ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 gior

Barbara Conrad corre sempre più in alto

Classe 1977, un passo dietro l’altro, un metro di dislivello sopra l’altro, oggi è fra le appassionate di trail e ultra trail più tenaci del Ticino
Ticino7
2 gior

Arnold Rikli, il dottore del Sole

Il pioniere del ‘turismo’ della salute era svizzero. Nell’800 mise a punto un metodo di cura basato su luce, aria e acqua (applicato anche in Ticino)
Ticino7
2 gior

Covid-19. Il valzer delle statistiche

Mentre secondo alcuni dovremo tornare a fare i conti con la pandemia, la questione dei ricoveri e dei decessi ‘con’ o ‘per’ il virus rimane irrisolta
Ticino7
2 gior

Sano sì, ma all’apparenza

A volte è solo una questione genetica. Molto più spesso stare bene dipende (naturalmente) da noi, da ciò che facciamo, mangiamo e respiriamo
Ticino7
3 gior

Roger Federer: la forza delle emozioni

In occasione del recente annuncio del ritiro, pubblichiamo un approfondito contributo dedicato al fenomeno basilese apparso su ‘Ticino7’ nel febbraio 2018
Ticino7
1 sett

Luca Mengoni: l’arte d’indagare la realtà

Afferma di essere un pragmatico, materialista, poco incline all’introspezione. Le sue opere, però, sono evocative, quasi meditative: un bel mistero
Ticino7
1 sett

Lauro Rodoni e quella cassetta misteriosa

La Val Pontirone è casa sua e quassù fa il pastore più o meno da quando ha imparato a camminare.
Ticino7
1 sett

Disavventure Latine. Messico: Palenque e Campeche

Ascoltare e seguire le dritte di chi è del posto, sarebbe sempre buona cosa... soprattutto quando si tratta di muoversi coi mezzi pubblici
Ticino7
1 sett

A lezione di carcere. Andare ‘dentro’ per capire

Cronaca di una mattinata nelle vecchie Pretoriali di Locarno. Per comprendere e vedere “che effetto che fa”. Ma qui c’è poco da ridere e molto da pensare
Ticino7
1 sett

Vite forzate. Le parole di chi ci è passato

Ci finisci dentro perché, salvo errori, qualcosa hai combinato. E in un attimo ti ritrovi in un ‘altro mondo’
Ticino7
1 sett

Babel 2022. E la traduzione diventa arte

A pochi giorni dall’importante appuntamento bellinzonese (dal 15 al 18 settembre), abbiamo incontrato il suo nuovo direttore, Matteo Campagnoli
Ticino7
2 sett

La vera forza di Romeo Taddei (oltre alla musica)

Ha sempre avuto il ritmo dentro e da piccolo tamburellava con le dita su qualsiasi cosa. Sarà perché nella sua famiglia suonare è sinonimo di vita
Ticino7
2 sett

Piccole canzoni da abitare: da Mark Knopfler a Billy Joel

Avete in mente quei brani che “vi prendono”, spesso senza sapere nemmeno perché? Quelli che non passano alla radio e non si trovano nei “the best of”...
Ticino7
2 sett

Le due torri (senza dimenticare ciò che sta sotto)

Come per quella di Babele, anche la torre d’avorio è una costruzione che punta in alto. Esagerando
Ticino7
3 sett

Giada Olivotto e la ‘cura’ per l’arte

‘La discussione e l’inclusione di diversi punti di vista è centrale nella creazione di progetti artisti’. E lei, classe 1990, ci mette anche del suo...
Ticino7
3 sett

Scaltro come un airone cenerino

Riconoscibile per il colore grigio-azzurrognolo, che dà il nome alla specie, è un campione di pazienza e di scaltrezza, grazie alla sua abilità predatoria
Ticino7
3 sett

‘Orgasmi’ cerebrali: quando la testa ci stimola

Si chiama ASMR, un fenomeno sensoriale simile a un brivido che parte dalla nuca e talvolta arriva fino a braccia e gambe. Piacevole, emozionante...
Ticino7
3 sett

Burattini immortali (o poche nuove idee?)

Le bugie fanno crescere il naso. Per fortuna solo a Pinocchio, altrimenti sai che disastro...
Ticino7
4 sett

La scuola dei docenti. Insegnare per continuare ad apprendere

Con l’apertura degli istituti scolastici, vi proponiamo una riflessione sul ruolo e la formazione degli insegnanti, in una società che corre veloce...
Ticino7
1 mese

Avete mai provato a scrivere ‘contromano’?

Esercitarsi con la mano contro-dominante stimola le attività sinaptiche poco utilizzate e la concentrazione. Aiutando il cervello a mantenersi in forma
Ticino7
1 mese

La classe dei ‘meglio’ (ma diffidare conviene)

Per alcuni è la malattia del secolo. Colpirebbe solo l’1% della popolazione generale... forse per difetto, visto quello che si vede, sente e legge in giro
Ticino7
1 mese

Disavventure Latine. Messico: Chiapas, un’altra dimensione

San Cristobal è la porta aperta di un mondo chiuso, fatto di mille contraddizioni. Ma le esperienze ‘illuminanti’ (anche) qui non mancheranno...
Ticino7
1 mese

Sulle note (solari) di Vanessa Hunt Russell

Dal 2021 è violoncellista titolare nell’Orchestra della Svizzera italiana. Una giovane donna con un futuro che promette riconoscimenti e successi
Ticino7
1 mese

Ferragosto: interno leventinese con musica

Le buone cose non hanno bisogno di grandi palchi. È la bellezza la loro forza
Ticino7
1 mese

Tutto quello che avreste voluto sapere sulla mucca

Il primo addomesticamento risale al 6000 a.C. A livello mondiale, la popolazione è stimata a 1,4 miliardi di capi circa. Quanto al nome...
Ticino7
1 mese

Ciao noia sociale (lascia che ti offra da bere)

Impegniamoci a trasformare la noia in curiosità, perché la curiosità arricchisce, ci spinge a cercare nuovi impulsi, a domandare, a scoprire, a inventare.
Ticino7
1 mese

Danzando con Camilla Stanga

Classe 1996, una passione diventata mestiere. Il suo posto è il palco, ma anche il dietro le quinte del Festival di Narrazione di Arzo
Ticino7
1 mese

Tutto il resto è noia (ma un po’ ce la cerchiamo)

L’assenza di stimoli interessanti nelle nostre vite dipende anche dal nostro scarso impegno a trovarne
Ticino7
1 mese

Live in Ticino. Voci da ‘strani’ concerti del secolo scorso

Una musica ‘fatta apposta per causare la sovreccitazione di cervelli ancora in formazione (...) meno resistenti a vibrazioni ritmate’? Ok, è solo r’n’roll
Ticino7
1 mese

Musica per adulti. Genitore avvisato, ragazzi salvati?

Sesso, droghe, alcool, occultismo, morte, violenze. Il mondo delle arti ne è pieno, e la musica pop e rock li cavalca da sempre. Poi 37 anni fa...
Ticino7
1 mese

Spartiti proibiti (alcuni sì, altri meno)

Sono peggio le droghe visionarie dei Greatful Dead o la sessualità cantata da Jane Birkin?
Ticino7
1 mese

Francesca Cavallo. Essere forti abbastanza

Imprenditrice, scrittrice, attivista, vive a Roma con Dopamina, una gatta. Ha appena pubblicato “Ho un fuoco nel cassetto”, un libro (anche) sulla libertà
Ticino7
1 mese

Locarno souvenir (cartoline dal Festival)

“Quando vai a cena con il diavolo, portati un cucchiaio molto lungo…”. Dal Presidentissimo a Ken Loach, ricordi e aneddoti da Piazza Grande (e dintorni)
Ticino7
1 mese

Bella sì, ma non vuota dentro

“La pelle è lo specchio della tua anima”, mi dicevano. Per questo mi sono rivolta a chi se ne intende (in attesa di fare poi due conti, anche economici)
Ticino7
1 mese

Come trovare una ‘gallina dalle uova d’oro’

Le storie migliori sono quelle di tutti i giorni. E il cinema lo sa bene
Ticino7
2 mesi

Pallone e ‘coming out’. L’esempio di Jake Daniels

Certe cose sono dure a morire. Prendete il mondo del calcio professionistico e l’omosessualità, un binomio che a moltissimi fa storcere parecchio il naso
Ticino7
2 mesi

Turismo alpino e sicurezza. Ma una volta eravamo ‘più bravi’?

E così, oggi, le montagne sarebbero frequentate da gente sprovveduta e incurante del pericolo... Ma il problema forse è un altro
Ticino7
2 mesi

Disavventure Latine. Messico: Francesca fugge dalla muerte

Continua il viaggio e non mancano le sorprese. Come in quel bar dove, già pronto a rinfrescarmi con una birretta, mi dicono che “No, oggi non si beve”...
Ticino7
2 mesi

Bambini di genere

A lui piaceva il calcio, ma ai compagni non andava giù che a scuola preferisse giocare con le bimbe. Un bel problema...
Ticino7
2 mesi

Nomadismo digitale. L’ultima frontiera della società liquida

Per tutti sono giovani professionisti senza fissa dimora che viaggiano per il mondo continuando a lavorare grazie alla connessione internet. Tutto qui?
04.10.2021 - 12:17
Aggiornamento: 11.10.2021 - 14:10

New Order. ‘Movement’ compie 40 anni (e scusate se è poco)

Siamo nel 1981. Nell’arco di poche settimane la Factory Records pubblicherà due album: l’ultimo (postumo) dei Joy Division e il primo del gruppo che nascerà sulle sue ceneri

new-order-movement-compie-40-anni-e-scusate-se-e-poco
+12

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione

Uno dei suicidi più annunciati e che maggiormente sono entrati nella mitologia della musica pop (quello di Ian Curtis, cantante dei Joy Division) si consumava nelle prime ore di domenica 18 maggio 1980. La mattina dopo – scrive il bassista Peter Hook nel suo monumentale Joy Division. Tutta la storia – lui, il chitarrista Bernard Sumner e il batterista Stephen Morris erano di nuovo in sala. A provare. Con il testamento di Curtis da affinare, cioè i suoi ultimi brani in via di elaborazione (‘Ceremony’ e ‘In a Lonely Place’) che comporranno il primo singolo ufficiale dei New Order. E il riff iniziale col basso elettrico a sei corde di ‘Dreams Never End’, scritto da Hook nella sua camera poche ore – “passate impietrito” dirà lui – dopo aver saputo della morte del cantante. ‘Dreams Never End’ diventerà la traccia d’apertura di Movement, primo disco dei New Order. Ovvero i Joy Division senza Curtis, con ‘Barney’ Sumner alla voce e il fondamentale ingresso nel gruppo di Gillian Gilbert.


Il cantante e chitarrista Bernard Sumner (dietro) e il bassista Peter Hook.

Bello ma ‘indigesto’

Odiato dagli stessi membri del gruppo, brani mai più suonati nella loro più che ventennale carriera come band ad alto livello dopo la relativa tournée, Movement è per certi versi l’ultimo vero disco dei Joy Division più che il primo dei New Order. Scrive Simon Reynolds nella Bibbia intitolata molto semplicemente Post-Punk che il gruppo “passò la seconda metà del 1980 a brancolare in cerca di una nuova direzione” e la strada fu trovata per caso da Martin Hannett, loro tecnico del suono e produttore: insegnò ai quattro come usare la console di mixaggio, ricorda ancora Reynolds. L’inizio di tutto. L’11 novembre 1981 – scrive la Factory Records; ma altre fonti parlano del 13 o del 19 novembre – il disco compare negli scaffali dei negozi: indubbiamente c’è ancora tantissimo della vita precedente ma ci sono elementi di novità che saranno alla base del decennio appena iniziato. Se i brani ‘Truth’ , ‘The Him’ e ‘Doubts Even Here’ hanno ancora testi cupi e introspettivi e una batteria che qualcuno definisce a ragione ‘una macchina da guerra’, il suono è palesemente più aperto e meno pesante: è la wave, bellezza. Per i New Order il post-punk è durato lo spazio di capire come usare un mixer e la drum-machine. Il basso (inconfondibile) di Hook è protagonista assoluto del disco, e lo rimarrà anche quando il gruppo scoprirà gli Stati Uniti, la scena dance e il loro suono già aperto si trasformerà sempre più in colonna sonora di un’elegantissima discoteca per niente cialtrona e anzi raffinatissima.


18 dicembre 1979: i Joy Division al concerto di Les Bains Douches, Paris. Ian Curtis è l’ultimo a destra. Si suiciderà cinque mesi dopo.

1981: passaggio di testimone

Preceduto l’8 ottobre 1981 dall’uscita di Still – doppio album postumo dei Joy Division composto da brani inediti e dal vivo, inclusa una versione live di ‘Ceremony’ datata 2 maggio 1980; vedi sopra la copertina di una delle numerose ristampe in cartoncino, l’originale era in stoffa –, Movement è il masso di tre chili buttato nell’acqua profonda. Tutto quello che seguirà sono le onde circolari che si propagheranno per anni e anni. Aiutati molto dalla libertà assoluta di cui godevano con la loro etichetta, la gloriosa Factory Records. I loro dischi avranno copertine minimali e ricercate, per niente spendibili a livello di mainstream né commercialmente ‘sexy’. E questi dischi non avranno mai al loro interno i singoli, i brani da hit parade, che sono andati a scrivere la storia dei New Order. Quelli sono sempre stati una cosa a parte, riassunti più tardi nella raccolta Substance del 1987 (che richiama, guarda caso, l’omonima raccolta dei singoli e dei brani ‘sciolti’ dei Joy Division apparsa nell’88). Un percorso diverso da quello dei singoli è quello degli Lp: meno sperimentale e meno votato alle vendite, ma inteso quasi andasse a creare il tappeto giusto e il contesto adatto per poi uscire con le bombe, i sintetizzatori andanti e il videoclip. Tra cui quello, clamoroso, di ‘Perfect Kiss’. Brano contenuto nel disco Low-Life del 1985, ma per il quale il regista Jonatham Demme propose di registrare un’esecuzione molto allungata dal vivo. Arrivato in studio e non vedendo la batteria, gli caddero le braccia per non dire altro; la soluzione fu riprendere Morris sempre dal petto in su, mentre governava la drum-machine. E, nel finale, mostrando lo studio di registrazione con il poster dei Joy Division attaccato di fianco a una porta dove entra un fascio di luce fortissimo e una persona non identificabile. Ian Curtis che è lì, a guardarli ancora?

SETTE BRANI DA RIASCOLTARE

1. ‘Ceremony’
Scritta da Curtis 16 giorni prima di suicidarsi (preda di crisi epilettiche sempre più debilitanti) è l’ultima canzone scritta dai Joy Division e la prima incisa dai New Order. È il lascito per il nuovo inizio, con Curtis che scrive di “viali alberati dove vedo me e poi te cominciare a guardare per sempre, per sempre, crescere l’amore per sempre” e Sumner che canta imitando Curtis meglio di quanto faceva Curtis stesso. Il lato B propone ‘In a Lonely Place’, che a sua volta rappresenta bene il momento di passaggio tra le due identità musicali.

2. ‘Everything’s Gone Green’
Si è partiti, forza, avanti tutta. Riff di basso martellante per iniziare, synth programmato e tutti a ballare. Primo singolo dopo Movement, è il primo passo verso la scena dance e una wave più effettata, danzereccia e lontana dai testi laceranti di curtisiana memoria.

3. ‘Temptation’
Ma sì, tutto in grande: due, anzi tre versioni. Le prime di prova e poi la definitiva del 1987. Passata sottotraccia alla sua uscita, esploderà nella colonna sonora di Trainspotting (1996): prima canticchiata da Diane nella doccia, poi in sottofondo alla scena in cui Renton chiacchiera amabilmente coi genitori della minorenne con la quale è appena andato a letto.

4. ‘Perfect Kiss’
Cavalcata di sintetizzatori e basso elettrico che fa entrare i New Order nel pop, testo letteralmente incomprensibile, forse il loro manifesto degli anni Ottanta. E il video di Demme a renderla immortale, grazie anche a un Peter Hook che decide di suonare con pantaloni della tuta sformati e chiodo di pelle. Che stile.

5. ‘Sunrise’
Nervosa, un’accelerata continua, la chitarra di Sumner per la prima volta protagonista al pari del basso di Hook, quasi sei minuti di rock anni Ottanta, tra inno da stadio e incedere sregolato. Il disco che la contiene (Low-Life, 1985) venne registrato in una sola notte col gruppo in preda a ogni sorta di sostanza. Chi l’avrebbe mai detto…

6. ‘Elegia’
Brano che segue ‘Sunrise’, uno dei pochissimi interamente strumentali, il commiato definitivo da Curtis. Lenta come una marcia funebre, un distacco dalla vita che fu. Sul tappeto di cui Gillian Gilbert è assoluta protagonista si possono leggere le parole di Hook nella sua autobiografia di cui sopra: “Io mi sentivo colpevole della morte di Ian. Colpevole perché, come tutti, gli davo retta quando diceva di stare bene; ero talmente preso da me stesso e dalla band che non mi sono mai fermato ad ascoltare i suoi testi, o lui, e pensare: ‘Ha veramente bisogno d’aiuto’”.

7. ‘Blue Monday’
Perché si deve. Perché è storia. Perché è pura vita che pulsa dopo qualche momento di morte apparente. Perché tutto va avanti. Sempre. Uno dei brani più influenti della musica disco-pop.

Leggi anche:

Joy Division 1978: prima dell’inizio

Joy Division. Quei piaceri perduti (e mai ritorvati)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved