oh-madreperla-un-brano-un-racconto-un-amore
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
11 ore

Economia. Dai tulipani al Metaverso (e ritorno)

Fra il 1634 e il 1637 si formò – e rapidamente implose – la prima, catastrofica bolla finanziaria storicamente registrata. Che cosa ci ha insegnato?
Ticino7
1 gior

La storia, i petali e le spine

Parafrasando Marzullo: il denaro aiuta a vivere o si vive per il denaro? La seconda, salvo imprevisti
Ticino7
1 sett

Francesco Aiello. Lo spirito, oltre il corpo

‘Il nostro corpo recepisce le vibrazioni meglio di qualsiasi altra cosa. Siamo degli esseri vibranti e ogni vibrazione ha un influsso sul nostro corpo’
Ticino7
1 sett

Vai col campeggio! (con alcune regole e tanto buon senso)

Dall’invenzione di questa modalità turistica al successo delle strutture ticinesi: cosa c’è dietro al boom della “tenda”?
Ticino7
1 sett

Viaggia che ti passa

Muoversi, anche a zonzo, aiuta ad allargare i propri orizzonti. Ma sempre con coscienza e rispetto
Ticino7
2 sett

Sara Bonora: una donna e molti ruoli

"Quando ho saputo che aspettavamo un bebè (...) ho provato una gioia infinita, anzi, assurda”. Una genitorialità ‘diversa’ la sua, tutta da raccontare
Ticino7
2 sett

Tragedia in 5’000 battute (a vostro uso e consumo)

Come parlano i giornalisti? Con gli stessi stereotipi con cui scrivono, come dimostra l’illuminante dialogo tra due note penne della stampa locale
Ticino7
2 sett

Genitori elicottero. Troppe parole, poche virtù?

“Stai attento! È pericoloso! Non ti sporcare! Ti fai male!”. Mamme e papà troppo protettivi e apprensivi coi figli causerebbero più danni che benefici
Ticino7
2 sett

Essere genitori e i facili maestri

A educare i figli degli altri sono tutti buoni. È coi propri che le cose si complicano (provare per credere)
Ticino7
2 sett

Nei ritmi e nello spirito di Diego Calasso

‘La capoeira è uno sport, una danza, una musica da suonare e cantare. È l’arte di esprimersi in assenza di pensiero’ (che a volte annebbia la mente)
Ticino7
3 sett

Disavventure latine. Messico: tequila & fonduta

Dopo qualche mese di pausa, Roberto si è rimesso in viaggio. Siamo sempre in America Centrale, ma questa volta più a nord di Panama e la Colombia...
Ticino7
3 sett

España 82: l’anno della rivalsa

Viste le ultime vicende, non parlate di Mondiali agli italiani. È solo un vivere di ricordi. E infatti il 13 giugno del 1982 iniziavano quelli di Spagna
Ticino7
3 sett

‘Placherò il mio cuore’. Un racconto di Giorgio Genetelli

“Sono vigliacchi, hanno riempito l’universo di frastuoni ma si sgomentano al ramingo ululato, il mio solo, naturale e condannato verbo”
Ticino7
4 sett

Un risotto ‘milanese’... o forse no

Il classico piatto di riso giallo è un marchio di fabbrica della cucina meneghina e ticinese. Presente nei menù di molti grotti, ma chi l’ha “inventato”?
Ticino7
4 sett

Michela Rodesino e il piacere dell’ospitalità

Metti una sera, spalla a spalla, in compagnia di perfetti sconosciuti a banchettare in cima a un albero. Il telefonino? Meglio lasciarlo a casa...
Ticino7
4 sett

Nero = bruciato (è una questione di salute)

Non vogliamo rovinarvi la festa, ma occhio a non esagerare quando grigliate carni e verdure
Ticino7
1 mese

Gli spiritelli di Igor Mamlenkov

“Come barista guadagnavo moltissimo, ma dalla vita volevo qualcosa di più e non erano soldi”. Quello che ha fatto prima e farà dopo è tutto da leggere...
Ticino7
1 mese

Il mondo (segreto) dei segnatori

Parole magiche, gesti tramandati oralmente, in famiglia, durante la notte di Natale, pratiche antiche di guarigione. Un fenomeno ancora presente in Ticino
24.08.2021 - 11:00
Aggiornamento: 30.08.2021 - 13:11

"Oh, Madreperla" - Un brano, un racconto, un amore

‘Dimmelo ancora Bryan ti prego’ ‘Oh Madreperla, non ti scambierei con nessuna ragazza al mondo’ ‘Dimmelo…’ ‘Oh madreperla...’

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Se solo lei avesse saputo che sarebbe bastato mettere le cuffie e premere play per diventare la creatura più desiderata al mondo. Per trovarsi Bryan Ferry ad ammiccare da imbonitore navigato, in giacca bianca e cravatta nera mentre le spiega cose della sua vita che manco immaginava. Si muove davanti a lei giocando a fare quello che sa, allunga la mano verso di lei e la invita al viaggio.
Preme play e dopo due minuti si sente dire che lui è stato sveglio di nuovo tutta la notte, e comincia a muoversi davanti allo specchio, nel suo vestito estivo rosso fuoco con tre, quattro goccioline di sudore che sbucano luccicando sulla leggerissima peluria bionda del collo che si vede in controluce grazie a quelle tende che non ha mai voluto chiudere del tutto. Si muove, e balla lentamente a occhi chiusi con Bryan Ferry che attacca a dirle che è una madreperla, e che non la cambierebbe con niente al mondo. Pazzo. Lo ha di fronte con la mano tesa e il sorriso di chi non vuole convincere ma scrivere con le parole ciò che vede. Le dice che è un intervento divino, che ha sempre cercato qualcosa di così fortemente voluto ma che non è mai stato suo fino in fondo. Poi arriva lei che brilla in un modo molto Santo Graal. Lei, che non ha ancora capito che finché cercherà l’amore in un mondo di vetro sarà molto difficile trovarlo. 
Balla, muove i fianchi, alza le braccia unendo le dita ancheggiando e il vestito segue i suoi movimenti lenti e regolari. Sta parlando a lei? Sta parlando proprio a lei, se ne accorge secondo dopo secondo. “Una canzone mi sta parlando ed è lui, è Bryan Ferry che mi sta dicendo che sono una madreperla che non scambierebbe con niente al mondo. Non sono sola”, continua a dirsi. “Non sarò più sola”, si ripete mentre chiude gli occhi così forte da giocare con la mente seguendo le macchie viola e verdi che si formano per poi defluire in un grigio azzurro da dipinto. “Sono tua”, pensa.
“Sì, sono la tua lucente signora di un mondo sacro”.
La schiena è dritta, i piedi giocano a una danza sul posto perché non vuole abbandonare di mezzo metro quella mattonella. Perché è lì che vuole farsi trovare all’appuntamento con sé stessa. Il giro da fare per uscire dal mondo di vetro è lungo, e quando pensa al futuro anche lei urla “No, nooo, noooooooo!”. Ma che amore troverà mai in quel mondo di vetro, le dice Bryan Ferry. Lei ci crede.
Ci crede perché nessuno di irreale e lontano prima le aveva mai detto che lei, questa ragazza nella sua camera, lo faceva sentire più reale. Ballando con gli occhi chiusi, la bocca ansimante e altre goccioline di sudore che fanno capolino tra la punta del naso e il labbro superiore dà forma a ciò che forma non ha perché no, non vuole essere scambiata con niente e nessuno. Sta capendo cosa è, parola dopo parola. “Sarò tua per sempre”, dice al niente che si fa tutto, al piacere che si fa largo in lei con la pelle d’oca che si forma strana e imprevista per essere così caldo e i peletti delle braccia che vanno sull’attenti. “Baciami, baciami”, sussurra mentre la musica accelera e resistere al ritmo diventa quasi impossibile. La prende e la sposta da quella mattonella da cui non vuole muoversi, la trascina e la butta in una piena da alluvione. Nuota, resiste, per poi assecondare il vortice nel quale si è trovata premendo un semplice bottone con scritto “play” e galleggiare in un’acqua che la sposta da una dimensione all’altra.

‘Dimmelo ancora Bryan ti prego’
‘Oh Madreperla, non ti scambierei con nessuna ragazza al mondo’
‘Dimmelo…’
‘Oh madreperla, non ti scambierei con nessuna ragazza al mondo’

E quel sax dritto nello sterno. Il sax di Andy Mackay, amico di quel crooner prestato alle paillettes e alla bellezza, le entra nel costato vibrando tutte le parole con una grancassa che fino a quel momento pensava potesse servire solo come eco di un dolore e custode fedele della melanconica cicatrice di una ferita dimenticata ma protagonista di troppi ricordi. Non cambia mai niente nella vita. No, è cambiato tutto. Lo sa. Apre gli occhi, si siede. Tasta il materasso con lo sguardo incredulo. È da sola e ha un fiatone che non sa spiegarsi, ma il mondo di vetro non lo vede più. Non c’è più. Ansima e si asciuga il sudore. Sistema meglio la coda e continua a guardare una camera che non riconosce più. “Sono una madreperla”, scandisce. “So-no-una-ma-dre-per-la”. Sorride, per la prima volta. Timida. Poi ride. Ride.
Si rialza tornando in piedi piena di speranza, preme ancora “play” e quel rock scatenato dei primi due minuti che niente ha a che vedere con quella dichiarazione artistica dei quattro seguenti la fa impazzire. Non balla più suadente e presa, balla senza cintura e con la coda che segue ribelle ogni movimento del collo. “Sono sua, sono sua e hai fatto bene a rimanere sveglio tutta la notte”. Non c’è più nessun fiume, niente prende e niente dà. C’è questa creatura che ha trovato il suo battito. Il vincolo è saltato e la mano è tesa. Raggiungilo, vai. Non avere paura, meravigliosa ragazza. Allunga la mano, ce la stai facendo.

‘Non scambiarmi con niente’
‘Oh Madreperla, non ti scambierei con niente al mondo’
‘Sono una Madreperla, desiderami, sono io’

NOTA: i riferimenti sono tutti alla canzone Mother of Pearl dei Roxy Music. Il resto è la vita.


La copertina apribile di ‘Stranded’ album del 1973. Come per altri dischi del gruppo, il soggetto è una modella.

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bryan ferry madreperla mother of pearl roxy music
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved