GOLUBIC V./TEICHMANN J.
KICHENOK L./OSTAPENKO J.
03:00
 
NJ Devils
1
ARI Coyotes
2
2. tempo
(1-0 : 0-2)
NY Rangers
1
TOR Leafs
3
1. tempo
(1-3)
gian-paolo-minelli-fotografo-chiassese-in-argentina
Autoritratto
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
2 gior

Braccati e in fuga con Matula (e i Pink Floyd)

Metti una sera davanti alla TV. In onda una vecchia puntata del classico “Ein Fall für Zwei”, ma il bello è quello che si sente in sottofondo...
Ticino7
2 gior

L’arte ‘sociale’ di Manuela Villa-Petraglio

"Vado in studio, resto lì… a respirarne l’aria, tasto l’atmosfera, cerco di estraniarmi dal mondo esterno per entrare in una comunicazione con me stessa”
Ticino7
4 gior

Lassù, tra le cime. La vita dello stambecco alpino

Appartiene al superordine degli ungulati e domina le valli dalle vette dell’arco alpino dove esibisce, con portamento fiero, le sue maestose corna
Ticino7
4 gior

Radio e TV: la staffetta di Carla e Lara

“Scrivi più su di lei, mi raccomando!”. “Ma no, ma no, scrivi più su di lei!”. Vabbè, dai... intanto iniziamo a raccontarvi che c’è di nuovo alla RSI
Ticino7
4 gior

Giornata mondiale della neve. Una scuola coi fiocchi

Il 16 gennaio si celebra la Giornata mondiale della neve. Una ricorrenza istituita nel 2012 per ricordare (anche) la sua importanza per il nostro pianeta
Ticino7
4 gior

Ghiacciaio del Chüeboden. Una storia di piccoli iceberg

In un recente volume, il meteorologo e glaciologo Giovani Kappenberger ripercorre la nascita e la scomparsa di un fenomeno inedito per le nostre regioni
Ticino7
4 gior

Sulle cime e sui pendii occhi aperti. Sempre ;-)

Vivere la montagna significa prima di tutto rispettarla, nel nome della propria sicurezza. E una nuovissima pubblicazione del DT potrà darci una mano
Ticino7
1 sett

Rocco Lombardi: non è (solo) una questione di ritmo...

“La si può suonare anche in assenza di elettricità, quindi non inquina, e non importa se è un po’ scordata, il suono sta nelle mani” (e il talento aiuta)
Ticino7
1 sett

Positiva ma non isolata? ‘Caso conforme’, dice il Cantone

Talora i test PCR possono trovare residui del virus anche nelle persone guarite. Il caso di una donna e i chiarimenti del medico cantonale Giorgio Merlani
Ticino7
1 sett

Una ragazza sola al ristorante (per chi vuole ancora crederci)

“C’erano solo lei e la nebbia che la sospendeva dal mondo, e quanto avrebbe voluto sentire sospesi anche i suoi pensieri”
Ticino7
1 sett

La mente, crocevia di ricordi e di rimpianti

Cʼè chi rivede volti e sentimenti di amori perduti. E chi lo vorrebbe fare, ma un destino beffardo glielo impedisce
Ticino7
2 sett

Un diritto e un rovescio con Susan Bandecchi

Quando le si chiedeva cosa volesse fare da grande, la sua risposta era decisa e di pancia: “La cantante!”. Poi è arrivata la racchetta...
Ticino7
2 sett

Sopra e sotto: la vita ‘misteriosa’ della talpa

Le “mani” sono a forma di badile, robuste, indispensabili per lo scavo. Mentre quelli posteriori hanno “piedi” piccoli. No, non è un alieno, pero...
Ticino7
2 sett

Il Capodanno, la Stube e i balli di gruppo

“Dai fior‘ dai fior′ dai fiordi della Norvegia, è sce′ è sce’ è scesa la vichinga. Cerca’, cerca’, cercava un po′ di sole e invece ha trovato l’amor”
17.07.2021 - 13:400

Gian Paolo Minelli, fotografo chiassese in Argentina

Da 21 anni in Sudamerica, il ticinese si può considerare un vero “ambasciatore dell’arte” tra il Ticino e l’Argentina

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Gian Paolo Minelli nasce nel 1968 a Ginevra, la sua infanzia e adolescenza è a Chiasso. Inizia ad appassionarsi alla fotografia già alle scuole superiori. Dopo gli studi vince una borsa federale per una residenza artistica a Roma, esperienza che ripeterà anche a Berlino e Parigi. È a Buenos Aires che incontra la sua dimensione completa; artista, esploratore urbano, partecipa a progetti culturali e sociali. È tra i coordinatori della casa svizzera per artisti, che da anni riceve, a rotazione, borsisti da tutti i cantoni della Confederazione. Senza mai dimenticare la famiglia; la moglie Elisabeth e i suoi tre figli Hugo, Dante e Pietro.    

Da 21 anni in Sudamerica, l’artista di Chiasso Gian Paolo Minelli si può considerare un vero “ambasciatore dell’arte” tra il Ticino e l’Argentina. Dopo aver trascorso una residenza artistica a Roma e aver vinto il premio federale delle arti applicate nel 1999 è partito alla volta di Buenos Aires, una città che aveva già conosciuto e che lo affascinava particolarmente. Si avvicina fin da subito a Villa Lugano, nella periferia sud della città, un quartiere fondato da immigrati ticinesi alla fine dell’Ottocento. La Lugano argentina è profondamente diversa da quella “originale”, inserita in un contesto urbano difficile di marginalità e povertà. “Ho capito che per poter fare un lavoro serio su una realtà così complessa dovevo rimanere più tempo”.

La sua storia diventa così simile a quella di molti emigrati che trovano, lontano da casa, un nuovo luogo per vivere. “Ho iniziato a rimandare il ritorno più volte. Alla fine, ti rendi conto che hai costruito una nuova vita e decidi di restare”. A Buenos Aires, che con la sua sterminata periferia ha quasi il doppio degli abitanti della Svizzera e radici sempre molto profonde con il Vecchio Continente, Minelli vive l’esperienza del default, la bancarotta argentina del 2002, poi la ripresa e infine la nuova crisi economica, che continua ancora oggi. Un Paese dove si vive costantemente sulle montagne russe, ma nel quale ha creato vincoli affettivi e professionali profondi. “Buenos Aires rimane per me molto affascinante. C’è il lato europeo, retaggio della grande emigrazione del secolo scorso, ma anche i contrasti tipici di una grande metropoli sudamericana. Sono tante città in una e non si finisce mai di scoprirla”.

Case popolari

Fotografo, artista, esploratore urbano, Minelli ha lavorato negli ultimi anni con l’Istituto delle abitazioni popolari, in un progetto per dare nuove case alle famiglie poverissime che vivono sul bordo del Riachuelo, un fiume inquinatissimo che i politici promettono da anni di ripulire. Il suo lavoro centrato su una di queste Villas miserias, la numero 26, è stato esposto recentemente alla Casa Pessina di Ligornetto. “In questo tipo di progetti ritrovo appieno il senso e la funzione sociale della fotografia artistica, sento di poter dare il mio contributo per migliorare le vite delle persone”. Il legame con la Svizzera e il Ticino in particolare non si è mai interrotto. Coordina una casa svizzera per artisti nel quartiere della Boca, che riceve ogni sei mesi tre borsisti da diversi cantoni. E poi ci sono i viaggi. “Torno almeno due volte all’anno per periodi mai inferiori a un mese. Questo mi permette di mantenere contatti professionali, di realizzare progetti, mostre ed esposizioni”. Collabora anche come docente invitato presso la New York University e l’Università di Princeton.

Reinvenzioni pandemiche

La pandemia ha rivoluzionato, anche in Argentina, la vita di tutti. “Il 2020 è stato molto duro, quando in Svizzera le cose miglioravano noi abbiamo affrontato una delle quarantene più lunghe al mondo. Adesso regna l’incertezza”. Minelli ha tre figli, uno è studente universitario, gli altri due sono molto più piccoli. “L’assenza dell’asilo e della scuola è stata molto pesante, ci siamo dovuti reinventare, facendo sempre molta attenzione a non contagiarci”. Professionalmente è stato un periodo per reinventarsi. “Per la prima volta in 21 anni sono fermo a Buenos Aires da tantissimi mesi. Ho imparato ad essere più presente sui ‘social media’, a lavorare a distanza; qualcosa che rimarrà in futuro, anche se il contatto umano per un artista è essenziale”. Il futuro è pieno di interrogativi. “In Argentina si sta registrando un aumento della povertà vertiginoso, il clima politico non è dei migliori. Anche se mi sono abituato ai continui cambi di scenario, devo confessare che questa volta i timori per il futuro sono maggiori, anche perché non siamo ancora usciti del tutto dalla pandemia”.

Minelli non ha invece dubbi riguardo alla prima cosa che farà quando finirà la pandemia. “Voglio viaggiare e riprendere progetti che sono rimasti nel cassetto. La prima destinazione sarà sicuramente la Svizzera e il Ticino; lì ci sono i miei genitori, mio fratello e mia sorella ed è il posto dove riesco davvero a ricaricare le batterie”.  Voglia, come tutti, di ripartire, più forte di prima.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved