emmanuel-carrere-e-le-ombre-oltre-la-vita
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
27 min

Nuove correnti. Noi, il futuro e le auto elettriche

Politica e pianeta lo chiedono. Ma speriamo di arrivarci preparati e con le batterie ben cariche alla grande rivoluzione della mobilità
Ticino7
19 ore

2011: dieci anni da ‘El Camino’ dei The Black Keys

Sono solo in due, e con un’intelligenza musicale sopra la norma. La dimostrazione che gli americani il rock non solo lo hanno inventato, ma lo sanno pure suonare
Ticino7
1 gior

2001: vent’anni da ‘Origin of Symmetry’ dei Muse

Eclettico, estroverso, originale. Meno radiofonico di quello che seguì, è un album fondamentale per capire la musica del gruppo e rileggere i vagiti musicali del nuovo millennio
Ticino7
2 gior

1991: trent’anni da ‘Achtung Baby’ degli U2

Forse il capolavoro della band irlandese (al pari di “The Joshua Tree”). L’elettronica entra pesantemente nel suono del gruppo e il tour che seguirà sarà memorabile
Ticino7
3 gior

1981: quarant’anni da ‘The Garden’ di John Foxx

Un disco dove convivono elettronica e romanticismo, tecnologie moderne e misticismo antico, in un geniale incontro fra spiritualità e tradizione. Se non è arte questa...
Ticino7
4 gior

1971: cinquant’anni da ‘Tago Mago’ dei Can

Senza di loro molta della musica – non solo del circuito indipendente – oggi non esisterebbe. O certo sarebbe molto diversa. Un gruppo seminale per un album epocale
Ticino7
5 gior

Il fantacalcio, i gonfiabili degli adulti

Se non ne fai parte non puoi capire che cosa si prova a smazzare giocatori e a costruire squadre immaginarie. Ma potresti rimanerne affascinata, chissà...
Ticino7
5 gior

Che meraviglia il gufo reale

Vola di notte silenzioso. È un uccello maestoso, quando è giorno non sta sveglio, per lui il buio è molto meglio. Della notte è il re! Il suo nome sai qual è?
Ticino7
6 gior

Dentro i cassetti di Georgina Bernardi

Ci sono esistenze che, come alcuni oggetti, vanno di casa in casa attraversando il mondo e portandosi appresso i segni di esperienze variegate
Ticino7
6 gior

Metti un giorno con Martino Rossi

“Non è vero, come molti sostengono, che Robin Hood ‘ruba ai ricchi per dare ai poveri’. È vero invece che ’riprende ai ricchi ciò che essi hanno rubato ai poveri’”
Ticino7
1 sett

Diritti allo stomaco (nel nome del vax)

Nella guerra al Covid sono ammessi anche i ‘colpi bassi’. Da consumarsi davanti a un bel piatto caldo, però
Ticino7
1 sett

Sorelle di sogni. C’era una volta (e anche oggi)

L’ultimo romanzo breve di Daniele Dell’Agnola è un confronto generazionale, attraverso i ricordi, gli incontri ma anche le rinunce di due donne della Bregaglia
Ticino7
30.08.2021 - 15:000

Emmanuel Carrère e le ombre oltre la vita

Qui parliamo dell'ultimo libro dell'autore parigino. E non di avvocati, ex mogli e gossip di varia natura che altri vendono ai propri lettori come "recensione". Amen

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Esattamente come il filosofo Emil Cioran scrisse ne "Il funesto demiurgo" che tutto si riduce a desiderio o assenza di desiderio mentre il resto è solo sfumatura, una recensione di un libro dovrebbe ridursi semplicemente a suggerire al lettore se quel libro va letto o, se proprio entra in casa, va usato come fermaporte. Nel caso di Yoga, ultimo volume pubblicato da Emmanuel Carrère, sì: va letto. Non solo: va comprato, onorato, compreso, assorbito.

All’inferno e ritorno

Il nuovo libro di Carrère sarebbe dovuto essere, lo ripete più volte nel testo, un “libretto arguto e accattivante sullo yoga”. E infatti la prima parte, tutto fuorché noiosa, è una specie di compendio dello yoga  frutto del ‘reportage’, chiamiamolo così, che Carrère offre su un ritiro dove per dieci giorni non avrebbe fatto altro che meditare, meditare e meditare. Le divagazioni, aiutate dalla prosa sempre scorrevolissima marchio di fabbrica della casa, passano dalla spiegazione sul come tenere dritta la schiena all’osservazione delle ‘vritti’, dalla dissertazione sul provare a evitare il dolore autoindotto in una vita già piena di dolore non richiesto all’esegesi del filosofo Patañjali. Il fatto è che il progetto di un “libretto arguto e accattivante sullo yoga” va a sbattere contro un muro: quello della discesa all’inferno e ritorno dello stesso Carrère, colonna portante del libro assieme allo sfondo sempre presente rappresentato dallo yoga che, stringi stringi, l’ha tenuto se non in vita comunque ancorato a terra.
La discesa agli inferi comincia con la diagnosi di un disturbo bipolare di tipo II. Grave. Spiegazione del perché – racconta – non aveva da molto tempo alti e bassi come chiunque, ma alti che non erano proprio alti e bassi che erano bassissimi e sembravano eterni. Momenti di gioia e produttività alternati a lunghi periodi di acuta depressione in cui non usciva nemmeno di casa. Un bipolarismo che lo porterà al crollo fisico ed emotivo, al ricovero in una clinica psichiatrica, a un ciclo di quattordici elettroshock raccontato con semplicità, come se stesse parlando di una bella vacanza o di altri futili eventi da tè e biscotti. 

Di nuovo la luce

La terza parte è quella della resurrezione: stufo della sua mega villa in Grecia dove svernava durante le vacanze e gli toccava interagire con amici e avventori, si reca all’isola di Leros, punto di approdo di molti migranti che dall’Africa cercano di raggiungere l’Europa via terra dai Balcani. Trova un gruppetto di ragazzini che gli farà capire un po’ di cose della vita, trova una donna che se non sarà un nuovo amore dopo il divorzio è almeno colei che – fino a qualche pagina dalla fine: è una recensione, mica si può dirvi tutto – ha il grande merito di ricordare a lui, e noi tutti tramite Carrère, quella mirabile esibizione di una giovanissima Martha Argerich al piano mentre suona l’Eroica di Chopin. Dove è cupa, seria, concentratissima. Dove corpo e mente sono da una parte, inequivocabilmente. Nell’ombra. Ombra da cui esce all’improvviso, al quinto minuto e trenta secondi, con un sorriso dolce e aperto. Dall’ombra alla gioia. Dagli elettroshock a una vita che è la sua. Dagli inferi alla resurrezione. Sia tutto questo vero o no. Andare dal pilastro della ‘non fiction’, chiedere sincerità e stupirsi se non arrabbiarsi nel caso non sia tutto così vero significa meritarsi Baricco.

 

Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved