Salernitana
0
Atalanta
1
2. tempo
(0-0)
Zugo
2
Friborgo
1
fine
(1-1 : 0-0 : 0-0 : 1-0)
Lakers
5
Losanna
1
fine
(2-0 : 2-0 : 1-1)
Ginevra
3
Lugano
5
fine
(1-1 : 1-2 : 1-2)
Ajoie
4
Ambrì
0
3. tempo
(3-0 : 0-0 : 1-0)
Bienne
3
Davos
0
3. tempo
(0-0 : 2-0 : 1-0)
Langnau
2
Zurigo
6
3. tempo
(0-1 : 1-4 : 1-1)
piccola-storia-dei-certificati-lasciapassare
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
8 ore

Dentro i cassetti di Georgina Bernardi

Ci sono esistenze che, come alcuni oggetti, vanno di casa in casa attraversando il mondo e portandosi appresso i segni di esperienze variegate
Ticino7
11 ore

Metti un giorno con Martino Rossi

“Non è vero, come molti sostengono, che Robin Hood ‘ruba ai ricchi per dare ai poveri’. È vero invece che ’riprende ai ricchi ciò che essi hanno rubato ai poveri’”
Ticino7
15 ore

Diritti allo stomaco (nel nome del vax)

Nella guerra al Covid sono ammessi anche i ‘colpi bassi’. Da consumarsi davanti a un bel piatto caldo, però
Ticino7
4 gior

Sorelle di sogni. C’era una volta (e anche oggi)

L’ultimo romanzo breve di Daniele Dell’Agnola è un confronto generazionale, attraverso i ricordi, gli incontri ma anche le rinunce di due donne della Bregaglia
Ticino7
6 gior

La vocazione di Sandro Bonetti

Cosa vuoi fare da grande? ‘Il medico, come il mio papà’. Figlio di un gastroenterologo, sin da ragazzo Sandro non aveva molti dubbi su cosa fare nella vita
Ticino7
6 gior

Cosa diresti al te stesso di dieci anni fa?

Lo dico subito, a scanso di equivoci: io mi sarei detta di stare più tranquilla ed essere positiva. Ma anche di criticare meno e crederci di più. E voi?
Ticino7
1 sett

Bellessere. Volersi bene senza età

Non esistono limiti anagrafici per aver cura del proprio aspetto. Iniziando da una buona dose di sorrisi, voglia di vivere e ottimismo.
Ticino7
1 sett

Lì dove costano meno: la via del turismo farmaceutico

Poiché le medicine in Svizzera costano molto di più, anche i ticinesi fanno shopping oltre confine. Ma cosa nasconde questo importante fenomeno?
Ticino7
1 sett

Sono strani tempi, come sempre

Se devi guardare da qualche parte, meglio farlo ‘in avanti’. Dal passato arrivano (spesso) solo fantasmi
Ticino7
1 sett

Alla scoperta del pettirosso

Il suo arrivo già da metà settembre è annunciato dallo sfrecciare di una macchia rossa tra i cespugli e dal tipico ‘tic tic’ che ne contraddistingue il verso
Ticino7
2 sett

Donazione d’organi: parliamone

Mesi di attesa in cui il ritmo della quotidianità è scandito da costanti visite mediche. Poi finalmente la tanto attesa chiamata. È il futuro che chiama
Ticino7
2 sett

Media e qualità. AAA pagine culturali cercansi

Hanno destato non poche perplessità i risultati emersi da un recente studio sulla qualità del giornalismo culturale commissionato da ‘ch-intercultur’. Perché?
Ticino7
2 sett

Piotr Nikiforoff, dalla Russia con talento

Da Mosca a Vernate: questa la sorprendente traiettoria dell'affermato violinista dell’Orchestra della Svizzera italiana. Un amore per la musica nato anche grazie alla tv
Ticino7
2 sett

I media e il metodo (tanto per capire)

A che servono le ricerche se non a fare chiarezza e a dare una dimensione (obiettiva) alle cose? Sì, poi a volte...
Ticino7
2 sett

Emmanuel Carrère e le ombre oltre la vita

Qui parliamo dell'ultimo libro dell'autore parigino. E non di avvocati, ex mogli e gossip di varia natura che altri vendono ai propri lettori come "recensione". Amen
Ticino7
31.07.2021 - 17:250

Piccola storia dei certificati lasciapassare

Vaccinati o non vaccinati, oggi il problema è garantire a tutti la libertà di potersi muovere (non solo per bazzicare una spiaggia). Un tema vecchio come il mondo

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

“Una masnada di raminghi, estrema e sconcertante”, ecco come lo storico Jacques Le Goff definiva la mobilità umana durante il Medioevo. Sulla via si incontravano innumerevoli dogane e il viandante, se non godeva di particolari “privilegi” accordati dalle autorità, doveva pagare diversi pedaggi. I lasciapassare hanno una lunga storia. Prima dell’era digitale erano cartacei, e in alcune circostanze soltanto orali, semplici parole d’ordine. Le origini dei lasciapassare e del passaporto stanno nei salvacondotti e nel cosiddetto guidaticum. Istituito intorno al XIII secolo, si trattava di una lettera che riportava il nome del portatore, il motivo del suo viaggio e la minaccia della punizione che avrebbe colpito eventuali aggressori.
Non viaggiavano soltanto i raminghi, beninteso, ma anche pellegrini, ciarlatani, avventurieri e mercanti. Questi ultimi, in particolare, erano controllati e soggetti a balzelli e gabelle da parte delle autorità locali. Nella storia dei viaggi si trovano gustosi aneddoti sui salvacondotti accordati ai turisti, se così possiamo chiamarli, che potevano vantare titoli nobiliari. Nei casi di epidemie – ma le notizie giungevano confusamente, un po’ come adesso – il presidio armato degli spazi pubblici e dei luoghi di transito aumentava. Pochi privilegiati, pagando, potevano ricorrere a sotterfugi, come identità fittizie e salvacondotti farlocchi. Inoltre potevano contare su favoritismi e raccomandazioni da parte degli aristocratici locali, capaci di allentare i controlli. Uno dei Leitmotiv della storia è dunque la restrizione della mobilità con lasciapassare individuali contenenti dati che oggi chiameremmo sensibili.


Lasciapassare sanitario di Montecchio (comune oggi situato in provincia di Reggio Emilia) risalente agli anni Venti del Settecento.

Questioni di principio

Tralasciando gli aspetti medici, oggi i pass sanitari sollevano diversi problemi. Primo: sembrano liberatori perché lasciano passare chi è “in regola” ma visti da un altro punto di vista sono discriminatori, perché distinguono tra gruppi di persone e impediscono di godere dei diritti civili a determinate categorie. Secondo: può lo Stato entrare nelle decisioni relative ai corpi delle persone? La risposta, negativa, l’aveva già data il filosofo francese Michel Foucault parlando di biopolitica. Più terra terra, ma non meno efficace è lo slogan in voga nel mondo dello spettacolo: “My body my rules”. Terzo: i gestori di esercizi commerciali e di strutture ricettive, comprensibilmente, non vogliono fare i controllori, non è il loro lavoro. Risultato, allo stato attuale delle cose, si rischia un conflitto sociale ed economico sbilanciato sulle categorie di vaccinato e non vaccinato. Come balbetta sconcertata Sara, la fidanzata di Nico nel film Songbird (vedi più in basso, ndr): “Sembra di essere al cinema”. Non un bello spettacolo, ma stiamo a vedere.


Paul-Michel Foucault (1926-1984), filosofo, sociologo, storico della filosofia, storico della scienza, accademico e saggista francese.

L'ERA DEL "COVID-23" 

“Sono immune, sono immune!” , grida Nico inginocchiandosi davanti a una pattuglia di polizia sanitaria che sta per fucilarlo. Nico è un fattorino, protagonista del film di fantascienza Songbird, prodotto nel 2020 e diretto da Adam Mason. Siamo al quarto anno di lockdown a causa del virus (mutato) Covid-23. Il coprifuoco è permanente, i rastrellamenti da parte dell’esercito sono la norma e si circola soltanto autorizzati, esibendo un braccialetto elettronico che certifica il proprio stato di salute. Pena la morte. Quanto ai contagiati, vengono prelevati a forza dalle loro abitazioni per essere confinati in lazzaretti lager. Tra i sani vi è appunto Nico, un giovane immune al patogeno, innamorato di Sara che invece è costretta alla quarantena insieme a sua nonna, perché è entrata in contatto con una vicina di casa ammalata. Quindi Sara non può vedere, né tantomeno toccare il suo amato. Toccherà a Nico salvare la ragazza, violando la legge per procurarsi, al mercato nero, un braccialetto lasciapassare. Songbird è fantascienza distopica e naturalmente anche sentimentale. Speriamo non prossima. Le recensioni professionali del film, a dire il vero, non sono state molto positive. Paura?

 

Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved