PIGOSSI L./STEFANI L.
0
BENCIC B./GOLUBIC V.
0
1 set
(5-6)
SIEGEMUND L./KRAWIETZ K.
STOJANOVIC N./DJOKOVIC N.
14:05
 
i-panchinari-delle-colonne-sonore-horror-italiane
Edwige Fenech, Il tuo vizio è una stanza chiusa e solo io ne ho la chiave" (1972)
+9
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
2 gior

La nostalgia canaglia di noi vecchi dentro

Ritorna sempre tutto. Nietzsche e la peperonata, la storia come tragedia e come farsa, Ulisse e Marty McFly
Ticino7
2 gior

Provare a essere città

In anni diversi e senza un Umberto Eco a sdoganarli, i murales hanno fatto più o meno lo stesso percorso dei fumetti
Ticino7
4 gior

Se la vipera aspis la conosci è meglio

Lenta nei movimenti, la vipera comune è un rettile velenoso da molti temuto. In realtà morde solo se molestata e calpestata, perché fugge al minimo rumore.
Ticino7
4 gior

Nonsense. Quando il significato va cercato altrove

"Abbasso le mappe con rotte, con tappe, / Con terre color verde scuro! / Ci piace la nostra che solo ci mostra / Un nulla vuotissimo e puro!". Sì, ma lo Squarlo dov'è?
Ticino7
4 gior

Monsieur Hulot e la comicità in punta di piedi

Nel 1971 il signore col cappello in testa e la pipa in bocca faceva la sua ultima apparizione al cinema. E la sua dissacrante ironia diventava immortale
Ticino7
5 gior

Massimo Pedrazzini: di immagini e di obiettivi

Dall'apprendistato a Locarno ai grandi palchi, dai maestri del jazz a Francesco: 40 anni sempre con la macchina pronta, perché la passione non si spegne
Ticino7
5 gior

Se non sono lettere saran cerotti

Le buone parole scaldano il cuore: magari son bugie, ma aiutano a coltivare le illusioni
Ticino7
1 sett

Gli spaghetti spezzati e la pistola sulla pasta

Poco prima della partita Belgio-Italia una conduttrice televisiva ha osato spezzare degli spaghetti per sfidare l’Italia. Ma c'è dell'altro
Ticino7
1 sett

La Ficcanaso, il terrazzo e il batticuore

“No Alpitour? Ahi ahi ahi ahi”. Chi non ricorda lo slogan dei tempi in cui affidarsi ad un tour operator era pressoché l’unico modo per prenotare una vacanza?
Ticino7
1 sett

Gian Paolo Minelli, fotografo chiassese in Argentina

Da 21 anni in Sudamerica, il ticinese si può considerare un vero “ambasciatore dell’arte” tra il Ticino e l’Argentina
Ticino7
1 sett

Un amore ticinese nella lotta dei Saharawi

Storia di una relazione e di un popolo perseguitato e condannato alla cattività nei campi per rifugiati.
Ticino7
2 sett

Oregiefregie Band: live in Mendrisio!

Sono ormai rodati e hanno anche un Nissan verde per stipare strumenti e attrezzatura, oltre a loro stessi. Roba da matti
GALLERY
Ticino7
2 sett

United Roads of America. In Alaska, dove finisce il viaggio

L’ultimo contributo di Emiliano Bos dalle vene dell’America, prima del suo rientro in Europa. Cronache dai confini del mondo.
Ticino7
2 sett

Gioventù bruciata. Al mercato della nostalgia

“La giovinezza finisce quando il tuo calciatore preferito ha meno anni di te”. Lo scriveva David Trueba in Quattro amici.
Ticino7
2 sett

Come funzionano i bitcoin. E molto altro

La “Distributed Ledger Technology”, o Blockchain, spiegata come si deve. Per capirne rischi e opportunità
Ticino7
3 sett

It Takes Two: insieme si (video)gioca meglio

Il terzo titolo di un autore irriverente, fuori dagli schemi e capace di portare al successo idee uniche, cifra di una realtà creativa sempre più importante
Ticino7
3 sett

United Roads of America. I contadini che resistono

Siamo nel Far West. Lontani da un governo-padrone che “si è spinto troppo oltre: ci ruba l’acqua destinata all’irrigazione". Perché qui o vivi o muori
Ticino7
3 sett

Le dolci note di Isabel Longato

Ama circondarsi di persone con cui coltivare relazioni sane e comunicare con gli occhi. E poi c'è la musica, e tutto quello che è in grado di donare
Ticino7
3 sett

I robot non sono (solo) macchine

‘Siamo programmati per fare qualsiasi cosa / E quello che vuoi sarà fatto". Ma nell'ultimo romanzo di Kazuo Ishiguro le cose sono più complesse, diciamo
Ticino7
3 sett

Note dolenti sulla paura (e altri strani rumori)

Pare che il peggio non arrivi così, all’improvviso: di solito basta drizzare le orecchie e ascoltare. Ma con attenzione, eh...
Ticino7
1 mese

United Roads of America. L’oleodotto no (e la miniera?)

Non si può pensare di salvare il pianeta “devastando le montagne e inquinando l’acqua". Ma gli interessi economici e strategici in gioco sono enormi, certo
Ticino7
1 mese

Elogio della 'zianza'. Ovvero la rivincita della prossimità familiare

Non sono né troppo vicini né troppo distanti, non vivono nemmeno il coinvolgimento affettivo e la responsabilità di un genitore nei confronti di figli. Chi sono?
Ticino7
1 mese

Disavventure Latine 5. Adagio con Turbo

Partiti al mattino con un sacco di spazzatura in mano, arriviamo alla stazione degli autobus che sono ormai le 11 di sera. Ma mica è finita, pensavate eh?
Ticino7
1 mese

Marisa Casellini e la responsabilità dell'arte

“Come stai?”. La mia chiacchierata inizia dalla domanda più semplice e complessa. La risposta sarà tutto meno che banale; d’altronde la creatività a lei non manca
Ticino7
1 mese

Ma chi sei tu, Charlie Brown?

In un documentario disponibile da pochi giorni, la vita e tutti i segreti di un bambino dalla testa rotonda (e con un sacco di amici fantastici)
Ticino7
1 mese

Fratelli, sorelle, nipoti. E altri legami di sangue

I figli si dovrebbero fare per amore. Ma solo con quello il frigo rimane vuoto. E qui iniziano i problemi, si sa.
Ticino7
1 mese

È arrivata Yamira (e la sua Valigia Rossa)

Questa è la storia di una casalinga e mamma sulla quarantina. Tra le mille sfumature della sua vita sceglie il rosso, col quale tinge tutto di "piacere"...
Ticino7
1 mese

Zucchero? Sì, ma con giudizio

È opinione diffusa che dolci e affini siano da demonizzare, perché responsabili della dilagante obesità. Ma forse li stiamo solo consumando nel modo sbagliato
Ticino7
1 mese

Ah, ecco cosa attira le zanzare!

In un mondo pieno zeppo di persone in che modo questi fastidiosi insetti scelgono le loro vittime? È una lunga storia che vale la pena di scoprire: seguiteci
Ticino7
1 mese

Se non ti sgranocchi le dita, ‘godi solo a meta’

‘Bello questo smalto!’. Me lei, con molta cortesia, mi ha risposto sorridendo: ‘Grazie ma sono unghie finte. Le metto così evito di smangiucchiarmi le dita’
Ticino7
1 mese

La legge di Tina e la febbre del cuore

La cosa più importante nella vita? Lo sanno tutti: ma per avere ‘membra sane’ anche i sentimenti vanno nutriti. Con passione
Ticino7
1 mese

La montagna come una volta

Oggi è tutto una tecnologia: dai pantaloni ai bastoni alle borracce. Non vorrei perdessimo il senso della fatica, anche se poi il sacco è meglio lo portino gli altri
Ticino7
1 mese

Comunione e Liberazione. La finestra aperta

Dei ciellini si dicono tante cose, ma io non sapevo neanche come si scrive la parola ‘Cielle’. Ne ho sempre sentito bisbigliare. Ecco chi sono e cosa pensano
Ticino7
03.07.2021 - 12:550
Aggiornamento : 04.07.2021 - 17:34

I panchinari delle colonne sonore horror italiane

Dieci film per dieci raccolte di brani che raccontano, in musica, massacri, demoni, terrore, cannibalismo e altri brividi lungo la schiena (se avete il coraggio)

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato a laRegione.

Era la metà degli anni Settanta e in uno scantinato romano quattro pischelli rimasero alzati fino a tardi, decidendo nel giro d’una notte di cambiare il nome del loro gruppo da Oliver a Goblin. Quella stessa notte composero quello che si sarebbe rivelato uno dei più memorabili, riconoscibili riff nella storia del cinema horror. Il tempo in 7/4 rimanda agli intervalli variabili di Stravinskij e Mussorgskij, resi celebri dai Beatles di ‘All You Need Is Love’ e più tardi riutilizzati alla grande da Genesis, Soft Machine, Yes, Gentle Giant. E dai Pink Floyd, naturalmente. Dopo quella nottata Claudio Simonetti e i Goblin si trovarono catapultati tra le stelle, vendendo oltre un milione di copie solo in Italia e restando in cima all’hit parade per 52 settimane consecutive. Fu allora che dal nulla le colonne sonore dei film horror italiani sfondarono nell’immaginario collettivo, col risultato che ora sono ricercate con bramosia dai collezionisti di vinili di tutto il mondo.

La voce di chi ‘ha visto (sentito e suonato) cose’

Oggi mi trovo qui col maestro, musicista e compositore Mario Fasciano in una località segreta Covid-free, manteniamo le distanze sociali e naturalmente NON ci stiamo scolando tutta la birra a portata di mano. Batterista napoletano, Mario si trasferisce a Londra nel 1971 e lì, per i successivi tre anni, fa esperimenti alchemici mescolando il Prog britannico con sonorità e strumenti tradizionali della sua città. Tornato in Italia si mette a comporre e arrangiare colonne sonore per la tivù, il teatro e i dischi e collabora coi fratelli Giuffré, i Platters ed Enzo Cerusico. La carriera lo porterà a registrazioni e tournée con personaggi del calibro di Irio De Paula, Rick Wakeman (Yes), Steve Morse, Ian Paice e Don Airey (Deep Purple), Francesco di Giacomo (Banco del Mutuo Soccorso) e Brian Auger.  
Tra un sorso e l’altro ci mettiamo a parlare di lati B nelle colonne sonore horror. Mario è un vero esperto e sa cosa ci vuole per realizzare un riff satanico, il momento giusto per inserire un organo stridente, insomma tutti gli ingredienti per mandare il pubblico in fibrillazione e fargli dimenticare che davanti agli occhi hanno una scenografia da 250mila lire a star larghi. Cominciamo con una domanda: “La cucina migliore, dall’India al Libano all’Italia che fu, è quella di chi ha imparato a ovviare alla povertà mescolando spezie e ingredienti semplici. È così che un piatto di pasta o di riso diventano un capolavoro. Vale la stessa cosa per le colonne sonore degli horror italiani?”. E il Maestro risponde: “Tondo, sei vissuto troppo lungo in America, dove il 95% delle canzoni scritte negli ultimi 35 anni si possono suonare usando solo tre corde. In Italia abbiamo una lunga tradizione di musicisti professionisti. Io stesso sono stato accompagnato alla musica da mio padre, primo violino nell’orchestra del Maestro Anepeta, a sua volta primo violino al San Carlo di Napoli. A differenza degli americani che riescono sì e no a leggere la musica, la nostra è stata una formazione professionale. Ci siamo messi a sperimentare negli anni della ribellione giovanile, ma a partire da basi solide. Poi aggiungiamoci una certa passionalità, un po’ di inventiva e di temperamento, ed ecco che si può trasformare un horror di serie B in qualcosa che tiene incollate le orecchie degli spettatori”.


Mario Fasciano.

Ok, ma adesso fuori i nomi... 

Ricondotto severamente all’ordine, lascio perdere la birra da supermercato e tiro fuori le bottiglie più esotiche e artigianali dei birrifici locali. Chiedo umilmente: “Mario, io e te apparteniamo a un’epoca nella quale gli uomini mantenevano le promesse. Ma sei sicuro di sapermi fornire la lista dei 10 panchinari delle colonne sonore horror italiane?”. Il Maestro: “Tondo, mannaggia ’o suricillo e pezza ’nfosa*! Il problema semmai è fermarsi a dieci! Allacciati le cinture e andiamo oltre Goblin, Ortolani, Fidenco, Savina, Morricone, Piccioni
e compagnia bella. La partita è andata ai supplementari, ora lascia che i Panchinari la risolvano!”.

* Antica espressione napoletana di arcana origine. Secondo il portale vesuviolive.it, “un’analisi superficiale porta a una traduzione letterale, cioè mannaggia al topolino e alla pezza bagnata”. In questo caso il detto si rifarebbe all’usanza di introdurre pezze bagnate fra la porta e il pavimento per impedire a piccoli roditori di entrare in casa attraverso la fessura. Quindi si fa riferimento ad un problema di poco conto, un topolino, a cui già è stata trovata la soluzione, la pezza bagnata. Eppure, il significato potrebbe essere molto meno innocente. Un tempo, infatti, l’imprecazione era “mannaggia ’o piripillo e ’a pippilosa”, dove i due termini sono vezzeggiativi per nominare il pene e la vagina. Evidentemente, nella tradizione un’imprecazione tanto esplicita è stata censurata con “suricillo” e “pezza ’nfosa”.

 

LA CLASSIFICA

10. Daniele Patucchi
ʻDimensione violenzaʼ (1984)
Un documentario dell’orrore diretto da Mario Morra che alla quarta traccia propone “Bella Blue”, già abbastanza orrore di per sé. Patucchi aveva già sfiorato il pantheon della musica horror nel 1978 con Eutanasia di un amore, che però alcuni critici non ritengono appartenere al genere horror. Inquietante.

9. Walter Martino 
ʻParano aka Nervi a pezziʼ (1980) 
Nato a Milano, Walter Martino è figlio d’arte come me, ed è un gran bravo batterista. Questo è l’unico pezzo per il quale si è avventurato nell’horror, tirando fuori una gemma prog/jazz/fusion. Senza tempo.

8. Manuel De Sica / Carlo Maria Cordio
ʻSette scialli di seta giallaʼ (1972) 
Figlio del famoso regista Vittorio, Manuel De Sica ha scritto oltre cento colonne sonore, in particolare quella per Il giardino dei Finzi Contini. In questa particolare occasione Manuel lascia la sua formazione classica per cesellare un capolavoro funk. Poison Claw, in particolare, riesce a mantenere la sua leggerezza Funky mentre allo stesso tempo ritiene una struttura musicale esigente. Possessivo.

 

7. Piero Montanari
ʻLa casa 3ʼ (1988) 
Bassista di mestiere, qui Montanari spreme fuori tutto il suo repertorio più sinistro in un crescendo di tracce spiritate. Horror d’ambiente per antonomasia. Spettrale. 

6. Nora Orlandi 
ʻIl dolce corpo di Deborahʼ (1968) 
La prima compositrice del cinema italiano, è nota per l’imperitura colonna sonora de Lo strano vizio della signora Wardh, giallo erotico del 1971 dominato da Edwige Fenech. Ma già tre anni prima, sul lato B di questo disco troviamo I Robot, che si lascia alle spalle le trasognate tracce iniziali per confezionare una sorta di salsiccione acquitrinoso, destinato a diventare uno standard per gialli e horror di quei tempi. Saporito.

5. Alessandro Alessandroni
ʻLa terrificante notte del demonioʼ (1974) 
Rimasta inedita e riesumata solo nel 2014 da qualche fissato giapponese, questa colonna sonora include classici istantanei quali Demon Arise e Devil’s Nightmare, mix perfetti di suoni spettrali e voci femminili. Ancora una volta dobbiamo ringraziare i giapponesi, tra i fan più sfegatati della musica italiana prog/alternativa/elettronica/horror. Inquietante.

4. Gianni Ferrio 
ʻUna sull’altra aka Perversion Storyʼ (1969) 
Free jazz e psichedelia si scontrano in questa colonna sonora rarissima, la cui edizione originale del 1969 si vende oggi a oltre 500 franchi. Ostico a tratti, ma esempio perfetto di come far bollire lo spettatore in un brodo di follia musicale e angoscia, prima del climax finale. Prezioso.

 3. Walter Rizzati
ʻQuella villa accanto al cimiteroʼ (1982) 
Un’accozzaglia di organi, sintetizzatori e strumenti elettronici per una delle colonne sonore più inquietanti mai realizzate. Vi farà venire l’ansia e disturberà i vostri sogni. Minacciosa.

2. Carlo Rustichelli
ʻLa frusta e il corpoʼ (1965) 
Qui ci avviciniamo alla vetta con una composizione eccezionale che va ben oltre l’orrore. Melodie suadenti vengono improvvisamente interrotte da tonalità violente e instabili, così da indurre lo spettatore alla paura. Abbiamo a che fare con un campione d’una certa taglia, una specie di Muhammad Ali della musica horror. Olimpionico.

1. Roberto Donati
ʻDie Rache Der Kannibalen aka Cannibal Feroxʼ (1981) 
Un doveroso tributo alla Svizzera che ne pubblicò la musicassetta – solo formato reso disponibile – nel 1989, dopo che per anni nessuno aveva osato. Brava Svizzera! Il film si presentava come “il più violento di tutti i tempi”, censurato per questo in 31 Paesi (secondo un’affermazione di marketing mai confermata). Il tema centrale presenta delle specie di tamburi Apache circondati da una sapiente tessitura di sonorità cupe e voci tenebrose. Selvaggio.

Eccoci qui insomma, anche se potrei andare avanti ancora tutto il giorno. Tondo? Tondooooo? Dove ti sei cacciato? Ehiiiiiii?

Guarda 12 immagini e 1 video
© Regiopress, All rights reserved