una-partita-con-claudio-boschetti
© Davide Stallone
+4
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
3 gior

Salvare una vita è sempre una buona idea

Nelle acque del Mediterraneo continuano a morire esseri umani, leggi e diritti. Spesso nel silenzio. Ne abbiamo parlato con Cecilia Strada della ONG ResQ
Ticino7
4 gior

L’occhio sociale di Alessandro Ligato

‘L’arte mi ha insegnato ad avere un pensiero divergente che non si ferma mai all’apparenza ma che tenta, piuttosto, di scoprire cosa c’è sotto il tavolo’
Ticino7
4 gior

Se volevo essere un riempimento di vuoti nascevo stucco

Perché è così difficile per le persone percepire la differenza tra essere disponibili ed essere a disposizione?
Ticino7
4 gior

Dimmi come ti chiamano (e ti dirò chi sei)

Ti si attacca addosso in un attimo e ti accompagna per tutta la vita, spesso finendo per diventare anche un nome di famiglia alternativo: è il soprannome
Ticino7
5 gior

Quello sei tu, davvero

Hai voglia a costruirti un profilo pubblico rispettabile, se poi quelli che ti conoscono veramente...
Ticino7
1 sett

Gabriel Stöckli e l’età dell’incertezza

La durezza e la semplicità delle forme coinvolte nelle sue creazioni sono anche la metafora della precarietà della sua generazione
Ticino7
1 sett

Storie e curiosità col ‘ghiro d’Italia’ (ma senza sudare)

Anche se non siete amanti della bici, qui potrete trovare pane per i vostri denti. Perché in su e in giù seguendo la Maglia Rosa non si pedala e basta...
Ticino7
1 sett

Il castoro cerca casa, uomo permettendo

Cacciato, estinto e reintrodotto. Anche quella di questo ingegnoso roditore è la storia di una convivenza fragile e complessa con l’homo sapiens
Ticino7
1 sett

Essere ‘Supergiovani’ dentro

“Nel boschetto della mia fantasia c’è un fottio di animaletti un po’ matti inventati da me, che mi fanno ridere quando sono triste”
Ticino7
2 sett

La scelta ‘silenziosa’ di Claudio Zanini

Guida un’auto elettrica e con 120mila chilometri alle spalle l’esperienza è molto positiva. A parte quei costi legati alla ricarica ‘da migliorare’...
Ticino7
2 sett

Guidare elettrico: lo stile fa la differenza

Come si guida un veicolo con motore elettrico, con un occhio ad autonomia e resa, e rientrare nei margini di percorrenza promessi dai costruttori?
Ticino7
2 sett

Elettrificazione. Ok, la parola è giusta

Piccola guida per capirci qualcosa in un universo fatto di sigle, corrente, cavi, potenza, batterie, prese e molto inglese
Ticino7
2 sett

Mobilità e sostenibilità: le buone intenzioni

Serve a poco utilizzare veicoli (sulla carta) poco inquinanti, se poi si guidano così così
Ticino7
3 sett

‘Egolandia’ o le cinquanta sfumature di Narciso

Volete evitare di cadere vittima del narcisista manipolatore? Ecco il contributo giusto per voi...
Ticino7
3 sett

La narrazione emotiva di Luca Chieregato

Recente autore di un coinvolgente volume, l’attore e cantastorie ci ricorda l’importanza della tradizione orale. Perché raccontare è anche raccontarsi
Ticino7
3 sett

Sandra Zanchi, un volto del popolo

Attrice dialettale, scrittrice, regista e autrice di brani musicali, a inizio aprile è diventata centenaria. Ma l’affetto del pubblico ancora la sorprende
Ticino7
3 sett

Chiedilo alla pipì (e vedrai che sorprese...)

Sei giovane o vecchio dentro, schifiltoso o aperto come una rosa di maggio? Lei è in grado di dirci molte cose su noi stessi e sulla nostra specie
Ticino7
3 sett

Non è solo una ‘stupida felicità’

‘Questa è la ballata dell’uomo felice, felice di nome, di fatto, si può dire di mestiere, uno che la felicità l’ha imparata a dovere...’
Ticino7
1 mese

Chiara Zocchetti e l’iconografia della decadenza

Oltre al lavoro legato alla cronaca, si dedica a progetti personali come reportage e la fotografia d’architettura. E poi ci sono i luoghi abbandonati...
Ticino7
1 mese

Paolo Tognina, tra fede e nuove sfide

Pastore e giornalista, volto noto della RSI, dal primo luglio si occuperà tempo pieno della comunità riformata di Poschiavo. Conosciamolo meglio
Ticino7
1 mese

Metti una sera al ‘caffè dei gatti’...

Creati alla fine degli anni Novanta, i neko café oggi sono diffusi in tutto il mondo. Nati per trovare casa ai gatti, sono anche un luogo di ‘cat-therapy’
Ticino7
1 mese

L’invasione russa. Storie e fragilità

La violenza si alimenta di un passato mai elaborato. Ne è convinta la scrittrice Serena Vitale, che sul grande gigante russo ha scritto pagine importanti
Ticino7
1 mese

Il tempo (è) perduto

Per sapere chi siamo è bene capire cosa siamo stati (anche perché del futuro pare ci sia poco da fidarsi)
Ticino7
1 mese

I panchinari del country: suoni dell’America della frontiera

Volete cogliere il senso più profondo (e anche contemporaneo) della musica dei cowboy? Ecco le suggestioni Dwayne Poteet e i consigli del nostro “Tondo”
Ticino7
1 mese

Lisa Lurati e gli esperimenti con l’arte

"Credo in quello faccio (...) ma allo stesso tempo me ne distacco molto in fretta, lascio alle opere una loro indipendenza, una vita che non mi riguarda”
Ticino7
1 mese

Covid-19. Lo strano caso dei resistenti

Esposti al virus ma senza sintomi o test positivi. I ricercatori ipotizzano delle mutazioni genetiche, ma nulla è certo e la medicina avanza per ipotesi
Ticino7
1 mese

Quando li chiamavamo ‘invertiti’

L’omosessualità vista dalle pagine dei giornali ticinesi del Novecento. Un “male da debellare” tra violenze, denigrazione e insulti mica da poco
Ticino7
1 mese

Buongiorno, mi presento (segue sorriso)

La faccio breve, sennò va a finire che annoio. Questo è il mio primo numero alla direzione di ‘Ticino7’
Ticino7
1 mese

La trappola del ‘greenwashing’, il lavaggio verde che confonde

Davvero improvvisamente tutto è diventato ‘green’, amico dell’ambiente e della natura, non inquinante, ecologico o biologico?
12.06.2021 - 11:42

Una partita con Claudio Boschetti

Classe 1957, ha studiato Belle Arti si è sempre mosso nel campo della vendita e del marketing. E gli scacchi gli hanno spesso dato una marcia in più

di Natascha Fioretti

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato a laRegione.

Metti un sabato al Lido di Melano ad assistere a un torneo di scacchi. Metti una bella giornata di primavera, il piacere di stare fuori, vedere finalmente gente e, in questo particolare frangente, tutta assorta e intenta a studiare la prossima mossa. E accorgerti quanto il mondo degli scacchi appaia interessante per una come te che della torre, il cavallo e l’alfiere ha ormai solo vaghi ricordi legati a una vacanza a Salisburgo e gli insegnamenti amatoriali del nonno. Grande è soprattutto la meraviglia nel vedere adulti e bambini seduti allo stesso tavolo da gioco, Davide contro Golia, affrontarsi come se niente fosse. Tre bambini intorno ai dieci anni che arrivano da Zurigo e mi dicono “certo alle prime fa impressione giocare contro un adulto che in teoria dovrebbe essere il più forte. Ma proprio per questo, quando vinci, la soddisfazione è doppia”. 

Prima c’è solo il calcio

A organizzare il torneo International Rapid Open, una delle tante tappe dello Swiss CHess Tour è Claudio Boschetti, scacchista appassionato dall’età di 15 anni. “Nessuno in famiglia giocava, la curiosità è nata nel seguire la sfida del secolo nel 1972 tra il detentore del titolo Boris Spassky e lo sfidante Bobby Fischer”. Due pazzi capricciosi ma anche due geni. Fischer giocava tutto il giorno con la sua scacchiera mentre i genitori divorziavano. Un po’ come Beth Harmon in La regina degli scacchi, piaciuta molto anche a Boschetti che spende commenti di elogio per la serie di Netflix “in fondo è il rifacimento della vita di Fischer al femminile”. Giocare a scacchi è una cosa difficile, ci vogliono studio e dedizione, tempo e risorse. “Spassky, l’ultimo campione del mondo amatoriale lo ha fatto quasi per hobby. Era una persona molto eclettica, quando mangiava nei ristoranti intratteneva discorsi con tutti, sapeva parlare di qualsiasi tema in dieci lingue diverse. Poi con Fischer è nato il professionismo ad altissimo livello”. Tra l’altro, tornando alla Regina degli scacchi c’è questa bella citazione che ci aiuta a calarci nella parte: “Fu la scacchiera a colpirmi. Esiste tutto un mondo in quelle 64 case. Mi sento sicura lì, posso controllarlo, posso dominarlo ed è prevedibile. So che se mi faccio male è solo colpa mia”. La serie andata in onda proprio in tempi di lockdown ha avuto grande seguito. Ha contribuito, mi dice Boschetti, a svegliare l’interesse di molti e ad avvicinarsi giocando online. È un fatto che durante il lockdown i giocatori di scacchi siano vertiginosamente aumentati tanto da far parlare di una nuova età dell’oro. 
Il New York Times in un articolo qualche tempo fa spiegava come “molti appassionati hanno detto di essere stati risucchiati nella passione degli scacchi dopo averli riscoperti mentre erano bloccati in casa. Sono prevalentemente persone che già si erano cimentate nel gioco da bambini”. Inoltre, l’assenza di altri sport da seguire ha dimezzato le scelte possibili in fatto di intrattenimento dal vivo, favorendo opzioni alternative, come appunto gli scacchi. È utile sapere che il gioco degli scacchi è il più praticato al mondo dopo il calcio e conta 650mila scacchisti iscritti alla federazione internazionale: “Più qualche migliaio di russi che giocano molto bene ma non partecipano a competizioni. In Russia nei parchi trovi giocatori molto forti che giocano tra di loro da una vita”. La mente corre di nuovo a Beth Harmon che dopo la vittoria cammina nel parco e viene omaggiata da tutti i giocatori. 


© Davide Stallone
Swiss CHess Tour promuove e organizza nei luoghi più belli della Svizzera e della regione italiana dei Laghi tornei scacchistici. Per maggiori informazioni e il calendario degli eventi vi rimandiamo al sito swisschesstour.com

Come si organizza un torneo

Ma, dicevamo, l’amore di Claudio Boschetti per gli scacchi è nato molto tempo fa e non si è arrestato al tavolo da gioco ma si è tramutato nell’organizzazione di veri e propri eventi. Tutto è iniziato negli anni Ottanta quando ha rimesso in piedi l’Open di Lugano che dopo quello di New York era uno dei più importanti al mondo. Oggi organizza e promuove Swiss CHess Tour, tornei di scacchi itineranti che prendono forma in alcuni dei luoghi più belli e suggestivi della Svizzera. Tutti luoghi tranquilli scelti accuratamente per stimolare lo spirito e la concentrazione degli scacchisti e per accogliere le loro famiglie per un intero weekend. Una delle ultime tappe è stato lo Spring Open al San Bernardino al Lagh D’Oss: “Sia per motivi di sicurezza sia per la tranquillità necessaria per giocare avevamo prenotato per noi tutta la struttura alberghiera”. Dalla montagna, alla città al lago, Claudio Boschetti i luoghi per i suoi tornei – di media due al mese – li sceglie con cura. Non solo tornei e prove tecniche per campioni, organizzatore di tornei internazionali, arbitro e giocatore amatoriale, Claudio Boschetti ha a cuore anche l’avvicinamento di giovani e non agli scacchi. Così qualche anno fa davanti a un caffè con il grande maestro Vladimir Lazarev è nata l’idea di creare un’ “università degli scacchi” a Lugano. Si chiama Swiss CHess Academy (swisschessacademy.com) ed è un punto di riferimento per scuole e privati, giovani e anziani, esordienti, appassionati o giocatori da torneo che vengono iniziati e allenati agli scacchi da grandi istruttori di fama internazionale.
Claudio Boschetti mi racconta dei benefici per i ragazzi che giocano regolarmente a scacchi: “È provato e non solo perché i più intelligenti scelgono gli scacchi come materia. I risultati di test fatti su classi intere di studenti dimostrano come tutti grazie agli scacchi siano migliorati in tutte le materie”. I benefici si riscontrano anche ad alto livello, si sviluppa un buon orecchio musicale, si diventa spesso concertisti o musicisti. “Determinante nel gioco degli scacchi è il senso dell’astrazione, cioè il presupporre come arrivare in una determinata posizione”. Un’intelligenza fina che traspare dal suo placido raccontare mentre beviamo il caffè in riva al lago di Melano con gli uccellini che fanno la spola per una briciola di gipfel con la marmellata rossa di ciliegia. A Claudio gli scacchi hanno sempre dato “una marcia in più” rispetto agli altri: “Senza difficoltà ricordavo a memoria nomi, appuntamenti e conversazioni con i clienti, avevo un sistema di ottimizzazione delle mie visite, ero più efficiente e più veloce dei miei colleghi”. Tra le sue passioni inoltre c’è la buona cucina, anche questa trasformata in un progetto professionale concreto. “Per otto anni ho gestito una guida gastronomica in quattro lingue con la quale ho rivoluzionato il settore. A differenza delle guide Michelin dedicavo due pagine a colori con fotografia, perché le persone oltre alla cucina potessero farsi un’idea anche del luogo. Ospitavo anche grotti e trattorie, ovunque si mangiasse bene”.


© Davide Stallone

Non solo uomini

Tornando agli scacchi e pensandoli a livello svizzero mi racconta che il Canton Zurigo vanta la più lunga tradizione e ospita i circoli più importanti. Molti grandi maestri internazionali che venivano dall’estero si stabilivano qui, insegnavano e tiravano fuori diversi giocatori forti. E le giocatrici? Netflix non ci parla di una scacchista? “La donna più forte di tutti i tempi è Judit Polár, scacchista ungherese classe 1976. È arrivata a essere numero 10 al mondo studiando le sue 10-12 ore al giorno, ma le donne nel mondo degli scacchi sono davvero poche”. In un’intervista al New York Times Judit Polár, che nel 2002 ha persino battuto Garry Kasparov, ha parlato apertamente di sessismo raccontando un episodio: “C’erano avversari che si rifiutavano di stringermi la mano. C’è stato uno che ha sbattuto la testa sul tabellone dopo aver perso…”. Non sarebbe uno sport per donne, dunque, ma in generale cosa rende così affascinante il mondo degli scacchi? “È un gioco intergenerazionale, si può giocare a scacchi fino a tarda età, Viktor Korchnoj, scacchista russo naturalizzato svizzero, a settant’anni era tra i primi 100 al mondo. Gli scacchi riuniscono persone di tutti i continenti e Paesi, negli anni si formano amicizie e saldi legami. Si sta proprio bene insieme e nasce uno spirito di fratellanza. Poi naturalmente giocare rilassa molto, nel momento in cui ti siedi al tavolo chiudi fuori il resto del mondo”.


© Davide Stallone


© Davide Stallone
Blitz & Rapid. Al torneo svoltosi lo scorso maggio a Melano (diviso in 7 prove) erano presenti 18 giocatrici e giocatori provenienti soprattutto dalla Svizzera e dall’Italia, tra questi anche alcuni ragazzi.


© Davide Stallone


© Davide Stallone

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
claudio boschetti giocatori mondo scacchi scacchista torneo
© Davide Stallone
Guarda tutte le 8 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved