GRANOLLERS M./ZEBALLOS H.
DJOKOVIC N./HERRERA C.
17:05
 
GOLUBIC V. (SUI)
1
BENCIC B. (SUI)
0
2 set
(6-4 : 2-3)
alla-fonte-della-tradizione-con-edo-cima
© LaSalamandra / L. S.
+1
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 gior

È arrivata Yamira (e la sua Valigia Rossa)

Questa è la storia di una casalinga e mamma sulla quarantina. Tra le mille sfumature della sua vita sceglie il rosso, col quale tinge tutto di "piacere"...
Ticino7
3 gior

Zucchero? Sì, ma con giudizio

È opinione diffusa che dolci e affini siano da demonizzare, perché responsabili della dilagante obesità. Ma forse li stiamo solo consumando nel modo sbagliato
Ticino7
4 gior

Ah, ecco cosa attira le zanzare!

In un mondo pieno zeppo di persone in che modo questi fastidiosi insetti scelgono le loro vittime? È una lunga storia che vale la pena di scoprire: seguiteci
Ticino7
4 gior

Se non ti sgranocchi le dita, ‘godi solo a meta’

‘Bello questo smalto!’. Me lei, con molta cortesia, mi ha risposto sorridendo: ‘Grazie ma sono unghie finte. Le metto così evito di smangiucchiarmi le dita’
Ticino7
4 gior

La legge di Tina e la febbre del cuore

La cosa più importante nella vita? Lo sanno tutti: ma per avere ‘membra sane’ anche i sentimenti vanno nutriti. Con passione
Ticino7
1 sett

La montagna come una volta

Oggi è tutto una tecnologia: dai pantaloni ai bastoni alle borracce. Non vorrei perdessimo il senso della fatica, anche se poi il sacco è meglio lo portino gli altri
Ticino7
1 sett

Comunione e Liberazione. La finestra aperta

Dei ciellini si dicono tante cose, ma io non sapevo neanche come si scrive la parola ‘Cielle’. Ne ho sempre sentito bisbigliare. Ecco chi sono e cosa pensano
Ticino7
1 sett

Biennale Architettura Venezia 2021. Visioni svizzere in Laguna

“Nell’opera che presento a Venezia c’è la mia Svizzera. Tutto è cominciato lì: facevamo le torri, le capanne sugli alberi, nel bosco" (Not Vital)
Ticino7
1 sett

Una partita con Claudio Boschetti

Classe 1957, ha studiato Belle Arti si è sempre mosso nel campo della vendita e del marketing. E gli scacchi gli hanno spesso dato una marcia in più
Ticino7
1 sett

I miracoli di tutti (i giorni)

Quando credi che la tua vita sia solo un casino, ascoltare i racconti degli altri aiuta (anche ad andare avanti)
Ticino7
2 sett

Mangiare fuori. Da ogni campo

Come spesso accade nella vita, basta aspettare. Aspettare che il vino faccia effetto, che la carne arrivi in tavola, che i bambini mangino con le mani. Basta aspettare...
Ticino7
2 sett

La Bocciofila dal Crot. Un racconto di Giorgio Genetelli

"Non accettava la valutazione a occhio e metteva in atto una persistente strategia psicologica per innervosire l’avversario e poi sbeffeggiarlo se la tattica riusciva..."
Ticino7
2 sett

Senza 'diversità' si soffoca un po’

Le città prive di polmoni ‘non convenzionali’ e di luoghi dove sognare mondi diversi sono tombe sociali
Ticino7
3 sett

United Roads of America. Quella Georgia da ʻtenere in menteʼ

“Per loro natura, i neri – disse in un suo celebre discorso il sudista Alexander Stephens – sono adatti alla condizione che occupano nel nostro sistema”. Cioè schiavi
Ticino7
3 sett

Homer e la rivalsa del vero sé

Col debutto dei ʻSimpsonsʼ avvenuto più di trent’anni fa, cominciò a vacillare quel tabù mediatico delle animazioni perbeniste e dal lieto fine. Una rivoluzione
Ticino7
3 sett

Riflessioni sull'arte con Giuliano Togni

"Manca la qualità", secondo lui. E manca soprattutto un riconoscimento per chi fa ricerca e percorre strade diverse
Ticino7
3 sett

Disavventure Latine 4. Frontiera vista mare

Colombia, stiamo arrivando! Sì, prima però ci sono un paio di formalità e alcune usanze locali da "evadere". Procediamo con calma: eccoci alla dogana...
Ticino7
05.06.2021 - 12:280
Aggiornamento : 07.06.2021 - 13:42

Alla fonte della tradizione con Edo Cima

Dai 19 ai 33 anni attivo nel campo dell’edilizia. Poi altri dieci come insegnante al Centro Formazione Professionale di Gordola... e ora produttore di bibite gassate

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato a laRegione.

Gazzosa, sf., forma err. per gassosa”, si legge nel Dizionario linguistico moderno di Aldo Gabrielli. I nostri vicini la chiamano gassosa, ma per noi qui in Ticino è la gazosa e, visto il nome di questa testata, non possiamo che allinearci. Una bibita che gustiamo volentieri, legata alla tradizione dei grotti sul nostro territorio. Ma chi sono i produttori? Abbiamo incontrato uno di loro: si chiama Edo Cima, ed è proprietario della fabbrica nata a Torre lo scorso anno.

Nel dicembre del 2018, dopo 124 anni di attività, la fabbrica di Gazose L. e G. Sciarini di Vira-Gambarogno mette il tappo all’ultima bottiglia. Gianfranco Sciarini ne ha vissuti ben 70 di quegli anni, aiutando prima il nonno, poi i genitori e infine lavorando con sua moglie. Edo Cima è già ai blocchi di partenza, pronto al passaggio di testimone. Bibita e macchinari vengono così trasferiti nel nuovo stabile, costruito per l’occasione in Valle di Blenio. Un passaggio di consegna sofferto per Sciarini dal lato emotivo, ma anche pieno di gioia per aver trovato una persona intenzionata a rispettare la tradizione con passione e non a scopi prettamente commerciali. E di questa fiducia Edo fa tesoro, assieme a tutti i trucchetti del mestiere tramandati da Gianfranco. Una gazosa tradizionale prodotta con macchine d’epoca. L’imbottigliatrice è la più anziana, con ben 70 anni di servizio. Messi a norma – chiaramente per una questione di sicurezza e igiene – sono macchinari che non hanno mai problemi. 
Il cuore di Edo accelera ogni volta che parla di oggetti antichi. Nel suo ufficio troviamo un banco e una lavagna della scuola di un tempo e una vetrina piena di bottiglie di forme e grandezze diverse. All’interno di una di esse vediamo una biglia, che i nostri anziani ricorderanno bene. Serviva da tappo, ma i ragazzini spaccavano il vetro per recuperare la preziosa sfera. Per questo, e per motivi d’igiene legati al lavaggio durante il riciclaggio, ora sono quasi introvabili. 


© LaSalamandra / L. S.

Fonte d’acqua minerale certificata 

L’acqua minerale naturale la si trova in giacimenti sotterranei molto profondi e incontaminati. Per certificare una fonte ci vogliono anni di osservazione e controlli. Molti sono i parametri da soddisfare: temperatura costante, mantenimento degli stessi minerali durante 10 anni, regolarità nella gradazione e nella quantità (anche in caso di siccità). Per questo la fonte dev’essere molto profonda e non superficiale. In Ticino sono solo due quelle certificate: l’altra si trova a Sigirino. La particolarità dell’acqua minerale Adula è che non subisce nessun tipo di trattamento. Viene captata a 400 metri di profondità in una galleria che dal Luzzone va in Val Malvaglia. La sua temperatura è di circa 5 gradi. Viaggiando per 1’350 metri di tubature arriva direttamente in bottiglia, senza passare dalle vasche. Grazie all’attrito del tubo può raggiungere gli 8 gradi. Il suo utilizzo è concesso e vincolato direttamente all’Acqua Adula Sagl.


© LaSalamandra / L. S.

Ligio alla tradizione

La prossima volta che prendete una bottiglia di gazosa provate a capovolgerla per poi farla tornare in posizione. Contro le sue pareti si potrebbero formare dei disegni che ricordano dei fiori. È l’effetto dell’olio essenziale estratto direttamente dal frutto. Spesso viene sostituito con essenze che però prendono l’aroma da altre piante, e non dal frutto stesso. Edo utilizza solo oli essenziali, provenienti dalla Calabria. Il gusto della gazosa? Deve seguire le tradizioni: limone, mandarino o fiori di sambuco, come facevano i nostri antenati. Fiori di sambuco: la nuova sfida in casa Acqua Adula creata utilizzando una ricetta di un’anziana signora di paese che aggiungeva anche le foglie di salvia. Nuovo gusto, vecchie abitudini. Tutto il resto, non si può definire gazosa e, secondo Edo, rischia di rovinare il mercato.


© LaSalamandra / L. S.

La ricetta
Edo inizia le sue giornate di produzione alle 4 del mattino. Prepara lo sciroppo con acqua e zucchero che impiegherà circa due o tre ore a sciogliersi. Poi aggiunge l’acido citrico e gli oli essenziali. Sciroppo e acqua minerale. Semplice. Ma la ricetta completa non la condivide in quanto segreta: gli è stata bisbigliata all’orecchio da Sciarini. A fine intervista però riceviamo un regalo. Noi ci siamo trasformati in produttori di gazosa, ora tocca a voi.

Ingredienti 
9 litri di acqua
6 fiori di sambuco
6 limoni
1 manciata di foglie di erba salvia
1 chilo di zucchero
½ cucchiaino di cremor tartaro

Procedimento 
Togliere la pellicina bianca dai limoni, tagliarne la scorza a strisce, la polpa a pezzetti. Unire i fiori di sambuco e la salvia e mettere tutto in 4 litri di acqua con lo zucchero. Cuocere a fuoco lento per 30 minuti. Filtrare, aggiungere i restanti 5 litri d’acqua e il cremor tartaro. Lasciar raffreddare e imbottigliare. 

© LaSalamandra / L. S.
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved