alla-fonte-della-tradizione-con-edo-cima
© LaSalamandra / L. S.
+1
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 gior

Salvare una vita è sempre una buona idea

Nelle acque del Mediterraneo continuano a morire esseri umani, leggi e diritti. Spesso nel silenzio. Ne abbiamo parlato con Cecilia Strada della ONG ResQ
Ticino7
2 gior

L’occhio sociale di Alessandro Ligato

‘L’arte mi ha insegnato ad avere un pensiero divergente che non si ferma mai all’apparenza ma che tenta, piuttosto, di scoprire cosa c’è sotto il tavolo’
Ticino7
3 gior

Se volevo essere un riempimento di vuoti nascevo stucco

Perché è così difficile per le persone percepire la differenza tra essere disponibili ed essere a disposizione?
Ticino7
3 gior

Dimmi come ti chiamano (e ti dirò chi sei)

Ti si attacca addosso in un attimo e ti accompagna per tutta la vita, spesso finendo per diventare anche un nome di famiglia alternativo: è il soprannome
Ticino7
3 gior

Quello sei tu, davvero

Hai voglia a costruirti un profilo pubblico rispettabile, se poi quelli che ti conoscono veramente...
Ticino7
1 sett

Gabriel Stöckli e l’età dell’incertezza

La durezza e la semplicità delle forme coinvolte nelle sue creazioni sono anche la metafora della precarietà della sua generazione
Ticino7
1 sett

Storie e curiosità col ‘ghiro d’Italia’ (ma senza sudare)

Anche se non siete amanti della bici, qui potrete trovare pane per i vostri denti. Perché in su e in giù seguendo la Maglia Rosa non si pedala e basta...
Ticino7
1 sett

Il castoro cerca casa, uomo permettendo

Cacciato, estinto e reintrodotto. Anche quella di questo ingegnoso roditore è la storia di una convivenza fragile e complessa con l’homo sapiens
Ticino7
1 sett

Essere ‘Supergiovani’ dentro

“Nel boschetto della mia fantasia c’è un fottio di animaletti un po’ matti inventati da me, che mi fanno ridere quando sono triste”
Ticino7
2 sett

La scelta ‘silenziosa’ di Claudio Zanini

Guida un’auto elettrica e con 120mila chilometri alle spalle l’esperienza è molto positiva. A parte quei costi legati alla ricarica ‘da migliorare’...
Ticino7
2 sett

Guidare elettrico: lo stile fa la differenza

Come si guida un veicolo con motore elettrico, con un occhio ad autonomia e resa, e rientrare nei margini di percorrenza promessi dai costruttori?
Ticino7
2 sett

Elettrificazione. Ok, la parola è giusta

Piccola guida per capirci qualcosa in un universo fatto di sigle, corrente, cavi, potenza, batterie, prese e molto inglese
Ticino7
2 sett

Mobilità e sostenibilità: le buone intenzioni

Serve a poco utilizzare veicoli (sulla carta) poco inquinanti, se poi si guidano così così
Ticino7
3 sett

‘Egolandia’ o le cinquanta sfumature di Narciso

Volete evitare di cadere vittima del narcisista manipolatore? Ecco il contributo giusto per voi...
Ticino7
3 sett

La narrazione emotiva di Luca Chieregato

Recente autore di un coinvolgente volume, l’attore e cantastorie ci ricorda l’importanza della tradizione orale. Perché raccontare è anche raccontarsi
Ticino7
3 sett

Sandra Zanchi, un volto del popolo

Attrice dialettale, scrittrice, regista e autrice di brani musicali, a inizio aprile è diventata centenaria. Ma l’affetto del pubblico ancora la sorprende
Ticino7
3 sett

Chiedilo alla pipì (e vedrai che sorprese...)

Sei giovane o vecchio dentro, schifiltoso o aperto come una rosa di maggio? Lei è in grado di dirci molte cose su noi stessi e sulla nostra specie
05.06.2021 - 12:28
Aggiornamento : 07.06.2021 - 13:42

Alla fonte della tradizione con Edo Cima

Dai 19 ai 33 anni attivo nel campo dell’edilizia. Poi altri dieci come insegnante al Centro Formazione Professionale di Gordola... e ora produttore di bibite gassate

di Lorena Scettrini

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato a laRegione.

Gazzosa, sf., forma err. per gassosa”, si legge nel Dizionario linguistico moderno di Aldo Gabrielli. I nostri vicini la chiamano gassosa, ma per noi qui in Ticino è la gazosa e, visto il nome di questa testata, non possiamo che allinearci. Una bibita che gustiamo volentieri, legata alla tradizione dei grotti sul nostro territorio. Ma chi sono i produttori? Abbiamo incontrato uno di loro: si chiama Edo Cima, ed è proprietario della fabbrica nata a Torre lo scorso anno.

Nel dicembre del 2018, dopo 124 anni di attività, la fabbrica di Gazose L. e G. Sciarini di Vira-Gambarogno mette il tappo all’ultima bottiglia. Gianfranco Sciarini ne ha vissuti ben 70 di quegli anni, aiutando prima il nonno, poi i genitori e infine lavorando con sua moglie. Edo Cima è già ai blocchi di partenza, pronto al passaggio di testimone. Bibita e macchinari vengono così trasferiti nel nuovo stabile, costruito per l’occasione in Valle di Blenio. Un passaggio di consegna sofferto per Sciarini dal lato emotivo, ma anche pieno di gioia per aver trovato una persona intenzionata a rispettare la tradizione con passione e non a scopi prettamente commerciali. E di questa fiducia Edo fa tesoro, assieme a tutti i trucchetti del mestiere tramandati da Gianfranco. Una gazosa tradizionale prodotta con macchine d’epoca. L’imbottigliatrice è la più anziana, con ben 70 anni di servizio. Messi a norma – chiaramente per una questione di sicurezza e igiene – sono macchinari che non hanno mai problemi. 
Il cuore di Edo accelera ogni volta che parla di oggetti antichi. Nel suo ufficio troviamo un banco e una lavagna della scuola di un tempo e una vetrina piena di bottiglie di forme e grandezze diverse. All’interno di una di esse vediamo una biglia, che i nostri anziani ricorderanno bene. Serviva da tappo, ma i ragazzini spaccavano il vetro per recuperare la preziosa sfera. Per questo, e per motivi d’igiene legati al lavaggio durante il riciclaggio, ora sono quasi introvabili. 


© LaSalamandra / L. S.

Fonte d’acqua minerale certificata 

L’acqua minerale naturale la si trova in giacimenti sotterranei molto profondi e incontaminati. Per certificare una fonte ci vogliono anni di osservazione e controlli. Molti sono i parametri da soddisfare: temperatura costante, mantenimento degli stessi minerali durante 10 anni, regolarità nella gradazione e nella quantità (anche in caso di siccità). Per questo la fonte dev’essere molto profonda e non superficiale. In Ticino sono solo due quelle certificate: l’altra si trova a Sigirino. La particolarità dell’acqua minerale Adula è che non subisce nessun tipo di trattamento. Viene captata a 400 metri di profondità in una galleria che dal Luzzone va in Val Malvaglia. La sua temperatura è di circa 5 gradi. Viaggiando per 1’350 metri di tubature arriva direttamente in bottiglia, senza passare dalle vasche. Grazie all’attrito del tubo può raggiungere gli 8 gradi. Il suo utilizzo è concesso e vincolato direttamente all’Acqua Adula Sagl.


© LaSalamandra / L. S.

Ligio alla tradizione

La prossima volta che prendete una bottiglia di gazosa provate a capovolgerla per poi farla tornare in posizione. Contro le sue pareti si potrebbero formare dei disegni che ricordano dei fiori. È l’effetto dell’olio essenziale estratto direttamente dal frutto. Spesso viene sostituito con essenze che però prendono l’aroma da altre piante, e non dal frutto stesso. Edo utilizza solo oli essenziali, provenienti dalla Calabria. Il gusto della gazosa? Deve seguire le tradizioni: limone, mandarino o fiori di sambuco, come facevano i nostri antenati. Fiori di sambuco: la nuova sfida in casa Acqua Adula creata utilizzando una ricetta di un’anziana signora di paese che aggiungeva anche le foglie di salvia. Nuovo gusto, vecchie abitudini. Tutto il resto, non si può definire gazosa e, secondo Edo, rischia di rovinare il mercato.


© LaSalamandra / L. S.

La ricetta
Edo inizia le sue giornate di produzione alle 4 del mattino. Prepara lo sciroppo con acqua e zucchero che impiegherà circa due o tre ore a sciogliersi. Poi aggiunge l’acido citrico e gli oli essenziali. Sciroppo e acqua minerale. Semplice. Ma la ricetta completa non la condivide in quanto segreta: gli è stata bisbigliata all’orecchio da Sciarini. A fine intervista però riceviamo un regalo. Noi ci siamo trasformati in produttori di gazosa, ora tocca a voi.

Ingredienti 
9 litri di acqua
6 fiori di sambuco
6 limoni
1 manciata di foglie di erba salvia
1 chilo di zucchero
½ cucchiaino di cremor tartaro

Procedimento 
Togliere la pellicina bianca dai limoni, tagliarne la scorza a strisce, la polpa a pezzetti. Unire i fiori di sambuco e la salvia e mettere tutto in 4 litri di acqua con lo zucchero. Cuocere a fuoco lento per 30 minuti. Filtrare, aggiungere i restanti 5 litri d’acqua e il cremor tartaro. Lasciar raffreddare e imbottigliare. 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
acqua minerale edo cima gassosa gazosa grotti tradizione valle di blenio
© LaSalamandra / L. S.
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved