oregiefregie-band-live-in-mendrisio
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
24 foto

Ti-Press: quando l’immagine è al centro della notizia

Che cosa significa catturare per immagini l’essenza e i cambiamenti della nostra società? Francesca, Davide e il loro team lo fanno da oltre 20 anni...
Ticino7
1 gior

Vent’anni di ‘Tenenbaum’ (un film da rivedere)

“La gente non approva, ma oggi giorno che cosa approva la gente?” (Gene Hackman). Per tutto il resto cercatevelo e godetevelo, me vale la pena
Ticino7
1 gior

La Sindrome dell’Impostore. Se pensiamo di non sapere

‘Il problema (...) è che gli sciocchi e i fanatici sono estremamente sicuri di loro stessi, mentre le persone più sagge sono piene di dubbi’ (B. Russell)
Ticino7
1 gior

Svastiche al sole (ma forse è solo noia)

Ogni tanto compaiono, poi qualcuno le cancella e tutto passa. Altre volte restano lì, a futura memoria, chissà...
Ticino7
5 gior

E se fosse sbagliato, quello che pensi?

Sono circa 70mila i pensieri che attraversano la nostra mente ogni giorno: e quasi sempre diamo retta a quel flusso di idee, senza nemmeno riflettere
Ticino7
6 gior

Gabrielli, fuori! Storia una mente creativa

Antonella ride, piange, fuma e beve mentre la intervisto. Ha preparato un picnic, nel caso in cui ci venga fame: prosecco, insalata di riso, salametto...
Ticino7
1 sett

Buongiorno, sono il signor tasso

Animale di indole solitaria, prudente e sospettoso, cerca cibo solo al calar del sole. Riconoscerlo e facile: seguite le sue strisce nere sul musetto...
Ticino7
1 sett

I mondi perduti di Enzo Pelli (e quelli ritrovati)

“Ogni epoca distrugge in un certo senso quella precedente – non necessariamente con guerre –, quella attuale ha distrutto un modo di vita contadino".
Ticino7
1 sett

Social e comunicazione. I ‘meme’ e le pillole d’ironia

Si presenta come una vignetta ironica, ma si è rivelato uno strumento capace di attirare l’attenzione e di creare un’identità unitaria fra chi lo utilizza. Ecco la loro forza
Ticino7
1 sett

Quando un ‘meme’ fa miracoli

Spesso politicamente poco corretti, intelligenti e acuti al punto giusto. Sempre che siate sul pezzo e in grado di incassare anche i colpi più bassi
Ticino7
10.07.2021 - 18:130

Oregiefregie Band: live in Mendrisio!

Sono ormai rodati e hanno anche un Nissan verde per stipare strumenti e attrezzatura, oltre a loro stessi. Roba da matti

Pubblichiamo un racconto apparso su Ticino7, allegato a laRegione.

Gli Oregiefregie band erano ormai rodati e avevano anche un Nissan verde per stipare strumenti e attrezzatura, oltre a loro stessi. Se stavi seduto a destra contro il finestrino, potevi veder giù sotto il culo il copertone che girava e nel contempo goderti il profumo dell’asfalto da quella specie di cratere nella carrozzeria smangiata dalla ruggine. Il Rena aveva preso la patente da poco e guai a togliergli il volante. Davanti stava l’Emme, di solito dalla parte del cratere, e in mezzo il Uoter. Gli altri due filavano dietro, tra stanghe di microfoni e sobbalzi spaventosi: il Max piegato in due dall’altezza puberale che cresceva a ogni cambio di luna, il Marco incassato tra i monitor con gli occhiali appannati. Ogni frenata era un dramma, tra il rumore, la puzza di copertone e i piagnistei dei profughi dietro. Anche in curva non era il top.

Una tipa che conoscevano gli aveva chiesto di suonare a Mendrisio, versante ospedale neuropsichiatrico, per l’ultimo dell’anno. Arrivarono sul posto congelati e con immenso anticipo con la scusa di dover montare il palco con la dovuta cura, in realtà per vedere i matti. Si scaldarono alla mensa, trippa in umido che l’Emme non mangiò perché gli faceva ribrezzo e si accontentò di una mela con birra senz’alcol. Matti ce n’erano, ma composti. Una delusione. Dissero che alla festa, nella sala del teatro, sarebbero stati in molti, tutti quelli governabili.

Pareva proprio la sala grande del Palace Hotel. Certo, i nostri non avevano Jack e Elwood, ma neanche Cab Calloway, e il repertorio era il solito: marcette, walzerini, qualche robetta veloce e alcuni pezzi cantautorali. Tutta roba scritta da altri e adeguatamente maltrattata. Proprio come il pubblico, i matti che stanno ai margini del mondo e lo cambiano ogni giorno, ma sono altri a scrivere testi e parole senza ascoltare. Almeno ai nostri suonatori non davano pastiglie per farli calmare.

A un certo punto della serata salì sul palco un capellone con un flicorno e chiese se poteva suonare la batteria. – È il mio maestro! – esclamò il Rena. Cioè, aveva preso qualche lezione quando il capellone stava ancora in giro. Con deferenza cedette il posto al Maestro che si lanciò in un rullio sterminato e gli altri a cercare di stargli dietro. La batteria avanzava sobbalzando sotto i colpi e sarebbe caduta dal palco se il Rena non si fosse inginocchiato a trattenerla. Appena finita quell’esibizione di forza, il Rena chiese al Maestro di dire qualcosa al microfono, tanto per farlo andar via e riprendere il suo posto, calmando la batteria come se parlasse al gatto. Il Maestro brandì il microfono. – Teh, Giulio! Se te vegn miga su a sonaa te sé ’m bigol! Poi lanciò il flicorno contro la parete. Due infermieri saltarono sul palco e lo portarono via.

Ma l’intermezzo non placò la festa, anzi. I matti fecero trenini a più non posso – tranne quello che seguitava a percorrere a passi lenti il perimetro della sala e che lanciava uno sguardo severo quando transitava sotto al palco – e verso mezzanotte costò fatica spiegare che ormai la cosa si concludeva. Mentre caricavano la roba sul Nissan, un matto con una curiosa testa allungata chiese all’Emme se poteva andare con lui e per convincerlo gli disse che lui sapeva a memoria Cattedrali di pietra e sassi di Fausto Leali. Alla terza ripetizione della domanda, l’Emme gli disse che sì, vieni pure. Il matto stette lì un attimo a pensare e poi disse che lui doveva prendere delle pastiglie e quindi non poteva.
Tornando, con il solito freddo della madonna e l’instabilità in curva, si resero conto della grandezza dell’esibizione. Roba da manicomio, proprio.

© Regiopress, All rights reserved