascimento musicale tedesco noto come krautrock, alla base delle generazioni new wave, synth-pop e post-rock. Più che mille parole valgono i primi album Neu! (1970) e Neu! 2 (’72), oltre al brano «Hero» (’75).

2. Suicide
Ecco la New York più nera del nero. Attivi dal 1971, Alan Vega e Martin Rev destabilizzano ancora oggi col loro omonimo debutto del lontano 1977.

3. Cabaret Voltaire
Originari di Sheffield, mixano suoni urbani, elettronica e musica concreta: sono la colonna sonora di una città vittima della guerra e di un’urbanizzazione alienante. Mix-Up (1978) e soprattutto Red Mecca (’81) se volete capire.

4. Chrome
Americani di San Francisco, passano dal garage-elettronico di Alien Soundtracks (1978), dove fantascienza, industrial, rumorismi si sposano in un turbine di pulsioni. Toccano l’apice in Half Machine Lip Moves (’79), estremo, iconoclasta, seminale, epico.

5. Nurse With Wound
Inglesi, in bilico tra sperimentazione, rumorismo e musica ambient, il loro primo Chance Meeting on a Dissecting Table of a Sewing Machine and an Umbrella (1979) rimane un solido caposaldo del suono «disumanizzato».

6. New Order
Poco amati dalla stessa band, Movement (1981) e Power, Corruption and Lies (1983) spiegano cosa sarebbero diventati i Joy Division. Poi il gruppo si innamorò delle discoteche... e amen.

7. Stereolab
Ovvero quando gli allievi superano i maestri. Elettronica low-fi e marxismo incrociano la «musica cosmica»: imperdibile il solidissimo Mars Audiac Quintet (1994), per dirne uno. Ma la loro discografia è tutta da scoprire.

LO STRUMENTO - IL MOOG MODULAR
Creati dall’americano Robert Moog a partire dal 1964, sono stati i primi sintetizzatori analogici disponibili sul mercato. Dal suono inconfondibile, che cosa sarebbe stata la colonna sonora di Arancia Meccanica elaborata da Wendy Carlos senza di loro?

Adi Newton
Guarda tutte le 15 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved