li-dove-costano-meno-la-via-del-turismo-farmaceutico
© iStockphoto
+1
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 ora

Nuove correnti. Noi, il futuro e le auto elettriche

Politica e pianeta lo chiedono. Ma speriamo di arrivarci preparati e con le batterie ben cariche alla grande rivoluzione della mobilità
Ticino7
20 ore

2011: dieci anni da ‘El Camino’ dei The Black Keys

Sono solo in due, e con un’intelligenza musicale sopra la norma. La dimostrazione che gli americani il rock non solo lo hanno inventato, ma lo sanno pure suonare
Ticino7
1 gior

2001: vent’anni da ‘Origin of Symmetry’ dei Muse

Eclettico, estroverso, originale. Meno radiofonico di quello che seguì, è un album fondamentale per capire la musica del gruppo e rileggere i vagiti musicali del nuovo millennio
Ticino7
2 gior

1991: trent’anni da ‘Achtung Baby’ degli U2

Forse il capolavoro della band irlandese (al pari di “The Joshua Tree”). L’elettronica entra pesantemente nel suono del gruppo e il tour che seguirà sarà memorabile
Ticino7
3 gior

1981: quarant’anni da ‘The Garden’ di John Foxx

Un disco dove convivono elettronica e romanticismo, tecnologie moderne e misticismo antico, in un geniale incontro fra spiritualità e tradizione. Se non è arte questa...
Ticino7
4 gior

1971: cinquant’anni da ‘Tago Mago’ dei Can

Senza di loro molta della musica – non solo del circuito indipendente – oggi non esisterebbe. O certo sarebbe molto diversa. Un gruppo seminale per un album epocale
Ticino7
5 gior

Il fantacalcio, i gonfiabili degli adulti

Se non ne fai parte non puoi capire che cosa si prova a smazzare giocatori e a costruire squadre immaginarie. Ma potresti rimanerne affascinata, chissà...
Ticino7
5 gior

Che meraviglia il gufo reale

Vola di notte silenzioso. È un uccello maestoso, quando è giorno non sta sveglio, per lui il buio è molto meglio. Della notte è il re! Il suo nome sai qual è?
Ticino7
6 gior

Dentro i cassetti di Georgina Bernardi

Ci sono esistenze che, come alcuni oggetti, vanno di casa in casa attraversando il mondo e portandosi appresso i segni di esperienze variegate
Ticino7
6 gior

Metti un giorno con Martino Rossi

“Non è vero, come molti sostengono, che Robin Hood ‘ruba ai ricchi per dare ai poveri’. È vero invece che ’riprende ai ricchi ciò che essi hanno rubato ai poveri’”
Ticino7
1 sett

Diritti allo stomaco (nel nome del vax)

Nella guerra al Covid sono ammessi anche i ‘colpi bassi’. Da consumarsi davanti a un bel piatto caldo, però
Ticino7
1 sett

Sorelle di sogni. C’era una volta (e anche oggi)

L’ultimo romanzo breve di Daniele Dell’Agnola è un confronto generazionale, attraverso i ricordi, gli incontri ma anche le rinunce di due donne della Bregaglia
Ticino7
1 sett

La vocazione di Sandro Bonetti

Cosa vuoi fare da grande? ‘Il medico, come il mio papà’. Figlio di un gastroenterologo, sin da ragazzo Sandro non aveva molti dubbi su cosa fare nella vita
Ticino7
1 sett

Cosa diresti al te stesso di dieci anni fa?

Lo dico subito, a scanso di equivoci: io mi sarei detta di stare più tranquilla ed essere positiva. Ma anche di criticare meno e crederci di più. E voi?
Ticino7
1 sett

Bellessere. Volersi bene senza età

Non esistono limiti anagrafici per aver cura del proprio aspetto. Iniziando da una buona dose di sorrisi, voglia di vivere e ottimismo.
Ticino7
2 sett

Sono strani tempi, come sempre

Se devi guardare da qualche parte, meglio farlo ‘in avanti’. Dal passato arrivano (spesso) solo fantasmi
Ticino7
2 sett

Alla scoperta del pettirosso

Il suo arrivo già da metà settembre è annunciato dallo sfrecciare di una macchia rossa tra i cespugli e dal tipico ‘tic tic’ che ne contraddistingue il verso
Ticino7
2 sett

Donazione d’organi: parliamone

Mesi di attesa in cui il ritmo della quotidianità è scandito da costanti visite mediche. Poi finalmente la tanto attesa chiamata. È il futuro che chiama
Ticino7
2 sett

Media e qualità. AAA pagine culturali cercansi

Hanno destato non poche perplessità i risultati emersi da un recente studio sulla qualità del giornalismo culturale commissionato da ‘ch-intercultur’. Perché?
Ticino7
2 sett

Piotr Nikiforoff, dalla Russia con talento

Da Mosca a Vernate: questa la sorprendente traiettoria dell'affermato violinista dell’Orchestra della Svizzera italiana. Un amore per la musica nato anche grazie alla tv
Ticino7
3 sett

I media e il metodo (tanto per capire)

A che servono le ricerche se non a fare chiarezza e a dare una dimensione (obiettiva) alle cose? Sì, poi a volte...
Ticino7
3 sett

Emmanuel Carrère e le ombre oltre la vita

Qui parliamo dell'ultimo libro dell'autore parigino. E non di avvocati, ex mogli e gossip di varia natura che altri vendono ai propri lettori come "recensione". Amen
Ticino7
3 sett

Di arte e di educazione. Per una scuola a colori

Secondo alcuni l’arte avrebbe oggi un ruolo troppo marginale e il suo potenziale nelle istituzioni scolastiche rimarrebbe in gran parte inesplorato. Parliamone...
Ticino7
3 sett

Shainy Attakaran: bianco, nero e passione

“Sarà l’influenza del mio nome, ma nella vita ho imparato a vedere la luce in ogni cosa”
Ticino7
3 sett

Napoleone e l'Elba (l'isola che non c'era)

Quest'anno è stato ricordato il duecentesimo dalla morte di Napoleone Bonaparte. Con la sua scomparsa si chiuderà un’intera epoca
Ticino7
3 sett

Caro diario, ovvero Ferragni vs Morrison

"Back to school?". Ormai ci siamo, lo sapete, e naturalmente in classe sono le piccole cose a fare la differenza. Come l'agenda scolastica, per esempio
Ticino7
4 sett

La scuola e l’età dello stress

A che serve avere bambini e ragazzi ‘sotto pressione’? A nessuno, nemmeno agli adulti
Ticino7
1 mese

"Oh, Madreperla" - Un brano, un racconto, un amore

‘Dimmelo ancora Bryan ti prego’ ‘Oh Madreperla, non ti scambierei con nessuna ragazza al mondo’ ‘Dimmelo…’ ‘Oh madreperla...’
Ticino7
1 mese

Dennis Caprara e quel Sogno americano

Questa è una storia di emigrazione e di successo, di duro lavoro e di attaccamento alla propria terra. Ce la racconta il cugino Aquilino Caprara, da Biasca
Ticino7
1 mese

Disavventure Latine 7. Chi vuol essere Medellín?

Superate le "insidiose" domande di cultura generale, eccoci nella città di Escobar. Tra murales, miti del calcio nazionale e strade che trasudano storia (e violenze)
Ticino7
1 mese

Dazio Grande: nel segno della vitalità

Da dogana a spazio di cultura e convivialità, la storia del polo culturale leventinese continua e si rilancia. Tra mostre ed eventi senza limiti d'età
Ticino7
1 mese

Tutti su, tutti giù (ode alla "montagna incantata")

Il turismo è fatto anche così: spesso con un bel giro di traffico privato, accampamenti e sempre i soliti rifiuti. L’importante è saperlo e farsene una ragione
Ticino7
1 mese

Una storia da scrivere (a macchina)

Dalla Sholes & Glidden di Mark Twain alla ‘Lettera 22’ di Pasolini, ecco le macchine per scrivere usate dai più famosi autori della letteratura del Novecento
Ticino7
1 mese

Pierre Casè e i miracoli dell'arte

“In autunno, esco dall’atelier, guardo la montagna sopra Moghegno ed entro in crisi: cosa dipingo a fare se la natura ha già fatto tutto?"
Ticino7
1 mese

La filosofia dei gatti, ma utilissima agli umani

Si dice che i gatti abbiano sette vite, ma c’è dell’altro. Qualcuno sostiene che possono anche insegnarci a vivere meglio
Ticino7
1 mese

Cantare come un grillotalpa

Il nome è legato al suo “strillo”, come fa il grillo, e dimora nel sottosuolo come una talpa. E ricordatevi: non vanno uccisi ma portati fuori dal vostro orto!
Ticino7
1 mese

Alla ricerca di una dose di libertà

Nessuno ti obbliga e molti ancora non capiscono. Ma sempre meglio che tornare in gabbia, per dire
Ticino7
1 mese

Lingue & elvetismi. Come lo dici nel tuo italiano?

Alcune volte ci prendono in giro per quelle parole ed espressioni che con la lingua di Dante avrebbero poco a che fare. Ma non crediate, non siamo così soli...
Ticino7
1 mese

L'universo di Marko Miladinović

Non sappiamo nemmeno se il suo nome si scriva proprio così. Ma non fa nulla, dice lui: “Chiamami come vuoi. L’importante è che tu mi abbia trovato”
Ticino7
11.09.2021 - 10:320
Aggiornamento : 13.09.2021 - 09:55

Lì dove costano meno: la via del turismo farmaceutico

Poiché le medicine in Svizzera costano molto di più, anche i ticinesi fanno shopping oltre confine. Ma cosa nasconde questo importante fenomeno?

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Ancora a fine maggio, i media nazionali annunciavano l’ennesimo aumento dei costi dei farmaci in Svizzera rispetto a nove Paesi europei di riferimento, dove i prodotti brevettati costano in media quasi il 7% in meno, quelli con brevetto scaduto oltre l’11% in meno, e addirittura oltre il 45% in meno per i generici. Questo l’esito poco incoraggiante di uno studio comparativo fatto dalle lobby Interpharma (farmaceutica) e Santésuisse (casse malati). La causa principale? Sarebbe l’andamento dei tassi di cambio (1.11 franco svizzero/euro nel 2021) applicati dall’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) per questo controllo. Ma è davvero tutto qui? C’è anche il ginepraio delle casse malati: non tutte rimborsano i farmaci che per convenienza compriamo all’estero (le cosiddette “importazioni parallele”). L’Ufsp ha la facoltà di abbassare i prezzi, ma ci riesce? E la Commissione della concorrenza (Comco) che vigila contro gli accordi cartellari dell’industria, è efficace?

Vittorie di Pirro

Partiamo da un paio di casi. Nel 2000 la Comco definì “illeciti” gli accordi sui “margini” e gli “sconti” fissati a tavolino dal cartello “Sanphar” (allora composto dalle tre multinazionali Bayer, Pfizer ed Eli Lilly) e poi applicati “da tutti”, cioè produttori, importatori, grossisti, farmacie e medici. La Comco inflisse una multa di quasi 6 milioni di franchi per aver “violato” la legge sui cartelli “fissando il prezzo di vendita”. Beh, come andò a finire? In un nulla di fatto. Malgrado una battaglia in tribunale durata quasi dieci anni (2009-2018), la Comco perse e alla fine la spuntarono gli avvocati dell’industria perché, secondo la legge, raccomandare “un prezzo massimo” non frena la concorrenza. Rimase a bocca asciutta persino l’Ufsp nel periodo 2012-2014, quando volle ridurre il costo di 1’500 medicamenti per risparmiare ben 600 milioni di franchi. Nel 2015, scrive swissinfo.ch, il Tribunale federale definì l’azione dell’Ufsp “contraria” agli scopi della Legge federale sull’assicurazione malattie (LAMal), dando ragione a una casa farmaceutica che si era opposta. Insomma, i giuristi dell’Ufsp avevano sbagliato, tutto come prima e mano al borsellino per il consumatore/paziente.


© Ti-Press

Garbugli legali?

Il difetto starebbe nelle leggi stesse, sostiene per esempio Josef Hunkeler, economista esperto del tema e coautore del libro inchiesta Il prezzo dei medicamenti - L’industria farmaceutica in Svizzera. Su reiso.org Hunkeler afferma che la regolamentazione dell’Ufsp è “super complessa e puntigliosa”, genera “frequenti contraddizioni” e usa “terminologie non uniformi”. Il risultato sarebbe una “compartimentazione della salute” con “regole fabbricate dai giuristi”, i quali “non cercano affatto di elaborare una vista d’insieme in favore della salute per tutti”, ma si limiterebbero ad “amministrare”, non a “prevedere e organizzare”. Un’analisi, la sua, che appare plausibile rispetto alle sconfitte che abbiamo citato di Comco e Ufsp.
Il mercato dei farmaci, conclude Hunkeler, “evolve quindi in funzione di leggi, ordinanze e regolamenti federali regolarmente rivisti e corretti”. Nel 2017, infatti, il governo dovette modificare la legge per rispettare le sentenze dei tribunali e permettere all’Ufsp di ridurre i prezzi di alcuni farmaci. Risultato: dopo un’impasse nel 2015-2016, ecco risparmiati 190 milioni di franchi nel 2018 su oltre 400 farmaci. Anche uno studio indipendente del 2018 dà ragione a Hunkeler: oggi le riduzioni sarebbero “troppo deboli”, la legge “non comporta un risultato efficace” come quello auspicato e tutta la faccenda, in definitiva, sarebbe “una questione politica”.

Affari a gonfie vele

Abbassare il costo di qualche centinaio di farmaci appare una goccia in un mare di migliaia di prodotti omologati da Swissmedic. Ancora nel 2019 l’Ufsp ammetteva che, per una decina di farmaci, la riduzione del costo non è attuabile “a causa dei ricorsi presentati” dall’industria, si legge in una nota. Mentre l’Ufsp perde tempo nei tribunali, intanto la lobby fa affari miliardari e ci obbliga a pagare più caro. Ancora nel 2017, riporta swiss-info.ch, il fatturato del settore è cresciuto grazie “all’aumento del prezzo di alcuni medicamenti”. A spese del cittadino gongolano i potenti consorzi come Interpharma o Vereinigung Pharmafirmen in der Schweiz (Vips). Nel 2020 Vips ha fatto sapere che, malgrado i risparmi imposti dall’Ufsp di “oltre un miliardo di franchi” dal 2012 a oggi, e di “91 milioni di franchi” solo nel 2019, le vendite rispetto al 2018 sono aumentate del 3%, pari a oltre 6 miliardi di franchi. Nel frattempo nel periodo 2010-2018 il costo dei rimborsi dei farmaci da parte delle casse malati è salito del 46%, pari a un record di 7,6 miliardi di franchi, riportava l’Ats. Secondo lo studio di un assicuratore si tratta di una progressione “più contenuta” rispetto al passato, grazie al controllo dell’Ufsp e ai brevetti scaduti su alcuni medicinali. Ma tant’è: a pagare troppo rispetto ai Paesi europei sono sempre gli svizzeri.

Un dibattito politico 

Da almeno un decennio i farmaci generici sono il chiodo fisso di “mister prezzi”, alias Stefan Meierhans. Ancora oggi “costano in media più del doppio” rispetto a una ventina di Paesi europei, dove invece esiste un “importo fisso”, afferma il suo rapporto del 2019. Intanto lo stesso anno la lobby Vips si compiace: la cifra d’affari per questi farmaci ha superato “per la prima volta” quella dei medicamenti originali, ovvero 735 milioni di franchi (+2,2%) contro 694 milioni. Insomma, oltre il danno anche la beffa? Sembrerebbe di sì. Se è vero che né il governo né l’Ufsp stanno a guardare dalla finestra e continuano a proporre misure di “contenimento dei costi” sanitari, l’analisi di Hunkeler sembra plausibile: tutto è in mano al parlamento. È dal 2018 che il Governo vuole ridurre i costi con vari pacchetti di misure, tra cui un prezzo massimo per i farmaci con lo stesso principio attivo, come avviene nel resto d’Europa. Nel 2020, nell’ambito della revisione della LAMal, il governo voleva introdurre un “prezzo di riferimento” per i farmaci col brevetto scaduto, dato che costano “il doppio” rispetto ai Paesi europei. Risultato: il Consiglio nazionale bocciò l’idea, salvo poi trovare un compromesso in conciliazione solo nel giugno 2021. Insomma, i fatti sembrano dare ragione a Hunkeler: la battaglia è politica e in politica i gruppi d’interesse preferiscono ovviamente lo status quo. 


© Ti-Press

Nel 2019 in Svizzera i costi complessivi del sistema sanitario conformemente agli standard internazionali ammontavano in totale a 82,1 miliardi di franchi. Rispetto all’anno precedente, il rapporto tra le spese del sistema sanitario e il prodotto interno lordo (PIL) a prezzi correnti è aumentato, passando dall’11,2 all’11,3%. (fonte: Ufficio federale di statistica, aprile 2021)

Strategie di profitto

Secondo Patrick Durisch, responsabile delle questioni sanitarie alla Ong ‘Public Eye’, “a causa dell’importanza economica” di Big Pharma la politica e le autorità hanno spesso “le mani legate” quando vorrebbero abbassare i costi dei farmaci. La Svizzera, denunciava Durisch a swissinfo.ch, “è al contempo ostaggio e complice della sua industria farmaceutica”. Ostaggio dell’indotto fiscale, dei posti di lavoro, del mantra dell’innovazione, della ricerca, quello dei brevetti ecc., ma complice di leggi complesse e di resistenze politiche. E poi c’è l’enorme peso economico del settore, quello che esporta più di tutti. Per il magazine economico Bilanz, la lobby Interpharma – che rappresenta gli interessi di Novartis, Roche, Pfizer e AstraZeneca – è di fatto “tra i decisori politici e della società”. Decisori politici, si badi bene, e non solo economici o fiscali, se pensiamo che questo è il settore che esporta di più in Svizzera. La lobby nel suo sito internet afferma diplomaticamente di “co-creare e concepire” un quadro economico e politico per i suoi interessi. E per farlo si avvale ovviamente di stratagemmi e scorciatoie, una decina almeno denuncia Public Eye, tra cui “abuso di brevetti”, imporre prezzi ingiustificabili e incontestabili”, dirigere il mercato sui Paesi ricchi”, proprio come la Svizzera. E non mancano nemmeno accuse di corruzione e tangenti, com’è accaduto a Novartis negli Stati Uniti: dal 2002 a oggi ha già pagato più volte centinaia di milioni di dollari per chiudere le vertenze coi tribunali, ricorda swissinfo.ch.

Lobbisti al lavoro

Siccome è la politica che decide (o no) di ridurre i prezzi dei farmaci, è dentro e fuori il parlamento che l’industria si attiva. Un’altra strategia denunciata da Public Eye è il “lobbying intensivo”. La stampa d’Oltralpe è piuttosto attenta al problema. Il più bravo lobbista per alcuni decenni è stato l’ex segretario generale di Interpharma, Thomas B. Cueni: riusciva a “convincere i parlamentari” in modo “discreto”, scrive il portale watson.ch. Oggi Cueni è direttore generale a Ginevra della Federazione internazionale dei produttori e delle associazioni farmaceutiche, l’IFPMA, dove continua a difendere l’industria. L’ultima volta lo scorso 21-22 giugno a Bruxelles coi commissari europei, riporta il sito italiano aboutpharma.com: l’industria vuole “mantenere la diversità dei prezzi” in tutta l’Unione europea, si legge. Ancora di recente la Neue Zürcher Zeitung denunciava la presenza di almeno 43 lobbisti di Big Pharma tra i 246 parlamentari a Berna. Tra i più influenti l’ex deputato UDC Sebastian Frehner (2010-2019), membro di Biomedizinische Forschung und Innovation (IG Biomed), una “oscura associazione” per Public Eye, la quale “accompagna” i lavori in parlamento quando si tocca il settore, afferma il sito lobbywatch.ch. Quale fosse il suo scopo politico, Frehner l’ha ammesso candidamente al programma TV Rundschau: fare lobby. Un altro lobbista, sempre UDC, è quello dei farmaci generici Thomas de Courten, presidente remunerato di Intergenerika e anche lui membro di IG Biomed. Lo scorso mese di febbraio ha detto alla Tribune de Genève che “le aziende devono guadagnare un po’ di soldi”, mentre nel sito di Intergenerika de Courten afferma: “No ai prezzi di riferimento! I politici devono prendere le buone decisioni”. Già, ma buone per chi?


© Ti-Press

Nel 2019, in Svizzera, le spese sanitarie mensili per abitante erano in media di 798 franchi. (fonte: Ufficio federale di statistica, aprile 2021) 

Il turismo delle pasticche

Con queste premesse, sempre più svizzeri vanno nelle farmacie oltre frontiera per risparmiare: in media i farmaci generici, quelli meno cari, in Svizzera si pagano il 143% in più rispetto alla Francia, scrive Le Temps, mentre per quelli coi brevetti scaduti il sovrapprezzo arriva al 61%. Tra Ticino e Italia il “turismo farmaceutico (…) per acquisire prodotti più a buon mercato” è noto da decenni: lo conferma un documento cantonale del 1999. I farmacisti stimano già oggi un 25% di prodotti scaduti e poi riconsegnati, ma che verrebbero comprati all’estero. Un 10% della cifra d’affari delle farmacie si realizzerebbe già oggi oltre confine. Nel 2017 un’indagine di tio.ch confermava che nelle farmacie di confine arrivava “una trentina” di ticinesi alla settimana: comprano “di tutto”, disse un farmacista di Bizzarone (Como). Il fenomeno “c’è sempre stato”, ma oggi sarebbe persino “aumentato”, commentava una sua collega di Ponte Chiasso (Como). Il colmo è che nel 2001 gli svizzeri votarono contro l’iniziativa ‘Per farmaci a prezzi più bassi’, la quale chiedeva che quelli meno cari venduti in Italia, Francia, Germania e Austria fossero introdotti da noi senza autorizzazioni; e che i generici, meno cari, fossero gli unici rimborsabili dagli assicuratori. Il governo, il 56% degli svizzeri e tutti i cantoni dissero di no. Com’è possibile? Il governo, si legge negli archivi federali, reputò gli scopi “eccessivi”, ma per chi? Temeva addirittura “gravi conseguenze” per la sicurezza dei farmaci e persino dei pazienti, come se i farmaci europei fossero meno sicuri? Addirittura per i generici disse che potevano rappresentare “una grave minaccia alla libertà terapeutica dei medici”. Timori fondati oppure (i soliti) interessi di parte? 


© Ufsp, 2021

 

© Ti-Press
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved