ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
11 ore

Il Natale visto da Milco Margaroli

"In una Svizzera sempre più secolarizzata" è importante riscoprire le radici cristiane che sono alla base di momenti di festa e ma anche di riflessione
Ticino7
13 ore

Quelli mai contenti (nemmeno sotto le feste)

"È Natale da fine ottobre. Le lucette si accendono sempre prima, mentre le persone sono sempre più intermittenti..." (Charles Bukowski, 1920-1994)
Ticino7
1 sett

I “fiati" e i respiri di Giulia Genini

Un amore nato alle Elementari e che deve aver fatto felici i suoi, visto che a casa non faceva che soffiare e soffiare. Poi le cose si sono fatte serie...
Ticino7
1 sett

Pensiero magico. La vita e la potenza dei simboli

"Ci sono buoni motivi per pensare che, nell’evoluzione del pensiero, la religione sia successiva alla magia" (J.G. Frazer)
Ticino7
1 sett

Il vocabolario di Putin è al passato

Con l’Occidente satanista e la Russia storica si spiega la guerra. Partendo da un saggio di Bengt Jangfeldt, alcune riflessioni sulla tragedia ucraina
Ticino7
1 sett

Qatar 2022: due o tre cose sui Mondiali

Nel grande dilemma etico che grava sulla manifestazione sportiva, c’è davvero da sentirsi come il figlio di un dentista dentro un negozio di dolciumi
Ticino7
1 sett

La scaramanzia e altri gesti per sopravvivere (al peggio)

Ha scritto Alejandro Jodorowsky: ‘Essere razionali è bene, ma essere soltanto razionali è una lebbra, una peste, una malattia’. Uomo avvisato...
Ticino7
1 sett

I Modern Lovers nel tunnel del tempo

Un disco apparso nel 1976 ma scritto almeno mezzo secolo fa. Tanto elementare quanto “moderno”, diventato un classico da ascoltare (almeno una volta)
Ticino7
2 sett

L’orto di Gino La Rocca: una metafora sociale

Da oltre 40 anni coltiva un fazzoletto di terra che sovrasta la trincea, all’altezza del ponte tra Lugano e Massagno. Uno vero spazio di ‘resistenza’
Ticino7
2 sett

‘Prima il formicolio alla lingua, poi la bocca resta aperta’

Il racconto di Sheila, Spohie e Nadia, tre donne che la borreliosi l’hanno vissuta (e la vivono) sulla loro pelle
Ticino7
2 sett

Piccole, indesiderate e fastidiose. Ma anche pericolose

Borreliosi ed encefaliti: i pericoli delle morsicature di zecca. Merlani: ‘Ma Ticino (con Ginevra) è il solo cantone a non essere zona endemica’
Ticino7
2 sett

Ecco il Balestruccio (prima che sia troppo tardi)

Nei mesi freddi se ne va al caldo, in quelli più miti nidifica anche nel nostro cantone. Che – pure per questa specie – è diventato un luogo poco ospitale
Ticino7
2 sett

Disavventure Latine. Messico 7: San Luis Potosí

Io a San Luis Potosí non ci volevo proprio andare. Ho provato in tutti i modi a evitarla, aggirarla, superarla senza nemmeno guardarla... Tutto inutile
Ticino7
2 sett

L’uomo parassita in un mondo sempre più caldo

Scriveva Plinio Martini: “Il nostro è un maledetto paese che d’estate ti rompe le giunture e d’inverno ti lascia con le mani in mano". 50 anni fa, però
Ticino7
2 sett

Kunsertu, fra Messina e il Maghreb a ritmo di pop-raï

Dal paginone della musica, sezione ‘Dischi dal retrobottega’, immersioni musicali siciliane no-mainstream
Ticino7
3 sett

Daniela Baiardi, la libertà di creare

Artista, storica dell’arte, studentessa e nuova responsabile della comunicazione per Visarte-Ticino
Ticino7
3 sett

Ballenberg, metti una ‘festa delle feste’ in un museo vivente

Cronaca di una full immersion a 360 gradi nell’essenza stessa della cultura con la bandiera rossocrociata
Ticino7
3 sett

A proposito del Torcicollo...

È un uccello migratore che soggiorna alle nostre latitudini tra aprile e settembre e sverna nelle savane africane
Ticino7
3 sett

Rendiamo grazie alla seminatrice meccanica

Senza Jethro Tull, l’agronomo inglese che la inventò, non ci sarebbe stato il gruppo britannico, che dello stesso s’impiantò il nome
14.09.2021 - 10:47
Aggiornamento: 11:41

Sorelle di sogni. C’era una volta (e anche oggi)

L’ultimo romanzo breve di Daniele Dell’Agnola è un confronto generazionale, attraverso i ricordi, gli incontri ma anche le rinunce di due donne della Bregaglia

di Lorena Scettrini
sorelle-di-sogni-c-era-una-volta-e-anche-oggi
+1

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

‘Noi ottantenni abbiamo un bel futuro davanti. Come minimo cinquemilaottocentoquaranta giorni, ancora, di cose da fare. Poi, una volta compiuti i novantasei anni, si sta un po’ tranquilli ad ascoltare e a farsi servire fino ai cento. Dopo vediamo’.

Autore, compositore recentemente in scena con Margherita Saltamacchia nel Fondo del sacco (di Plinio Martini) o con Ioana Butu in Natasha ha preso il bus (di Sara Rossi Guidicelli) diretto da Laura Curino, docente alla Supsi-Dfa dove si occupa di letteratura, narrazione e didattica nella formazione delle future e dei futuri insegnanti della scuola elementare: Daniele Dell’Agnola, classe 1976, la noia non sa proprio cosa sia. La luna nel baule, edito dalla Pro Grigioni Italiano in coedizione con Armando Dadò, è un lavoro nato dall’ascolto e dall’oralità. Frammenti di vita di due sorelle che l’autore ha cucito con sensibilità e delicatezza regalandoci un prodotto letterario curato in ogni dettaglio.
Tutto inizia dalla necessità di Jolanda di lasciare una traccia del proprio vissuto. Avrebbero dovuto essere solo due paginette di cose che non ha mai avuto tempo di dire. Solo che ha iniziato a parlare, parlare… Daniele ascoltava e Jolanda parlava. E la storia non finiva più. E le due pagine si sono trasformate in un libro pubblicato anche in tedesco (Der Mond in der Truhe) e in romancio (La glina en l’arcun) grazie al prezioso lavoro di Chasper Pult e Anna-Alice Dazzi Gross. Le protagoniste del racconto sono due sorelle cresciute in Val Bregaglia, “a chilometro zero”, come dice Jolanda. Due vite molto diverse fatte di incontri, eventi tragici, scelte a volte imposte, rinunce e piccole grandi rivincite. Jolanda, nata nel 1940, voleva fare l’infermiera. Aprirà invece con suo marito l’Albergo Val d’Arca e ci lavorerà per 54 anni. Vera invece converte il sogno di diventare impiegata postale nella realtà da contadina e mamma di sette figli. Per le donne una sorte di dittatura, nessuna scelta possibile.

Piccoli grandi eventi

Attraverso il romanzo Daniele ci riporta ai tempi in cui si giocava con quello che si trovava. Vivere con i nonni era la normalità: “I vecchi stavano in casa con tutti gli altri, oggi ce ne dobbiamo invece liberare, perché non c’è tempo per loro in un mondo dove si vive sempre più a lungo. Parlo dei vecchi, non dei nonni; poiché oggi se togli i nonni ad affondare sono molti genitori, loro e i loro ritmi di lavoro”. La profondità nel tempo nel romanzo è dettata da avvenimenti personali che viaggiano in parallelo con i grandi eventi storici. Quando nel 1961 Jolanda e suo marito Elveto si sposano i genitori propongono come viaggio di nozze il giro della casa. Nello stesso anno Jurij Gagarin viaggia sulla Vostok. Nel 1989 Jolanda, grazie al quotidiano Blick, vince un viaggio. Elveto propone di tramutare la vincita in contanti per costruire un nuovo muro al Val d’Arca. Nello stesso anno crolla il muro di Berlino.


Il villaggio di Stampa (Valle Bregaglia) a inizio Novecento.

Scelte e opportunità

Una vita fatta di incontri importanti e significativi, quella di Jolanda. A partire dal vicino di casa Alberto Giacometti. Da bambine le due sorelle andavano a giocare nel suo atelier e, a volte, urtavano per sbaglio dei capolavori in corso d’opera, rovinandoli o rompendoli. Durante il giorno, per permettere a Giacometti di riposare, le bambine mettevano il fieno nei campanacci delle mucche per non disturbarlo durante le ore di sonno. A Jolanda era stato anche proposto di posare per l’artista... ma ha dovuto rifiutare. Non è diventata una statua del Giacometti bensì un’opera di Dell’Agnola, racconta scherzando.

La censura delle fiabe

Il gioco tra finzione e realtà rende impossibile al lettore la percezione di questo delicato confine. Le spinte narrative delle protagoniste permettono all’autore di toccare temi a lui molto cari, come l’importanza di lavorare sulle emozioni con i ragazzi e i bambini. Attraverso il racconto della storia della malora (rievocazione boccaccesca) o dei bambini ebrei catapultati in aria come piattelli e presi a fucilate dai nazisti, Jolanda sembra parlarci dell’empatia che le permetteva di vivere paura, coraggio, tragedia, morte in un ambiente protetto. “Un allenamento per il cervello, così i bambini fanno esercizi con la paura”. Le fiabe non vanno censurate bensì utilizzate quale mezzo di accompagnamento in un percorso di scoperta dell’alfabeto emotivo, guidati da una voce amica e conosciuta, dove nulla di brutto può accadere.


© L. Scettrini

PROGETTI DIDATTICI E APPUNTAMENTI

La luna nel baule è stata per Daniele un’esperienza molto appagante. Imparare ad ascoltare, elaborare le idee, inventare scene, personaggi, elementi simbolici, dare una forma letteraria tenendo conto del fatto che le protagoniste, Vera e Jolanda, devono potersi riconoscere. Il risultato è una storia che parla di nonni e nipoti in dialogo. Al romanzo viene affiancato anche un progetto didattico curato dalla commissione letteraria della Pro Grigioni Italiano, con il sostegno tecnico dell’Alta scuola pedagogica di Coira: è creato appositamente per le scuole secondarie di primo e secondo grado. Otto percorsi che affrontano altrettante tematiche, scaricabili in formato digitale su pgi.ch/didattica. Tra le date in calendario, il 2 ottobre al Palazzo Castelmur, in Bregaglia, Sara Francesca Hermann, Sarah Speiser, Ioana Butu saranno le protagoniste di una lettura scenica del romanzo, il 3 ottobre l’autore sarà ospite al Festival letterario ‘Lettere dalla Svizzera alla Valposchiavo’ con i traduttori, mentre il 18 novembre alle ore 18 Daniele sarà alla Biblioteca Cantonale di Bellinzona, nell’ambito di una tournée autunnale che porterà La luna nel baule a Zurigo, Coira e in diverse scuole.


Stampa, in Valle Bregaglia.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved