sorelle-di-sogni-c-era-una-volta-e-anche-oggi
+1
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
2 ore

Quando l’emancipazione partì in bicicletta

Solo poco più di un secolo fa andare in bicicletta era considerato uno sport non adatto alle donne. Anzi, pericoloso...
Ticino7
6 ore

‘Gas a martello’ (tanto son tamarro)

Sono spesso giovani e vogliono trasgredire. Ok, ma certe cose oggi è meglio farle in un circuito automobilistico
Ticino7
6 gior

Bindu De Stoppani e le immagini che (s)corrono

Sceneggiatrice, regista e showrunner, cioè chi ‘fa correre’ l’intero processo di produzione di un telefilm. Ma ci sa fare anche con gli “affari di cuore”
Ticino7
6 gior

Ciò che il mondo separa, la poesia unisce

I versi di Francesca Matteoni e la grafica di Luca Mengoni per una raccolta poetica (curata da Fabio Pusterla) che racconta quello che sente il cuore
Ticino7
1 sett

Tra lui e lei: attraversamenti di genere e di vestiti

Uomini e donne non sono semplicemente “maschili” o “femminili”: sono molto di più. E allora si spiegano i fisici scolpiti, i toraci depilati e molto altro
Ticino7
1 sett

Radersi tra salute e consapevolezza, a ‘Movember’

Avete tempo sino alla fine del mese. Ma le buone cause, si sa, non hanno date e scadenze. Soprattutto quando parliamo di benessere, malattie e prevenzione
Ticino7
1 sett

L’ultima libertà dell’ultima cena

Nel nome del vostro bene e di quello dei vostri ospiti, mettete un bel cartello sulla porta di casa, con scritto: "Qui è vietato parlare di Covid’
Ticino7
1 sett

Dio salvi i punkinari! E le loro chitarre

C’è chi ha scritto che è morto nel 1977, altri pensano sia un modo di vivere e vedere il mondo che tiene ancora botta. Noi preferiamo parlare di musica
Ticino7
1 sett

Gli antivaccinisti al tempo del vaiolo (correva l’anno 1931)

“Il pro e il contro nella scienza sono (...) pesati e sempre soggetti a controllo. I controlli poi sono infiniti in una scienza pratica come la medicina”
Ticino7
1 sett

Disavventure Latine 8. Senza tejo, tornerò

Il caffè in Colombia è pessimo. Attenzione, non il caffè prodotto in Colombia, ma quello che bevono: “Il migliore rende troppo per non venderlo..."
Ticino7
2 sett

Patrizia Varini preferisce il viola

Nella sua esistenza fatta di lavoro, passioni, hobby e viaggi i colori non mancano. Ma ce n’è uno che brilla e vibra sopra tutti gli altri...
Ticino7
2 sett

L’omosessualità di ieri (ma vista oggi)

Vale per tutto, pure con i film: per giudicare quanto siano ‘intelligenti’ andrebbero rivisti. Ma decenni dopo
Ticino7
2 sett

1821-2021: buon compleanno, maestro!

L’11 novembre si celebra il bicentenario della nascita dello scrittore e pensatore russo Fedor Dostoevskij, fra i capisaldi della letteratura mondiale
Ticino7
2 sett

Squid Game e il solito allarmismo di noi vecchi

Il ciclo dei media sulle mode giovanili è sempre lo stesso: non le capiamo, quindi decidiamo che son pericolose e ci mettiamo a sparare titoloni
Ticino7
2 sett

La Ficcanaso e l’eterno ritardo

Essere indietro su tutto, indiscriminatamente, è un’arte. Ma potrebbe anche essere una dote ereditaria
Ticino7
2 sett

‘Mamme in equilibrio’ e figlie ribelli: una testimonianza

La storia di Cecilia e della figlia Abigaille, per imparare che la perfezione non esiste ma non bisogna mai arrendersi
Ticino7
3 sett

La sindrome di Riccioli d’oro e l’esempio dei bimbi

Siamo sempre scontenti perché viviamo in perenne attesa di qualcosa di meglio. Eppure guardando all’infanzia dovremmo capire che spesso esageriamo
Ticino7
3 sett

Elisa Lazzari, la chef vegana di Riva San Vitale

“Spesso si pensa erroneamente che ciò che è vegano sia insapore e che chi abbraccia questa filosofia sia un invasato oppure un modaiolo”
Ticino7
3 sett

Il minimo indispensabile: storie di seni e di reggiseni

‘Forse è ora di fare davvero ognuna come ci pare, decidere se la lingerie è uno dei piaceri della vita o se non ce ne importa niente’
Ticino7
14.09.2021 - 10:470
Aggiornamento : 11:41

Sorelle di sogni. C’era una volta (e anche oggi)

L’ultimo romanzo breve di Daniele Dell’Agnola è un confronto generazionale, attraverso i ricordi, gli incontri ma anche le rinunce di due donne della Bregaglia

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

‘Noi ottantenni abbiamo un bel futuro davanti. Come minimo cinquemilaottocentoquaranta giorni, ancora, di cose da fare. Poi, una volta compiuti i novantasei anni, si sta un po’ tranquilli ad ascoltare e a farsi servire fino ai cento. Dopo vediamo’.

Autore, compositore recentemente in scena con Margherita Saltamacchia nel Fondo del sacco (di Plinio Martini) o con Ioana Butu in Natasha ha preso il bus (di Sara Rossi Guidicelli) diretto da Laura Curino, docente alla Supsi-Dfa dove si occupa di letteratura, narrazione e didattica nella formazione delle future e dei futuri insegnanti della scuola elementare: Daniele Dell’Agnola, classe 1976, la noia non sa proprio cosa sia. La luna nel baule, edito dalla Pro Grigioni Italiano in coedizione con Armando Dadò, è un lavoro nato dall’ascolto e dall’oralità. Frammenti di vita di due sorelle che l’autore ha cucito con sensibilità e delicatezza regalandoci un prodotto letterario curato in ogni dettaglio.
Tutto inizia dalla necessità di Jolanda di lasciare una traccia del proprio vissuto. Avrebbero dovuto essere solo due paginette di cose che non ha mai avuto tempo di dire. Solo che ha iniziato a parlare, parlare… Daniele ascoltava e Jolanda parlava. E la storia non finiva più. E le due pagine si sono trasformate in un libro pubblicato anche in tedesco (Der Mond in der Truhe) e in romancio (La glina en l’arcun) grazie al prezioso lavoro di Chasper Pult e Anna-Alice Dazzi Gross. Le protagoniste del racconto sono due sorelle cresciute in Val Bregaglia, “a chilometro zero”, come dice Jolanda. Due vite molto diverse fatte di incontri, eventi tragici, scelte a volte imposte, rinunce e piccole grandi rivincite. Jolanda, nata nel 1940, voleva fare l’infermiera. Aprirà invece con suo marito l’Albergo Val d’Arca e ci lavorerà per 54 anni. Vera invece converte il sogno di diventare impiegata postale nella realtà da contadina e mamma di sette figli. Per le donne una sorte di dittatura, nessuna scelta possibile.

Piccoli grandi eventi

Attraverso il romanzo Daniele ci riporta ai tempi in cui si giocava con quello che si trovava. Vivere con i nonni era la normalità: “I vecchi stavano in casa con tutti gli altri, oggi ce ne dobbiamo invece liberare, perché non c’è tempo per loro in un mondo dove si vive sempre più a lungo. Parlo dei vecchi, non dei nonni; poiché oggi se togli i nonni ad affondare sono molti genitori, loro e i loro ritmi di lavoro”. La profondità nel tempo nel romanzo è dettata da avvenimenti personali che viaggiano in parallelo con i grandi eventi storici. Quando nel 1961 Jolanda e suo marito Elveto si sposano i genitori propongono come viaggio di nozze il giro della casa. Nello stesso anno Jurij Gagarin viaggia sulla Vostok. Nel 1989 Jolanda, grazie al quotidiano Blick, vince un viaggio. Elveto propone di tramutare la vincita in contanti per costruire un nuovo muro al Val d’Arca. Nello stesso anno crolla il muro di Berlino.


Il villaggio di Stampa (Valle Bregaglia) a inizio Novecento.

Scelte e opportunità

Una vita fatta di incontri importanti e significativi, quella di Jolanda. A partire dal vicino di casa Alberto Giacometti. Da bambine le due sorelle andavano a giocare nel suo atelier e, a volte, urtavano per sbaglio dei capolavori in corso d’opera, rovinandoli o rompendoli. Durante il giorno, per permettere a Giacometti di riposare, le bambine mettevano il fieno nei campanacci delle mucche per non disturbarlo durante le ore di sonno. A Jolanda era stato anche proposto di posare per l’artista... ma ha dovuto rifiutare. Non è diventata una statua del Giacometti bensì un’opera di Dell’Agnola, racconta scherzando.

La censura delle fiabe

Il gioco tra finzione e realtà rende impossibile al lettore la percezione di questo delicato confine. Le spinte narrative delle protagoniste permettono all’autore di toccare temi a lui molto cari, come l’importanza di lavorare sulle emozioni con i ragazzi e i bambini. Attraverso il racconto della storia della malora (rievocazione boccaccesca) o dei bambini ebrei catapultati in aria come piattelli e presi a fucilate dai nazisti, Jolanda sembra parlarci dell’empatia che le permetteva di vivere paura, coraggio, tragedia, morte in un ambiente protetto. “Un allenamento per il cervello, così i bambini fanno esercizi con la paura”. Le fiabe non vanno censurate bensì utilizzate quale mezzo di accompagnamento in un percorso di scoperta dell’alfabeto emotivo, guidati da una voce amica e conosciuta, dove nulla di brutto può accadere.


© L. Scettrini

PROGETTI DIDATTICI E APPUNTAMENTI

La luna nel baule è stata per Daniele un’esperienza molto appagante. Imparare ad ascoltare, elaborare le idee, inventare scene, personaggi, elementi simbolici, dare una forma letteraria tenendo conto del fatto che le protagoniste, Vera e Jolanda, devono potersi riconoscere. Il risultato è una storia che parla di nonni e nipoti in dialogo. Al romanzo viene affiancato anche un progetto didattico curato dalla commissione letteraria della Pro Grigioni Italiano, con il sostegno tecnico dell’Alta scuola pedagogica di Coira: è creato appositamente per le scuole secondarie di primo e secondo grado. Otto percorsi che affrontano altrettante tematiche, scaricabili in formato digitale su pgi.ch/didattica. Tra le date in calendario, il 2 ottobre al Palazzo Castelmur, in Bregaglia, Sara Francesca Hermann, Sarah Speiser, Ioana Butu saranno le protagoniste di una lettura scenica del romanzo, il 3 ottobre l’autore sarà ospite al Festival letterario ‘Lettere dalla Svizzera alla Valposchiavo’ con i traduttori, mentre il 18 novembre alle ore 18 Daniele sarà alla Biblioteca Cantonale di Bellinzona, nell’ambito di una tournée autunnale che porterà La luna nel baule a Zurigo, Coira e in diverse scuole.


Stampa, in Valle Bregaglia.

Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved