media-e-qualita-aaa-pagine-culturali-cercansi
Svizzera di carta. Opera fatta con immagini di riviste e giornali (dalla manifestazione Ti-Riciclo, 2015).
+1
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
2 ore

Nuove correnti. Noi, il futuro e le auto elettriche

Politica e pianeta lo chiedono. Ma speriamo di arrivarci preparati e con le batterie ben cariche alla grande rivoluzione della mobilità
Ticino7
21 ore

2011: dieci anni da ‘El Camino’ dei The Black Keys

Sono solo in due, e con un’intelligenza musicale sopra la norma. La dimostrazione che gli americani il rock non solo lo hanno inventato, ma lo sanno pure suonare
Ticino7
1 gior

2001: vent’anni da ‘Origin of Symmetry’ dei Muse

Eclettico, estroverso, originale. Meno radiofonico di quello che seguì, è un album fondamentale per capire la musica del gruppo e rileggere i vagiti musicali del nuovo millennio
Ticino7
2 gior

1991: trent’anni da ‘Achtung Baby’ degli U2

Forse il capolavoro della band irlandese (al pari di “The Joshua Tree”). L’elettronica entra pesantemente nel suono del gruppo e il tour che seguirà sarà memorabile
Ticino7
3 gior

1981: quarant’anni da ‘The Garden’ di John Foxx

Un disco dove convivono elettronica e romanticismo, tecnologie moderne e misticismo antico, in un geniale incontro fra spiritualità e tradizione. Se non è arte questa...
Ticino7
4 gior

1971: cinquant’anni da ‘Tago Mago’ dei Can

Senza di loro molta della musica – non solo del circuito indipendente – oggi non esisterebbe. O certo sarebbe molto diversa. Un gruppo seminale per un album epocale
Ticino7
5 gior

Il fantacalcio, i gonfiabili degli adulti

Se non ne fai parte non puoi capire che cosa si prova a smazzare giocatori e a costruire squadre immaginarie. Ma potresti rimanerne affascinata, chissà...
Ticino7
5 gior

Che meraviglia il gufo reale

Vola di notte silenzioso. È un uccello maestoso, quando è giorno non sta sveglio, per lui il buio è molto meglio. Della notte è il re! Il suo nome sai qual è?
Ticino7
6 gior

Dentro i cassetti di Georgina Bernardi

Ci sono esistenze che, come alcuni oggetti, vanno di casa in casa attraversando il mondo e portandosi appresso i segni di esperienze variegate
Ticino7
6 gior

Metti un giorno con Martino Rossi

“Non è vero, come molti sostengono, che Robin Hood ‘ruba ai ricchi per dare ai poveri’. È vero invece che ’riprende ai ricchi ciò che essi hanno rubato ai poveri’”
Ticino7
1 sett

Diritti allo stomaco (nel nome del vax)

Nella guerra al Covid sono ammessi anche i ‘colpi bassi’. Da consumarsi davanti a un bel piatto caldo, però
Ticino7
1 sett

Sorelle di sogni. C’era una volta (e anche oggi)

L’ultimo romanzo breve di Daniele Dell’Agnola è un confronto generazionale, attraverso i ricordi, gli incontri ma anche le rinunce di due donne della Bregaglia
Ticino7
1 sett

La vocazione di Sandro Bonetti

Cosa vuoi fare da grande? ‘Il medico, come il mio papà’. Figlio di un gastroenterologo, sin da ragazzo Sandro non aveva molti dubbi su cosa fare nella vita
Ticino7
1 sett

Cosa diresti al te stesso di dieci anni fa?

Lo dico subito, a scanso di equivoci: io mi sarei detta di stare più tranquilla ed essere positiva. Ma anche di criticare meno e crederci di più. E voi?
Ticino7
1 sett

Bellessere. Volersi bene senza età

Non esistono limiti anagrafici per aver cura del proprio aspetto. Iniziando da una buona dose di sorrisi, voglia di vivere e ottimismo.
Ticino7
1 sett

Lì dove costano meno: la via del turismo farmaceutico

Poiché le medicine in Svizzera costano molto di più, anche i ticinesi fanno shopping oltre confine. Ma cosa nasconde questo importante fenomeno?
Ticino7
2 sett

Sono strani tempi, come sempre

Se devi guardare da qualche parte, meglio farlo ‘in avanti’. Dal passato arrivano (spesso) solo fantasmi
Ticino7
2 sett

Alla scoperta del pettirosso

Il suo arrivo già da metà settembre è annunciato dallo sfrecciare di una macchia rossa tra i cespugli e dal tipico ‘tic tic’ che ne contraddistingue il verso
Ticino7
2 sett

Donazione d’organi: parliamone

Mesi di attesa in cui il ritmo della quotidianità è scandito da costanti visite mediche. Poi finalmente la tanto attesa chiamata. È il futuro che chiama
Ticino7
2 sett

Piotr Nikiforoff, dalla Russia con talento

Da Mosca a Vernate: questa la sorprendente traiettoria dell'affermato violinista dell’Orchestra della Svizzera italiana. Un amore per la musica nato anche grazie alla tv
Ticino7
3 sett

I media e il metodo (tanto per capire)

A che servono le ricerche se non a fare chiarezza e a dare una dimensione (obiettiva) alle cose? Sì, poi a volte...
Ticino7
3 sett

Emmanuel Carrère e le ombre oltre la vita

Qui parliamo dell'ultimo libro dell'autore parigino. E non di avvocati, ex mogli e gossip di varia natura che altri vendono ai propri lettori come "recensione". Amen
Ticino7
3 sett

Di arte e di educazione. Per una scuola a colori

Secondo alcuni l’arte avrebbe oggi un ruolo troppo marginale e il suo potenziale nelle istituzioni scolastiche rimarrebbe in gran parte inesplorato. Parliamone...
Ticino7
3 sett

Shainy Attakaran: bianco, nero e passione

“Sarà l’influenza del mio nome, ma nella vita ho imparato a vedere la luce in ogni cosa”
Ticino7
3 sett

Napoleone e l'Elba (l'isola che non c'era)

Quest'anno è stato ricordato il duecentesimo dalla morte di Napoleone Bonaparte. Con la sua scomparsa si chiuderà un’intera epoca
Ticino7
3 sett

Caro diario, ovvero Ferragni vs Morrison

"Back to school?". Ormai ci siamo, lo sapete, e naturalmente in classe sono le piccole cose a fare la differenza. Come l'agenda scolastica, per esempio
Ticino7
4 sett

La scuola e l’età dello stress

A che serve avere bambini e ragazzi ‘sotto pressione’? A nessuno, nemmeno agli adulti
Ticino7
1 mese

"Oh, Madreperla" - Un brano, un racconto, un amore

‘Dimmelo ancora Bryan ti prego’ ‘Oh Madreperla, non ti scambierei con nessuna ragazza al mondo’ ‘Dimmelo…’ ‘Oh madreperla...’
Ticino7
1 mese

Dennis Caprara e quel Sogno americano

Questa è una storia di emigrazione e di successo, di duro lavoro e di attaccamento alla propria terra. Ce la racconta il cugino Aquilino Caprara, da Biasca
Ticino7
1 mese

Disavventure Latine 7. Chi vuol essere Medellín?

Superate le "insidiose" domande di cultura generale, eccoci nella città di Escobar. Tra murales, miti del calcio nazionale e strade che trasudano storia (e violenze)
Ticino7
1 mese

Dazio Grande: nel segno della vitalità

Da dogana a spazio di cultura e convivialità, la storia del polo culturale leventinese continua e si rilancia. Tra mostre ed eventi senza limiti d'età
Ticino7
1 mese

Tutti su, tutti giù (ode alla "montagna incantata")

Il turismo è fatto anche così: spesso con un bel giro di traffico privato, accampamenti e sempre i soliti rifiuti. L’importante è saperlo e farsene una ragione
Ticino7
1 mese

Una storia da scrivere (a macchina)

Dalla Sholes & Glidden di Mark Twain alla ‘Lettera 22’ di Pasolini, ecco le macchine per scrivere usate dai più famosi autori della letteratura del Novecento
Ticino7
1 mese

Pierre Casè e i miracoli dell'arte

“In autunno, esco dall’atelier, guardo la montagna sopra Moghegno ed entro in crisi: cosa dipingo a fare se la natura ha già fatto tutto?"
Ticino7
1 mese

La filosofia dei gatti, ma utilissima agli umani

Si dice che i gatti abbiano sette vite, ma c’è dell’altro. Qualcuno sostiene che possono anche insegnarci a vivere meglio
Ticino7
04.09.2021 - 13:160
Aggiornamento : 06.09.2021 - 11:50

Media e qualità. AAA pagine culturali cercansi

Hanno destato non poche perplessità i risultati emersi da un recente studio sulla qualità del giornalismo culturale commissionato da ‘ch-intercultur’. Perché?

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

“Naturalmente il giornalismo culturale non è scomparso del tutto, ma in un giornale come Le Temps oggi non ci sono più le due sezioni distinte Cultura e Società, due pagine la prima, cinque la seconda, ma un’unica sezione Cultura e Società composta al massimo da due pagine. In alcune testate invece la sezione Cultura è completamente scomparsa quasi a dire che non esiste più”, racconta il drammaturgo Antoine Jaccoud in un video proiettato durante la giornata dedicata dall’Associazione svizzera delle fondazioni (SwissFoundations; vedi nota in basso, ndr) alla crisi del giornalismo culturale tenutasi lo scorso 26 agosto. Alla sua si aggiungono altre testimonianze di chi lavora in ambito culturale, per esempio quella dello scrittore Daniel de Roulet: “In passato, quando pubblicavo un libro, in Francia potevo contare su quindici critiche letterarie e circa dieci recensioni in Svizzera. Oggi posso dirmi contento se escono tre recensioni in Francia e due in Svizzera. Recensioni che poi si somigliano tutte perché i giornalisti non hanno tempo e copiano l’uno dall’altro”.
Sulla questione interviene anche lo scrittore Fabiano Alborghetti “ci sono molti motivi, i giornalisti spesso non sono preparati, non sono più gli intellettuali di un tempo ma gli impiegati di una redazione”. Che il giornalismo culturale sia in crisi non è una novità, ne abbiamo parlato su queste pagine proprio qualche mese fa ma a riportare il tema in auge sono i risultati dello studio sulla qualità del giornalismo culturale commissionato da ch-intercultur al centro di ricerca dell’Università di Zurigo (Forschungszentrum für Öffentlichkeit und Gesellschaft) nel quadro della ricerca sulla qualità dei media (Jahrbuch Qualität der Medien). Risultati che Mark Eisenegger, presidente della Fondazione Kurt Imhof per la Qualità dei media e professore di sociologia e della sfera pubblica all’Università di Zurigo, ha presentato alla giornata delle Fondazioni e che tenterò di riassumere. Intanto la ricerca si basa sull’analisi di quasi 15mila articoli provenienti da 60 testate di informazione diverse. Emerge che le redazioni culturali e scientifiche sono state colpite da pesanti tagli minando di fatto la qualità dei contenuti e togliendo tempo alla ricerca sul campo. Dall’altra c’è stato un importante aumento della concentrazione mediatica che ha portato a una minore diversità dei contenuti e a una maggiore uniformità. Ci sono insomma meno giornalisti che producono contenuti che vengono poi distribuiti su diverse testate e piattaforme. In generale la qualità tiene, in particolare se consideriamo le testate più autorevoli come la Neue Zürcher Zeitung o i domenicali, ma si registra una sempre maggiore tendenza verso le soft news e dunque si predilige l’intrattenimento a scapito dell’approfondimento e cresce il giornalismo d’opinione.


© ch-intercultur
Ulrich Gut

Il solito copia-incolla

Per capire meglio abbiamo fatto qualche domanda al Presidente di ch-intercultur Ulrich Gut.
Signor Gut, si è meravigliato dei risultati o se li aspettava? 
“Dipende da quali aspetti della ricerca vogliamo sottolineare. Ci sono due punti fondamentali che emergono, il primo puramente quantitativo, ci dice che il numero degli articoli dedicati alla cultura negli ultimi dieci anni è rimasto stabile. Guardando invece più da vicino e dunque considerando la qualità dei testi vediamo che la critica culturale è vistosamente diminuita. Un dato che va letto considerando diversi fattori: a causa della concentrazione mediatica ci sono sempre meno redazioni indipendenti, si producono contenuti sempre più omogenei e meno diversificati. La crisi economica del giornalismo accentuata ora dalla pandemia ha inoltre ridotto le risorse portando nelle redazioni una grossa pressione economica e la necessità di ridurre i costi. Il giornalismo culturale così come il giornalismo scientifico sono stati colpiti da importanti misure di contenimento e tagli. Tutto questo si ripercuote sulla scena culturale e i suoi operatori che non trovano più spazio, visibilità e risonanza critica nei media”.
Perché si taglia tanto sulla cultura e non altrettanto, per esempio, nello sport? 
“Lo ha spiegato bene Matthias Zender, esperto di media e cofondatore di Bajour, quando durante il convegno ha posto l’accento sulla corsa dei media alla conquista dell’attenzione e dei click. Questa corsa porta a prediligere quei contenuti che puntano sulle emozioni, sugli aspetti sensazionalistici o sulla personalizzazione con una conseguente boulevardizzazione dei contenuti. Non credo vi sia una consapevole discriminazione della cultura, la pressione economica è forte su tutta la redazione che si impegna ad acquisire e a mantenere questo status dell’attenzione”. 
Settimana scorsa sui media ticinesi, proprio partendo dalla ricerca, si diceva che i portali gratuiti come ‘Tio’ e ‘20 Minuti’ avessero il primato del giornalismo culturale nella Svizzera italiana, non è un po’ strano? 
“La stessa cosa è successa in Svizzera romanda. Purtroppo la ricerca quantitativa non ci ha permesso di analizzare in modo esaustivo i contenuti dei singoli articoli classificandoli nei diversi generi. Si è usato un concetto di cultura molto ampio. In verità se si va a vedere, gli articoli di cultura sui portali gratuiti sono quasi sempre dei copia e incolla di notizie d’agenzia. Dunque su questo punto bisognerà tornare a fare un’analisi più approfondita”.
Delineato il quadro nel quale ci troviamo quali sono le prospettive per il giornalismo culturale in futuro?
“Sono d’accordo con Mark Eisenegger quando dice che in fatto di sovvenzioni dirette ai media dobbiamo osare di più. Dobbiamo sciogliere questo tabù per cui una sovvenzione diretta toglierebbe indipendenza agli editori e alle testate, per rendersi conto basta guardare il modello svedese. È notevole che l’Associazione delle fondazioni svizzere abbia deciso di investire un’intera giornata con ospiti d’eccezione per il giornalismo culturale, è un segnale importante. In futuro dovrebbero essere queste le due grandi risorse da cui attingere: le fondazioni e la mano pubblica. Mi sembra, se vogliamo evitare il peggio, che non vi siano altre alternative valide. Come ha detto il professore Eisenegger, il giornalismo culturale è vitale per una società coesa e integrata”.


© Ti-Press
Renato Martinoni

Meno soldi, meno pagine, informazioni simili

Tra i membri del comitato di ch-intercultur come antenna per la Svizzera italiana c’è Renato Martinoni, professore emerito di Letteratura italiana all’Università di San Gallo, anche a lui abbiamo posto qualche domanda. 
Professore, dove si informa generalmente quando è alla ricerca di articoli di cultura? Ha delle testate di riferimento per il cartaceo o la radio?
“Per il lavoro scientifico ricorro alle riviste specialistiche e ad alcuni siti online particolarmente affidabili. I quotidiani e la radio forniscono informazioni giornaliere, rapide, allargate, complementari. Per questo le rubriche culturali radiofoniche e le pagine dei giornali dedicate alla cultura restano fondamentali”.
Desidererebbe più spazio per la cultura nei media?
“Si sta assistendo a una riduzione non sempre motivata dei mezzi finanziari e umani destinati alla cultura. Parallelamente crescono nei quotidiani le pagine redazionali esterne, a pagamento, che informano nell’ottica di chi apre il borsello: è propaganda travestita da democrazia. Invece la cultura è luogo di libertà: di pensiero, di opinione, di espressione. Non è vero che la cultura sia tutta di sinistra (se in parte lo è, è solo perché la destra purtroppo tende a disprezzarla, per ignoranza o pregiudizio). Peggiora la situazione il fatto che, per ‘cultura’, oggi si intende tutto: a cominciare dallo spettacolo. Per la televisione, poi, ‘cultura’ sono anche i filmetti americani”. 
Nello studio si dice che a sparire dai media sia in particolare la critica. Ecco, quando si parla di letteratura cosa manca a suo avviso nel giornalismo di oggi?
“La critica appunto. Non da intendere nel senso dello sparare nel mucchio o di stare da una parte o dall’altra, ma di leggere i fatti con competenza e onestà, senza partigianeria. Il giornalismo culturale ha avuto la colpa, in passato, dell’elitarismo. Oggi a volte è frutto dell’occasione e non di rado è fatto dagli amici per gli amici. Troppe volte poi si limita alla cronaca, che pure è importante. Mancano invece l’approfondimento, la riflessione, il dibattito”. 
Nello studio si dice che tra i motivi di questa crisi ci sono in particolare la concentrazione mediatica che porta a una minore diversificazione e le risorse sempre più limitate di stampa e media in generale. Secondo Lei vale anche per il Ticino? Riscontra anche altri elementi? 
“I motivi della crisi sono appunto questi e ciò vale anche nel Ticino: nel senso che sono sparite alcune testate e quindi si è assistito a una concentrazione dei media. Cambiano i tempi e sarebbe ipocrita lamentarsi. Ma chi ama la pluralità non può non essere preoccupato. Credere poi che la cultura sia tempo perduto, a livello giornalistico, è errato anche in termini economici”.
Non è da oggi che si tende a tagliare sulla cultura e non, per esempio, sullo sport. Pensando al fatto che i media sono lo specchio della società, questo cosa ci dice?
“Non sono certo che all’ascoltatore e al lettore debba interessare davvero più un’intervista a uno sportivo che a un uomo di cultura. Semmai la cultura può dare fastidio perché non è semplice passatempo né ripetizione di cose rifritte”.
Lei crede nell’impegno di ch-intercultur nel fare da piattaforma per la Svizzera nell’intento di trovare nuove strade e riconquistare spazi e autorevolezza per il giornalismo culturale?
“Ch-intercultur è un gruppo di persone libere, di orientamenti diversi, con competenze differenti. Si sta impegnando per cercare di dare impulsi nuovi e complementari al giornalismo culturale. Lo fa organizzando incontri nelle varie regioni linguistiche della Svizzera per capire cosa si potrebbe fare seriamente. Non tanto come alternativa, ma come complemento alla situazione attuale. Sulla base dei riscontri e delle proprie riflessioni proporrà poi una via da seguire”.

NOTA: Creata nel 2001 come iniziativa comune di diversi partner, SwissFoundations (swissfoundations.ch) è la più importante associazione di fondazioni di pubblica utilità in Svizzera. È interessante notare che mentre nel Canton Zurigo se ne contano 55 e nella Svizzera romanda 47, in Ticino sono soltanto 6.


© Ti-Press
Oggi i quotidiani a pagamento in Ticino sono rimasti solo due. Pochi decenni fa, invece...


© Ti-Press
Pagine culturali? Secondo alcuni sì, per altri dei copia-incolla a scopo commerciale.

© ch-intercultur
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved