dennis-caprara-e-quel-sogno-americano
© Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
2 ore

Nuove correnti. Noi, il futuro e le auto elettriche

Politica e pianeta lo chiedono. Ma speriamo di arrivarci preparati e con le batterie ben cariche alla grande rivoluzione della mobilità
Ticino7
21 ore

2011: dieci anni da ‘El Camino’ dei The Black Keys

Sono solo in due, e con un’intelligenza musicale sopra la norma. La dimostrazione che gli americani il rock non solo lo hanno inventato, ma lo sanno pure suonare
Ticino7
1 gior

2001: vent’anni da ‘Origin of Symmetry’ dei Muse

Eclettico, estroverso, originale. Meno radiofonico di quello che seguì, è un album fondamentale per capire la musica del gruppo e rileggere i vagiti musicali del nuovo millennio
Ticino7
2 gior

1991: trent’anni da ‘Achtung Baby’ degli U2

Forse il capolavoro della band irlandese (al pari di “The Joshua Tree”). L’elettronica entra pesantemente nel suono del gruppo e il tour che seguirà sarà memorabile
Ticino7
3 gior

1981: quarant’anni da ‘The Garden’ di John Foxx

Un disco dove convivono elettronica e romanticismo, tecnologie moderne e misticismo antico, in un geniale incontro fra spiritualità e tradizione. Se non è arte questa...
Ticino7
4 gior

1971: cinquant’anni da ‘Tago Mago’ dei Can

Senza di loro molta della musica – non solo del circuito indipendente – oggi non esisterebbe. O certo sarebbe molto diversa. Un gruppo seminale per un album epocale
Ticino7
5 gior

Il fantacalcio, i gonfiabili degli adulti

Se non ne fai parte non puoi capire che cosa si prova a smazzare giocatori e a costruire squadre immaginarie. Ma potresti rimanerne affascinata, chissà...
Ticino7
5 gior

Che meraviglia il gufo reale

Vola di notte silenzioso. È un uccello maestoso, quando è giorno non sta sveglio, per lui il buio è molto meglio. Della notte è il re! Il suo nome sai qual è?
Ticino7
6 gior

Dentro i cassetti di Georgina Bernardi

Ci sono esistenze che, come alcuni oggetti, vanno di casa in casa attraversando il mondo e portandosi appresso i segni di esperienze variegate
Ticino7
6 gior

Metti un giorno con Martino Rossi

“Non è vero, come molti sostengono, che Robin Hood ‘ruba ai ricchi per dare ai poveri’. È vero invece che ’riprende ai ricchi ciò che essi hanno rubato ai poveri’”
Ticino7
1 sett

Diritti allo stomaco (nel nome del vax)

Nella guerra al Covid sono ammessi anche i ‘colpi bassi’. Da consumarsi davanti a un bel piatto caldo, però
Ticino7
1 sett

Sorelle di sogni. C’era una volta (e anche oggi)

L’ultimo romanzo breve di Daniele Dell’Agnola è un confronto generazionale, attraverso i ricordi, gli incontri ma anche le rinunce di due donne della Bregaglia
Ticino7
1 sett

La vocazione di Sandro Bonetti

Cosa vuoi fare da grande? ‘Il medico, come il mio papà’. Figlio di un gastroenterologo, sin da ragazzo Sandro non aveva molti dubbi su cosa fare nella vita
Ticino7
1 sett

Cosa diresti al te stesso di dieci anni fa?

Lo dico subito, a scanso di equivoci: io mi sarei detta di stare più tranquilla ed essere positiva. Ma anche di criticare meno e crederci di più. E voi?
Ticino7
1 sett

Bellessere. Volersi bene senza età

Non esistono limiti anagrafici per aver cura del proprio aspetto. Iniziando da una buona dose di sorrisi, voglia di vivere e ottimismo.
Ticino7
1 sett

Lì dove costano meno: la via del turismo farmaceutico

Poiché le medicine in Svizzera costano molto di più, anche i ticinesi fanno shopping oltre confine. Ma cosa nasconde questo importante fenomeno?
Ticino7
2 sett

Sono strani tempi, come sempre

Se devi guardare da qualche parte, meglio farlo ‘in avanti’. Dal passato arrivano (spesso) solo fantasmi
Ticino7
2 sett

Alla scoperta del pettirosso

Il suo arrivo già da metà settembre è annunciato dallo sfrecciare di una macchia rossa tra i cespugli e dal tipico ‘tic tic’ che ne contraddistingue il verso
Ticino7
2 sett

Donazione d’organi: parliamone

Mesi di attesa in cui il ritmo della quotidianità è scandito da costanti visite mediche. Poi finalmente la tanto attesa chiamata. È il futuro che chiama
Ticino7
2 sett

Media e qualità. AAA pagine culturali cercansi

Hanno destato non poche perplessità i risultati emersi da un recente studio sulla qualità del giornalismo culturale commissionato da ‘ch-intercultur’. Perché?
Ticino7
2 sett

Piotr Nikiforoff, dalla Russia con talento

Da Mosca a Vernate: questa la sorprendente traiettoria dell'affermato violinista dell’Orchestra della Svizzera italiana. Un amore per la musica nato anche grazie alla tv
Ticino7
21.08.2021 - 17:500

Dennis Caprara e quel Sogno americano

Questa è una storia di emigrazione e di successo, di duro lavoro e di attaccamento alla propria terra. Ce la racconta il cugino Aquilino Caprara, da Biasca

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Si stima che a cavallo tra Otto e Novecento circa 27mila ticinesi siano emigrati in California per lavorare come mandriani o mungitori di mucche. Vittorio Caprara, originario di Biasca, è stato uno di loro. Da quando si è trasferito nella contea di Monterey ha svolto lo stesso mestiere, per pochi soldi, fin quasi alla pensione. Suo figlio Dennis, nato nel 1946 e venuto a mancare il 12 aprile scorso, nonostante le umili origini ha invece fatto fortuna – molta fortuna – riuscendo a realizzare il tanto ambito Sogno americano. Una conquista a cui è arrivato lavorando alacremente, senza però mai mettere in secondo piano i rapporti umani e serbando un forte attaccamento alle sue radici ticinesi. Lo ricordiamo con le parole del cugino Aquilino Caprara.

Tra i luoghi della geografia circostante che più legavano Dennis Caprara alle sue origini ticinesi c’era la cantina nella vecchia casa di Gonzales – contea di Monterey, catena costiera a sud di San Francisco – in cui il papà Vittorio custodiva come un tesoro i ricordi della sua vita oltreoceano: fotografie della Biasca di una volta, cartoline dai parenti, fiaschetti di vino, bottiglie di grappa. Dal papà, emigrato nel 1929 dal borgo rivierasco, Dennis ha ereditato due caratteristiche a cui ha tenuto fede fino al suo ultimo giorno di vita: la pratica del dialetto di Biasca e la dedizione per il lavoro. Ed è proprio quest’ultima, unita a una grande caparbietà, ad averlo fatto diventare uno dei più grandi imprenditori della California. In una terra sulla cui redditività nessuno avrebbe puntato un dollaro è riuscito a costruire un impero miliardario coltivando ortaggi. Dal cuore delle Tre Valli, a raccontare questa storia fuori dall’ordinario è suo cugino Aquilino Caprara.

Dalle stalle alle stelle

“Mio zio Vittorio era impiegato a Biasca presso la fabbrica Walder per la torcitura del cotone – esordisce Aquilino –. A 23 anni ha deciso di andare a cercare fortuna negli Stati Uniti. Giunto a Gonzales ha trovato lavoro come mungitore di mucche presso un ranch di ticinesi, e ha conosciuto e poi sposato Anne, una signorina figlia di emigrati verzaschesi. Hanno avuto due bambine e poi è nato Dennis”. Confrontata con uno stipendio esiguo e i tempi bui della Grande depressione, la famiglia doveva arrangiarsi con i pochi mezzi a disposizione: “Spesso in tavola c’erano solo riso e latte o pancotto, una zuppa fatta di pane e acqua. Tuttavia, nonostante le ristrettezze, Dennis ha concluso gli studi ordinari e si è diplomato alla scuola agricola, trasformando in mestiere quella che fin da bambino era una sua grande passione”.
A quell’epoca la pianura della California, a differenza delle colline più fertili, era una terra dura adibita unicamente al pascolo. Così quando Dennis è andato a chiedere un prestito in banca con l’idea di iniziare a coltivarla, questo gli è stato seccamente rifiutato. “La consideravano un’impresa impossibile. Ma lui non si è perso d’animo e si è messo in società con un amico, Sonny Rianda, anche lui di origini ticinesi”. E così, insieme, hanno iniziato la loro scalata nell’imprenditoria agricola. “Dopo qualche anno, di comune accordo, hanno deciso di separare le loro strade, mantenendo però sempre dei buoni rapporti. Sonny si è dedicato al commercio di trattori mentre Dennis ha proseguito con la coltivazione della verdura”. Per dare un’idea della vastità raggiunta dalla sua azienda, nel momento in cui è venuto a mancare possedeva oltre 36 milioni di metri quadrati di terra e impiegava circa 500 lavoratori.


© Ti-Press
Luglio 2011: Dennis Caprara con i familiari, ripresi nel parco di un albergo di Minusio in uno dei suoi rientri in Ticino.

Affari e affetti

“Sono andato a trovarlo diverse volte in America – ricorda Aquilino –. Passavo intere giornate con lui accompagnandolo al lavoro. Era instancabile, iniziava il giro dei campi con il suo veicolo alle quattro del mattino, e quando doveva raggiungere quelli che si trovavano in una vallata differente, prendeva il suo piccolo aeroplano. I dipendenti avevano molta stima nei suoi confronti. Sapeva farsi valere ma era anche molto affabile, rideva e scherzava con tutti. Di ritorno dal giro si fermava dagli anziani che conosceva e lasciava loro dei sacchetti di verdure fresche. Erano sempre tutti molto contenti di vederlo”. Verso le 9 c’era poi l’incontro con i fornitori – molti di origini svizzere – in una casa in centro al paese di Gonzales. “Mentre Dennis cucinava il bacon per la colazione, discutevano di affari, di politica e dei più disparati argomenti e ogni tanto giocavano pure a carte. C’era un’atmosfera molto conviviale, era davvero bello stare lì. Poi continuava il lavoro fin verso le 16”. Ad aiutarlo a condurre l’azienda c’erano la moglie Janice e i loro tre figli, rimasti ancora attualmente a condurre tutta l’attività. “La sua famiglia era ciò di cui andava più orgoglioso in assoluto”. Per il suo operato ha ricevuto numerosi premi, per esempio quale miglior coltivatore dell’anno della California. “Era pure molto impegnato nella società: faceva parte di diverse associazioni benefiche, sosteneva molte scuole, presiedeva vari club. Era una persona conosciutissima, tanto che al suo funerale era presente un membro del Congresso che ha tenuto un discorso”.

‘Semm ammò viv…’

Tra le attività che amava particolarmente c’erano anche le vacanze in Ticino. “Quando era qua ci teneva a riunire tutti i suoi parenti, a cui era strettamente legato, spesso organizzando delle cene al grotto. Gli piaceva pure far visita ai tanti ticinesi passati da casa sua, che era diventata un punto di riferimento per molti che andavano in California”. I due cugini, fra di loro, parlavano dialetto, “l’italiano lui non lo conosceva. Eravamo molto uniti, ci telefonavamo quasi tutti i mesi per scambiarci le ultime notizie e chiacchierare. L’ultima volta che l’ho sentito – racconta Aquilino con voce spezzata dalla commozione – era nei campi di insalata, quando gli ho chiesto come stava mi ha risposto con la sua solita allegria ‘semm ammò viv’. Circa un’ora dopo la nostra conversazione un attacco di cuore se l’è portato via... Ha lasciato un grande senso di vuoto in tutti quelli che l’hanno conosciuto. A me diceva sempre ‘se hai bisogno non esitare, chiamami’. A interessargli sopra ogni cosa erano i legami con le persone. Benché si fosse fatto una posizione importante, non ha mai messo davanti il suo potere, i suoi soldi e non ha mai dimenticato da dove veniva”.


© Ti-Press
Dennis Caprara, morto lo scorso 12 aprile.

 

 

© Ti-Press
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved