e-alla-batteria-sheldon-suter
© Giuditta Schera
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 gior

Swiss Riot Girls: il coraggio e le idee fanno la differenza

Un podcast della RSI ricorda 7 donne fuori dagli schemi, controcorrente, che hanno lasciato il segno. Alcune sono svizzere, altre da noi ci hanno vissuto
Ticino7
2 gior

Ti-Press: quando lo scatto è al centro della notizia

Che cosa significa catturare per immagini l’essenza e i cambiamenti della nostra società? Francesca, Davide e il loro team lo fanno da oltre 20 anni...
Ticino7
3 gior

Vent’anni di ‘Tenenbaum’ (un film da rivedere)

“La gente non approva, ma oggi giorno che cosa approva la gente?” (Gene Hackman). Per tutto il resto cercatevelo e godetevelo, me vale la pena
Ticino7
3 gior

La Sindrome dell’Impostore. Se pensiamo di non sapere

‘Il problema (...) è che gli sciocchi e i fanatici sono estremamente sicuri di loro stessi, mentre le persone più sagge sono piene di dubbi’ (B. Russell)
Ticino7
3 gior

Svastiche al sole (ma forse è solo noia)

Ogni tanto compaiono, poi qualcuno le cancella e tutto passa. Altre volte restano lì, a futura memoria, chissà...
Ticino7
1 sett

E se fosse sbagliato, quello che pensi?

Sono circa 70mila i pensieri che attraversano la nostra mente ogni giorno: e quasi sempre diamo retta a quel flusso di idee, senza nemmeno riflettere
Ticino7
1 sett

Gabrielli, fuori! Storia una mente creativa

Antonella ride, piange, fuma e beve mentre la intervisto. Ha preparato un picnic, nel caso in cui ci venga fame: prosecco, insalata di riso, salametto...
Ticino7
1 sett

Buongiorno, sono il signor tasso

Animale di indole solitaria, prudente e sospettoso, cerca cibo solo al calar del sole. Riconoscerlo e facile: seguite le sue strisce nere sul musetto...
Ticino7
1 sett

I mondi perduti di Enzo Pelli (e quelli ritrovati)

“Ogni epoca distrugge in un certo senso quella precedente – non necessariamente con guerre –, quella attuale ha distrutto un modo di vita contadino".
Ticino7
1 sett

Social e comunicazione. I ‘meme’ e le pillole d’ironia

Si presenta come una vignetta ironica, ma si è rivelato uno strumento capace di attirare l’attenzione e di creare un’identità unitaria fra chi lo utilizza. Ecco la loro forza
Ticino7
1 sett

Quando un ‘meme’ fa miracoli

Spesso politicamente poco corretti, intelligenti e acuti al punto giusto. Sempre che siate sul pezzo e in grado di incassare anche i colpi più bassi
Ticino7
1 sett

Clock DVA: incubi passati e presenti

Nel 1981 usciva ‘Thirst’, l’album che li fece conoscere. Più tardi col singolo ‘The Hacker’ crearono la colonna sonora di un mondo che aveva abbracciato il sogno della grande rete
Ticino7
2 sett

New Order. ‘Movement’ compie 40 anni (e scusate se è poco)

Siamo nel 1981. Nell’arco di poche settimane la Factory Records pubblicherà due album: l’ultimo (postumo) dei Joy Division e il primo del gruppo che nascerà sulle sue ceneri
Ticino7
2 sett

Teotihuacan, sulla Piramide del Sole

1521-2021: 500 anni fa un pugno di spagnoli capeggiati da Hernán Cortés conquistava uno degli imperi più grandi e potenti della Mesoamerica. Nel sangue, naturalmente
Ticino7
2 sett

Lo scoiattolo è tra noi

Occhi lucenti e neri, testolina rotonda, pelo bruno-rossiccio e una lunga coda sono le sue caratteristiche. È il parente indigeno più prossimo alla marmotta, l’avreste mai detto...
Ticino7
2 sett

Sessualità maschile. Sapete cos‘è il Punto P?

Un viaggio nell’universo del piacere. Spostando l’attenzione dal ‘solito’ organo fallico ai miti che lo circondano, all’uomo e alla sua complessità
Ticino7
2 sett

La nota stonata (i lati nascosti dell’amore)

Perché non sempre i soli sentimenti – puliti, sani e romantici – permettono di cementare una relazione sentimentale
Ticino7
3 sett

Scusate, ma sono un cinghiale...

Scavatore per passione, può esserci amico o acerrimo nemico. È l’unico animale selvatico sul nostro territorio appartenente alla famiglia dei suidi, quella dei ben più amati maiali
Ticino7
3 sett

Sì, anche i cani sognano

I nostri amici a quattro zampe sono in grado di guidarci alla scoperta del mondo. Parola di Michele Serra, che ne ha fatto un libro tutto da leggere e da guardare
Ticino7
3 sett

Quei ‘tagli’ precisi di Claudio Cavargna

Classe 1974, in mezzo alla carne e ai prodotti di macelleria ci è cresciuto, maturando il desiderio di portare avanti il lavoro di suo padre. Con successo
Ticino7
3 sett

Vasco Gamboni. Memorie di un cacciatore

Insegnamento e arte venatoria. Una doppia passione che si tramanda di generazione in generazione nella sua famiglia. Perché la caccia è anche amore e difesa del territorio
Ticino7
3 sett

Nuove correnti. Noi, il futuro e le auto elettriche

Politica e pianeta lo chiedono. Ma speriamo di arrivarci preparati e con le batterie ben cariche alla grande rivoluzione della mobilità
Ticino7
3 sett

2011: dieci anni da ‘El Camino’ dei The Black Keys

Sono solo in due, e con un’intelligenza musicale sopra la norma. La dimostrazione che gli americani il rock non solo lo hanno inventato, ma lo sanno pure suonare
Ticino7
3 sett

2001: vent’anni da ‘Origin of Symmetry’ dei Muse

Eclettico, estroverso, originale. Meno radiofonico di quello che seguì, è un album fondamentale per capire la musica del gruppo e rileggere i vagiti musicali del nuovo millennio
Ticino7
3 sett

1991: trent’anni da ‘Achtung Baby’ degli U2

Forse il capolavoro della band irlandese (al pari di “The Joshua Tree”). L’elettronica entra pesantemente nel suono del gruppo e il tour che seguirà sarà memorabile
Ticino7
02.10.2021 - 15:330
Aggiornamento : 06.10.2021 - 08:29

‘... e alla batteria, Sheldon Suter’

Figlio d‘arte, quando era ragazzo si “vergognava” di ascoltare e suonare ’il jazz’. Allora punta sulla chitarra... ma bacchette, cassa e rullante non si sono dimenticati di lui

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione

Riceve le prime lezioni di batteria dal padre. Inizialmente attivo come batterista soprattutto nel jazz moderno di matrice tradizionale, dal 1997 al 1998 soggiorna a Parigi, dove fa parte del trio di R. Rose e del quartetto di L. Geniez; nel 1999 fonda il trio Collapse e in seguito alla collaborazione con la danzatrice di butoh Flavia Ghisalberti si dedica alla ricerca di un proprio repertorio di suoni percussivi indeterminati. Nel 2009 partecipa al tour ‘Swiss Diagonales’ con il trio Red Note di Max Pizio. Dal 2005 al 2007 è responsabile della programmazione di JazzInFabbrica a Losone; tra il 2010 e il 2014 fa un’escursione nel pop come batterista dei Moes Anthill del singer-songwriter Moe der Barde. Oltre a molte collaborazioni, Suter è leader del trio filo-bebop Sheldon’s Playhouse, co-leader del quartetto Big Bold Back Bone e del duo LostSocks. Le sue musiche sono inoltre utilizzate per sonorizzazioni cinematografiche.

Una batteria semplice, un set essenziale: un piatto solo, rullante, tom, floor tom, cassa e charleston di una preziosa Giannini, costruttore zurighese che in pochi, in passato, si sono potuti permettere. È sempre rimasta montata, anche quando il padre Hugo, batterista di professione fino alla fine degli anni Sessanta, ha fatto famiglia e cambiato mestiere. Quella Giannini adesso è di Sheldon Suter, classe 1971, apprezzato sideman del jazz, undici album incisi dal 2011 a oggi, tanta musica, tanta fotografia, due figlie, un mulino e almeno un tentativo di fare il giro del mondo. “Mio nonno – ci racconta seduto a un bar per le vie della Capitale – lo voleva chirurgo e mio padre invece andò contro tutti, scegliendo la musica”. Fu il bisnonno a pagargli la Giannini di nascosto; un mese dopo, Hugo Suter lavorava nelle orchestre da ballo, così splendidamente jazz negli anni Cinquanta, in Svizzera tedesca, in Francia, Germania, con ingaggi mensili nei kursaal e nei Grand Hotel. “Di quei giorni, quando era ancora vivo, mi ha raccontato cose decisamente avventurose”.
Sheldon viene da Sheldon Manne (1920-1984, più noto come Shelly), star delle orchestre di Stan Kenton e Woody Herman, star del jazz della West Coast, il cosiddetto cool jazz, “quello che mio padre preferiva quando in Europa giravano cose più ‘nere’, più ‘hot’ che venivano da New York”. Tanti i dischi di Manne in casa Suter, che il piccolo Sheldon ascoltava in cuffia: “I quattro volumi di At The Black Hawk, i live registrati nel club in cui Manne suonava. I volumi sono cinque, mio padre ne aveva solo quattro. Li ho ancora: tanto li abbiamo ascoltati, tra me e lui, che li abbiamo ridotti a brandelli”.


© Giuditta Schera

Fotografia musicale

La pubertà, come da enciclopedia medica, porta scompiglio negli ascolti di Sheldon, che rinnega il jazz per Bob Dylan: “Mi sono comperato una chitarra, ma c’entravano anche le ragazze: mi vergognavo un po’ quando, verso i 13-14 anni, mi chiedevano che musica ascoltassi, a rispondere ‘il jazz’. Poi a 16 anni ho capito che suonavo meglio la batteria della chitarra, che il jazz era molto più ricco e che non dovevo farmene più un complesso del fatto che fossi rosso di capelli, svizzero-tedesco, e che mi piacessero le cose di nicchia”. Tendenza che col tempo è diventata caratteristica. L’apprendistato di fotografo invece che una scuola di musica – “Non me la sono sentita di andare via. Sono nato ad Arcegno, già avevo troppa paura di andare a Locarno…” – e la gioventù tra Basilea, da un amico del padre cercando lavoro nella fotografia, e Berna, alla scuola di jazz. Fino a che la fotografia non lo ha portato a Zurigo, “perché nella vita bisogna anche guadagnarsi un salario”.
Musica e fotografia, binario parallelo che ha trasportato Sheldon dal Ticino all’Europa e viceversa per un numero infinito di volte: “A Zurigo mi presi un localino, tre piani sotto un palazzo di assicurazioni, dove suonavo con Christoph Erb, lucernese che oggi suona molto con gente di Chicago”; a Parigi, invece, “uno scantinato umidissimo di quattro metri quadrati ma con bellissime volte antiche” e “tante jam session, in particolare allo Studio des Islettes, frequentato da Archie Shepp a Sonny Murray, che ho avuto il piacere di conoscere”. Il va e vieni dal Ticino, a un certo punto, è diventato soprattutto un va: “Ho deciso di fare il giro del mondo, ma alla prima tappa, in un bar di Basilea, ho incontrato una donna; volevo andare in Russia, sono arrivato fino in Bulgaria e sono tornato indietro, per amore”. Con la danzatrice Flavia Ghisalberti, poi, in duo o con l’aggiunta del trombettista amico d’infanzia basilese Marco von Orelli, è nato il progetto di danza butoh che per Suter corrisponde all’inizio di una profonda revisione sonora sottrattiva giunta sino agli odierni ‘Nocturne’ per sola batteria: “Oggi, il mio non è nemmeno più un set di batteria classico. Ricerco suoni lunghi su di uno strumento che di suo ha suoni corti, ritmici, fatta eccezione per il sustain che possono avere una cassa o i piatti”. E quindi “gong, scodelle tibetane, e altri elementi che vanno oltre le bacchette, le spazzole o i mallet, in nome dell’improvvisazione libera europea arrivata alla fine degli anni Sessanta”. Un set minimo e pratico per questioni di peso, “ma anche un minimo dal quale tirare fuori il massimo”.


© Giuditta Schera

Glauser e il ritorno

Come un solo che parte in levare, a un certo punto della storia entra in scena un mulino. “Il mulino del Brumo, ad Arcegno, è il luogo ideale per potersi ritirare nella propria solitudine e nella natura, dare tempo al vissuto di fermentare e poterne poi distillare dei contenuti sensati, delle conoscenze, del materiale. Apparteneva a una signora inglese, che mi diede il permesso di abitarlo. È il mulino in mezzo al bosco in cui nel 1919 visse anche Friedrich Glauser, ci sono bozze di suoi polizieschi che ne parlano. Un posto un po’ magico che alla fine sono riuscito a comperarmi”. Il mulino del Brumo è anche il posto migliore “per leccarsi le ferite, dedicandosi al giardino, passeggiando per i boschi, per un anno”, fino all’incontro con Giuditta; il mulino è anche il punto d’approdo di cotanto peregrinare: “Ho sempre dato priorità al ‘fare esperienza di vita’ più che a motivi prettamente professionali o di ‘carriera’. Per me, la sorgente da cui può attingere l’arte è la vita stessa, il proprio vissuto. Per questo ho sempre considerato importante viaggiare, confrontarmi con luoghi nuovi e poter incontrare persone diverse”. Esperienze di vita che fanno di Sheldon, parole sue, “non certo un purosangue, piuttosto un bastardo che invece di dare priorità totale alla fotografia o al fare musica ha sempre preferito, semplicemente, vivere”.
Tornato, più adulto, a Zurigo – “Una scena molto viva dieci anni fa, tantissime jam anche durante il giorno. Lì ho studiato tanto e ho registrato molti degli undici dischi” – e transitato un’ultima volta da Basilea, Sheldon Suter, due volte padre, ha infine scelto il Ticino come luogo in cui vivere e far crescere le sue bimbe insieme a Giuditta, due volte madre, in una serena riappacificazione con Locarno, la città. Che a uno nato ad Arcegno e che ha tentato di fare il giro del mondo, oggi, non fa più paura.


© Giuditta Schera

© Giuditta Schera
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved