disavventure-latine-7-chi-vuol-essere-medellin
© R. Scarcella
+13
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
57 min

Nuove correnti. Noi, il futuro e le auto elettriche

Politica e pianeta lo chiedono. Ma speriamo di arrivarci preparati e con le batterie ben cariche alla grande rivoluzione della mobilità
Ticino7
19 ore

2011: dieci anni da ‘El Camino’ dei The Black Keys

Sono solo in due, e con un’intelligenza musicale sopra la norma. La dimostrazione che gli americani il rock non solo lo hanno inventato, ma lo sanno pure suonare
Ticino7
1 gior

2001: vent’anni da ‘Origin of Symmetry’ dei Muse

Eclettico, estroverso, originale. Meno radiofonico di quello che seguì, è un album fondamentale per capire la musica del gruppo e rileggere i vagiti musicali del nuovo millennio
Ticino7
2 gior

1991: trent’anni da ‘Achtung Baby’ degli U2

Forse il capolavoro della band irlandese (al pari di “The Joshua Tree”). L’elettronica entra pesantemente nel suono del gruppo e il tour che seguirà sarà memorabile
Ticino7
3 gior

1981: quarant’anni da ‘The Garden’ di John Foxx

Un disco dove convivono elettronica e romanticismo, tecnologie moderne e misticismo antico, in un geniale incontro fra spiritualità e tradizione. Se non è arte questa...
Ticino7
4 gior

1971: cinquant’anni da ‘Tago Mago’ dei Can

Senza di loro molta della musica – non solo del circuito indipendente – oggi non esisterebbe. O certo sarebbe molto diversa. Un gruppo seminale per un album epocale
Ticino7
5 gior

Il fantacalcio, i gonfiabili degli adulti

Se non ne fai parte non puoi capire che cosa si prova a smazzare giocatori e a costruire squadre immaginarie. Ma potresti rimanerne affascinata, chissà...
Ticino7
5 gior

Che meraviglia il gufo reale

Vola di notte silenzioso. È un uccello maestoso, quando è giorno non sta sveglio, per lui il buio è molto meglio. Della notte è il re! Il suo nome sai qual è?
Ticino7
6 gior

Dentro i cassetti di Georgina Bernardi

Ci sono esistenze che, come alcuni oggetti, vanno di casa in casa attraversando il mondo e portandosi appresso i segni di esperienze variegate
Ticino7
6 gior

Metti un giorno con Martino Rossi

“Non è vero, come molti sostengono, che Robin Hood ‘ruba ai ricchi per dare ai poveri’. È vero invece che ’riprende ai ricchi ciò che essi hanno rubato ai poveri’”
Ticino7
1 sett

Diritti allo stomaco (nel nome del vax)

Nella guerra al Covid sono ammessi anche i ‘colpi bassi’. Da consumarsi davanti a un bel piatto caldo, però
Ticino7
1 sett

Sorelle di sogni. C’era una volta (e anche oggi)

L’ultimo romanzo breve di Daniele Dell’Agnola è un confronto generazionale, attraverso i ricordi, gli incontri ma anche le rinunce di due donne della Bregaglia
Ticino7
1 sett

La vocazione di Sandro Bonetti

Cosa vuoi fare da grande? ‘Il medico, come il mio papà’. Figlio di un gastroenterologo, sin da ragazzo Sandro non aveva molti dubbi su cosa fare nella vita
Ticino7
1 sett

Cosa diresti al te stesso di dieci anni fa?

Lo dico subito, a scanso di equivoci: io mi sarei detta di stare più tranquilla ed essere positiva. Ma anche di criticare meno e crederci di più. E voi?
Ticino7
1 sett

Bellessere. Volersi bene senza età

Non esistono limiti anagrafici per aver cura del proprio aspetto. Iniziando da una buona dose di sorrisi, voglia di vivere e ottimismo.
Ticino7
1 sett

Lì dove costano meno: la via del turismo farmaceutico

Poiché le medicine in Svizzera costano molto di più, anche i ticinesi fanno shopping oltre confine. Ma cosa nasconde questo importante fenomeno?
Ticino7
2 sett

Sono strani tempi, come sempre

Se devi guardare da qualche parte, meglio farlo ‘in avanti’. Dal passato arrivano (spesso) solo fantasmi
Ticino7
2 sett

Alla scoperta del pettirosso

Il suo arrivo già da metà settembre è annunciato dallo sfrecciare di una macchia rossa tra i cespugli e dal tipico ‘tic tic’ che ne contraddistingue il verso
Ticino7
2 sett

Donazione d’organi: parliamone

Mesi di attesa in cui il ritmo della quotidianità è scandito da costanti visite mediche. Poi finalmente la tanto attesa chiamata. È il futuro che chiama
Ticino7
2 sett

Media e qualità. AAA pagine culturali cercansi

Hanno destato non poche perplessità i risultati emersi da un recente studio sulla qualità del giornalismo culturale commissionato da ‘ch-intercultur’. Perché?
Ticino7
2 sett

Piotr Nikiforoff, dalla Russia con talento

Da Mosca a Vernate: questa la sorprendente traiettoria dell'affermato violinista dell’Orchestra della Svizzera italiana. Un amore per la musica nato anche grazie alla tv
Ticino7
3 sett

I media e il metodo (tanto per capire)

A che servono le ricerche se non a fare chiarezza e a dare una dimensione (obiettiva) alle cose? Sì, poi a volte...
Ticino7
3 sett

Emmanuel Carrère e le ombre oltre la vita

Qui parliamo dell'ultimo libro dell'autore parigino. E non di avvocati, ex mogli e gossip di varia natura che altri vendono ai propri lettori come "recensione". Amen
Ticino7
3 sett

Di arte e di educazione. Per una scuola a colori

Secondo alcuni l’arte avrebbe oggi un ruolo troppo marginale e il suo potenziale nelle istituzioni scolastiche rimarrebbe in gran parte inesplorato. Parliamone...
Ticino7
3 sett

Shainy Attakaran: bianco, nero e passione

“Sarà l’influenza del mio nome, ma nella vita ho imparato a vedere la luce in ogni cosa”
Ticino7
21.08.2021 - 14:240

Disavventure Latine 7. Chi vuol essere Medellín?

Superate le "insidiose" domande di cultura generale, eccoci nella città di Escobar. Tra murales, miti del calcio nazionale e strade che trasudano storia (e violenze)

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Volevo vedere il Canale di Panama perché da bambino sfogliavo quei libroni con le grandi opere dell’uomo. E poi volevo attraversare un confine. Un confine vero. Perché ormai in Europa, anche quando ci sono, è come se non ci fossero. Niente timbri, niente suspense, niente di niente. Ti giri e all’orizzonte vedi l’Ikea da tutte e due le parti. E non sai più se stai tornando a casa o se stai andando via. In America Latina, come altrove, le frontiere sono mondi a parte: faccendieri, cambiavalute, procacciatori di ogni genere di bene materiale e immateriale. Tra Panama e Colombia è un mondo ulteriormente a parte. Sempre se non scegli la via facile, l’aereo, o quella difficilissima, avventurarsi tra le boscaglie e i guerriglieri del Darien, al cui confronto i faccendieri di confine hanno la pericolosità dei Puffi. Insomma, volevo entrare in Colombia in un modo un po’ avventuroso, ma possibilmente vivo. Ci sono arrivato via mare, su una barchetta grande quanto un divano, ma non altrettanto comoda. Da lì mi aspettavano la Cartagena di García Márquez, la Medellín di Escobar e la Bogotá di due tipi loschi col coltello. Ma ancora non lo sapevo.


© R. Scarcella
L'uomo dei quiz (sul bus).

Le aspettative per Medellín erano alte, poi arrivi e ti rendi conto che nel tragitto dall’aeroporto alla città è già successa la cosa più bizzarra. Si presenta sulla navetta per il centro con le sembianze di un uomo dall’aria anonima con in mano un paio di libretti stampati alla buona. Non si siede, anzi, si gira verso i passeggeri come fosse la guida, ma non è una guida. La prende alla larga, parla per qualche minuto di rapporto padri e figli, di educazione, poi a un certo punto alza il tono della voce e dice che è facile vedersi, dirsi “buongiorno, fanno 10mila pesos, grazie e buonasera”.
Quando già immagino un viaggio di un’ora con un predicatore, parte un quiz. “Chi vuol essere Medellín?” o qualcosa del genere. Chiede qual è il fiume più lungo del mondo, quante ossa abbiamo e qual è il più piccolo, quante città in Sudamerica si chiamano Colón (c’è uno che, gongolante, indovina al primo colpo) e di che nazionalità era Hitler. Quando il primo volontario risponde “tedesco”, il presentatore s’illumina e ribatte: “No, austriaco. Forse alcuni di voi hanno bisogno di questi libri-quiz per imparare cose nuove” , li vende a coppie e vengono via per l’equivalente di un franco. Sono divisi per argomenti e se ne compri 4 ti fa un ulteriore sconto: metà dei presenti, con mia grande sorpresa, tira fuori i soldi e vuole i quiz.


© R. Scarcella

Occhio ai ciclisti (e a Escobar)

Ora mi chiedo, quanti di questi sono atterrati a Medellín pensando di comprare dei libri-quiz? E io comunque mi sono pentito di non averlo fatto. Forse ha ragione lui, l’anonimo venditore con il suo marketing alla buona, ma efficace, che poi si fa lasciare dall’autista a una specie di incrocio della tangenziale dove ci sono solo macchine in movimento e nient’altro. Ad aggiungere stranezza a stranezza, l’autista mi racconta che se fossi atterrato nel weekend ci avremmo messo il doppio del tempo. In Colombia - dice - il ciclismo è il primo sport nazionale, alla pari del calcio, e nel fine settimana sono migliaia i ciclisti - più o meno professionali - che si riversano sulle colline intorno a Medellín, invadendo in alcuni punti la stessa strada che abbiamo appena percorso. “A volte bisogna fare attenzione, a volte sono talmente tanti che cambiamo itinerario”. Al primo impatto Medellín non sembra il caos che ti immagini, e la riprova arriva dalla metropolitana: tanto per cominciare c’è – mentre nella capitale, Bogotá, ci si arrangia con un complicato sistema di autobus –, inoltre la gente si mette ordinatamente in fila per prenderla. Io salgo per andare a Laureles, il quartiere dove si trova la Carretera 70, una via con locali e ristoranti di ogni tipo, pericolosa quanto basta, ma rimasta fedele a sé stessa, a differenza del Parque Rosa e del Poblado, più sicuri, più verdi, ma giunti anche a più compromessi con il turismo internazionale,  che sta cominciando ad arrivare dopo gli anni bui del cartello della droga. Poco lontano dalla Carretera 70 c’è la casa sul cui tetto è stato ucciso, il 2 dicembre 1993, Pablo Escobar. Il suo spirito inevitabilmente aleggia sulla città, c’è chi vorrebbe dimenticarlo e chi invece di Escobar campa: tra le cose più richieste e costose ci sono proprio i tour ad hoc per visitare i luoghi del narcotrafficante: la tomba, il Barrio Escobar – il quartiere che lui sovvenzionava e che ancora oggi lo idolatra –, la Catedral, ovvero la prigione che si costruì su misura. Per chi vuole dedicargli più soldi e tempo si può andare anche all’Hacienda Nápoles, la grande tenuta a 4 ore da Medellín in cui El Parón fece arrivare animali esotici di ogni tipo, compresi gli ippopotami, che sono ancora lì.


© R. Scarcella
Prendi la frutta e scappa...

‘Ecce Botero’

Per chi non vuole un tête-à-tête col fantasma di Escobar, resta comunque molto da fare in città: in primis apprezzare le sculture extralarge di Fernando Botero nella vivacissima piazza che porta il suo nome (anche se lui, 89 anni, è ancora vivo): musica, profumi, colori, suoni, vita, un viavai continuo di gente. E una volta che sei lì, anche poca voglia di andarsene. In fondo alla piazza c’è il museo Antioquia, dove si possono ammirare i dipinti dell’artista, e ne vale davvero la pena. Se dalla piazza si alza lo sguardo, ci sono due ballerini di Botero che danzano dove meglio non potrebbero, sulla cima di uno dei palazzi più alti del quartiere. Il resto è un caos ragionato in una metropoli che, dopo aver scoperto che si può governare una città anche senza far sparire proprio tutto-tutto il denaro, ha trovato modo di ripartire. Simbolo di questa rinascita è la Comuna 13, uno dei quartieri più malfamati, in cui oggi si può andare relativamente in sicurezza: ci sono artisti di strada, un piccolo mercatino, murales, impianti sportivi pieni di bambini, scale mobili nuove di zecca che hanno avvicinato una collina che pareva lontanissima al resto di Medellín. Era il regno di bande criminali perché oltre la collina c’erano le due strade che portavano all’Atlantico e al Pacifico, uno snodo perfetto per contrabbandare qualsiasi cosa. Di quella lunga passeggiata alla Comuna 13 restano addosso un cappellino kitsch e, soprattutto, i colori e i racconti della gente che non dimentica le lunghe sparatorie e la speranza che tutto finisse mettendosi a sventolare qualcosa di bianco alle finestre.

Forse un Purgatorio

La sera, a Envigado, considerato il quartiere chic a sud della città, anche se è un comune a sé, mi ritrovo a bere Viejo de Caldas (il rum locale) con una coetanea che gli anni di Escobar li ha vissuti davvero, sebbene in posizione privilegiata, da figlia di una famiglia benestante: racconta del suo diciottesimo compleanno, con le guardie armate fuori dalla discoteca che fanno entrare solo chi consegna l’invito e sa la parola d’ordine. Ricorda di quando bambina, sullo scuolabus, vedeva dal finestrino i morti ammazzati per strada: “L’autista ci diceva di non guardare, i genitori, quando chiedevamo, davano risposte evasive, ma noi vedevamo e capivamo tutto”. Ecco, Medellín non sarà oggi il Paradiso in Terra, ma ha l’aria di un gran bel posto per essere stato, appena l’altro ieri, l’Inferno.


© R. Scarcella
Il quartiere di Medellín a ridosso della collina: durante anni 80 e 90, per la sua posizione ai margini della città e le sue strade tortuose, è stato una delle zone calde per il traffico di droga e le guerre tra bande. Era anche il quartier generale delle Farc.

 

© R. Scarcella
Guarda tutte le 17 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved