e-alla-batteria-sheldon-suter
© Giuditta Schera
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
2 gior

Braccati e in fuga con Matula (e i Pink Floyd)

Metti una sera davanti alla TV. In onda una vecchia puntata del classico “Ein Fall für Zwei”, ma il bello è quello che si sente in sottofondo...
Ticino7
2 gior

L’arte ‘sociale’ di Manuela Villa-Petraglio

"Vado in studio, resto lì… a respirarne l’aria, tasto l’atmosfera, cerco di estraniarmi dal mondo esterno per entrare in una comunicazione con me stessa”
Ticino7
4 gior

Lassù, tra le cime. La vita dello stambecco alpino

Appartiene al superordine degli ungulati e domina le valli dalle vette dell’arco alpino dove esibisce, con portamento fiero, le sue maestose corna
Ticino7
4 gior

Radio e TV: la staffetta di Carla e Lara

“Scrivi più su di lei, mi raccomando!”. “Ma no, ma no, scrivi più su di lei!”. Vabbè, dai... intanto iniziamo a raccontarvi che c’è di nuovo alla RSI
Ticino7
5 gior

Giornata mondiale della neve. Una scuola coi fiocchi

Il 16 gennaio si celebra la Giornata mondiale della neve. Una ricorrenza istituita nel 2012 per ricordare (anche) la sua importanza per il nostro pianeta
Ticino7
5 gior

Ghiacciaio del Chüeboden. Una storia di piccoli iceberg

In un recente volume, il meteorologo e glaciologo Giovani Kappenberger ripercorre la nascita e la scomparsa di un fenomeno inedito per le nostre regioni
Ticino7
5 gior

Sulle cime e sui pendii occhi aperti. Sempre ;-)

Vivere la montagna significa prima di tutto rispettarla, nel nome della propria sicurezza. E una nuovissima pubblicazione del DT potrà darci una mano
Ticino7
1 sett

Rocco Lombardi: non è (solo) una questione di ritmo...

“La si può suonare anche in assenza di elettricità, quindi non inquina, e non importa se è un po’ scordata, il suono sta nelle mani” (e il talento aiuta)
Ticino7
1 sett

Positiva ma non isolata? ‘Caso conforme’, dice il Cantone

Talora i test PCR possono trovare residui del virus anche nelle persone guarite. Il caso di una donna e i chiarimenti del medico cantonale Giorgio Merlani
Ticino7
1 sett

Una ragazza sola al ristorante (per chi vuole ancora crederci)

“C’erano solo lei e la nebbia che la sospendeva dal mondo, e quanto avrebbe voluto sentire sospesi anche i suoi pensieri”
Ticino7
1 sett

La mente, crocevia di ricordi e di rimpianti

Cʼè chi rivede volti e sentimenti di amori perduti. E chi lo vorrebbe fare, ma un destino beffardo glielo impedisce
Ticino7
2 sett

Un diritto e un rovescio con Susan Bandecchi

Quando le si chiedeva cosa volesse fare da grande, la sua risposta era decisa e di pancia: “La cantante!”. Poi è arrivata la racchetta...
Ticino7
2 sett

Sopra e sotto: la vita ‘misteriosa’ della talpa

Le “mani” sono a forma di badile, robuste, indispensabili per lo scavo. Mentre quelli posteriori hanno “piedi” piccoli. No, non è un alieno, pero...
Ticino7
2 sett

Il Capodanno, la Stube e i balli di gruppo

“Dai fior‘ dai fior′ dai fiordi della Norvegia, è sce′ è sce’ è scesa la vichinga. Cerca’, cerca’, cercava un po′ di sole e invece ha trovato l’amor”
Ticino7
2 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - I Pesci

“Gli ultimi saranno i primi?”. Voi continuate a fare le vittime, siete bravissimi. Poi però non lamentatevi, né con l’Oroscopo e nemmeno con chi vi ama
Ticino7
2 sett

2020, 2021, 2022: ‘Avanti un altro’

Inutile girarci intorno: anche il 2021 non è stato proprio una bellezza. Andrà meglio, abbiate fede. In fondo domani è...
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - L’Acquario

Quando le cose vanno male, potrebbero anche andare meglio. Per la serie: “Quando hai toccato il fondo, può succedere che ti tocchi pure scavare”
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - Il Capricorno

“L’anno vecchio è finito, ormai / Ma qualcosa ancora qui non va”. Lucio Dalla era del segno dei Pesci, e forse per questo aveva già capito tutto
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - Il Sagittario

Credavate di avere già dato abbastanza. Credavate: ma non avete fatto i conti col resto del mondo e tutti quegli “amici” che tanto vi amavano...
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - Lo Scorpione

Avete un pungiglione, vero. A che vi serve però non si sa. Forse a difendervi dal mondo, perché non avete amici, “ma solo nemici” (cantavano i Litfiba)
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - La Bilancia

Ok, per natura dovreste essere persone con un certo senso della giustizia, dicono... Ma dov’è finita? Vi hanno rubato anche quella? Buon Santo Stefano
Ticino7
3 sett

Sergio Piccaluga e l’eterna fanciullezza dell’artista

"Non osservo i fenomeni per dar conto delle mie emozioni (...). Il vero sforzo è vivere volta per volta attimi di eternità che poi vengono fatti cadere”
Ticino7
3 sett

Parole sull’acqua. Quei sentimenti mai detti

La vera storia di una bottiglia, di un amore, di un lago (quello di Locarno). Perché anche nell’era di TikTok certe cose si posso lasciare solo al destino
Ticino7
3 sett

I videogiochi sono il nuovo ‘oppio del popolo’?

Che passare intere giornate davanti a un video-games non faccia bene è plausibile. Che sia una droga capace di minare uno stato, pure (a quanto pare)
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - La Vergine

Buon Natale! Oggi è un giorno meraviglioso. Per tutti. Cioè, dovrebbe esserlo perché è nato il Salvatore (e se sarete buoni salverà anche voi)
02.10.2021 - 15:330
Aggiornamento : 06.10.2021 - 08:29

‘... e alla batteria, Sheldon Suter’

Figlio d‘arte, quando era ragazzo si “vergognava” di ascoltare e suonare ’il jazz’. Allora punta sulla chitarra... ma bacchette, cassa e rullante non si sono dimenticati di lui

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione

Riceve le prime lezioni di batteria dal padre. Inizialmente attivo come batterista soprattutto nel jazz moderno di matrice tradizionale, dal 1997 al 1998 soggiorna a Parigi, dove fa parte del trio di R. Rose e del quartetto di L. Geniez; nel 1999 fonda il trio Collapse e in seguito alla collaborazione con la danzatrice di butoh Flavia Ghisalberti si dedica alla ricerca di un proprio repertorio di suoni percussivi indeterminati. Nel 2009 partecipa al tour ‘Swiss Diagonales’ con il trio Red Note di Max Pizio. Dal 2005 al 2007 è responsabile della programmazione di JazzInFabbrica a Losone; tra il 2010 e il 2014 fa un’escursione nel pop come batterista dei Moes Anthill del singer-songwriter Moe der Barde. Oltre a molte collaborazioni, Suter è leader del trio filo-bebop Sheldon’s Playhouse, co-leader del quartetto Big Bold Back Bone e del duo LostSocks. Le sue musiche sono inoltre utilizzate per sonorizzazioni cinematografiche.

Una batteria semplice, un set essenziale: un piatto solo, rullante, tom, floor tom, cassa e charleston di una preziosa Giannini, costruttore zurighese che in pochi, in passato, si sono potuti permettere. È sempre rimasta montata, anche quando il padre Hugo, batterista di professione fino alla fine degli anni Sessanta, ha fatto famiglia e cambiato mestiere. Quella Giannini adesso è di Sheldon Suter, classe 1971, apprezzato sideman del jazz, undici album incisi dal 2011 a oggi, tanta musica, tanta fotografia, due figlie, un mulino e almeno un tentativo di fare il giro del mondo. “Mio nonno – ci racconta seduto a un bar per le vie della Capitale – lo voleva chirurgo e mio padre invece andò contro tutti, scegliendo la musica”. Fu il bisnonno a pagargli la Giannini di nascosto; un mese dopo, Hugo Suter lavorava nelle orchestre da ballo, così splendidamente jazz negli anni Cinquanta, in Svizzera tedesca, in Francia, Germania, con ingaggi mensili nei kursaal e nei Grand Hotel. “Di quei giorni, quando era ancora vivo, mi ha raccontato cose decisamente avventurose”.
Sheldon viene da Sheldon Manne (1920-1984, più noto come Shelly), star delle orchestre di Stan Kenton e Woody Herman, star del jazz della West Coast, il cosiddetto cool jazz, “quello che mio padre preferiva quando in Europa giravano cose più ‘nere’, più ‘hot’ che venivano da New York”. Tanti i dischi di Manne in casa Suter, che il piccolo Sheldon ascoltava in cuffia: “I quattro volumi di At The Black Hawk, i live registrati nel club in cui Manne suonava. I volumi sono cinque, mio padre ne aveva solo quattro. Li ho ancora: tanto li abbiamo ascoltati, tra me e lui, che li abbiamo ridotti a brandelli”.


© Giuditta Schera

Fotografia musicale

La pubertà, come da enciclopedia medica, porta scompiglio negli ascolti di Sheldon, che rinnega il jazz per Bob Dylan: “Mi sono comperato una chitarra, ma c’entravano anche le ragazze: mi vergognavo un po’ quando, verso i 13-14 anni, mi chiedevano che musica ascoltassi, a rispondere ‘il jazz’. Poi a 16 anni ho capito che suonavo meglio la batteria della chitarra, che il jazz era molto più ricco e che non dovevo farmene più un complesso del fatto che fossi rosso di capelli, svizzero-tedesco, e che mi piacessero le cose di nicchia”. Tendenza che col tempo è diventata caratteristica. L’apprendistato di fotografo invece che una scuola di musica – “Non me la sono sentita di andare via. Sono nato ad Arcegno, già avevo troppa paura di andare a Locarno…” – e la gioventù tra Basilea, da un amico del padre cercando lavoro nella fotografia, e Berna, alla scuola di jazz. Fino a che la fotografia non lo ha portato a Zurigo, “perché nella vita bisogna anche guadagnarsi un salario”.
Musica e fotografia, binario parallelo che ha trasportato Sheldon dal Ticino all’Europa e viceversa per un numero infinito di volte: “A Zurigo mi presi un localino, tre piani sotto un palazzo di assicurazioni, dove suonavo con Christoph Erb, lucernese che oggi suona molto con gente di Chicago”; a Parigi, invece, “uno scantinato umidissimo di quattro metri quadrati ma con bellissime volte antiche” e “tante jam session, in particolare allo Studio des Islettes, frequentato da Archie Shepp a Sonny Murray, che ho avuto il piacere di conoscere”. Il va e vieni dal Ticino, a un certo punto, è diventato soprattutto un va: “Ho deciso di fare il giro del mondo, ma alla prima tappa, in un bar di Basilea, ho incontrato una donna; volevo andare in Russia, sono arrivato fino in Bulgaria e sono tornato indietro, per amore”. Con la danzatrice Flavia Ghisalberti, poi, in duo o con l’aggiunta del trombettista amico d’infanzia basilese Marco von Orelli, è nato il progetto di danza butoh che per Suter corrisponde all’inizio di una profonda revisione sonora sottrattiva giunta sino agli odierni ‘Nocturne’ per sola batteria: “Oggi, il mio non è nemmeno più un set di batteria classico. Ricerco suoni lunghi su di uno strumento che di suo ha suoni corti, ritmici, fatta eccezione per il sustain che possono avere una cassa o i piatti”. E quindi “gong, scodelle tibetane, e altri elementi che vanno oltre le bacchette, le spazzole o i mallet, in nome dell’improvvisazione libera europea arrivata alla fine degli anni Sessanta”. Un set minimo e pratico per questioni di peso, “ma anche un minimo dal quale tirare fuori il massimo”.


© Giuditta Schera

Glauser e il ritorno

Come un solo che parte in levare, a un certo punto della storia entra in scena un mulino. “Il mulino del Brumo, ad Arcegno, è il luogo ideale per potersi ritirare nella propria solitudine e nella natura, dare tempo al vissuto di fermentare e poterne poi distillare dei contenuti sensati, delle conoscenze, del materiale. Apparteneva a una signora inglese, che mi diede il permesso di abitarlo. È il mulino in mezzo al bosco in cui nel 1919 visse anche Friedrich Glauser, ci sono bozze di suoi polizieschi che ne parlano. Un posto un po’ magico che alla fine sono riuscito a comperarmi”. Il mulino del Brumo è anche il posto migliore “per leccarsi le ferite, dedicandosi al giardino, passeggiando per i boschi, per un anno”, fino all’incontro con Giuditta; il mulino è anche il punto d’approdo di cotanto peregrinare: “Ho sempre dato priorità al ‘fare esperienza di vita’ più che a motivi prettamente professionali o di ‘carriera’. Per me, la sorgente da cui può attingere l’arte è la vita stessa, il proprio vissuto. Per questo ho sempre considerato importante viaggiare, confrontarmi con luoghi nuovi e poter incontrare persone diverse”. Esperienze di vita che fanno di Sheldon, parole sue, “non certo un purosangue, piuttosto un bastardo che invece di dare priorità totale alla fotografia o al fare musica ha sempre preferito, semplicemente, vivere”.
Tornato, più adulto, a Zurigo – “Una scena molto viva dieci anni fa, tantissime jam anche durante il giorno. Lì ho studiato tanto e ho registrato molti degli undici dischi” – e transitato un’ultima volta da Basilea, Sheldon Suter, due volte padre, ha infine scelto il Ticino come luogo in cui vivere e far crescere le sue bimbe insieme a Giuditta, due volte madre, in una serena riappacificazione con Locarno, la città. Che a uno nato ad Arcegno e che ha tentato di fare il giro del mondo, oggi, non fa più paura.


© Giuditta Schera

© Giuditta Schera
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved