PIGOSSI L./STEFANI L.
0
BENCIC B./GOLUBIC V.
0
1 set
(4-0)
SIEGEMUND L./KRAWIETZ K.
STOJANOVIC N./DJOKOVIC N.
14:15
 
gian-paolo-minelli-fotografo-chiassese-in-argentina
Autoritratto
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 gior

La nostalgia canaglia di noi vecchi dentro

Ritorna sempre tutto. Nietzsche e la peperonata, la storia come tragedia e come farsa, Ulisse e Marty McFly
Ticino7
1 gior

Provare a essere città

In anni diversi e senza un Umberto Eco a sdoganarli, i murales hanno fatto più o meno lo stesso percorso dei fumetti
Ticino7
4 gior

Se la vipera aspis la conosci è meglio

Lenta nei movimenti, la vipera comune è un rettile velenoso da molti temuto. In realtà morde solo se molestata e calpestata, perché fugge al minimo rumore.
Ticino7
4 gior

Nonsense. Quando il significato va cercato altrove

"Abbasso le mappe con rotte, con tappe, / Con terre color verde scuro! / Ci piace la nostra che solo ci mostra / Un nulla vuotissimo e puro!". Sì, ma lo Squarlo dov'è?
Ticino7
4 gior

Monsieur Hulot e la comicità in punta di piedi

Nel 1971 il signore col cappello in testa e la pipa in bocca faceva la sua ultima apparizione al cinema. E la sua dissacrante ironia diventava immortale
Ticino7
5 gior

Massimo Pedrazzini: di immagini e di obiettivi

Dall'apprendistato a Locarno ai grandi palchi, dai maestri del jazz a Francesco: 40 anni sempre con la macchina pronta, perché la passione non si spegne
Ticino7
5 gior

Se non sono lettere saran cerotti

Le buone parole scaldano il cuore: magari son bugie, ma aiutano a coltivare le illusioni
Ticino7
1 sett

Gli spaghetti spezzati e la pistola sulla pasta

Poco prima della partita Belgio-Italia una conduttrice televisiva ha osato spezzare degli spaghetti per sfidare l’Italia. Ma c'è dell'altro
Ticino7
1 sett

La Ficcanaso, il terrazzo e il batticuore

“No Alpitour? Ahi ahi ahi ahi”. Chi non ricorda lo slogan dei tempi in cui affidarsi ad un tour operator era pressoché l’unico modo per prenotare una vacanza?
Ticino7
1 sett

Un amore ticinese nella lotta dei Saharawi

Storia di una relazione e di un popolo perseguitato e condannato alla cattività nei campi per rifugiati.
Ticino7
2 sett

Oregiefregie Band: live in Mendrisio!

Sono ormai rodati e hanno anche un Nissan verde per stipare strumenti e attrezzatura, oltre a loro stessi. Roba da matti
GALLERY
Ticino7
2 sett

United Roads of America. In Alaska, dove finisce il viaggio

L’ultimo contributo di Emiliano Bos dalle vene dell’America, prima del suo rientro in Europa. Cronache dai confini del mondo.
Ticino7
2 sett

Gioventù bruciata. Al mercato della nostalgia

“La giovinezza finisce quando il tuo calciatore preferito ha meno anni di te”. Lo scriveva David Trueba in Quattro amici.
Ticino7
2 sett

Come funzionano i bitcoin. E molto altro

La “Distributed Ledger Technology”, o Blockchain, spiegata come si deve. Per capirne rischi e opportunità
Ticino7
17.07.2021 - 13:400

Gian Paolo Minelli, fotografo chiassese in Argentina

Da 21 anni in Sudamerica, il ticinese si può considerare un vero “ambasciatore dell’arte” tra il Ticino e l’Argentina

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Gian Paolo Minelli nasce nel 1968 a Ginevra, la sua infanzia e adolescenza è a Chiasso. Inizia ad appassionarsi alla fotografia già alle scuole superiori. Dopo gli studi vince una borsa federale per una residenza artistica a Roma, esperienza che ripeterà anche a Berlino e Parigi. È a Buenos Aires che incontra la sua dimensione completa; artista, esploratore urbano, partecipa a progetti culturali e sociali. È tra i coordinatori della casa svizzera per artisti, che da anni riceve, a rotazione, borsisti da tutti i cantoni della Confederazione. Senza mai dimenticare la famiglia; la moglie Elisabeth e i suoi tre figli Hugo, Dante e Pietro.    

Da 21 anni in Sudamerica, l’artista di Chiasso Gian Paolo Minelli si può considerare un vero “ambasciatore dell’arte” tra il Ticino e l’Argentina. Dopo aver trascorso una residenza artistica a Roma e aver vinto il premio federale delle arti applicate nel 1999 è partito alla volta di Buenos Aires, una città che aveva già conosciuto e che lo affascinava particolarmente. Si avvicina fin da subito a Villa Lugano, nella periferia sud della città, un quartiere fondato da immigrati ticinesi alla fine dell’Ottocento. La Lugano argentina è profondamente diversa da quella “originale”, inserita in un contesto urbano difficile di marginalità e povertà. “Ho capito che per poter fare un lavoro serio su una realtà così complessa dovevo rimanere più tempo”.

La sua storia diventa così simile a quella di molti emigrati che trovano, lontano da casa, un nuovo luogo per vivere. “Ho iniziato a rimandare il ritorno più volte. Alla fine, ti rendi conto che hai costruito una nuova vita e decidi di restare”. A Buenos Aires, che con la sua sterminata periferia ha quasi il doppio degli abitanti della Svizzera e radici sempre molto profonde con il Vecchio Continente, Minelli vive l’esperienza del default, la bancarotta argentina del 2002, poi la ripresa e infine la nuova crisi economica, che continua ancora oggi. Un Paese dove si vive costantemente sulle montagne russe, ma nel quale ha creato vincoli affettivi e professionali profondi. “Buenos Aires rimane per me molto affascinante. C’è il lato europeo, retaggio della grande emigrazione del secolo scorso, ma anche i contrasti tipici di una grande metropoli sudamericana. Sono tante città in una e non si finisce mai di scoprirla”.

Case popolari

Fotografo, artista, esploratore urbano, Minelli ha lavorato negli ultimi anni con l’Istituto delle abitazioni popolari, in un progetto per dare nuove case alle famiglie poverissime che vivono sul bordo del Riachuelo, un fiume inquinatissimo che i politici promettono da anni di ripulire. Il suo lavoro centrato su una di queste Villas miserias, la numero 26, è stato esposto recentemente alla Casa Pessina di Ligornetto. “In questo tipo di progetti ritrovo appieno il senso e la funzione sociale della fotografia artistica, sento di poter dare il mio contributo per migliorare le vite delle persone”. Il legame con la Svizzera e il Ticino in particolare non si è mai interrotto. Coordina una casa svizzera per artisti nel quartiere della Boca, che riceve ogni sei mesi tre borsisti da diversi cantoni. E poi ci sono i viaggi. “Torno almeno due volte all’anno per periodi mai inferiori a un mese. Questo mi permette di mantenere contatti professionali, di realizzare progetti, mostre ed esposizioni”. Collabora anche come docente invitato presso la New York University e l’Università di Princeton.

Reinvenzioni pandemiche

La pandemia ha rivoluzionato, anche in Argentina, la vita di tutti. “Il 2020 è stato molto duro, quando in Svizzera le cose miglioravano noi abbiamo affrontato una delle quarantene più lunghe al mondo. Adesso regna l’incertezza”. Minelli ha tre figli, uno è studente universitario, gli altri due sono molto più piccoli. “L’assenza dell’asilo e della scuola è stata molto pesante, ci siamo dovuti reinventare, facendo sempre molta attenzione a non contagiarci”. Professionalmente è stato un periodo per reinventarsi. “Per la prima volta in 21 anni sono fermo a Buenos Aires da tantissimi mesi. Ho imparato ad essere più presente sui ‘social media’, a lavorare a distanza; qualcosa che rimarrà in futuro, anche se il contatto umano per un artista è essenziale”. Il futuro è pieno di interrogativi. “In Argentina si sta registrando un aumento della povertà vertiginoso, il clima politico non è dei migliori. Anche se mi sono abituato ai continui cambi di scenario, devo confessare che questa volta i timori per il futuro sono maggiori, anche perché non siamo ancora usciti del tutto dalla pandemia”.

Minelli non ha invece dubbi riguardo alla prima cosa che farà quando finirà la pandemia. “Voglio viaggiare e riprendere progetti che sono rimasti nel cassetto. La prima destinazione sarà sicuramente la Svizzera e il Ticino; lì ci sono i miei genitori, mio fratello e mia sorella ed è il posto dove riesco davvero a ricaricare le batterie”.  Voglia, come tutti, di ripartire, più forte di prima.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved