Genoa
0
Udinese
0
2. tempo
(0-0)
GCK Lions
Olten
17:00
 
new-order-movement-compie-40-anni-e-scusate-se-e-poco
+12
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
4 ore

Ai margini: riflessioni su chi c’è, ma non si fa notare

Una società senza asociali o è morta oppure è una dittatura. Perché abbiamo molto da imparare da chi non ama i riflettori
Ticino7
9 ore

La scelta del ‘profilo basso’

ʻPiù piccola è la mente più grande è la presunzioneʼ. Esopo aveva ragione, si sa
Ticino7
5 gior

Braccati e in fuga con Matula (e i Pink Floyd)

Metti una sera davanti alla TV. In onda una vecchia puntata del classico “Ein Fall für Zwei”, ma il bello è quello che si sente in sottofondo...
Ticino7
5 gior

L’arte ‘sociale’ di Manuela Villa-Petraglio

"Vado in studio, resto lì… a respirarne l’aria, tasto l’atmosfera, cerco di estraniarmi dal mondo esterno per entrare in una comunicazione con me stessa”
Ticino7
6 gior

Lassù, tra le cime. La vita dello stambecco alpino

Appartiene al superordine degli ungulati e domina le valli dalle vette dell’arco alpino dove esibisce, con portamento fiero, le sue maestose corna
Ticino7
1 sett

Radio e TV: la staffetta di Carla e Lara

“Scrivi più su di lei, mi raccomando!”. “Ma no, ma no, scrivi più su di lei!”. Vabbè, dai... intanto iniziamo a raccontarvi che c’è di nuovo alla RSI
Ticino7
1 sett

Giornata mondiale della neve. Una scuola coi fiocchi

Il 16 gennaio si celebra la Giornata mondiale della neve. Una ricorrenza istituita nel 2012 per ricordare (anche) la sua importanza per il nostro pianeta
Ticino7
1 sett

Ghiacciaio del Chüeboden. Una storia di piccoli iceberg

In un recente volume, il meteorologo e glaciologo Giovani Kappenberger ripercorre la nascita e la scomparsa di un fenomeno inedito per le nostre regioni
Ticino7
1 sett

Sulle cime e sui pendii occhi aperti. Sempre ;-)

Vivere la montagna significa prima di tutto rispettarla, nel nome della propria sicurezza. E una nuovissima pubblicazione del DT potrà darci una mano
Ticino7
1 sett

Rocco Lombardi: non è (solo) una questione di ritmo...

“La si può suonare anche in assenza di elettricità, quindi non inquina, e non importa se è un po’ scordata, il suono sta nelle mani” (e il talento aiuta)
Ticino7
2 sett

Positiva ma non isolata? ‘Caso conforme’, dice il Cantone

Talora i test PCR possono trovare residui del virus anche nelle persone guarite. Il caso di una donna e i chiarimenti del medico cantonale Giorgio Merlani
Ticino7
2 sett

Una ragazza sola al ristorante (per chi vuole ancora crederci)

“C’erano solo lei e la nebbia che la sospendeva dal mondo, e quanto avrebbe voluto sentire sospesi anche i suoi pensieri”
Ticino7
2 sett

La mente, crocevia di ricordi e di rimpianti

Cʼè chi rivede volti e sentimenti di amori perduti. E chi lo vorrebbe fare, ma un destino beffardo glielo impedisce
Ticino7
2 sett

Un diritto e un rovescio con Susan Bandecchi

Quando le si chiedeva cosa volesse fare da grande, la sua risposta era decisa e di pancia: “La cantante!”. Poi è arrivata la racchetta...
Ticino7
3 sett

Sopra e sotto: la vita ‘misteriosa’ della talpa

Le “mani” sono a forma di badile, robuste, indispensabili per lo scavo. Mentre quelli posteriori hanno “piedi” piccoli. No, non è un alieno, pero...
Ticino7
3 sett

Il Capodanno, la Stube e i balli di gruppo

“Dai fior‘ dai fior′ dai fiordi della Norvegia, è sce′ è sce’ è scesa la vichinga. Cerca’, cerca’, cercava un po′ di sole e invece ha trovato l’amor”
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - I Pesci

“Gli ultimi saranno i primi?”. Voi continuate a fare le vittime, siete bravissimi. Poi però non lamentatevi, né con l’Oroscopo e nemmeno con chi vi ama
Ticino7
3 sett

2020, 2021, 2022: ‘Avanti un altro’

Inutile girarci intorno: anche il 2021 non è stato proprio una bellezza. Andrà meglio, abbiate fede. In fondo domani è...
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - L’Acquario

Quando le cose vanno male, potrebbero anche andare meglio. Per la serie: “Quando hai toccato il fondo, può succedere che ti tocchi pure scavare”
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - Il Capricorno

“L’anno vecchio è finito, ormai / Ma qualcosa ancora qui non va”. Lucio Dalla era del segno dei Pesci, e forse per questo aveva già capito tutto
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - Il Sagittario

Credavate di avere già dato abbastanza. Credavate: ma non avete fatto i conti col resto del mondo e tutti quegli “amici” che tanto vi amavano...
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - Lo Scorpione

Avete un pungiglione, vero. A che vi serve però non si sa. Forse a difendervi dal mondo, perché non avete amici, “ma solo nemici” (cantavano i Litfiba)
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - La Bilancia

Ok, per natura dovreste essere persone con un certo senso della giustizia, dicono... Ma dov’è finita? Vi hanno rubato anche quella? Buon Santo Stefano
Ticino7
4 sett

Sergio Piccaluga e l’eterna fanciullezza dell’artista

"Non osservo i fenomeni per dar conto delle mie emozioni (...). Il vero sforzo è vivere volta per volta attimi di eternità che poi vengono fatti cadere”
Ticino7
4 sett

Parole sull’acqua. Quei sentimenti mai detti

La vera storia di una bottiglia, di un amore, di un lago (quello di Locarno). Perché anche nell’era di TikTok certe cose si posso lasciare solo al destino
Ticino7
4 sett

I videogiochi sono il nuovo ‘oppio del popolo’?

Che passare intere giornate davanti a un video-games non faccia bene è plausibile. Che sia una droga capace di minare uno stato, pure (a quanto pare)
Ticino7
4 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - La Vergine

Buon Natale! Oggi è un giorno meraviglioso. Per tutti. Cioè, dovrebbe esserlo perché è nato il Salvatore (e se sarete buoni salverà anche voi)
Ticino7
4 sett

Babbo Natale: identikit di un uomo generoso

Ma insomma, chi li porta questi regali: un anziano supereroe vestito di rosso, Santa Claus o un bambinello? Una questione mica di poco conto, eh
Ticino7
4 sett

I bambini, i miti, le bugie e i rituali del Natale

Il manuale del ‘buon genitore’ non esiste, anche se molti lo vorrebbero. Un ruolo spesso messo in discussione da dubbi e domande, pure sotto l’albero
Ticino7
4 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - Il Leone

"Questo animale è considerato il Re della foresta...." (di solito ai bambini si racconta questo, ma di “regale” ahinoi, nei prossimi mesi ci sarà pochino)
Ticino7
4 sett

Pacchi ludici e consigli per l’uso

Va tutto bene, basta non esagerare. Anche perché lì fuori ci sarebbe un mondo che ha bisogno di noi
Ticino7
1 mese

L’Oroscopo (cinico) 2022 - Il Cancro

Cosa vi aspetta per l’anno nuovo? Non fateci caso, guardate oltre. In fondo dopo il 2022 arriverà il 2023 (e non è detto che sarà peggio del 2021)
Ticino7
1 mese

L’Oroscopo (cinico) 2022 - I Gemelli

E siamo arrivati ai Gemelli. Che qualcosa di giusto nel prossimo anno combineranno... è il resto che andrà così così (che ci volete fare)
Ticino7
1 mese

Disavventure Latine 9. Fuga da Bogotà (parte 2)

Eccoci. Questo è il capolinea. Per davvero. Tutti giù, ma con calma... Anzi, quasi quasi ripartiamo subito. Per dove? Chissà, ma ci rivedremo. Contateci
Ticino7
1 mese

L’Oroscopo (cinico) 2022 - Il Toro

Dopo l’Ariete arriva il Toro, si sa. Sarà colpa del solito Covid, ma anche per lui le cose non andranno “benissimo”. Meditate toretti, meditate...
Ticino7
1 mese

L’Oroscopo (cinico) 2022 - L’Ariete

Volete sapere come andranno le cose il prossimo anno? Mmh... no, meglio di no. Ma se proprio proprio, iniziamo con gli ‘amici’ dell’Ariete, dai
Ticino7
1 mese

Un giorno nella vita di una ghiandaia

Vivace e rumorosa, tra i rami si muove con grande agilità compiendo brevi voli e anche grandi salti. E grazie alla sua dieta, i faggeti prosperano
Ticino7
1 mese

Giovani e telefonini. Come superare l’eterno conflitto?

Da strumento per comunicare, in pochi anni è diventato il centro di tutto, anche delle nostre vite. Creando non pochi problemi, negli adulti e nei ragazzi
Ticino7
1 mese

Christina Otth: ‘Impara l’arte (del restauro) e applicala!’

"In un negozio una volta comprai del materiale per il cantiere: della sabbia. Mi chiesero se mi serviva per far giocare mio figlio in giardino"
Ticino7
1 mese

Disavventure Latine 9. Fuga da Bogotá (parte 1)

Ok, questo è il capolinea. “Scendere prego”, ma con calma che qui c’è poco da scherzare... Anzi, quasi quasi ripartiamo subito. Per dove? Chissà...
04.10.2021 - 12:170
Aggiornamento : 11.10.2021 - 14:10

New Order. ‘Movement’ compie 40 anni (e scusate se è poco)

Siamo nel 1981. Nell’arco di poche settimane la Factory Records pubblicherà due album: l’ultimo (postumo) dei Joy Division e il primo del gruppo che nascerà sulle sue ceneri

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione

Uno dei suicidi più annunciati e che maggiormente sono entrati nella mitologia della musica pop (quello di Ian Curtis, cantante dei Joy Division) si consumava nelle prime ore di domenica 18 maggio 1980. La mattina dopo – scrive il bassista Peter Hook nel suo monumentale Joy Division. Tutta la storia – lui, il chitarrista Bernard Sumner e il batterista Stephen Morris erano di nuovo in sala. A provare. Con il testamento di Curtis da affinare, cioè i suoi ultimi brani in via di elaborazione (‘Ceremony’ e ‘In a Lonely Place’) che comporranno il primo singolo ufficiale dei New Order. E il riff iniziale col basso elettrico a sei corde di ‘Dreams Never End’, scritto da Hook nella sua camera poche ore – “passate impietrito” dirà lui – dopo aver saputo della morte del cantante. ‘Dreams Never End’ diventerà la traccia d’apertura di Movement, primo disco dei New Order. Ovvero i Joy Division senza Curtis, con ‘Barney’ Sumner alla voce e il fondamentale ingresso nel gruppo di Gillian Gilbert.


Il cantante e chitarrista Bernard Sumner (dietro) e il bassista Peter Hook.

Bello ma ‘indigesto’

Odiato dagli stessi membri del gruppo, brani mai più suonati nella loro più che ventennale carriera come band ad alto livello dopo la relativa tournée, Movement è per certi versi l’ultimo vero disco dei Joy Division più che il primo dei New Order. Scrive Simon Reynolds nella Bibbia intitolata molto semplicemente Post-Punk che il gruppo “passò la seconda metà del 1980 a brancolare in cerca di una nuova direzione” e la strada fu trovata per caso da Martin Hannett, loro tecnico del suono e produttore: insegnò ai quattro come usare la console di mixaggio, ricorda ancora Reynolds. L’inizio di tutto. L’11 novembre 1981 – scrive la Factory Records; ma altre fonti parlano del 13 o del 19 novembre – il disco compare negli scaffali dei negozi: indubbiamente c’è ancora tantissimo della vita precedente ma ci sono elementi di novità che saranno alla base del decennio appena iniziato. Se i brani ‘Truth’ , ‘The Him’ e ‘Doubts Even Here’ hanno ancora testi cupi e introspettivi e una batteria che qualcuno definisce a ragione ‘una macchina da guerra’, il suono è palesemente più aperto e meno pesante: è la wave, bellezza. Per i New Order il post-punk è durato lo spazio di capire come usare un mixer e la drum-machine. Il basso (inconfondibile) di Hook è protagonista assoluto del disco, e lo rimarrà anche quando il gruppo scoprirà gli Stati Uniti, la scena dance e il loro suono già aperto si trasformerà sempre più in colonna sonora di un’elegantissima discoteca per niente cialtrona e anzi raffinatissima.


18 dicembre 1979: i Joy Division al concerto di Les Bains Douches, Paris. Ian Curtis è l’ultimo a destra. Si suiciderà cinque mesi dopo.

1981: passaggio di testimone

Preceduto l’8 ottobre 1981 dall’uscita di Still – doppio album postumo dei Joy Division composto da brani inediti e dal vivo, inclusa una versione live di ‘Ceremony’ datata 2 maggio 1980; vedi sopra la copertina di una delle numerose ristampe in cartoncino, l’originale era in stoffa –, Movement è il masso di tre chili buttato nell’acqua profonda. Tutto quello che seguirà sono le onde circolari che si propagheranno per anni e anni. Aiutati molto dalla libertà assoluta di cui godevano con la loro etichetta, la gloriosa Factory Records. I loro dischi avranno copertine minimali e ricercate, per niente spendibili a livello di mainstream né commercialmente ‘sexy’. E questi dischi non avranno mai al loro interno i singoli, i brani da hit parade, che sono andati a scrivere la storia dei New Order. Quelli sono sempre stati una cosa a parte, riassunti più tardi nella raccolta Substance del 1987 (che richiama, guarda caso, l’omonima raccolta dei singoli e dei brani ‘sciolti’ dei Joy Division apparsa nell’88). Un percorso diverso da quello dei singoli è quello degli Lp: meno sperimentale e meno votato alle vendite, ma inteso quasi andasse a creare il tappeto giusto e il contesto adatto per poi uscire con le bombe, i sintetizzatori andanti e il videoclip. Tra cui quello, clamoroso, di ‘Perfect Kiss’. Brano contenuto nel disco Low-Life del 1985, ma per il quale il regista Jonatham Demme propose di registrare un’esecuzione molto allungata dal vivo. Arrivato in studio e non vedendo la batteria, gli caddero le braccia per non dire altro; la soluzione fu riprendere Morris sempre dal petto in su, mentre governava la drum-machine. E, nel finale, mostrando lo studio di registrazione con il poster dei Joy Division attaccato di fianco a una porta dove entra un fascio di luce fortissimo e una persona non identificabile. Ian Curtis che è lì, a guardarli ancora?

SETTE BRANI DA RIASCOLTARE

1. ‘Ceremony’
Scritta da Curtis 16 giorni prima di suicidarsi (preda di crisi epilettiche sempre più debilitanti) è l’ultima canzone scritta dai Joy Division e la prima incisa dai New Order. È il lascito per il nuovo inizio, con Curtis che scrive di “viali alberati dove vedo me e poi te cominciare a guardare per sempre, per sempre, crescere l’amore per sempre” e Sumner che canta imitando Curtis meglio di quanto faceva Curtis stesso. Il lato B propone ‘In a Lonely Place’, che a sua volta rappresenta bene il momento di passaggio tra le due identità musicali.

2. ‘Everything’s Gone Green’
Si è partiti, forza, avanti tutta. Riff di basso martellante per iniziare, synth programmato e tutti a ballare. Primo singolo dopo Movement, è il primo passo verso la scena dance e una wave più effettata, danzereccia e lontana dai testi laceranti di curtisiana memoria.

3. ‘Temptation’
Ma sì, tutto in grande: due, anzi tre versioni. Le prime di prova e poi la definitiva del 1987. Passata sottotraccia alla sua uscita, esploderà nella colonna sonora di Trainspotting (1996): prima canticchiata da Diane nella doccia, poi in sottofondo alla scena in cui Renton chiacchiera amabilmente coi genitori della minorenne con la quale è appena andato a letto.

4. ‘Perfect Kiss’
Cavalcata di sintetizzatori e basso elettrico che fa entrare i New Order nel pop, testo letteralmente incomprensibile, forse il loro manifesto degli anni Ottanta. E il video di Demme a renderla immortale, grazie anche a un Peter Hook che decide di suonare con pantaloni della tuta sformati e chiodo di pelle. Che stile.

5. ‘Sunrise’
Nervosa, un’accelerata continua, la chitarra di Sumner per la prima volta protagonista al pari del basso di Hook, quasi sei minuti di rock anni Ottanta, tra inno da stadio e incedere sregolato. Il disco che la contiene (Low-Life, 1985) venne registrato in una sola notte col gruppo in preda a ogni sorta di sostanza. Chi l’avrebbe mai detto…

6. ‘Elegia’
Brano che segue ‘Sunrise’, uno dei pochissimi interamente strumentali, il commiato definitivo da Curtis. Lenta come una marcia funebre, un distacco dalla vita che fu. Sul tappeto di cui Gillian Gilbert è assoluta protagonista si possono leggere le parole di Hook nella sua autobiografia di cui sopra: “Io mi sentivo colpevole della morte di Ian. Colpevole perché, come tutti, gli davo retta quando diceva di stare bene; ero talmente preso da me stesso e dalla band che non mi sono mai fermato ad ascoltare i suoi testi, o lui, e pensare: ‘Ha veramente bisogno d’aiuto’”.

7. ‘Blue Monday’
Perché si deve. Perché è storia. Perché è pura vita che pulsa dopo qualche momento di morte apparente. Perché tutto va avanti. Sempre. Uno dei brani più influenti della musica disco-pop.

Guarda 15 immagini e 1 video
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved