clock-dva-incubi-passati-e-presenti
+11
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
2 gior

Braccati e in fuga con Matula (e i Pink Floyd)

Metti una sera davanti alla TV. In onda una vecchia puntata del classico “Ein Fall für Zwei”, ma il bello è quello che si sente in sottofondo...
Ticino7
2 gior

L’arte ‘sociale’ di Manuela Villa-Petraglio

"Vado in studio, resto lì… a respirarne l’aria, tasto l’atmosfera, cerco di estraniarmi dal mondo esterno per entrare in una comunicazione con me stessa”
Ticino7
4 gior

Lassù, tra le cime. La vita dello stambecco alpino

Appartiene al superordine degli ungulati e domina le valli dalle vette dell’arco alpino dove esibisce, con portamento fiero, le sue maestose corna
Ticino7
4 gior

Radio e TV: la staffetta di Carla e Lara

“Scrivi più su di lei, mi raccomando!”. “Ma no, ma no, scrivi più su di lei!”. Vabbè, dai... intanto iniziamo a raccontarvi che c’è di nuovo alla RSI
Ticino7
5 gior

Giornata mondiale della neve. Una scuola coi fiocchi

Il 16 gennaio si celebra la Giornata mondiale della neve. Una ricorrenza istituita nel 2012 per ricordare (anche) la sua importanza per il nostro pianeta
Ticino7
5 gior

Ghiacciaio del Chüeboden. Una storia di piccoli iceberg

In un recente volume, il meteorologo e glaciologo Giovani Kappenberger ripercorre la nascita e la scomparsa di un fenomeno inedito per le nostre regioni
Ticino7
5 gior

Sulle cime e sui pendii occhi aperti. Sempre ;-)

Vivere la montagna significa prima di tutto rispettarla, nel nome della propria sicurezza. E una nuovissima pubblicazione del DT potrà darci una mano
Ticino7
1 sett

Rocco Lombardi: non è (solo) una questione di ritmo...

“La si può suonare anche in assenza di elettricità, quindi non inquina, e non importa se è un po’ scordata, il suono sta nelle mani” (e il talento aiuta)
Ticino7
1 sett

Positiva ma non isolata? ‘Caso conforme’, dice il Cantone

Talora i test PCR possono trovare residui del virus anche nelle persone guarite. Il caso di una donna e i chiarimenti del medico cantonale Giorgio Merlani
Ticino7
1 sett

Una ragazza sola al ristorante (per chi vuole ancora crederci)

“C’erano solo lei e la nebbia che la sospendeva dal mondo, e quanto avrebbe voluto sentire sospesi anche i suoi pensieri”
Ticino7
1 sett

La mente, crocevia di ricordi e di rimpianti

Cʼè chi rivede volti e sentimenti di amori perduti. E chi lo vorrebbe fare, ma un destino beffardo glielo impedisce
Ticino7
2 sett

Un diritto e un rovescio con Susan Bandecchi

Quando le si chiedeva cosa volesse fare da grande, la sua risposta era decisa e di pancia: “La cantante!”. Poi è arrivata la racchetta...
Ticino7
2 sett

Sopra e sotto: la vita ‘misteriosa’ della talpa

Le “mani” sono a forma di badile, robuste, indispensabili per lo scavo. Mentre quelli posteriori hanno “piedi” piccoli. No, non è un alieno, pero...
Ticino7
2 sett

Il Capodanno, la Stube e i balli di gruppo

“Dai fior‘ dai fior′ dai fiordi della Norvegia, è sce′ è sce’ è scesa la vichinga. Cerca’, cerca’, cercava un po′ di sole e invece ha trovato l’amor”
Ticino7
2 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - I Pesci

“Gli ultimi saranno i primi?”. Voi continuate a fare le vittime, siete bravissimi. Poi però non lamentatevi, né con l’Oroscopo e nemmeno con chi vi ama
Ticino7
2 sett

2020, 2021, 2022: ‘Avanti un altro’

Inutile girarci intorno: anche il 2021 non è stato proprio una bellezza. Andrà meglio, abbiate fede. In fondo domani è...
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - L’Acquario

Quando le cose vanno male, potrebbero anche andare meglio. Per la serie: “Quando hai toccato il fondo, può succedere che ti tocchi pure scavare”
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - Il Capricorno

“L’anno vecchio è finito, ormai / Ma qualcosa ancora qui non va”. Lucio Dalla era del segno dei Pesci, e forse per questo aveva già capito tutto
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - Il Sagittario

Credavate di avere già dato abbastanza. Credavate: ma non avete fatto i conti col resto del mondo e tutti quegli “amici” che tanto vi amavano...
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - Lo Scorpione

Avete un pungiglione, vero. A che vi serve però non si sa. Forse a difendervi dal mondo, perché non avete amici, “ma solo nemici” (cantavano i Litfiba)
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - La Bilancia

Ok, per natura dovreste essere persone con un certo senso della giustizia, dicono... Ma dov’è finita? Vi hanno rubato anche quella? Buon Santo Stefano
Ticino7
3 sett

Sergio Piccaluga e l’eterna fanciullezza dell’artista

"Non osservo i fenomeni per dar conto delle mie emozioni (...). Il vero sforzo è vivere volta per volta attimi di eternità che poi vengono fatti cadere”
Ticino7
3 sett

Parole sull’acqua. Quei sentimenti mai detti

La vera storia di una bottiglia, di un amore, di un lago (quello di Locarno). Perché anche nell’era di TikTok certe cose si posso lasciare solo al destino
Ticino7
3 sett

I videogiochi sono il nuovo ‘oppio del popolo’?

Che passare intere giornate davanti a un video-games non faccia bene è plausibile. Che sia una droga capace di minare uno stato, pure (a quanto pare)
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - La Vergine

Buon Natale! Oggi è un giorno meraviglioso. Per tutti. Cioè, dovrebbe esserlo perché è nato il Salvatore (e se sarete buoni salverà anche voi)
Ticino7
3 sett

Babbo Natale: identikit di un uomo generoso

Ma insomma, chi li porta questi regali: un anziano supereroe vestito di rosso, Santa Claus o un bambinello? Una questione mica di poco conto, eh
Ticino7
3 sett

I bambini, i miti, le bugie e i rituali del Natale

Il manuale del ‘buon genitore’ non esiste, anche se molti lo vorrebbero. Un ruolo spesso messo in discussione da dubbi e domande, pure sotto l’albero
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - Il Leone

"Questo animale è considerato il Re della foresta...." (di solito ai bambini si racconta questo, ma di “regale” ahinoi, nei prossimi mesi ci sarà pochino)
Ticino7
3 sett

Pacchi ludici e consigli per l’uso

Va tutto bene, basta non esagerare. Anche perché lì fuori ci sarebbe un mondo che ha bisogno di noi
Ticino7
4 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - Il Cancro

Cosa vi aspetta per l’anno nuovo? Non fateci caso, guardate oltre. In fondo dopo il 2022 arriverà il 2023 (e non è detto che sarà peggio del 2021)
Ticino7
4 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - I Gemelli

E siamo arrivati ai Gemelli. Che qualcosa di giusto nel prossimo anno combineranno... è il resto che andrà così così (che ci volete fare)
Ticino7
4 sett

Disavventure Latine 9. Fuga da Bogotà (parte 2)

Eccoci. Questo è il capolinea. Per davvero. Tutti giù, ma con calma... Anzi, quasi quasi ripartiamo subito. Per dove? Chissà, ma ci rivedremo. Contateci
Ticino7
1 mese

L’Oroscopo (cinico) 2022 - Il Toro

Dopo l’Ariete arriva il Toro, si sa. Sarà colpa del solito Covid, ma anche per lui le cose non andranno “benissimo”. Meditate toretti, meditate...
Ticino7
1 mese

L’Oroscopo (cinico) 2022 - L’Ariete

Volete sapere come andranno le cose il prossimo anno? Mmh... no, meglio di no. Ma se proprio proprio, iniziamo con gli ‘amici’ dell’Ariete, dai
Ticino7
1 mese

Un giorno nella vita di una ghiandaia

Vivace e rumorosa, tra i rami si muove con grande agilità compiendo brevi voli e anche grandi salti. E grazie alla sua dieta, i faggeti prosperano
Ticino7
1 mese

Giovani e telefonini. Come superare l’eterno conflitto?

Da strumento per comunicare, in pochi anni è diventato il centro di tutto, anche delle nostre vite. Creando non pochi problemi, negli adulti e nei ragazzi
Ticino7
1 mese

Christina Otth: ‘Impara l’arte (del restauro) e applicala!’

"In un negozio una volta comprai del materiale per il cantiere: della sabbia. Mi chiesero se mi serviva per far giocare mio figlio in giardino"
Ticino7
1 mese

Disavventure Latine 9. Fuga da Bogotá (parte 1)

Ok, questo è il capolinea. “Scendere prego”, ma con calma che qui c’è poco da scherzare... Anzi, quasi quasi ripartiamo subito. Per dove? Chissà...
Ticino7
1 mese

Zone temporaneamente ‘autonome’ (ma virtuali)

Oggi sono qui, domani non si sa. Perché sono ragazzi e cercano le novità: il resto è già vecchio
Ticino7
1 mese

Mercedesz Kantor schiaccia forte, fortissimo

Con due genitori cresciuti a pane e sport professionistico, la probabilità che a casa nasca una fuoriclasse è molto alta. E infatti...
Ticino7
1 mese

Per un pugno di piume (d’edredone)

Quanto sareste disposti a spendere per dormire come dei re? Materasso e albergo “10 stelle” a parte, qui parliamo di piumini e cuscini. Ma molto speciali
Ticino7
1 mese

Corpi vergognosi: vestirsi per nascondersi

Da chi fa il bagno coi jeans, a quelli che non fanno la doccia in palestra per paura di mostrarsi. È il ʻbody-shamingʼ e potrebbe riguardare anche voi
07.10.2021 - 11:380
Aggiornamento : 08.10.2021 - 11:04

Clock DVA: incubi passati e presenti

Nel 1981 usciva ‘Thirst’, l’album che li fece conoscere. Più tardi col singolo ‘The Hacker’ crearono la colonna sonora di un mondo che aveva abbracciato il sogno della grande rete

Oggi Sheffield è una cittadina del South Yorkshire che conta oltre mezzo milione di abitanti. Nota in epoche di industrializzazione come la patria del crogiolo e dell’acciaio inossidabile, lo scrittore George Orwell era convinto che potesse «giustamente ambire al titolo di città più brutta del Vecchio Mondo». Nel corso della Seconda guerra mondiale qui si costruivano armi e munizioni come fossero caramelle, il che non le portò fortuna, diventando tra le mete preferite dei bombardamenti aerei tedeschi. Da allora demolizioni e tentativi di ricostruzione non mancarono: il risultato furono enormi periferie con casermoni e un nucleo abitato da fantasmi.
Gli anni Ottanta in Inghilterra faranno rima con «declino»: economico, di idee, di politiche sociali e le vecchie città industriali furono le vittime predilette. È a cavallo tra i Settanta e gli Ottanta che in questa città con un piede nel baratro e l’altro nel carbone, il polistrumentista e creativo Adi Newton muove i primi passi: contamina il rock con sovrapposizioni di free-jazz, psichedelia, rumorismo e letteratura, da J.G. Ballard ad Anthony Burgess. Nascono i Clock DVA, nome ispirato proprio dal romanzo A Clockwork Orange di Burgess (1962).


Adi Newton

Battiti da società future

A Sheffield altre formazioni si stavano muovendo in acque piuttosto malsane (su tutti i Cabaret Voltaire e In The Nursery), coincidenza non casuale e che negli anni a seguire porterà alla nascita di una vera «scena» in città, inevitabilmente legata all’elettronica. Fondatore anche del progetto The Anti Group – col quale negli anni a seguire approfondirà in musica temi come l’interazione tra corpo e onde sonore –, Adi Newton e compagni miscelano i Pink Floyd alla dodecafonia e all’atonalismo, e spolverano il tutto con l’avanguardia «industrial» dei Throbbing Gristle. Nel 1980 pubblicano White Souls In Black Suits, un acquerello dadaista a tinte foschissime di improvvisazioni rock acide e dilatate, con ritmiche e tessiture quasi anarchiche. L’anno seguente arriverà Thirst, lavoro più organizzato, personale e ricco di spunti: come testimonia il brano «4 Hours», che già annuncia un profondo interesse verso il mondo dell’uomo-macchina.
Dopo il parigino Advantage (1983; lavoro più canonico e infarcito di new wave) Adi Newton si trasferisce in Olanda. Non a caso: la scena elettronica nei Paesi Bassi stava fornendo impulsi molto stimolanti (Front 242 e Klinik, per esempio) e i Clock DVA/The Anti Group iniziano a sperimentare.

Nel 1988 e con una certa sorpresa Newton pubblica con l’etichetta berlinese Interfish il singolo «The Hacker». «Within the language of machines, a digital murder, a mathematical terrorist, an algebra of evil...» recitano le note di copertina: benvenuti nel mondo di internet e del potere informatico. Nel lato B il brano «The Connection Machine», dedicato all’intelligenza artificiale, alle banche dati illegali e alle tecnologie applicate alla sorveglianza: temi familiari, che dite? Il suono è ipnotico e potente, freddo ma struggente, colmo di intrecci ritmici e percussioni orchestrali. I testi sono infarciti di letteratura e classicità, arte e profezie. Seguirà il singolo «The Act» (dedicato alla violenza sessuale e alle perversioni), altra significativa anticipazione dell’album-capolavoro Buried Dreams (1989), la perfetta colonna sonora per la lettura di classici moderni della fantascienza cyber di allora: da Johnny Mnemonic e Neuromante di William Gibson (1977-1984) all’immortale Cacciatore di androidi di P. K. Dick (1968). I Clock DVA approfondiranno il concetto anche nei seguenti Man-Amplified (1991) e Sign (1993), con fortune alterne: la civiltà e le tecnologie, infatti, guardavano già verso nuovi orizzonti.

IL SUONO NUOVO - I THROBBING GRISTLE
Tralasciando i primi pionieri, compositori e sperimentatori pronti a sondare le nuove frontiere del suono elettrico a cavallo tra gli anni Cinquanta e Sessanta (da Berio a Cage a Stockhausen), se la musica elettronica è diventata anche «pop» il merito va indubbiamente a un quartetto di Düsseldorf, i Kraftwerk. Dalla solida formazione musicale e attivi già dal 1970, aprirono una vera autostrada di idee utilizzando tastiere, campionatori e batterie elettoniche. Sonorità che nella decadente Inghilterra del 1975, non ancora sconvolta dal garage-punk americano e tramortita dai lustrini del glam rock, trovò terreno fertile nelle menti più visionarie e nichiliste. Al di là dei lavori di Ron Geesin (Electrosound 1 & 2, 1972-’75) e i primi dischi del solito Brian Eno, furono gli inglesi Throbbing Gristle a rileggere in chiave metropolitana il protofuturismo dei Kraftwerk.
Dal linguaggio complesso che abbinava elettronica, rumorismo e arti visive, i Gristle rappresentavano un mondo alienante e «disumanizzato», aggettivo spesso associato alle loro performance. Creatore dell’etichetta discografica Industrial Records, fu il fondatore del gruppo Genesis P-Orridge – nel 1969 già attivo con spettacoli erotico-iconoclasti e in seguito fondatore dei controversi Psychic TV – a creare dal nulla la sottocultura industrial, etichetta in seguito saccheggiata dai cultori della musica per «sballi da pastiglia» nei raduni techno e rave, fenomeni nati nei primi anni Ottanta negli Stati Uniti. Il primo lavoro dei Throbbing è del 1977 (The Second Annual Report), a cui seguiranno D.o.A: The Third and Final Report (1978) e 20 Jazz Funk Greats (1979). Album complessi e certamente da ascoltare a mente aperta e «preparata», ma che mostrano una visionarietà fuori dal comune e pari solo alle ricerche urbane che i Cabaret Voltaire stavano portando avanti in una Sheffield sull’orlo dell’Inferno. L’alienazione post-industriale aveva finalmente un’identità sonora «pop» e a buon mercato.


Throbbing Gristle

SETTE GRUPPI PER CAPIRE (E RISCOPRIRE)

1. Neu!
All’incrocio tra progressive, art rock e proto-punk, il duo formato da ex membri dei Kraftwerk è tra i padri del rinascimento musicale tedesco noto come krautrock, alla base delle generazioni new wave, synth-pop e post-rock. Più che mille parole valgono i primi album Neu! (1970) e Neu! 2 (’72), oltre al brano «Hero» (’75).

2. Suicide
Ecco la New York più nera del nero. Attivi dal 1971, Alan Vega e Martin Rev destabilizzano ancora oggi col loro omonimo debutto del lontano 1977.

3. Cabaret Voltaire
Originari di Sheffield, mixano suoni urbani, elettronica e musica concreta: sono la colonna sonora di una città vittima della guerra e di un’urbanizzazione alienante. Mix-Up (1978) e soprattutto Red Mecca (’81) se volete capire.

4. Chrome
Americani di San Francisco, passano dal garage-elettronico di Alien Soundtracks (1978), dove fantascienza, industrial, rumorismi si sposano in un turbine di pulsioni. Toccano l’apice in Half Machine Lip Moves (’79), estremo, iconoclasta, seminale, epico.

5. Nurse With Wound
Inglesi, in bilico tra sperimentazione, rumorismo e musica ambient, il loro primo Chance Meeting on a Dissecting Table of a Sewing Machine and an Umbrella (1979) rimane un solido caposaldo del suono «disumanizzato».

6. New Order
Poco amati dalla stessa band, Movement (1981) e Power, Corruption and Lies (1983) spiegano cosa sarebbero diventati i Joy Division. Poi il gruppo si innamorò delle discoteche... e amen.

7. Stereolab
Ovvero quando gli allievi superano i maestri. Elettronica low-fi e marxismo incrociano la «musica cosmica»: imperdibile il solidissimo Mars Audiac Quintet (1994), per dirne uno. Ma la loro discografia è tutta da scoprire.

LO STRUMENTO - IL MOOG MODULAR
Creati dall’americano Robert Moog a partire dal 1964, sono stati i primi sintetizzatori analogici disponibili sul mercato. Dal suono inconfondibile, che cosa sarebbe stata la colonna sonora di Arancia Meccanica elaborata da Wendy Carlos senza di loro?

Adi Newton
Guarda tutte le 15 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved