emmanuel-carrere-e-le-ombre-oltre-la-vita
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
2 gior

Diaframma. A ‘Gennaio’ fa freddo, anche a Firenze

“Nessun senso di colpa, non è importante per me / tu non stare in pensiero, è solo un finto cuore”
Ticino7
3 gior

La bacchetta magica di Elena Schwarz

Nata a Lugano nel 1985, le sue radici affondano fra l’Engadina e l’Australia. Direttrice d’orchestra, la musica è la colonna sonora della sua esistenza
Ticino7
3 gior

Vasco Rossi a Locarno. Cosa succede(va) nel 1985?

A pochi giorni dal 70esimo compleanno di Vasco Rossi, ricordiamo attraverso la lettura dei giornali dell’epoca l’incredibile controversia di Piazza Grande
Ticino7
3 gior

Ai margini: riflessioni su chi c’è, ma non si fa notare

Una società senza asociali o è morta oppure è una dittatura. Perché abbiamo molto da imparare da chi non ama i riflettori
Ticino7
4 gior

La scelta del ‘profilo basso’

ʻPiù piccola è la mente più grande è la presunzioneʼ. Esopo aveva ragione, si sa
Ticino7
1 sett

Braccati e in fuga con Matula (e i Pink Floyd)

Metti una sera davanti alla TV. In onda una vecchia puntata del classico “Ein Fall für Zwei”, ma il bello è quello che si sente in sottofondo...
Ticino7
1 sett

L’arte ‘sociale’ di Manuela Villa-Petraglio

"Vado in studio, resto lì… a respirarne l’aria, tasto l’atmosfera, cerco di estraniarmi dal mondo esterno per entrare in una comunicazione con me stessa”
Ticino7
1 sett

Lassù, tra le cime. La vita dello stambecco alpino

Appartiene al superordine degli ungulati e domina le valli dalle vette dell’arco alpino dove esibisce, con portamento fiero, le sue maestose corna
Ticino7
1 sett

Radio e TV: la staffetta di Carla e Lara

“Scrivi più su di lei, mi raccomando!”. “Ma no, ma no, scrivi più su di lei!”. Vabbè, dai... intanto iniziamo a raccontarvi che c’è di nuovo alla RSI
Ticino7
1 sett

Giornata mondiale della neve. Una scuola coi fiocchi

Il 16 gennaio si celebra la Giornata mondiale della neve. Una ricorrenza istituita nel 2012 per ricordare (anche) la sua importanza per il nostro pianeta
Ticino7
1 sett

Ghiacciaio del Chüeboden. Una storia di piccoli iceberg

In un recente volume, il meteorologo e glaciologo Giovani Kappenberger ripercorre la nascita e la scomparsa di un fenomeno inedito per le nostre regioni
Ticino7
1 sett

Sulle cime e sui pendii occhi aperti. Sempre ;-)

Vivere la montagna significa prima di tutto rispettarla, nel nome della propria sicurezza. E una nuovissima pubblicazione del DT potrà darci una mano
30.08.2021 - 15:000

Emmanuel Carrère e le ombre oltre la vita

Qui parliamo dell'ultimo libro dell'autore parigino. E non di avvocati, ex mogli e gossip di varia natura che altri vendono ai propri lettori come "recensione". Amen

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Esattamente come il filosofo Emil Cioran scrisse ne "Il funesto demiurgo" che tutto si riduce a desiderio o assenza di desiderio mentre il resto è solo sfumatura, una recensione di un libro dovrebbe ridursi semplicemente a suggerire al lettore se quel libro va letto o, se proprio entra in casa, va usato come fermaporte. Nel caso di Yoga, ultimo volume pubblicato da Emmanuel Carrère, sì: va letto. Non solo: va comprato, onorato, compreso, assorbito.

All’inferno e ritorno

Il nuovo libro di Carrère sarebbe dovuto essere, lo ripete più volte nel testo, un “libretto arguto e accattivante sullo yoga”. E infatti la prima parte, tutto fuorché noiosa, è una specie di compendio dello yoga  frutto del ‘reportage’, chiamiamolo così, che Carrère offre su un ritiro dove per dieci giorni non avrebbe fatto altro che meditare, meditare e meditare. Le divagazioni, aiutate dalla prosa sempre scorrevolissima marchio di fabbrica della casa, passano dalla spiegazione sul come tenere dritta la schiena all’osservazione delle ‘vritti’, dalla dissertazione sul provare a evitare il dolore autoindotto in una vita già piena di dolore non richiesto all’esegesi del filosofo Patañjali. Il fatto è che il progetto di un “libretto arguto e accattivante sullo yoga” va a sbattere contro un muro: quello della discesa all’inferno e ritorno dello stesso Carrère, colonna portante del libro assieme allo sfondo sempre presente rappresentato dallo yoga che, stringi stringi, l’ha tenuto se non in vita comunque ancorato a terra.
La discesa agli inferi comincia con la diagnosi di un disturbo bipolare di tipo II. Grave. Spiegazione del perché – racconta – non aveva da molto tempo alti e bassi come chiunque, ma alti che non erano proprio alti e bassi che erano bassissimi e sembravano eterni. Momenti di gioia e produttività alternati a lunghi periodi di acuta depressione in cui non usciva nemmeno di casa. Un bipolarismo che lo porterà al crollo fisico ed emotivo, al ricovero in una clinica psichiatrica, a un ciclo di quattordici elettroshock raccontato con semplicità, come se stesse parlando di una bella vacanza o di altri futili eventi da tè e biscotti. 

Di nuovo la luce

La terza parte è quella della resurrezione: stufo della sua mega villa in Grecia dove svernava durante le vacanze e gli toccava interagire con amici e avventori, si reca all’isola di Leros, punto di approdo di molti migranti che dall’Africa cercano di raggiungere l’Europa via terra dai Balcani. Trova un gruppetto di ragazzini che gli farà capire un po’ di cose della vita, trova una donna che se non sarà un nuovo amore dopo il divorzio è almeno colei che – fino a qualche pagina dalla fine: è una recensione, mica si può dirvi tutto – ha il grande merito di ricordare a lui, e noi tutti tramite Carrère, quella mirabile esibizione di una giovanissima Martha Argerich al piano mentre suona l’Eroica di Chopin. Dove è cupa, seria, concentratissima. Dove corpo e mente sono da una parte, inequivocabilmente. Nell’ombra. Ombra da cui esce all’improvviso, al quinto minuto e trenta secondi, con un sorriso dolce e aperto. Dall’ombra alla gioia. Dagli elettroshock a una vita che è la sua. Dagli inferi alla resurrezione. Sia tutto questo vero o no. Andare dal pilastro della ‘non fiction’, chiedere sincerità e stupirsi se non arrabbiarsi nel caso non sia tutto così vero significa meritarsi Baricco.

 

Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved