DJOKOVIC N. (SRB)
2
NISHIKORI K. (JPN)
0
fine
(6-2 : 6-0)
PIGOSSI L./STEFANI L.
0
BENCIC B./GOLUBIC V.
0
1 set
(4-0)
SIEGEMUND L./KRAWIETZ K.
STOJANOVIC N./DJOKOVIC N.
14:15
 
gioventu-bruciata-al-mercato-della-nostalgia
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 gior

La nostalgia canaglia di noi vecchi dentro

Ritorna sempre tutto. Nietzsche e la peperonata, la storia come tragedia e come farsa, Ulisse e Marty McFly
Ticino7
1 gior

Provare a essere città

In anni diversi e senza un Umberto Eco a sdoganarli, i murales hanno fatto più o meno lo stesso percorso dei fumetti
Ticino7
4 gior

Se la vipera aspis la conosci è meglio

Lenta nei movimenti, la vipera comune è un rettile velenoso da molti temuto. In realtà morde solo se molestata e calpestata, perché fugge al minimo rumore.
Ticino7
4 gior

Nonsense. Quando il significato va cercato altrove

"Abbasso le mappe con rotte, con tappe, / Con terre color verde scuro! / Ci piace la nostra che solo ci mostra / Un nulla vuotissimo e puro!". Sì, ma lo Squarlo dov'è?
Ticino7
4 gior

Monsieur Hulot e la comicità in punta di piedi

Nel 1971 il signore col cappello in testa e la pipa in bocca faceva la sua ultima apparizione al cinema. E la sua dissacrante ironia diventava immortale
Ticino7
5 gior

Massimo Pedrazzini: di immagini e di obiettivi

Dall'apprendistato a Locarno ai grandi palchi, dai maestri del jazz a Francesco: 40 anni sempre con la macchina pronta, perché la passione non si spegne
Ticino7
5 gior

Se non sono lettere saran cerotti

Le buone parole scaldano il cuore: magari son bugie, ma aiutano a coltivare le illusioni
Ticino7
1 sett

Gli spaghetti spezzati e la pistola sulla pasta

Poco prima della partita Belgio-Italia una conduttrice televisiva ha osato spezzare degli spaghetti per sfidare l’Italia. Ma c'è dell'altro
Ticino7
1 sett

La Ficcanaso, il terrazzo e il batticuore

“No Alpitour? Ahi ahi ahi ahi”. Chi non ricorda lo slogan dei tempi in cui affidarsi ad un tour operator era pressoché l’unico modo per prenotare una vacanza?
Ticino7
1 sett

Gian Paolo Minelli, fotografo chiassese in Argentina

Da 21 anni in Sudamerica, il ticinese si può considerare un vero “ambasciatore dell’arte” tra il Ticino e l’Argentina
Ticino7
1 sett

Un amore ticinese nella lotta dei Saharawi

Storia di una relazione e di un popolo perseguitato e condannato alla cattività nei campi per rifugiati.
Ticino7
2 sett

Oregiefregie Band: live in Mendrisio!

Sono ormai rodati e hanno anche un Nissan verde per stipare strumenti e attrezzatura, oltre a loro stessi. Roba da matti
GALLERY
Ticino7
2 sett

United Roads of America. In Alaska, dove finisce il viaggio

L’ultimo contributo di Emiliano Bos dalle vene dell’America, prima del suo rientro in Europa. Cronache dai confini del mondo.
Ticino7
2 sett

Come funzionano i bitcoin. E molto altro

La “Distributed Ledger Technology”, o Blockchain, spiegata come si deve. Per capirne rischi e opportunità
Ticino7
3 sett

It Takes Two: insieme si (video)gioca meglio

Il terzo titolo di un autore irriverente, fuori dagli schemi e capace di portare al successo idee uniche, cifra di una realtà creativa sempre più importante
Ticino7
3 sett

United Roads of America. I contadini che resistono

Siamo nel Far West. Lontani da un governo-padrone che “si è spinto troppo oltre: ci ruba l’acqua destinata all’irrigazione". Perché qui o vivi o muori
Ticino7
3 sett

Le dolci note di Isabel Longato

Ama circondarsi di persone con cui coltivare relazioni sane e comunicare con gli occhi. E poi c'è la musica, e tutto quello che è in grado di donare
Ticino7
3 sett

I panchinari delle colonne sonore horror italiane

Dieci film per dieci raccolte di brani che raccontano, in musica, massacri, demoni, terrore, cannibalismo e altri brividi lungo la schiena (se avete il coraggio)
Ticino7
3 sett

I robot non sono (solo) macchine

‘Siamo programmati per fare qualsiasi cosa / E quello che vuoi sarà fatto". Ma nell'ultimo romanzo di Kazuo Ishiguro le cose sono più complesse, diciamo
Ticino7
3 sett

Note dolenti sulla paura (e altri strani rumori)

Pare che il peggio non arrivi così, all’improvviso: di solito basta drizzare le orecchie e ascoltare. Ma con attenzione, eh...
Ticino7
1 mese

United Roads of America. L’oleodotto no (e la miniera?)

Non si può pensare di salvare il pianeta “devastando le montagne e inquinando l’acqua". Ma gli interessi economici e strategici in gioco sono enormi, certo
Ticino7
1 mese

Elogio della 'zianza'. Ovvero la rivincita della prossimità familiare

Non sono né troppo vicini né troppo distanti, non vivono nemmeno il coinvolgimento affettivo e la responsabilità di un genitore nei confronti di figli. Chi sono?
Ticino7
10.07.2021 - 12:200

Gioventù bruciata. Al mercato della nostalgia

“La giovinezza finisce quando il tuo calciatore preferito ha meno anni di te”. Lo scriveva David Trueba in Quattro amici.

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato a laRegione.

“La giovinezza finisce quando il tuo calciatore preferito ha meno anni di te”. Lo scriveva David Trueba in Quattro amici. E non so se abbia ragione, ma è difficile dargli torto. Io sono stato fortunato e sfortunato assieme, perché essere giovani – o illudersi di esserlo –
è un piacere e una condanna. Ti fa portare senza fatica un fardello sempre più pesante. Con la spiacevole sorpresa di sentirne, a un certo punto, il peso tutto assieme. Non solo sulla schiena.

Il mio giocatore preferito era (e sarà sempre, ma questo è un altro discorso) Francesco Totti: è nato un anno e tre mesi prima di me.
E io, grazie a lui, che non voleva smettere più, sono stato giovane fino a 40 anni e una primavera.

Abbiamo parlato di me, ok. Ora parliamo di voi. Sapete quando siete diventati vecchi, tutti e senza eccezione? Quando avete cominciato ad aspettare con impazienza il Reunion Tour della band dei vostri vent’anni, quello rigorosamente con le canzoni vecchie, perché la vostra amatissima band – diciamolo – non ne azzecca una da quando uscivano al cinema Rocky e Karate Kid. La cosa ancora più brutta è che siete vecchi perché vi siete appassionati perfino a Rocky 14, quello in cui Stallone sfida a ramino Ivan Drago per una questione d’onore legata al catetere. Vi eccitate per Eddie Murphy che torna nel ruolo del padre dopo aver fatto il figlio ne Il principe cerca moglie. Perfino Ralph Macchio, Karate Kid in persona, si è stufato di “metti la cera, togli la cera”. Invece voi lì, davanti allo spin-off nostalgico Cobra Kai. Dove Macchio non c’è, ma ci siete voi. Lui lo pagherebbero anche, mentre voi pagate.

Funziona così da sempre. È il mercato della nostalgia. Non serve nemmeno il marketing perché il marketing siamo noi. Uno di voi, mio fratello maggiore, era un paninaro: se gli toglievi il Moncler e le All-Star di ordinanza smetteva di respirare e gli esplodeva la testa, come gli astronauti dei fumetti rimasti senza casco che si perdevano nello Spazio. Poi per anni ha fatto finta che le All-Star e il Moncler fossero miei, come i cani che una volta fatta per strada si girano schifati dall’altra parte come se non ne sapessero nulla. Ha nascosto la musica anni Ottanta e rinnegato gli eroi di gioventù, buttando via dischi, annacquando ricordi. Ora gli stessi dischi, rigorosamente in vinile, li va a comprare. Perché, dai, vuoi mettere il vinile? Eppure per vent’anni ha comprato cd e il giradischi era roba del passato. Tanto che va a fare shopping, a ricomprare il nuovo disco vecchio che ha fatto marcire in cantina, si prende pure l’ultimo Moncler, resuscitato dalle catacombe della moda.

Vita, morte e musica

La nostalgia fa brutti scherzi. A tutti. Anche a quelli che hanno cominciato, come risvegliati da un lunghissimo letargo, a riempire i social e i loro dialoghi con l’ultima moda di cui non sentivamo bisogno, la frase: “Così, de botto, senza senso”. Lo dicevano nella serie tv Boris, messa in pausa per un decennio, perché c’era anche da vivere e altro da scoprire. Ora hanno ricominciato, perché Boris torna. E allora dobbiamo tornare anche noi, dall’altra parte dello schermo. Non serve a nulla la lezione di Beverly Hills 90210. Mentre preparavano il grande ritorno, uno di loro, Luke Perry (alias Dylan), è morto. Qualcosa vorrà pur dire. Ma noi non ascoltiamo. Veri e propri tubi catatonici.

Qualche tempo fa girava una ricerca che diceva che dopo i 35 anni, mediamente, si smette di ascoltare musica nuova. Più o meno l’età in cui smette il vostro giocatore preferito, più o meno l’età in cui tornano di moda i capi che indossavate a 15 anni e che sfottevate a 25. Siamo animali sociali, ci sta: per questo citiamo tutti assieme i mediocri film di Lino Banfi, le vecchie imprese a Subbuteo, il telefono a gettoni, o i primi sms, quelli che da soli costavano quanto oggi un low-cost per le Canarie. C’è sempre un’età dell’oro da rimpiangere. Per dire: i nostri nonni schifati da Elvis e Chuck Berry si facevano parlare d’amore da Mariù, quando osavano swingavano con Buscaglione. I loro bisnipoti ascoltano la trap, magari non sanno chi sono gli Who o De Gregori, e per loro Presley che si dimena sa di vecchio almeno quanto a me sa di vecchio un clavicembalo.

Era meglio (senza il troppo)

Rimpiangiamo i fagioli di Raffaella Carrà, i passaggi indietro al portiere, gli sceneggiati in cui un dialogo durava quanto una puntata di una serie tv di oggi. La verità è che i giovani a cui consigliamo queste cose sbadiglierebbero. E sbadiglieremmo anche noi (talvolta lo facciamo, senza farci vedere) se vedessimo davvero quei film e quelle partite di cui decantiamo le meraviglie. Il problema è che in ogni fotogramma vediamo noi stessi quando c’era una vita davanti e le estati erano delle ferie infinite. Sophie Marceau non è Sophie Marceau, ma la nostra fidanzatina dell’epoca (che non era Sophie Marceau), Maradona siamo noi che pensavamo – un giorno – di alzare la coppa del Mondo. Questo vale per i nostri papà con Sophia Loren e George Best, per i nostri nonni con Greta Garbo e Valentino Mazzola. E indietro, indietro, fino a che il cinema era teatro, il calcio era boxe, ciclismo, pallacorda. E gli eroi, pian piano, non se li ricorda più nessuno. Come nessuno, tra un po’ si ricorderà di Eddie Murphy, del Moncler. E, diciamolo, anche di noi.

La verità è che, chi più chi meno, abbiamo bisogno di dirci che c’era un posto in cui stavamo meglio, anche se avevamo i brufoli e nemmeno un telecomando per cambiare canale. Siamo stati tutti il telecomando dei nostri padri. E tutti vorremmo usare come telecomando i nostri figli, per sintonizzare il tempo dove pensiamo di esserci trovati meglio. Non era così, ma chissenefrega, attacchi di nostalgite per tutti. Più contagiosa della variante delta. Rimpiangiamo le lettere scritte a mano, ma non ne scriviamo una nemmeno sotto tortura, passando dal corsivo svolazzante di un tempo allo stampatello. E il mondo, signora mia, era meglio senza internet, ma poi se non prende il segnale per cinque secondi, crolla il mondo. Condannati a guardare nello specchietto retrovisore, anche se l’immagine è sfocata, perché se ci guardassimo allo specchio, avremmo tutti un rimpianto, una ruga o un capello bianco che ci ricorda tutti i bivi che non abbiamo voluto o potuto prendere.

Passaggi generazionali: è sempre stato così

E va bene così, l’importante è non confondere presente e passato. Non incattivirsi con chi arriva dopo e accumula esperienze e ricordi inevitabilmente diversi dai nostri. Come i reduci Sessantottini perfettamente descritti da Zerocalcare, con pelata e occhiali d’ordinanza, che sbraitano: “Che giorni, che tempi. Le nostre sì che erano proteste, non quegli smidollati di oggi. In galera e buttare via la chiave. E sai perché prima era meglio? Perché c’avevo i capelli. E scopavo”.

Tra vent’anni gli smidollati di oggi daranno degli smidollati agli eroi di dopodomani, giocheranno a Fortnite tra gli sguardi stralunati dei loro figli, proprio come loro guardano noi mentre ci esaltiamo davanti a Space Invaders. Siamo il ciclotappo di chi arriverà. L’importante è non fare del ciclotappo, di Tetris, di Martin Scorsese, del Moncler e di David Bowie e Freddie Mercury le Colonne d’Ercole della Terra Piatta. Il mondo non finisce con la nostra giovinezza. A volte, anzi spesso, ce ne dimentichiamo. E lo replichiamo all’infinito. Eppure dopo c’è ancora qualcosa, c’è sempre qualcosa. Possiamo solo decidere, finché siamo in tempo, se metterci in panciolle a poppa a contemplare paesaggi visti e rivisti, o – facendo un po’ più di fatica – andare a prua, sporgerci e dare una sbirciata a quel che c’è, ci sarà, dopo, anche se non ci metteremo mai piede.

© Regiopress, All rights reserved