Losanna
0
Young Boys
3
2. tempo
(0-2)
SC Kriens
0
Yverdon-sport Fc
1
2. tempo
(0-1)
Salernitana
0
Verona
2
1. tempo
(0-2)
Spezia
1
Juventus
1
1. tempo
(1-1)
JANVIER M. (FRA)
STRICKER D. (SUI)
19:20
 
la-cultura-vista-da-martina-gamboni
© M. Gamboni / LaSalamandra
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
7 ore

1991: trent’anni da ‘Achtung Baby’ degli U2

Forse il capolavoro della band irlandese (al pari di “The Joshua Tree”). L’elettronica entra pesantemente nel suono del gruppo e il tour che seguirà sarà memorabile
Ticino7
1 gior

1981: quarant’anni da ‘The Garden’ di John Foxx

Un disco dove convivono elettronica e romanticismo, tecnologie moderne e misticismo antico, in un geniale incontro fra spiritualità e tradizione. Se non è arte questa...
Ticino7
2 gior

1971: cinquant’anni da ‘Tago Mago’ dei Can

Senza di loro molta della musica – non solo del circuito indipendente – oggi non esisterebbe. O certo sarebbe molto diversa. Un gruppo seminale per un album epocale
Ticino7
3 gior

Il fantacalcio, i gonfiabili degli adulti

Se non ne fai parte non puoi capire che cosa si prova a smazzare giocatori e a costruire squadre immaginarie. Ma potresti rimanerne affascinata, chissà...
Ticino7
3 gior

Che meraviglia il gufo reale

Vola di notte silenzioso. È un uccello maestoso, quando è giorno non sta sveglio, per lui il buio è molto meglio. Della notte è il re! Il suo nome sai qual è?
Ticino7
4 gior

Dentro i cassetti di Georgina Bernardi

Ci sono esistenze che, come alcuni oggetti, vanno di casa in casa attraversando il mondo e portandosi appresso i segni di esperienze variegate
Ticino7
4 gior

Metti un giorno con Martino Rossi

“Non è vero, come molti sostengono, che Robin Hood ‘ruba ai ricchi per dare ai poveri’. È vero invece che ’riprende ai ricchi ciò che essi hanno rubato ai poveri’”
Ticino7
4 gior

Diritti allo stomaco (nel nome del vax)

Nella guerra al Covid sono ammessi anche i ‘colpi bassi’. Da consumarsi davanti a un bel piatto caldo, però
Ticino7
1 sett

Sorelle di sogni. C’era una volta (e anche oggi)

L’ultimo romanzo breve di Daniele Dell’Agnola è un confronto generazionale, attraverso i ricordi, gli incontri ma anche le rinunce di due donne della Bregaglia
Ticino7
1 sett

La vocazione di Sandro Bonetti

Cosa vuoi fare da grande? ‘Il medico, come il mio papà’. Figlio di un gastroenterologo, sin da ragazzo Sandro non aveva molti dubbi su cosa fare nella vita
Ticino7
1 sett

Cosa diresti al te stesso di dieci anni fa?

Lo dico subito, a scanso di equivoci: io mi sarei detta di stare più tranquilla ed essere positiva. Ma anche di criticare meno e crederci di più. E voi?
Ticino7
1 sett

Bellessere. Volersi bene senza età

Non esistono limiti anagrafici per aver cura del proprio aspetto. Iniziando da una buona dose di sorrisi, voglia di vivere e ottimismo.
Ticino7
1 sett

Lì dove costano meno: la via del turismo farmaceutico

Poiché le medicine in Svizzera costano molto di più, anche i ticinesi fanno shopping oltre confine. Ma cosa nasconde questo importante fenomeno?
Ticino7
1 sett

Sono strani tempi, come sempre

Se devi guardare da qualche parte, meglio farlo ‘in avanti’. Dal passato arrivano (spesso) solo fantasmi
Ticino7
2 sett

Alla scoperta del pettirosso

Il suo arrivo già da metà settembre è annunciato dallo sfrecciare di una macchia rossa tra i cespugli e dal tipico ‘tic tic’ che ne contraddistingue il verso
Ticino7
2 sett

Donazione d’organi: parliamone

Mesi di attesa in cui il ritmo della quotidianità è scandito da costanti visite mediche. Poi finalmente la tanto attesa chiamata. È il futuro che chiama
Ticino7
2 sett

Media e qualità. AAA pagine culturali cercansi

Hanno destato non poche perplessità i risultati emersi da un recente studio sulla qualità del giornalismo culturale commissionato da ‘ch-intercultur’. Perché?
Ticino7
2 sett

Piotr Nikiforoff, dalla Russia con talento

Da Mosca a Vernate: questa la sorprendente traiettoria dell'affermato violinista dell’Orchestra della Svizzera italiana. Un amore per la musica nato anche grazie alla tv
Ticino7
2 sett

I media e il metodo (tanto per capire)

A che servono le ricerche se non a fare chiarezza e a dare una dimensione (obiettiva) alle cose? Sì, poi a volte...
Ticino7
3 sett

Emmanuel Carrère e le ombre oltre la vita

Qui parliamo dell'ultimo libro dell'autore parigino. E non di avvocati, ex mogli e gossip di varia natura che altri vendono ai propri lettori come "recensione". Amen
Ticino7
3 sett

Di arte e di educazione. Per una scuola a colori

Secondo alcuni l’arte avrebbe oggi un ruolo troppo marginale e il suo potenziale nelle istituzioni scolastiche rimarrebbe in gran parte inesplorato. Parliamone...
Ticino7
3 sett

Shainy Attakaran: bianco, nero e passione

“Sarà l’influenza del mio nome, ma nella vita ho imparato a vedere la luce in ogni cosa”
Ticino7
3 sett

Napoleone e l'Elba (l'isola che non c'era)

Quest'anno è stato ricordato il duecentesimo dalla morte di Napoleone Bonaparte. Con la sua scomparsa si chiuderà un’intera epoca
Ticino7
3 sett

Caro diario, ovvero Ferragni vs Morrison

"Back to school?". Ormai ci siamo, lo sapete, e naturalmente in classe sono le piccole cose a fare la differenza. Come l'agenda scolastica, per esempio
Ticino7
3 sett

La scuola e l’età dello stress

A che serve avere bambini e ragazzi ‘sotto pressione’? A nessuno, nemmeno agli adulti
Ticino7
04.08.2021 - 08:390
Aggiornamento : 16:05

La cultura (vista da Martina Gamboni)

Gira, visita e racconta il territorio a modo suo. Animo contagioso e aperto, la potete incontrare a 'Cultura a spasso Ticino', una comunità che vive di passioni

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Ha 33 anni, occhi vispi e curiosi, un’anima da esploratrice. Segue per passione spettacoli di danza, si commuove a teatro, visita esposizioni di vario genere, si lascia incantare dall’arte dei musei e canta a squarciagola ai concerti. A Lei non piace: ‘pecenà i bambol’ (cioè stare ferma), fare ordine, percorrere lo stesso sentiero due volte, il gelato che si scioglie troppo in fretta, i bug di Instagram. Le piace: il dialetto ticinese, gli aperitivi con salametto & Merlot, le fontane in montagna, le annotazioni lasciate da altri lettori sui libri presi in bibliocabina, i ‘triangolini’ del Toblerone, le scelte sbagliate, i photobombing, tre stagioni su quattro.

Martina Gamboni condivide le sue preziose esperienze con il mondo social, sulla pagina instagram.com/cultura.a.spasso.ticino (Cast, per gli amici). Un luogo diventato comunità della quale è portavoce. Oggi parliamo di lei ma anche di loro. Più di duemila persone che hanno capito il senso dell’iniziativa, inviando testimonianze dei loro vissuti culturali. Nessun tipo di promozione per Cultura a spasso Ticino perché a Martina i numeri non interessano. Riuscire a contagiare anche solo una persona invogliandola a visitare il luogo del suo post significa aver raggiunto lo scopo che la sua pagina si prefigge. 

@cultura.a.spasso.ticino

Le illustrazioni della Divina Commedia realizzate da Salvador Dalí in una mostra straordinaria alla Fondazione Majid di Ascona 👨‍🎨

♬ original sound - mani_dharshan

La cultura è noiosa e ‘vecchia’?

Per quanto il nostro cantone sia piccolo, l’offerta a livello culturale in Ticino è davvero notevole. Quantità e qualità. Gli organizzatori lavorano con inventiva, entusiasmo e impegno proponendo offerte innovative. A volte il riscontro del pubblico è però timido. Attorno alla cultura aleggia uno stereotipo che rimane nel tempo: è noiosa, vecchia, rigida, elitaria. Per Martina invece la cultura è bella, divertente, colorata. Dà degli strumenti per interpretare la realtà, per conoscere il territorio, regala creatività, stimola, ispira. Come modificare questo pensiero? In parte lo si può fare attraverso i social che si prestano molto bene perché per antonomasia sono strumenti leggeri, immediati, fatti principalmente di immagini e poco testo. Permettono agli organizzatori di presentare le loro attività uscendo dalla promozione “istituzionale” e, per forza di cose, rigida. Attraverso Cultura a spasso Ticino la comunicazione diventa orizzontale, il pubblico che parla al pubblico senza vincoli, senza restrizioni e in modo parallelo. 


© M. Gamboni / LaSalamandra

Cultura seriale

Cultura a spasso Ticino è uno spazio virtuale dove, attraverso post puntuali, si vuole stimolare gli utenti a visitare luoghi e a partecipare agli eventi. Quando la pagina Instagram incontra elementi comuni nascono le serie. La prima in assoluto è legata alle bibliocabine. Martina nota la prima in via Dogana, seguita dalla seconda in via Franscini, entrambe a Bellinzona. Una terza alla Spai di Locarno. Nel 2019 posta la prima foto e viene subito seguita a ruota dagli utenti che mandano le bibliocabine più vicine a loro. Nasce una minisezione intitolata “biblio-mania”. In poco tempo raggiunge un’ottantina di segnalazioni, poco meno di un centinaio le fotografa lei per un totale di 172 avvistamenti. Viene redatta così la bibliocartina, strumento che anticipa una recente mappatura fatta dal Centro Ingrado. Altri esempi sono: “In Gir par Ges (a pizzaa lumin)” nata dall’irrefrenabile stimolo di Martina di entrare nelle chiese quando ne vede una, “Musei etnografici: ne abbiamo?” (sì, ben 11) e… scoop per la stagione estiva “In gir par grott”.

@cultura.a.spasso.ticino

Le nuove incredibili starsbox sul Monte Gambarogno 🌟 pt. 2 - notte sotto le stelle e sveglia con l’alba ☀️

♬ This Mountain - Faouzia

Da cosa nasce cosa

Una passione contagiosa che ha permesso a molti utenti di partecipare attivamente con le loro esperienze, entrando a far parte di una comunità che vuole condividere le cose belle che il nostro territorio offre. È proprio questa sinergia il carburante che regala a Martina la voglia di continuare il suo cammino sotto forma di volontariato. Lei che di ore giornaliere ne avrebbe bisogno 72. Lei che per prima si fa contagiare dalla documentazione fotografica che riceve. Lei che, attraverso la sua vitalità, riesce a creare reti e collaborazioni che durano nel tempo. Un progetto nutrito dalla felicità di fare qualcosa per il prossimo. 


© M. Gamboni

Facebook vs Instagram

Lo scopo della piattaforma non è quello di far vivere all’utente un’esperienza virtuale. I post, volutamente, non sono esaustivi ma offrono solo l’antipasto per stimolare l’appetito di cultura. Vogliono portare le persone a vivere personalmente l’esperienza, recandosi sul posto. Per questo motivo Martina sceglie Instagram perché, avendo meno opzioni rispetto a Facebook, screma una serie di interazioni che potrebbero rovinare lo scopo vero del progetto. Per creare alcuni contenuti si appoggia anche a Tik Tok, creando video divertenti e originali. Una dimostrazione di quanto la tecnologia possa essere anche usata
in modo intelligente. 

@cultura.a.spasso.ticino

“Raffaello 3D - Il Divino” al Castello di Sasso Corbaro, Bellinzona 🏰 dal Rinascimento alla realtà aumentata e gli ologrammi 💡

♬ Castle on the Hill - Ed Sheeran

Un lasciapassare molto utilizzato

Con il passaporto musei svizzeri si ha l’accesso gratuito a più di 500 musei svizzeri, in cambio di una tassa annua. Questa è l’opzione scelta da alcuni frequentatori seriali di musei che hanno la possibilità di muoversi liberamente abbattendo i costi e visitando i luoghi proposti dagli organizzatori che aderiscono al progetto. La pagina instagram.com/cultura.a.spasso.ticino è stata scelta come ambasciatrice social di questa iniziativa. Ogni volta che Martina o un membro della community visitano un luogo postano la foto sulla pagina Instagram “museumspass”, rendendo ancor più virali le condivisioni d’arte. Un riconoscimento molto importante per questo contenitore social, che conferma quanto Cultura a spasso Ticino abbia ormai superato anche i confini cantonli, andando a toccare tutto il territorio svizzero.


© M. Gamboni

© M. Gamboni / LaSalamandra
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved