Slovacchia
Spagna
18:00
 
Svezia
Polonia
18:00
 
GRANOLLERS M./ZEBALLOS H.
0
DJOKOVIC N./HERRERA C.
0
1 set
(3-2)
GOLUBIC V. (SUI)
2
BENCIC B. (SUI)
0
fine
(6-4 : 6-4)
united-roads-of-america-la-battaglia-sull-aborto
© E. Bos
ʻQui vengono uccisi bambiniʼ recita la scritta collocata dallʼanti-abortista David Day davanti alla clinica di Montgomery.
+1
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 gior

È arrivata Yamira (e la sua Valigia Rossa)

Questa è la storia di una casalinga e mamma sulla quarantina. Tra le mille sfumature della sua vita sceglie il rosso, col quale tinge tutto di "piacere"...
Ticino7
3 gior

Zucchero? Sì, ma con giudizio

È opinione diffusa che dolci e affini siano da demonizzare, perché responsabili della dilagante obesità. Ma forse li stiamo solo consumando nel modo sbagliato
Ticino7
4 gior

Ah, ecco cosa attira le zanzare!

In un mondo pieno zeppo di persone in che modo questi fastidiosi insetti scelgono le loro vittime? È una lunga storia che vale la pena di scoprire: seguiteci
Ticino7
4 gior

Se non ti sgranocchi le dita, ‘godi solo a meta’

‘Bello questo smalto!’. Me lei, con molta cortesia, mi ha risposto sorridendo: ‘Grazie ma sono unghie finte. Le metto così evito di smangiucchiarmi le dita’
Ticino7
4 gior

La legge di Tina e la febbre del cuore

La cosa più importante nella vita? Lo sanno tutti: ma per avere ‘membra sane’ anche i sentimenti vanno nutriti. Con passione
Ticino7
1 sett

La montagna come una volta

Oggi è tutto una tecnologia: dai pantaloni ai bastoni alle borracce. Non vorrei perdessimo il senso della fatica, anche se poi il sacco è meglio lo portino gli altri
Ticino7
1 sett

Comunione e Liberazione. La finestra aperta

Dei ciellini si dicono tante cose, ma io non sapevo neanche come si scrive la parola ‘Cielle’. Ne ho sempre sentito bisbigliare. Ecco chi sono e cosa pensano
Ticino7
1 sett

Biennale Architettura Venezia 2021. Visioni svizzere in Laguna

“Nell’opera che presento a Venezia c’è la mia Svizzera. Tutto è cominciato lì: facevamo le torri, le capanne sugli alberi, nel bosco" (Not Vital)
Ticino7
1 sett

Una partita con Claudio Boschetti

Classe 1957, ha studiato Belle Arti si è sempre mosso nel campo della vendita e del marketing. E gli scacchi gli hanno spesso dato una marcia in più
Ticino7
1 sett

I miracoli di tutti (i giorni)

Quando credi che la tua vita sia solo un casino, ascoltare i racconti degli altri aiuta (anche ad andare avanti)
Ticino7
2 sett

Mangiare fuori. Da ogni campo

Come spesso accade nella vita, basta aspettare. Aspettare che il vino faccia effetto, che la carne arrivi in tavola, che i bambini mangino con le mani. Basta aspettare...
Ticino7
2 sett

Alla fonte della tradizione con Edo Cima

Dai 19 ai 33 anni attivo nel campo dell’edilizia. Poi altri dieci come insegnante al Centro Formazione Professionale di Gordola... e ora produttore di bibite gassate
Ticino7
2 sett

La Bocciofila dal Crot. Un racconto di Giorgio Genetelli

"Non accettava la valutazione a occhio e metteva in atto una persistente strategia psicologica per innervosire l’avversario e poi sbeffeggiarlo se la tattica riusciva..."
Ticino7
2 sett

Senza 'diversità' si soffoca un po’

Le città prive di polmoni ‘non convenzionali’ e di luoghi dove sognare mondi diversi sono tombe sociali
Ticino7
3 sett

United Roads of America. Quella Georgia da ʻtenere in menteʼ

“Per loro natura, i neri – disse in un suo celebre discorso il sudista Alexander Stephens – sono adatti alla condizione che occupano nel nostro sistema”. Cioè schiavi
Ticino7
3 sett

Homer e la rivalsa del vero sé

Col debutto dei ʻSimpsonsʼ avvenuto più di trent’anni fa, cominciò a vacillare quel tabù mediatico delle animazioni perbeniste e dal lieto fine. Una rivoluzione
Ticino7
3 sett

Riflessioni sull'arte con Giuliano Togni

"Manca la qualità", secondo lui. E manca soprattutto un riconoscimento per chi fa ricerca e percorre strade diverse
Ticino7
3 sett

Disavventure Latine 4. Frontiera vista mare

Colombia, stiamo arrivando! Sì, prima però ci sono un paio di formalità e alcune usanze locali da "evadere". Procediamo con calma: eccoci alla dogana...
Ticino7
3 sett

Teatro: vivere il palco, ma in modo diverso

La recitazione può diventare un laboratorio dove rileggere il proprio vissuto, a volte drammatico e molto doloroso. Ecco alcune esperienze e testimonianze
Ticino7
3 sett

Un giorno da nulla

Una buona azione fa bene agli altri, ma soprattutto fa bene a noi. Non avete ancora deciso cosa fare?
Ticino7
1 mese

C'era una volta la Valascia (con Danilo Gobbi)

Se volevate una birra e qualcosa da mettere sotto i denti dovevate vedervela con lui, lì, davanti alla "Buvette". E poi tutti in Curva a cantare e saltare
Ticino7
1 mese

Tecnologia e sicurezza. Una faccia, una persona?

Polizie e governi in tutto il mondo li usano, ma gli studi sembrano dimostrare come i sistemi di riconoscimento del viso siano spesso imprecisi e discriminatori
Ticino7
1 mese

Tu, fratello neanderthaliano

Viveva in società, cacciava e pescava, costruiva capanne, utilizzava un linguaggio articolato e cuoceva il suo cibo. Poi un giorno, dalla lontana Africa...
Ticino7
1 mese

Insomma, quante sarebbero: una, alcune o parecchie razze?

ʻNo, la razza non esiste. Sì, la razza esiste. No, certo essa non è ciò che si dice che sia; tuttavia essa è la più tangibile, reale, brutale, delle realtàʼ
Ticino7
1 mese

Siamo sempre, le solite, scimmie

LʼHomo sapiens cerca un nuovo salto evolutivo. La tecnologia lo aiuta, ma non è detto basterà
Ticino7
1 mese

A una certa età (tutti i problemi vengono al pettine)

Le amiche che fino a ieri si interrogavano sul prodotto miracoloso anticellulite oggi sono attanagliate da altri dilemmi. I principali sono botox e capelli bianchi
Ticino7
1 mese

United Roads of America. Chiedi alla ruggine

Una volta la "Rust Belt" era il cuore industriale e produttivo degli USA. Oggi questa manciata di Stati orientali cerca di ripartire, come può e a fatica
Ticino7
24.05.2021 - 08:000

United Roads of America. La battaglia sull'aborto

Qui gli animi si sono accesi 50 anni fa e oggi tutti attendono di capire come si pronuncerà la Corte Suprema. In gioco c'è la vita o la morte, e i diritti civili

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato a laRegione.

Non è una metafora. Nemmeno un’esagerazione. È uno scontro vero. Inizia tutti i venerdì alle ore 4:55 del mattino. Volontari pro-life contro volontari pro-choice, cioè gli anti-aborto e i pro-aborto. I primi gridano insulti, gli altri offrono abbracci protettivi dai secondi. Gli uni urlano giaculatorie nei megafoni, gli altri reagiscono con musica a tutto volume. I pro-vita brandiscono videocamere, i pro-scelta impugnano ombrelli usati come scudi per la privacy. In mezzo, c’è il cancello (aperto) d’ingresso di una piccola clinica dove è possibile abortire. Il teatro di questa campale battaglia ideologica è un marciapiede alla periferia di Montgomery, in Alabama. Tutti gli Stati del Sud cristiano e ultra-conservatore hanno lanciato una crociata contro la libertà di interrompere la gravidanza, garantita qui in America dalla storica sentenza della Corte Suprema del 1973, “Roe contro Wade”.  
C’era ancora buio pesto e un freddo pungente quando arrivai su questo marciapiede. Un caffè bollente e annacquato mi accolse nell’ottobre 2019 nella piccola villetta della ‘Yellowhammer’. Questa associazione che difende il diritto all’aborto ha acquistato la casa e il giardino confinante con la clinica. Per “proteggere le donne che vengono qui per abortire”, mi spiegò la responsabile Mia Raven. Pettorine arcobaleno, enormi ombrelli colorati e via, i volontari escono in “trincea”, davanti a quel cancello. “Cerchiamo di garantire sicurezza a chi arriva qui alla clinica”. Una Toyota Corolla è la prima a parcheggiare, quando ancora non albeggia. I volontari scattano compatti a coprire con i loro ombrelli la targa dell’auto e i passeggeri a bordo, una donna e il suo compagno. Li scortano poi fino all’ingresso della clinica, pochi passi.  


© E. Bos
I volontari che scortano le pazienti verso la clinica dove viene praticato lʼaborto.

Il cancello ideologico 

Dall’altra parte della barricata ideologica, all’esterno della cancellata del piccolo edificio sanitario, due agguerriti anti-abortisti gridano accuse di “omicidio” a chiunque stia per varcare quella porta. Che per loro conduce all’inferno. David Day, cappellino di lana, giubbotto mimetico e megafono, è in piedi sopra uno sgabello di plastica sul marciapiede. I pro-aborto lo accusano di fotografare, riprendere e diffamare le persone che arrivano in clinica, rendendo pubblici nomi delle pazienti e targhe delle auto. Una “gogna” via social media che il diretto interessato non smentisce: “È un mio diritto, non c’è nulla di sbagliato: mostriamo al mondo l’Olocausto che avviene in questo edificio dove vengono macellati dei bambini”. Esponente di una chiesa battista, dice di essere stato “mandato da Dio a salvare bambini innocenti”. Afferma di averne “salvati” oltre 200 dal 2015, da quando ha iniziato la sua “missione”. Numeri impossibili da verificare. David riparte con la sua litania gridata nel megafono, tra appelli e insulti. I volontari alzano il volume della musica per non far sentire alle pazienti il messaggio. “Questa è l’America – aggiunge David in una pausa del suo rosario di esortazioni e improperi –, abbiamo il diritto di predicare il Vangelo. Ma queste mamme non hanno il diritto di uccidere”.  


© E. Bos
Lʼantiabortista David Day, megafono alla mano, alla clinica di Montgomery.

Ecografie e preghiere  

Dall’altra parte della strada l’approccio è meno combattivo. Alle prime luci del giorno arrivano una trentina di persone. Pregano nel parco pubblico antistante alla clinica. Protestanti, cattolici e cristiani di diverse denominazioni: “Siamo uniti a favore della vita” , spiega la signora Robin Blessing, il cui cognome - nomen omen – significa “benedizione”. “Noi non condanniamo né giudichiamo. E non gridiamo. Vogliamo solo dire che ci sono aiuti disponibili per chi è in difficoltà”. Di solito vengono qui davanti alla clinica con un piccolo bus attrezzato per mostrare le immagini di ecografie di feti: “Sono bambini vivi”. Oggi è rimasto in officina. Si levano preghiere e canti in modo ordinato, in netto contrasto col frastuono del megafono di David. La signora Blessing dice di comprendere il sentimento di chi vuole rinunciare alla gravidanza. “Però ci sono chiese e organizzazioni pronte ad aiutare”. L’aborto, a suo parere, è una “soluzione permanente a un problema provvisorio”.  


© E. Bos
La pastora Zanthia Turner, impegnata in una crociata anti-aborto.

La pastora Zanthia 

Risalendo verso Birmingham incontrai la pastora Zanthia Turner, della chiesa battista ‘Pane della vita’. Per la nostra conversazione, collocò due troni dorati davanti all’altare del piccolo edificio usato per le liturgie. Paladina anti-aborto, a metà conversazione rivelò la sua storia personale. A 14 anni - nell’Alabama segregata e razzista - sua madre obbligò lei, ragazzina afro-americana, a interrompere la gravidanza: “Lavorava come infermiera, mi disse che non potevo tenerlo”. Il dolore fisico, il trauma psicologico, il padre che bruciò il feto. Ora parla di questo ai giovani nelle scuole. E anche ai fedeli dal pulpito della sua chiesa, una delle migliaia che punteggiano questo Sud intriso di una fede profondamente conservatrice. “Condivido la mia esperienza personale per far capire che è una scelta sbagliata”, sussurra la pastora. Che a 16 anni rimase incinta di nuovo. Scappò in Mississippi, riuscì poi a sposare il papà del bambino. “Oggi mio figlio ha quasi 40 anni”. Ma lei pensa spesso a quel bambino mai nato. “Sono domande senza risposta, che ho custodito dentro di me per anni: avrebbe assomigliato al padre? O a me?”. In uno scontro etico in corso da decenni – anzi, ormai quasi da mezzo secolo – la sua voce appare pacata. Ma la battaglia qui in Alabama ha raggiunto anche livelli estremi. Come mi raccontò un avvocato.  


© E. Bos
Jim Reed nella sua libreria di Birmingham (Alabama)dedicata ai diritti civili.

Condannata per l’omicidio in grembo  

L’ingresso dello studio legale di Mark White si trova accanto alla più famosa libreria di Birmingham, gestita da Jim Reed, che con garbo mi mostrò il garbuglio degli scaffali stracolmi di volumi. Vi trovai un’edizione storica delle Lettere dal carcere (di Birmingham) di Martin Luther King. Altra lotta per i diritti civili, mezzo secolo fa. Pure questi sono diritti civili. O dovrebbero esserlo. Nel caso di Marzia Jones sono stati calpestati, in uno scontro che raggiunge esiti imprevedibili. Questa donna venne incriminata di omicidio perché una sua collega le aveva sparato, uccidendo il figlio che portava in grembo. Un magistrato inizialmente accusò la sparatrice. Una giuria popolare ribaltò incredibilmente la prospettiva: Marzia Jones non aveva evitato il litigio, venendo meno al dovere di proteggere quel figlio non ancora nato. E dunque colpevole. Un giudice distrettuale poi la prosciolse. Nessuna accusa, invece, a carico della collega che sparò contro di lei. “Questo caso va al di là di ogni limite, non esiste alcun precedente”, mi spiegò l’avvocato Mark White, difensore di Marzia. A suo parere, l’indagine era stata condotta in modo non professionale e con forti pregiudizi da parte della polizia in Alabama. A conferma – mi disse davanti al faldone dei documenti di questo caso – “di una questione più ampia: una storia consolidata di abusi contro le donne in gravidanza”. Marzia Jones non voleva comunque abortire. Aveva già scelto un nome per quel figlio che non sarebbe mai nato. L’aborto, concluse l’avvocato con una provocazione, “fu condotto dalla donna che ha sparato”. 

La Corte Suprema, di nuovo 

Pochi giorni fa la Corte Suprema ha fatto sapere di volersi esprimere sul caso del Mississippi, che vuole vietare l’aborto dopo la 15esima settimana di gestazione. Era questo l’obiettivo delle decine di casi – dall’Alabama al Texas – portati in questi anni davanti al più alto tribunale d’America: una nuova sentenza per ribaltare “Roe contro Wade”. Quasi 50 anni dopo, oggi la Corte Suprema è a netta maggioranza conservatrice, 6 giudici su 9. L’ennesima battaglia. I Repubblicani sperano di vincerla. Ma stavolta non sono megafoni contro ombrelli. 

 

© E. Bos
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved