in-pista-corrente-per-andare-veloci
1970-2020: la Porsche 917 K vincitrice alla 24 Ore di Le Mans (1970) e una modernissima 919 Hybrid impegnata nei campionati Endurance.
+1
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
3 gior

Salvare una vita è sempre una buona idea

Nelle acque del Mediterraneo continuano a morire esseri umani, leggi e diritti. Spesso nel silenzio. Ne abbiamo parlato con Cecilia Strada della ONG ResQ
Ticino7
4 gior

L’occhio sociale di Alessandro Ligato

‘L’arte mi ha insegnato ad avere un pensiero divergente che non si ferma mai all’apparenza ma che tenta, piuttosto, di scoprire cosa c’è sotto il tavolo’
Ticino7
4 gior

Se volevo essere un riempimento di vuoti nascevo stucco

Perché è così difficile per le persone percepire la differenza tra essere disponibili ed essere a disposizione?
Ticino7
4 gior

Dimmi come ti chiamano (e ti dirò chi sei)

Ti si attacca addosso in un attimo e ti accompagna per tutta la vita, spesso finendo per diventare anche un nome di famiglia alternativo: è il soprannome
Ticino7
5 gior

Quello sei tu, davvero

Hai voglia a costruirti un profilo pubblico rispettabile, se poi quelli che ti conoscono veramente...
Ticino7
1 sett

Gabriel Stöckli e l’età dell’incertezza

La durezza e la semplicità delle forme coinvolte nelle sue creazioni sono anche la metafora della precarietà della sua generazione
Ticino7
1 sett

Storie e curiosità col ‘ghiro d’Italia’ (ma senza sudare)

Anche se non siete amanti della bici, qui potrete trovare pane per i vostri denti. Perché in su e in giù seguendo la Maglia Rosa non si pedala e basta...
Ticino7
1 sett

Il castoro cerca casa, uomo permettendo

Cacciato, estinto e reintrodotto. Anche quella di questo ingegnoso roditore è la storia di una convivenza fragile e complessa con l’homo sapiens
Ticino7
1 sett

Essere ‘Supergiovani’ dentro

“Nel boschetto della mia fantasia c’è un fottio di animaletti un po’ matti inventati da me, che mi fanno ridere quando sono triste”
Ticino7
2 sett

La scelta ‘silenziosa’ di Claudio Zanini

Guida un’auto elettrica e con 120mila chilometri alle spalle l’esperienza è molto positiva. A parte quei costi legati alla ricarica ‘da migliorare’...
Ticino7
2 sett

Guidare elettrico: lo stile fa la differenza

Come si guida un veicolo con motore elettrico, con un occhio ad autonomia e resa, e rientrare nei margini di percorrenza promessi dai costruttori?
Ticino7
2 sett

Elettrificazione. Ok, la parola è giusta

Piccola guida per capirci qualcosa in un universo fatto di sigle, corrente, cavi, potenza, batterie, prese e molto inglese
Ticino7
2 sett

Mobilità e sostenibilità: le buone intenzioni

Serve a poco utilizzare veicoli (sulla carta) poco inquinanti, se poi si guidano così così
Ticino7
3 sett

‘Egolandia’ o le cinquanta sfumature di Narciso

Volete evitare di cadere vittima del narcisista manipolatore? Ecco il contributo giusto per voi...
Ticino7
3 sett

La narrazione emotiva di Luca Chieregato

Recente autore di un coinvolgente volume, l’attore e cantastorie ci ricorda l’importanza della tradizione orale. Perché raccontare è anche raccontarsi
Ticino7
3 sett

Sandra Zanchi, un volto del popolo

Attrice dialettale, scrittrice, regista e autrice di brani musicali, a inizio aprile è diventata centenaria. Ma l’affetto del pubblico ancora la sorprende
Ticino7
3 sett

Chiedilo alla pipì (e vedrai che sorprese...)

Sei giovane o vecchio dentro, schifiltoso o aperto come una rosa di maggio? Lei è in grado di dirci molte cose su noi stessi e sulla nostra specie
Ticino7
3 sett

Non è solo una ‘stupida felicità’

‘Questa è la ballata dell’uomo felice, felice di nome, di fatto, si può dire di mestiere, uno che la felicità l’ha imparata a dovere...’
Ticino7
1 mese

Chiara Zocchetti e l’iconografia della decadenza

Oltre al lavoro legato alla cronaca, si dedica a progetti personali come reportage e la fotografia d’architettura. E poi ci sono i luoghi abbandonati...
Ticino7
1 mese

Paolo Tognina, tra fede e nuove sfide

Pastore e giornalista, volto noto della RSI, dal primo luglio si occuperà tempo pieno della comunità riformata di Poschiavo. Conosciamolo meglio
15.05.2021 - 16:41

In pista. Corrente per andare veloci

Il mondo delle gare è tutt’altro che disgiunto da tendenze ed evoluzioni della mobilità di tutti i giorni. Anche qui l’elettrificazione è una solida realtà

di AS

Pubblichiamo un articolo apparso su Ticino7, allegato a laRegione.

Il presidente della Federazione Internazionale dell’Automobile (FIA) Jean Todt ha di recente ribadito il corso di evoluzione di tutte le discipline motoristiche, che tenderanno inevitabilmente verso “emissioni zero” nel corso dei prossimi anni. Traguardo che non necessariamente sarà raggiunto portando l’elettrificazione in ogni categoria delle competizioni motoristiche, puntando piuttosto a un mix di soluzioni tra cui spiccano l’utilizzo degli stessi biocarburanti di origine vegetale e dell’idrogeno, sempre prodotto in forma “verde”; col traguardo ambizioso di vedere quest’ultimo protagonista nel 2024 alla 24 Ore di Le Mans e nel 2026 al Rally Raid Dakar.


La Alpine-Renault A521 che corre nel Campionato mondiale di Formula 1 con un motore V6 da 1.6 litri.

Circuiti elettrici

Regina indiscussa della categoria, la Formula 1 ha traguardato da tempo il decennio di discesa in campo della propulsione ibrida: era l’ormai lontano 2009 quando appariva in gara il KERS (Kinetic Energy Recovery System), in grado di recuperare energia durante la frenata immagazzinandola per il successivo impiego in accelerazione. Oggi la massima categoria delle gare d’auto sfrutta sistemi più complessi e sofisticati, con ulteriore aggiunta di soluzioni elettrificate che hanno via via incrementato “peso” e importanza della componente a corrente sulle prestazioni. 
A parte il cuore propulsivo, V6 benzina di 1.6 litri con due turbocompressori, a bordo troviamo tre elementi fondamentali: MGU-K, MGU-H e ES. Il primo è l’erede avanzato del KERS, che conserva la funzione fondamentale di generatore di corrente attraverso la forza frenante; energia che viene stoccata in una batteria specifica (ES, Energy Store). Allo stesso tempo, questo componente distribuisce energia supplementare dalla batteria verso la trasmissione della monoposto, fornendo fino a 160 cavalli di potenza aggiuntiva quando richiesto. Inoltre, questa energia può anche essere dispiegata verso la MGU-H per supportare il turbo. 
Questo secondo sistema utilizza anziché i freni il calore dei gas di scarico per alimentare un generatore, nello stesso modo in cui lavora l’MGU-K; anche questa energia elettrica recuperata può essere inviata direttamente all’ES o alla MGU-K, e anche qui il sistema è in grado di consumare la corrente generata (o prelevata dalla batteria) per supportare il turbo aiutando il compressore a tornare alla velocità di rotazione ottimale, quando si torna a premere il piede sull’acceleratore. L’energia elettrica è dunque generata sia in frenata sia dal calore dei gas di scarico; attraverso la batteria ES, in ogni singolo giro sono disponibili fino a 30 secondi di potenza aggiuntiva.


La Toyota TS050 Hybrid che ha corso a nella LeMans Series nel 2019-20.

Le gare di durata

Seconda alla Formula 1, ma forte del fascino e della leggenda insuperabili del suo evento principe, la 24 Ore di Le Mans, anche la categoria Endurance vanta una tradizione consolidata in materia di propulsione ibrida: il primo successo con unità di questo genere risale al 2012 grazie all’impegno Audi, vincitrice con il suo progetto ibrido Audi R18 e-tron quattro che abbinava il motore diesel a propulsione elettrica. Il prototipo tedesco si aggiudica il successo per tre anni di fila, seguito poi da altrettanti primi posti (2015-17) dalla Porsche 919 Hybrid – 4 cilindri 2 litri benzina con componente elettrica –, mentre le ultime tre stagioni il primo posto è stato appannaggio della Toyota TS050 Hybrid. 
A partire da quest’anno, il regolamento tecnico della serie WEC (World Endurance Championship) è stato ulteriormente rivisto con ulteriore “peso” prestazionale affidato alla componente elettrica di bordo nella categoria regina ridenominata ‘Hypercar’ , come mostra la stessa Toyota GR010 Hybrid fresca di un progetto integralmente nuovo: la motorizzazione ibrida combina il motore V6 benzina biturbo da 3.5 litri per 680 cavalli in posizione centrale con trazione posteriore al motore/generatore elettrico anteriore da 272 cavalli, interfacciati dalla gestione elettronica della riserva di corrente immagazzinata nella batteria.


La monoposto 2021 della Mahindra Racing, team storico presente già nella prima tappa della Formula E a Pechino nel 2014.

Formula E

Dal suo debutto mondiale nel Parco Olimpico di Pechino nel 2014, la Formula E impegna le monoposto elettriche della serie lungo i circuiti cittadini delle città più iconiche al mondo, col compito di mostrare le capacità tecniche della mobilità sostenibile con propulsione a corrente: anche per questo attrae case, team e piloti di primo piano, dando vita a una serie effervescente per incertezza di risultati e ricchezza di partecipazione. Di recente, le monoposto evolute Gen2 spiccano per il design spettacolare stile Batmobile, oltre a vantare maggiore potenza (250 kW) con batteria più leggera con maggiore autonomia e velocità massima di 280 km/h. 


Nei WRC oggi si corre così...

MONDIALE RALLY.
Anche sullo sterrato arriva lʼelettricità

Tra le corse automobilistiche mondiali di maggior prestigio manca ancora all’appello dell’elettrificazione la categoria regina delle gare su strada, il Campionato mondiale Rally (WRC), ma l’attesa è quasi finita: il debutto della nuova generazione di vetture Rally1 ibride è slittato al 2022 per cause di forza maggiore (coronavirus), con i team ufficiali Toyota, Hyundai e M-Sport che si sono impegnati sul triennio ’22-24 sul nuovo regolamento. Rispetto alle auto attuali sono infatti previste numerose evoluzioni tecniche, tra cui l’adozione di un telaio di sicurezza unificato e una semplificazione di trasmissioni e aerodinamica per contenere i costi. Sul fronte dell’elettrificazione entra invece in scena il modulo ibrido della tedesca Compact Dynamics, uguale per tutti i team e alloggiato in una “scatola” sigillata in carbonio alle spalle dei sedili; il sistema ha un sovrappeso di 100 chilogrammi e si compone di una batteria al litio da 3,9 kWh e dall’inverter/generatore in grado di aggiungere fino a 100 kW e 180 Nm di spinta agli esistenti motori 1.6 turbo, secondo le modalità previste dal regolamento tecnico FIA.

 

Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved