Slovacchia
Spagna
18:00
 
Svezia
Polonia
18:00
 
GRANOLLERS M./ZEBALLOS H.
0
DJOKOVIC N./HERRERA C.
0
1 set
(4-3)
GOLUBIC V. (SUI)
2
BENCIC B. (SUI)
0
fine
(6-4 : 6-4)
insomma-quante-sarebbero-una-alcune-o-parecchie-razze
© Wikipedia
"Razze? Boh, non chiedetelo a me..." - Charles Darwin (1809-1882)
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 gior

È arrivata Yamira (e la sua Valigia Rossa)

Questa è la storia di una casalinga e mamma sulla quarantina. Tra le mille sfumature della sua vita sceglie il rosso, col quale tinge tutto di "piacere"...
Ticino7
3 gior

Zucchero? Sì, ma con giudizio

È opinione diffusa che dolci e affini siano da demonizzare, perché responsabili della dilagante obesità. Ma forse li stiamo solo consumando nel modo sbagliato
Ticino7
4 gior

Ah, ecco cosa attira le zanzare!

In un mondo pieno zeppo di persone in che modo questi fastidiosi insetti scelgono le loro vittime? È una lunga storia che vale la pena di scoprire: seguiteci
Ticino7
4 gior

Se non ti sgranocchi le dita, ‘godi solo a meta’

‘Bello questo smalto!’. Me lei, con molta cortesia, mi ha risposto sorridendo: ‘Grazie ma sono unghie finte. Le metto così evito di smangiucchiarmi le dita’
Ticino7
4 gior

La legge di Tina e la febbre del cuore

La cosa più importante nella vita? Lo sanno tutti: ma per avere ‘membra sane’ anche i sentimenti vanno nutriti. Con passione
Ticino7
1 sett

La montagna come una volta

Oggi è tutto una tecnologia: dai pantaloni ai bastoni alle borracce. Non vorrei perdessimo il senso della fatica, anche se poi il sacco è meglio lo portino gli altri
Ticino7
1 sett

Comunione e Liberazione. La finestra aperta

Dei ciellini si dicono tante cose, ma io non sapevo neanche come si scrive la parola ‘Cielle’. Ne ho sempre sentito bisbigliare. Ecco chi sono e cosa pensano
Ticino7
1 sett

Biennale Architettura Venezia 2021. Visioni svizzere in Laguna

“Nell’opera che presento a Venezia c’è la mia Svizzera. Tutto è cominciato lì: facevamo le torri, le capanne sugli alberi, nel bosco" (Not Vital)
Ticino7
1 sett

Una partita con Claudio Boschetti

Classe 1957, ha studiato Belle Arti si è sempre mosso nel campo della vendita e del marketing. E gli scacchi gli hanno spesso dato una marcia in più
Ticino7
1 sett

I miracoli di tutti (i giorni)

Quando credi che la tua vita sia solo un casino, ascoltare i racconti degli altri aiuta (anche ad andare avanti)
Ticino7
2 sett

Mangiare fuori. Da ogni campo

Come spesso accade nella vita, basta aspettare. Aspettare che il vino faccia effetto, che la carne arrivi in tavola, che i bambini mangino con le mani. Basta aspettare...
Ticino7
2 sett

Alla fonte della tradizione con Edo Cima

Dai 19 ai 33 anni attivo nel campo dell’edilizia. Poi altri dieci come insegnante al Centro Formazione Professionale di Gordola... e ora produttore di bibite gassate
Ticino7
2 sett

La Bocciofila dal Crot. Un racconto di Giorgio Genetelli

"Non accettava la valutazione a occhio e metteva in atto una persistente strategia psicologica per innervosire l’avversario e poi sbeffeggiarlo se la tattica riusciva..."
Ticino7
2 sett

Senza 'diversità' si soffoca un po’

Le città prive di polmoni ‘non convenzionali’ e di luoghi dove sognare mondi diversi sono tombe sociali
Ticino7
3 sett

United Roads of America. Quella Georgia da ʻtenere in menteʼ

“Per loro natura, i neri – disse in un suo celebre discorso il sudista Alexander Stephens – sono adatti alla condizione che occupano nel nostro sistema”. Cioè schiavi
Ticino7
3 sett

Homer e la rivalsa del vero sé

Col debutto dei ʻSimpsonsʼ avvenuto più di trent’anni fa, cominciò a vacillare quel tabù mediatico delle animazioni perbeniste e dal lieto fine. Una rivoluzione
Ticino7
3 sett

Riflessioni sull'arte con Giuliano Togni

"Manca la qualità", secondo lui. E manca soprattutto un riconoscimento per chi fa ricerca e percorre strade diverse
Ticino7
3 sett

Disavventure Latine 4. Frontiera vista mare

Colombia, stiamo arrivando! Sì, prima però ci sono un paio di formalità e alcune usanze locali da "evadere". Procediamo con calma: eccoci alla dogana...
Ticino7
3 sett

Teatro: vivere il palco, ma in modo diverso

La recitazione può diventare un laboratorio dove rileggere il proprio vissuto, a volte drammatico e molto doloroso. Ecco alcune esperienze e testimonianze
Ticino7
3 sett

Un giorno da nulla

Una buona azione fa bene agli altri, ma soprattutto fa bene a noi. Non avete ancora deciso cosa fare?
Ticino7
1 mese

United Roads of America. La battaglia sull'aborto

Qui gli animi si sono accesi 50 anni fa e oggi tutti attendono di capire come si pronuncerà la Corte Suprema. In gioco c'è la vita o la morte, e i diritti civili
Ticino7
1 mese

C'era una volta la Valascia (con Danilo Gobbi)

Se volevate una birra e qualcosa da mettere sotto i denti dovevate vedervela con lui, lì, davanti alla "Buvette". E poi tutti in Curva a cantare e saltare
Ticino7
1 mese

Tecnologia e sicurezza. Una faccia, una persona?

Polizie e governi in tutto il mondo li usano, ma gli studi sembrano dimostrare come i sistemi di riconoscimento del viso siano spesso imprecisi e discriminatori
Ticino7
22.05.2021 - 10:320
Aggiornamento : 25.05.2021 - 08:55

Insomma, quante sarebbero: una, alcune o parecchie razze?

ʻNo, la razza non esiste. Sì, la razza esiste. No, certo essa non è ciò che si dice che sia; tuttavia essa è la più tangibile, reale, brutale, delle realtàʼ

Che dite, aveva forse ragione la sociologa francese Colette Guillaumin (1934-2017)? 

Non è possibile separare la nozione di razza da quella di razzismo, se non in modo puramente formale. Certamente possiamo usare delle definizioni che ci aiutino a circoscrivere questi due concetti; ma applicata all’uomo, la parola “razza” è una parola ambigua, sospetta. Non soltanto ricorda il periodo del nazismo (quello della presunta “razza pura”), ma anche i secoli XVIII e XIX, durante i quali rinomati biologi credettero di poter stabilire una gerarchia fra le razze. Oggi regna una ‘confusa confusione’ in seno alla comunità scientifica: alcuni rigettano categoricamente il concetto di razza, lo ritengono sprovvisto di senso e sostengono la loro posizione con molta determinazione, sperando di non contribuire a svegliare i vecchi demoni. Altri, invece, non si fanno alcuno scrupolo a usare il concetto di razza, rischiando così di flirtare con l’ideologia dell’esclusione o di fornire, su un piatto d’argento, le armi con le loro munizioni a certe persone che da sempre frugano la scienza alla ricerca di giustificazioni per il loro razzismo. 


© Wikipedia
Georges Cuvier (1769-1832)

Partiamo dalle radici

Per vederci più chiaro, prima di tutto ricordiamo il posto dedicato all’umanità nella classificazione elaborata dagli zoologi. L’uomo, dicono questi, appartiene alla “classe” dei mammiferi, “all’ordine” dei primati, alla “famiglia” degli ominidi umani, al “genere” Homo e alla “specie” sapiens. I biologi concordano nel sostenere che una “specie” è composta di un insieme di individui capaci di riprodursi tra di loro, i cui discendenti sono fertili. Gli umani appartengono quindi a una e medesima specie. Da qui in poi, però, le cose si complicano e lo stesso termine ‘razza’ diventa una parola trabocchetto, mentre quelli che la usano sono raramente esenti da scopi reconditi. Come mai? Il senso comune ci induce a classificare gli umani in diverse categorie sulla base di criteri immediatamente percepibili. I criteri più importanti sono il colore della pelle, quello dei capelli, la forma del viso, la taglia ecc. È così che nel linguaggio corrente parliamo di razza bianca, gialla e nera. Per molto tempo, i biologi sono stati maestri nel promuovere tali classificazioni; alcuni di loro, Georges Cuvier per esempio, hanno preso in considerazione soltanto tre razze, mentre altri sono arrivati fino a quattrocento. Darwin, forse più perspicace, non si è mai pronunciato al riguardo. Il disaccordo nato tra i sapienti avrebbe dovuto sollevare dubbi sulla pertinenza di tali classifiche e illustra in ogni caso le difficoltà del loro esercizio.  A ciò si aggiunga che per diversi secoli i biologi non si sono limitati a classificare, ma hanno tentato di gerarchizzare le razze, issando ovviamente quella bianca, al di sopra di tutte le altre. È con la fine della Seconda guerra mondiale, soprattutto nei primi anni Sessanta del Novecento, che gli scienziati hanno iniziato a modificare radicalmente i loro approcci alla problematica “razza”. Per diversi biologi contemporanei usare i caratteri apparenti per classificare gli umani non è più un passo corretto. Meglio rivolgersi soltanto alla genetica (quindi a caratteri invisibili) per verificare la validità del concetto. E cosa dice la genetica?


© dalla mostra "1938: che razza di… stampa! - Cesena, 2018
L'albero della vita secondo alcuni (o della discriminazione, fate voi).

Sfumature, altro che colori

La genetica afferma che i geni umani conosciuti sono praticamente gli stessi ovunque nel mondo. Essa sostiene inoltre che non esiste un gene specifico della pelle bianca, della pelle gialla e della pelle nera. L’aspetto più o meno scuro deriva da una pigmentazione, sempre presente, ma in quantità variabile nel corpo degli umani. Questa pigmentazione è una melanina la cui sintesi è controllata da vari geni ancora sconosciuti. Gli uomini di conseguenza non sono bianchi, gialli o neri ma semplicemente più o meno scuri secondo sfumature progressive e continue. I genetisti affermano pure che le variazioni genetiche osservate sono sempre quantitative e non qualitative; questo sta a significare che certi geni mostrano pochissime variazioni da una popolazione all’altra, mentre altre ne presentano di importanti (per esempio, quelli che permettono di codificare i gruppi sanguigni e quelli che producono gli anticorpi di difesa contro le malattie infettive). Infine, altri geni sono presenti nelle stesse proporzioni in tutte le popolazioni del pianeta terra. Il risultato generato da queste scoperte è fondamentale. Ci dice che è una pura illusione quella di stabilire dei limiti o dei confini tra le “razze”, peraltro con un’umanità mai isolata e in costante movimento. Per questo il biologo François Jacob sostiene che “la distanza biologica tra due persone dello stesso gruppo, dello stesso paese è così grande, che rende insignificante la distanza fra la media di due gruppi, e ciò toglie ogni contenuto al concetto di ‘razza’”. Già nel 1972, durante il suo corso inaugurale al Collège de France, il genetista Jacques Ruffié affermò che la nozione di razza non ha fondamento scientifico. Nessun biologo degno di questo nome ha, da allora, rimesso in discussione questa incontestabile progressione della scienza. 

Parliamone senza tabù

Eppure altri biologi altrettanto rinomati, in particolare negli Stati Uniti e in Inghilterra, usano correntemente la parola “razza”, così come d’altronde le persone comuni (l’espressione “il genere umano” è tradotta in inglese in the human race). Luca Cavalli-Sforza, professore di genetica all’università di Stanford, mondialmente conosciuto per le sue ricerche concernenti la genetica delle popolazioni, riconosce che la distinzione fra le razze è un’impresa complessa: dobbiamo sempre basarci su delle statistiche di frequenza di un importante numero di caratteri di molti individui, mai su un solo carattere. Però, in una sua recente pubblicazione, redatta insieme a suo figlio Francesco (Chi siamo?; Codice Edizioni, 2013), ha posto la questione sulla quantità delle “razze” sulla Terra e sull’esistenza della “razza” ebrea. Tuttavia, il professor Cavalli-Sforza non può essere sospettato di essere un ideologo di teorie razziste. Ormai, nelle università americane, la biologia delle razze è insegnata agli studenti e diversi libri trattano questo soggetto; una realtà che sembra essere impensabile in Francia e anche negli altri paesi europei, almeno negli stessi termini. Per esempio, nel suo libro per studenti Human Biodiversity (1995) John Marks dedica un capitolo intero all’antropologia razziale e razzista. Ammettendo comunque le difficoltà che genera tale esercizio, ritiene che “racial studies need not imply racist conclusions” (gli studi sulle razze non implicano conclusioni razziste). In maniera manifesta, la parola “razza” non è un tabù nella letteratura scientifica anglosassone. Il dibattito, dunque, resta aperto. Con un caveat: quale che sia l’utilizzo ‘scientifico’ del concetto di razza, con tutti i suoi limiti e i suoi rischi, in nulla e per nulla esso potrà ancora ammettere una strumentalizzazione in senso razzista.

 

 

 

© Wikipedia
Guarda le 4 immagini
© Regiopress, All rights reserved