Slovacchia
Spagna
18:00
 
Svezia
Polonia
18:00
 
GRANOLLERS M./ZEBALLOS H.
1
DJOKOVIC N./HERRERA C.
0
2 set
(6-4 : 0-0)
GOLUBIC V. (SUI)
2
BENCIC B. (SUI)
0
fine
(6-4 : 6-4)
c-era-una-volta-la-valascia-con-danilo-gobbi
© Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 gior

È arrivata Yamira (e la sua Valigia Rossa)

Questa è la storia di una casalinga e mamma sulla quarantina. Tra le mille sfumature della sua vita sceglie il rosso, col quale tinge tutto di "piacere"...
Ticino7
3 gior

Zucchero? Sì, ma con giudizio

È opinione diffusa che dolci e affini siano da demonizzare, perché responsabili della dilagante obesità. Ma forse li stiamo solo consumando nel modo sbagliato
Ticino7
4 gior

Ah, ecco cosa attira le zanzare!

In un mondo pieno zeppo di persone in che modo questi fastidiosi insetti scelgono le loro vittime? È una lunga storia che vale la pena di scoprire: seguiteci
Ticino7
4 gior

Se non ti sgranocchi le dita, ‘godi solo a meta’

‘Bello questo smalto!’. Me lei, con molta cortesia, mi ha risposto sorridendo: ‘Grazie ma sono unghie finte. Le metto così evito di smangiucchiarmi le dita’
Ticino7
4 gior

La legge di Tina e la febbre del cuore

La cosa più importante nella vita? Lo sanno tutti: ma per avere ‘membra sane’ anche i sentimenti vanno nutriti. Con passione
Ticino7
1 sett

La montagna come una volta

Oggi è tutto una tecnologia: dai pantaloni ai bastoni alle borracce. Non vorrei perdessimo il senso della fatica, anche se poi il sacco è meglio lo portino gli altri
Ticino7
1 sett

Comunione e Liberazione. La finestra aperta

Dei ciellini si dicono tante cose, ma io non sapevo neanche come si scrive la parola ‘Cielle’. Ne ho sempre sentito bisbigliare. Ecco chi sono e cosa pensano
Ticino7
1 sett

Biennale Architettura Venezia 2021. Visioni svizzere in Laguna

“Nell’opera che presento a Venezia c’è la mia Svizzera. Tutto è cominciato lì: facevamo le torri, le capanne sugli alberi, nel bosco" (Not Vital)
Ticino7
1 sett

Una partita con Claudio Boschetti

Classe 1957, ha studiato Belle Arti si è sempre mosso nel campo della vendita e del marketing. E gli scacchi gli hanno spesso dato una marcia in più
Ticino7
1 sett

I miracoli di tutti (i giorni)

Quando credi che la tua vita sia solo un casino, ascoltare i racconti degli altri aiuta (anche ad andare avanti)
Ticino7
2 sett

Mangiare fuori. Da ogni campo

Come spesso accade nella vita, basta aspettare. Aspettare che il vino faccia effetto, che la carne arrivi in tavola, che i bambini mangino con le mani. Basta aspettare...
Ticino7
2 sett

Alla fonte della tradizione con Edo Cima

Dai 19 ai 33 anni attivo nel campo dell’edilizia. Poi altri dieci come insegnante al Centro Formazione Professionale di Gordola... e ora produttore di bibite gassate
Ticino7
2 sett

La Bocciofila dal Crot. Un racconto di Giorgio Genetelli

"Non accettava la valutazione a occhio e metteva in atto una persistente strategia psicologica per innervosire l’avversario e poi sbeffeggiarlo se la tattica riusciva..."
Ticino7
2 sett

Senza 'diversità' si soffoca un po’

Le città prive di polmoni ‘non convenzionali’ e di luoghi dove sognare mondi diversi sono tombe sociali
Ticino7
3 sett

United Roads of America. Quella Georgia da ʻtenere in menteʼ

“Per loro natura, i neri – disse in un suo celebre discorso il sudista Alexander Stephens – sono adatti alla condizione che occupano nel nostro sistema”. Cioè schiavi
Ticino7
3 sett

Homer e la rivalsa del vero sé

Col debutto dei ʻSimpsonsʼ avvenuto più di trent’anni fa, cominciò a vacillare quel tabù mediatico delle animazioni perbeniste e dal lieto fine. Una rivoluzione
Ticino7
3 sett

Riflessioni sull'arte con Giuliano Togni

"Manca la qualità", secondo lui. E manca soprattutto un riconoscimento per chi fa ricerca e percorre strade diverse
Ticino7
3 sett

Disavventure Latine 4. Frontiera vista mare

Colombia, stiamo arrivando! Sì, prima però ci sono un paio di formalità e alcune usanze locali da "evadere". Procediamo con calma: eccoci alla dogana...
Ticino7
3 sett

Teatro: vivere il palco, ma in modo diverso

La recitazione può diventare un laboratorio dove rileggere il proprio vissuto, a volte drammatico e molto doloroso. Ecco alcune esperienze e testimonianze
Ticino7
3 sett

Un giorno da nulla

Una buona azione fa bene agli altri, ma soprattutto fa bene a noi. Non avete ancora deciso cosa fare?
Ticino7
23.05.2021 - 11:470

C'era una volta la Valascia (con Danilo Gobbi)

Se volevate una birra e qualcosa da mettere sotto i denti dovevate vedervela con lui, lì, davanti alla "Buvette". E poi tutti in Curva a cantare e saltare

Nato nel 1956 a Faido e sposato con Lorenza, Danilo Gobbi è padre di due figli, John – ex giocatore dell’Ambrì Piotta oltre che di Ginevra, Zurigo e Losanna – e Marika. Ha giocato nel settore giovanile biancoblù fino all’età di ʻJunioresʼ, ma molti tifosi dell’Ambrì se lo ricordano in maniche di camicia dietro al bancone della buvette a fianco della Curva Sud, che ha gestito per quasi vent’anni (dal 1992 al 2011) assieme alla moglie, impegnata ai fornelli. In quegli anni, impegni sportivi permettendo, capitava anche di vedere il figlio John dare una mano nel servizio. Terminata la sua esperienza con la buvette (“che anche se non la gestivo più io e ha preso il nome di ‘Grotto’, per molti è rimasta La Buvette”), Danilo ha continuato a frequentare la vecchia Valascia nei panni di semplice tifoso. Oggi è consulente assicurativo.

È un pezzo di storia che se ne va. Quando il 5 aprile, lunedì di Pasqua, è calato il sipario sulla stagione 2020/21 dell’Ambrì Piotta, è calato pure quello, stavolta definitivo, sulla Valascia. La storica ‘casa’ dei biancoblù, teatro di mille battaglie, luogo in cui gioie e dolori si sono alternati, di serate passate a cantare a squarciagola, “La Montanara” in quelle memorabili, ma, soprattutto, luogo in cui si sono intrecciate le storie di migliaia di persone. Provenienti dal Ticino, ma anche dal resto della Svizzera, e pure dall’estero. E poi le storie di chi la Valascia l’ha vissuta da un’altra prospettiva: non quella del giocatore o dello spettatore, ma quella di chi ci ha lavorato. Come Danilo Gobbi, che per anni ha gestito ‘La Buvette’ della pista.

Sotto un tetto di stelle

“A dirla tutta, il mio rapporto con la Valascia è iniziato ben prima del mio incarico di gestore della buvette – premette Gobbi –. La prima volta che ci ho messo piede sarà stato suppergiù sessant’anni fa. Quando, ovviamente, era ancora una struttura a cielo aperto. Da ragazzo ho infatti giocato anch’io per l’Ambrì, o, meglio, ho… provato a giocarci. Erano i tempi dell’indimenticato Andy Bathgate, con cui mi sono pure allenato in età di Juniores; la prima metà degli anni Settanta. Questo per dire che la Valascia l’ho conosciuta da quasi tutte le prospettive possibili: da piccolo spettatore, i primi anni in tribuna con una mia parente perché ero troppo piccolo per la Curva, ad ‘aspirante giocatore’, per poi passare a commerciante e, non da ultimo, da genitore, visto che mio figlio John ha pure vestito la maglia dell’Ambrì Piotta prima di proseguire la sua carriera a Ginevra, Zurigo e Losanna”. 
E le soddisfazioni più grosse alla Valascia, Danilo Gobbi le ha vissute in quali panni? “Non ho dubbi: da genitore. Ogni volta che vedevo John vestire la maglia dell’Ambrì era un’emozione particolare. Ovviamente quando ha cambiato squadra un po’ mi è dispiaciuto, ma era anche giusto che partisse, per maturare altre esperienze”. E sportivamente parlando, cosa c’è nell’album dei ricordi della Valascia di Danilo? “Sicuramente la vittoria della Supercoppa europea, alzata al cielo in un indimenticabile martedì d’agosto battendo i russi del Metallurg Magnitogorsk, se ci limitiamo ai trofei principali. Ma ci sono anche ricordi agrodolci, come quella Gara 4 dei quarti di finale della stagione 1990/91, culminata con la rete (annullata) del potenziale 8-8 di Mike Bullard a fil di terza sirena: quella sera ricordo che l’ambiente era piuttosto ‘caldo’ qui in Leventina...”.


© Ti-Press

Birre fresche e animi bollenti

L’anno dopo, per Danilo inizia il suo impegno… ma dietro al bancone della buvette della Valascia: “Una buvette semplice se paragonata a quelle sontuose di altre piste svizzere, ma funzionale. Non c’erano grandi comodità, ma tutto quanto occorreva per fare bene il mio lavoro. L’impegno dietro al bancone, a ogni buon conto, non mi precludeva di assistere alle partite. Ma, un paio di minuti prima delle pause, dovevo lasciare il mio posto in tribuna per prendere servizio, giusto in tempo per rifocillare la fiumana di persone che regolarmente arrivava in quel quarto d’ora di tregua sportiva. A volte, nelle serate più ‘calde’ mi capitava di dover intervenire per sedare un po’ gli animi bollenti in Curva. Dietro al bancone, poi, dovevi smettere i panni del tifoso per indossare quelli del barman accondiscendente, visto che da lì spesso transitavano anche tifosi della squadra ospite, e magari anche qualche genitore di un giocatore avversario”. E pure qualche ‘vip’: “Fra tutti ricordo Valeri Kamensky: mi fece visita il giorno stesso del suo arrivo ad Ambrì. Reduce dal lungo viaggio, dopo essere passato dallo spogliatoio a ritirare il suo materiale, è venuto da me in buvette in cerca di un po’ di ristoro”.
Chiuso il capitolo dei rinfreschi, Danilo Gobbi la Valascia ha continuato a frequentarla da spettatore, “e ho continuato a farlo fino all’ultimo, fino all’ultima partita di questa sfortunata stagione segnata dalla pandemia. Certo, vederla così, senza più spalti, e con la Curva Sud stipata di seggiolini, per un terzo vuoti, era uno spettacolo desolante per chi la pista l’ha vissuta ai tempi dei pienoni: complice la situazione sanitaria, il cammino sul viale del tramonto della Valascia è stato una sorta di lungo mesto commiato nella forma drammaticamente più intima immaginabile”.


© Ti-Press

Un luogo magico

Ora che i cancelli della vecchia pista sono definitivamente chiusi, a Danilo Gobbi restano i ricordi: “E in tutti questi anni ne ho collezionati davvero parecchi. So che prima o poi arriveranno le ruspe a demolirla, non si poteva fare altrimenti, ma sarebbe bello poter lasciare ai posteri anche un segno tangibile di quella che fu la prima vera casa dell’Ambrì Piotta: di foto della Valascia non ne ho, ma di certo prima che venga rasa al suolo tornerò a farne qualcuna da custodire gelosamente nel mio personale album dei ricordi. Ma per capirla fino in fondo la magia di questo stadio, bisogna averla vissuta di persona: in questi anni ho conosciuto tante persone che, pur avendone sentito parlare prima, una volta varcati la prima volta i cancelli della Valascia sono rimasti a bocca aperta”.

 

 

© Ti-Press
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved